Candido Beretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Candido Beretta
Candido Beretta.jpg
Candido Beretta con la maglia del Padova (1964)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mezzala
Carriera
Giovanili
????-1958 600px Red HEX-EE3123 Blue HEX-0096D6.svg A.C. La Muggiorese
Squadre di club1
1958-1961Como60 (0)
1961-1963Udinese61 (3)
1963-1965Padova65 (1)
1965-1966Brescia33 (0)
1966-1969Venezia73 (4)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Candido Beretta (Monza, 9 dicembre 1941Udine, 30 dicembre 2003) è stato un calciatore italiano, di ruolo mezzala.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Monza, Beretta iniziò a giocare a calcio nell'A.C. La Muggiorese[1], squadra di Muggiò. Notato dagli osservatori del Como, al tempo in Serie B, venne ingaggiato ancora giovanissimo nel 1958[2]. Una stagione dopo, venne convocato per le Olimpiadi del 1960 ma venne poi scartato dalla lista, in quanto gli si preferirono giocatori militanti in Serie A[2]. Giocò soltanto la prima amichevole nel mese di Marzo in preparazione alle Olimpiade contro la Svizzera a Berna.

Al termine della stagione 1960-1961, dopo 24 presenze con la maglia lombarda, venne ceduto all'Udinese con il quale esordì nella massima serie il 27 agosto 1961 (Udinese-Roma 1-3): la prima rete arrivò invece il 4 marzo 1962 in Spal-Udinese 2-1[3]. Mise anche a segno una seconda rete, il 1º aprile, in Palermo-Udinese 1-3[3]. La stagione dell'Udinese non fu però brillante, con la squadra friulana che terminò il campionato diciottesima e retrocedette in Serie B: la stagione successiva non fu migliore, con il raggiungimento della quattordicesima posizione, non lontana dalla retrocessione in Serie C[4].

Nel 1963 Beretta cambiò ancora maglia, rimanendo nella serie cadetta al Padova, dove raccolse 65 presenze ed 1 rete[5] prima di passare in Serie A al Brescia, nel 1965. Con la squadra lombarda il centrocampista rimase solo una stagione, raccogliendo 33 presenze prima di passare al Venezia sempre nella massima serie, dove segnò la sua ultima rete in Serie A il 21 maggio 1967 in Venezia-Roma 1-2[6]. Al termine della stagione, infatti, il Venezia retrocedette in Serie B e in quella successiva anche in Serie C: alla fine del campionato 1968-1969, dopo 19 presenze, diede l'addio al calcio giocato[7].

Complessivamente, Beretta marcò 83 presenze e 3 reti in Serie A, più 154 presenze e 2 reti in Serie B.

Dopo il ritiro e morte[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della carriera venne assunto presso il comune di Udine come usciere e centralinista[8], rimanendo nel mondo del calcio come allenatore di squadre giovanili (colse il terzo posto nazionale nel 1982 con gli Allievi dell'Udinese[8]) e dilettantistiche (guidando il Mercato Tarvisio nel salto di categoria[8]).

Il 30 dicembre 2003, all'età di 62 anni, è stato trovato cadavere vicino allo Stadio Friuli, probabilmente colto da malore[8].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1958-1959 Como B 6 -
1959-1960 B 31 -
1960-1961 B 23 -
Totale Como 60 -
1961-1962 Udinese A 24 2
1962-1963 B 37 1
Totale Udinese 61 3
1963-1964 Padova B 30 1
1964-1965 B 35 -
Totale Padova 65 1
1965-1966 Brescia A 33 -
1966-1967 Venezia A 26 1
1967-1968 B 28 -
1968-1969 C 19 3
Totale Venezia 73 4
Totale 292 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Su vari volumi de l'Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli Editore e dalla Raccolta completa degli Album Panini ristampata nel 2005 dalla Gazzetta dello Sport risulta erroneamente trascritta come U.S. Muggiorese mentre è effettivamente "A.C. La Muggiorese" come pubblicato dagli Annuario degli Enti Federali e delle Società edizioni 1951-52, 1952-53, 1954-55, 1955-56 e 1956-57 editi dalla F.I.G.C. a Roma.
  2. ^ a b Cronologia 1950-1959, Calciocomo1907.it. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2010).
  3. ^ a b (EN) Italy 1961-1962, RSSSF. URL consultato il 15 giugno 2010.
  4. ^ La retrocessione in Serie C arrivò nella stagione 1963-1964, ma con Beretta già al Padova.
  5. ^ Beretta C., Padovacalcio.it. URL consultato il 15 giugno 2010.
  6. ^ (EN) Italy 1966-1967, RSSSF. URL consultato il 15 giugno 2010.
  7. ^ CANDIDO BERETTA - IL RETTORE DI CENTROCAMPO, Vesport.it. URL consultato il 15 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2008).
  8. ^ a b c d È morto l'ex calciatore Beretta, Messaggero Veneto, 31 dicembre 2003. URL consultato il 26 ottobre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Candido Beretta, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.