Comitato Paralimpico Internazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
International Paralympic Committee
Logo
Fondazione 1989
Sede Germania Bonn
Presidente Regno Unito Philip Craven
Motto Spirit in motion
Sito ufficiale

Il Comitato Paralimpico Internazionale (CPI, a livello internazionale International Paralympic Committee o IPC) è l'organizzazione internazionale no-profit che governa lo sport paralimpico. Il CPI organizza i Giochi paralimpici estivi ed invernali, e funge da Confederazione Internazionale per 12 sport, di cui quindi supervisiona e coordina l'organizzazione dei Campionati mondiali e altre competizioni.

La missione del Comitato Paralimpico Internazionale è quella di permettere agli atleti disabili di raggiungere eccellenze sportive e di creare opportunità sportive per tutti a qualsiasi livello. Inoltre il CPI si pone come fine la promozione dei valori paralimpici, che includono il coraggio, la determinazione, l'ispirazione e l'uguaglianza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato il 22 settembre 1989, il CPI raggruppa 176[1] Comitati Paralimpici Nazionali distribuiti in cinque continenti e quattro federazioni sportive internazionali specifiche per alcune tipologie di handicap. La sede del Comitato è a Bonn, in Germania.

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Nome Nazione Periodo
Robert Steadward Canada Canada 1989-2001
Sir Philip Craven Regno Unito Regno Unito 2001-

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Comitato Paralimpico Internazionale è organizzato in cinque strutture interne fondamentali:

  • L'Assemblea Generale è l'organo supremo del Comitato e viene riunita ogni sei anni. I suoi membri rappresentano le nove federazioni sportive internazionali, i 176 comitati paralimpici nazionali, le quattro organizzazioni internazionali di sport per disabili e le tre organizzazioni continentali.
  • La Commissione Governativa è l'organo che rappresenta i membri del CPI. Essa è eletta dall'Assemblea Generale ed è responsabile del governo del Comitato durante il periodo che intercorre fra due Assemblee Generali. È composta da 15 membri, compreso il Presidente (carica attualmente ricoperta dal britannico Sir Philip Craven).
  • Il Gruppo Gestionale è l'insieme dei professionisti che lavora sotto il coordinamento del Direttore Generale (carica attualmente ricoperta da Xavier Gonzalez) e che materialmente gestisce tutte le questioni burocratiche in cui è coinvolto il CPI.
  • Gli undici Comitati:
    • Comitato anti-doping
    • Comitato bilancio e finanze
    • Comitato atleti con grandi disabilità
    • Comitato per la classificazione
    • Comitato per lo sviluppo
    • Comitato per l'educazione
    • Comitato legale ed etico
    • Comitato per i Giochi paralimpici
    • Comitato per l'esonero dall'uso terapeutico
    • Comitato per le donne nello sport
  • I quattro Consigli con il Comitato di Gestione dei Consigli:
    • Consiglio degli atleti
    • Consiglio delle Organizzazioni Internazionali di sport per disabili
    • Consiglio delle Regioni
    • Consiglio degli sport

Consiglio onorario[modifica | modifica wikitesto]

Il Comitato Paralimpico Internazionale ha un consiglio onorario di individui distinti che sostengono gli obiettivi del CPI e usano il loro profilo per raccogliere fondi e di sensibilizzazione per il suo lavoro.

Attuali membri del consiglio onorari sono:

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Comitato paralimpico nazionale § Elenco degli NPC per continente.

[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera dal 1989 al 1994.
Bandiera dal 1994 al 2003 ("bandiera delle tre gocce").

Il logo paralimpico rappresenta tre agitos (dal latino agito, ovvero io mi muovo) in blu, rosso e verde, i tre colori più utilizzati nelle bandiere dei Paesi del mondo. È un simbolo in movimento attorno a un punto centrale, il che enfatizza il ruolo del CPI come raggruppatore degli atleti da ogni parte del mondo. Inoltre vuole anche rappresentare lo spirito degli atleti che costantemente ispirano e smuovono il mondo con le loro performance, lottando senza arrendersi alle proprie disabilità, e che così facendo personificano il fine ultimo del Comitato:[2]

(EN)

« To enable Paralympic athletes to achieve sporting excellence and to inspire and excite the world »

(IT)

« Permettere agli atleti disabili di raggiungere l'eccellenza sportiva ispirando e smuovendo il mondo »

(Visione del Comitato Internazionale Paralimpico)

Il nuovo logo è stato adottato durante il meeting del Comitato Esecutivo tenutosi ad Atene nell'aprile 2003. Il logo precedente incorporava tre Tae-Geuk, un simbolo tradizionale coreano. Questo simbolo venne utilizzato per la prima volta ai Giochi paralimpici di Seul 1988, quando però si utilizzavano cinque Tae-Geuk in una configurazione del tuttosimile a quella dei cinque cerchi olimpici. Questo simbolo venne adottato poi dal CPI alla sua fondazione.

Nel 1994 il logo venne modificato su richiesta del CIO e venne adottato il simbolo con soli tre Tae-Geuk in rosso, verde e blu (denominato la bandiera delle tre gocce), a simboleggiare la mente, lo spirito e il corpo.

Motto[modifica | modifica wikitesto]

Il motto paralimpico è spirit in motion, ovvero spirito in movimento, ed esprime il carattere del movimento paralimpico così come le performance di alto livello degli atleti paralimpici. Inoltre esprime la forte volontà di ogni atleta disabile. La parola spirito implica che il ruolo del CPI non si limita a quello di una organizzazione sportiva, ma vuole portare un messaggio al mondo, smuovendo la coscienza di ognuno; la parola movimento ovviamente implica il principale handicap degli atleti ma anche il fatto che il Comitato Paralimpico Internazionale è una organizzazione sempre attiva e vitale.

Il vecchio motto, utilizzato prima del 2003, era mind, body and spirit ovvero mente, corpo e spirito, tre elementi rappresentati nel vecchio logo paralimpico dai tre Tae-Geuk colorati.

Codici sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Categorie degli sport per disabili.

Il CPI suddivide gli atleti in diverse categorie tenendo in considerazione la tipologia ed il diverso grado di handicap. Tradizionalmente, queste categorie sono sei: amputazioni, paresi cerebrali, difficoltà visive, lesioni spinali, handicap intellettuali ed infine un gruppo che include tutti coloro che non rientrano nei precedenti (formalmente chiamati gli altri). L'attuale sistema di classificazione è stato approvato durante l'Assemblea Generale del CPI svoltasi nel novembre dell'anno 2007 a Seul, in Corea del Sud.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Paralympic Committees, paralympic.org.
  2. ^ (EN) About Us, International Paralympic Committee. URL consultato il 26 agosto 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN261345198 · LCCN: (ENn2004010445 · ISNI: (EN0000 0004 0455 8052 · GND: (DE5179802-5