Cassandra Peterson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cassandra Peterson nel 2011.

Cassandra Peterson (Manhattan, 17 settembre 1951) è un'attrice, sceneggiatrice e personaggio televisivo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cassandra Peterson è un'attrice, nota al pubblico di film horror con il nome d'arte Elvira, Padrona dell'Oscurità: una dark lady gotica che presentava una rubrica di film horror alla televisione KHJ di Los Angeles, attiva principalmente tra il 1974 e il 1998 sia al Cinema che in Televisione. Il suo aspetto da vamp malvagia è controbilanciato da una spiccata nota di comicità. Anche se indossa una grande parrucca nera, la Peterson è in realtà una donna dai capelli rossi. La Peterson non ha mai avuto necessità di alcuna chirurgia plastica o di impianti per migliorare le sue naturali "curve".

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Manhattan, Kansas (USA), la Peterson passò la giovinezza a Colorado Springs, in Colorado e si diplomò nel 1967 alla General William J. Palmer High School. Alcuni giorni dopo aver conseguito il diploma, divenne una showgirl al casinò-albergo "The Dunes" di Las Vegas (Nevada).

In Italia divenne cantante in una rock-band e poco dopo, grazie ad un incontro casuale con il regista Federico Fellini, ottenne una piccola parte nel film Roma (1972). Nel 1975 posa, assieme a Paul Barresi, per la rivista Playgirl, in un servizio fotografico dalle ambientazioni futuristiche. Tornata negli Stati Uniti, si iscrisse nella compagnia di recitazione di Los Angeles The Groundlings, dove inventò il personaggio di Elvira, che l'avrebbe resa celebre.

Anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

La Peterson fece da comparsa alcune volte (sia nei panni di Elvira che di sé stessa) sulla TV via cavo VH1 nello spettacolo I Love the 80s 3-D. Negli anni ottanta divenne una sostenitrice per i diritti degli animali della PETA[1]. Nel 2005 la Peterson (nel ruolo di Elvira) realizzò uno spettacolo sulla TV via cavo australiana TV1; il format era molto simile a quello del suo vecchio show. Il 13 gennaio 2006 vendette la sua proprietà terriera sulla collina di Hollywood che includeva diverse abitazioni. La vendita della sua proprietà era dovuta al fatto che stava per trasferirsi nella sua nuova residenza di Santa Barbara (California).

Il 19 aprile 2006, diede l'annuncio di non voler più vestire i panni del personaggio Elvira e disse di voler indire un reality-show televisivo per cercare un successore adatto ad interpretare questo ruolo, The Search for the Next Elvira (2007), ma torno comunque nel ruolo in Elvira's Movie Macabre (2010 - 2011) e in 13 Nights of Elvira (2014). Diversi episodi della serie televisiva Elvira's Movie Macabre (1981 - 1985) vennero pubblicati su DVD a settembre del 2006.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Voci[modifica | modifica wikitesto]

Video Web[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Elvira ha ispirato anche tre videogiochi, sviluppati negli anni novanta per varie piattaforme (Commodore 64, Amiga, Atari ST, MS-DOS):

I videogame del 1990 e del 1992 sono avventure grafiche in prima persona, in cui il giocatore lavora per Elvira al fine di toglierla dai guai, mentre il gioco del 1991 è un platform in cui si controlla Elvira stessa. L'ambientazione è chiaramente di stampo horror.

A Elvira è dedicato un modello di flipper della Bally Midway:

  • Elvira and the Party Monsters (1989)[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN51889754 · LCCN: (ENn94113251 · BNF: (FRcb140361300 (data)