XIV Giochi paralimpici invernali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
XIV Giochi paralimpici invernali
Milano Cortina 2026 Paralympics.svg
Città ospitanteMilano, Italia
Paesi partecipanti(vedi sotto)
Competizioni6 sport
Cerimonia apertura6 marzo 2026
Cerimonia chiusura15 marzo 2026
StadioArena di Verona (cerimonia di apertura) e Piazza del Duomo (Milano) (cerimonia di chiusura)
Cronologia dei Giochi paralimpici
Giochi precedentiGiochi successivi
Pechino 2022 TBA 2030

I XIV Giochi paralimpici invernali si svolgeranno a Milano e Cortina d'Ampezzo dal 6 al 15 marzo 2026, nelle stesse località che ospiteranno i XXV Giochi olimpici invernali. Come per i Giochi olimpici, anche per quelli paralimpici l'assegnazione dell'evento a due città in forma congiunta rappresenterà una novità assoluta nella storia della manifestazione.

Si tratta della terza manifestazione paralimpica che si terrà in Italia dopo l'edizione estiva del 1960 a Roma e quella invernale del 2006 a Torino.

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Selezione della città organizzatrice dei XXV Giochi olimpici invernali.
Il logo adottato in fase di candidatura

Come da accordi tra il Comitato Paralimpico Internazionale e il Comitato Olimpico Internazionale, il paese selezionato per ospitare i giochi olimpici dovrà ospitare anche i corrispondenti giochi paralimpici[1]. L'elezione della città organizzatrice dei giochi si è tenuta il 24 giugno 2019 a Losanna, durante la 134ª sessione del Comitato Olimpico Internazionale. La candidatura di Milano-Cortina d'Ampezzo ottenne la maggioranza assoluta dei voti, battendo quindi la rivale Stoccolma-Åre.

Città Paese Voti
Milano-Cortina d'Ampezzo Italia Italia 47
Stoccolma-Åre Svezia Svezia 34

Sviluppo e preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Sedi di gara[modifica | modifica wikitesto]

Sono previsti tre villaggi paralimpici per ospitare gli atleti: uno a Milano, uno a Livigno e uno a Cortina d'Ampezzo.

Milano
Val di Fiemme
  • biathlon e sci di fondo
Cortina d'Ampezzo
Verona

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nel programma dei XIV Giochi paralimpici invernali sono attualmente previste 6 discipline[2].

  • Biathlon - Paralympic pictogram.svg Biathlon (18)
  • Wheelchair curling - Paralympic pictogram.svg Curling in carrozzina (1)
  • Ice sledge hockey - Paralympic pictogram.svg Hockey su slittino (1)
  • Alpine skiing - Paralympic pictogram.svg Sci alpino (30)
  • Cross-country skiing - Paralympic pictogram.svg Sci di fondo (20)
  • Snowboarding pictogram.svg Snowboard (10)

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

L'emblema ufficiale di questa edizione dei Giochi paralimpici è stato svelato durante un evento in diretta streaming sulle pagine social ufficiali del comitato organizzatore, tenutosi il 30 marzo 2021 alle ore 12:00 in contemporanea dal Salone d'onore del Palazzo H del Foro Italico in Roma e dalla Torre Isozaki di Milano, alla presenza del presidente del CONI Giovanni Malagò, del sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo sport Valentina Vezzali e del presidente del CIP Luca Pancalli[3].

Tale emblema riprende nella forma quello prescelto per i Giochi olimpici, ma si differenzia per i colori: il segno grafico raffigurante il numero "26", che nel logo dei giochi olimpici è di colore bianco, presenta nella versione paralimpica una sfumatura contenente i colori rosso, blu e verde (già presenti nel logo del Comitato Paralimpico Internazionale), che rimanda all'aurora boreale; questa differenziazione è stata effettuata per consentire la corretta visione dell'emblema anche agli ipovedenti[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Paralympics 2012: London to host 'first truly global Games', su bbc.com, 21 maggio 2012. URL consultato il 23 agosto 2016.
  2. ^ (EN) IPC Governing Board meeting finishes in Tokyo, su paralympic.org, 7 giugno 2015. URL consultato il 23 agosto 2016.
  3. ^ Milano-Cortina 2026, martedì il logo con il sottosegretario Vezzali, su ilmattino.it. URL consultato il 29 marzo 2021.
  4. ^ Milano Cortina 2026, i nuovi simboli: bianco per le Olimpiadi e colorato per le Paralimpiadi, su ilgazzettino.it. URL consultato il 30 marzo 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]