Cassina Amata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cassina Amata
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitanaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
ComunePaderno Dugnano-Stemma.png Paderno Dugnano
Territorio
Coordinate45°34′23″N 9°08′45″E / 45.573056°N 9.145833°E45.573056; 9.145833 (Cassina Amata)Coordinate: 45°34′23″N 9°08′45″E / 45.573056°N 9.145833°E45.573056; 9.145833 (Cassina Amata)
Altitudine168 m s.l.m.
Abitanti5 877[1] (2014)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiamatesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cassina Amata
Cassina Amata

Cassina Amata (Cassina Mata in dialetto milanese, AFI: [kaˈsina 'ma:ta]) è uno dei sette quartieri che compongono il comune metropolitano di Paderno Dugnano, di cui costituisce la porzione nordoccidentale. Confina a sud con Dugnano, a est con Incirano, a nord con Palazzolo Milanese, a ovest con Senago.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cassina Amata era una località agricola di antica origine. Nell'ambito della suddivisione in pievi del territorio milanese, apparteneva alla pieve di Desio.

Registrata agli atti del 1751 come un villaggio milanese di 170 abitanti, alla proclamazione del Regno d'Italia nel 1805 la cassina risultava avere 285 residenti.[2] In età napoleonica al comune di Cassina Amata furono aggregati i comuni di Cassina Nuova e Palazzolo,[3] ma due anni dopo anche Cassina Amata perse l'autonomia, venendo annessa a Senago, mentre Palazzolo veniva unita a Varedo. Tutti gli antichi municipi recuperarono comunque l'autonomia con la costituzione del Regno Lombardo-Veneto.[4]

Nel 1853 il comune di Cassina Amata contava 696 abitanti, nel 1861 ne aveva 774. La cascina venne infine aggregata nel 1869 a Paderno Milanese[5], paese denominato dal 1886 come Paderno Dugnano.[6]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fermata della tranvia Milano–Limbiate a Cassina Amata

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Cassina Amata è attraversata dal vecchio tracciato della Statale dei Giovi che in seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 2001 è stata classificata come provinciale (SP 44 bis), e nel tratto amatese si chiama via Reali. L'asse via Leonardo da Vinci-via Repubblica unisce trasversalmente la frazione alla nuova SS 35 (superstrada Milano–Meda).

Tranvie[modifica | modifica wikitesto]

La frazione è servita da due fermate della tranvia extraurbana Milano–Limbiate che corre parallela alla SP 44 bis (Via Reali) in sede protetta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Popolazione residente al 31/12/2014
  2. ^ Comune di Cassina Amata, 1798 - 1811 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  3. ^ Decreto 4 novembre 1809 a
  4. ^ Notificazione 12 febbraio 1816
  5. ^ Regio Decreto 17 marzo 1869, n. 4974
  6. ^ Regio Decreto 7 gennaio 1886, n. 3630

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia