Brigate del Web

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Brigate del Web (in russo: Веб-бригады), note anche come esercito troll russo, bot russi, Kremlinbots[1], fabbrica di troll[2][3] o fattorie/allevamenti di troll sono commentatori politici anonimi e troll collegati a Internet sponsorizzati dalla Russia. I partecipanti riportano di essere organizzati in gruppi di commentatori che partecipano a blog politici e forum Internet russi e internazionali, e che utilizzano trucchi e campagne di disinformazione orchestrate su larga scala per promuovere una propaganda favorevole a Putin e alla Russia.[4][5][6][7] È stato anche scoperto che gli articoli sulla Wikipedia russa riguardanti l'incidente MH17 e la crisi della Crimea del 2014 sono stati presi di mira da questi propagandisti.[8][9][10]

Nascita e scoperta del fenomeno[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Internet Research Agency.

La manipolazione delle opinioni online per volontà dello Stato sono praticate da diversi paesi.[11][12][13][14][15][16]

Le prime accuse documentate sull'esistenza di "web brigades" apparirono nell'articolo di Vestnik Online dell'aprile 2003 dal titolo "L'occhio virtuale del Grande Fratello" della giornalista francese Anna Polyanskaya (ex assistente di Galina Starovoitova[17]) e di altri due autori, Andrey Krivov e Ivan Lomako. Gli autori sostengono che fino al 1998, i contributi ai forum sui siti Internet russi (Runet) riflettevano prevalentemente valori liberali e democratici, ma dopo il 2000, la grande maggioranza dei contributi rifletteva valori totalitari. Questo improvviso cambiamento è stato attribuito alla comparsa di gruppi di commentatori filo-russi che sembravano essere organizzati dal servizio di sicurezza dello Stato russo.[18][19][20][21] Secondo gli autori, circa il 70% delle manifestazioni sui siti russi erano di opinione generalmente liberale prima del 1998-1999, mentre un'ondata di posizioni "antidemocratiche" (circa il 60-80%) si è improvvisamente verificata in molti forum russi nel 2000. Ciò potrebbe anche essere un riflesso del fatto che l'accesso a Internet tra la popolazione russa generale è aumentato vertiginosamente durante questo periodo, che fino a quel momento era accessibile solo ad alcune sezioni della società.

Nel gennaio 2012 un gruppo di attivisti che si autoproclamava il braccio russo di Anonymous pubblicò una massiccia raccolta di e-mail che apparentemente appartenevano a ex e attuali leader dell'organizzazione giovanile del Cremlino Nashi (compreso un certo numero di funzionari governativi).[22] I giornalisti che hanno indagato sulle informazioni trapelate hanno scoperto che il movimento pro-Cremlino si era impegnato in una serie di attività tra cui il pagamento di commentatori per pubblicare contenuti e dirottare le valutazioni dei blog nell'autunno del 2011.[23][24] Le e-mail indicavano che i membri delle "brigate" venivano pagati 85 rubli (circa 3 dollari americani) o più per commento, a seconda delle risposte ricevute. Alcuni sono stati pagati fino a 600 000 rubli (circa 21 000 dollari americani) per aver lasciato centinaia di commenti su articoli di stampa critici nei confronti della Russia e di Putin. Un certo numero di blogger di alto profilo sono stati anche menzionati come pagati per promuovere le attività di Nashi e del governo in carica. La Federal Youth Agency, il cui capo (e l'ex leader di Nashi) Vasily Yakemenko, che era l'individuo di grado più alto preso di mira dalle fughe di notizie, ha rifiutato di commentare l'autenticità delle e-mail.[22][25]

Nel 2013, un rapporto della Freedom House ha dichiarato che 22 dei 60 paesi esaminati utilizzavano commentatori pro-governativi retribuiti per manipolare le discussioni online e che la Russia è stata in prima linea in questa pratica per diversi anni, insieme a Cina e Bahrain.[26][27] Nello stesso anno, i giornalisti russi hanno indagato sull'Internet Research Agency di San Pietroburgo, che impiegava almeno 400 persone. Hanno scoperto che l'agenzia ingaggiava segretamente i giovani come "operatori di Internet" pagati per scrivere commenti pro Cremlino, screditando il leader dell'opposizione Alexei Navalny e la politica e la cultura degli Stati Uniti.[28][29]

Alcuni giornalisti russi dell'opposizione affermano che tali pratiche creano un effetto agghiacciante sui pochi mezzi di comunicazione indipendenti rimasti nel paese.[27]

Ulteriori indagini sono state condotte dal giornale di opposizione russo Novaya Gazeta e dall'Institute of Modern nel 2014-15, ispirate al picco di attività delle brigate filo-russe durante il conflitto ucraino e all'assassinio di Boris Nemtsov.[30][31][32][33] Lo sforzo di usare "le armate dei troll" per promuovere le politiche di Putin è associato a un'operazione multimilionaria.[34] Secondo un'inchiesta del quotidiano britannico Guardian, l'alluvione dei commenti filo-russi fa parte di un'"operazione di guerra psicologica d'informazione internazionale coordinata". Una rete di bot su Twitter è stata documentata per una portata di 20 500 account falsi per inviare spam a commenti negativi dopo la morte di Boris Nemtsov e sugli altri eventi legati al conflitto ucraino.[35][36]

Un articolo di Polyanskaya, creato dall'Associazione dei clienti indipendenti, è stato pubblicato nel maggio 2008 su Expertiza.Ru. In questo articolo il termine web brigade è sostituito dal termine Team "G".[37][38]

Nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti del 2016 Donald Trump aveva ritwittato alcuni tweet dei falsi account gestiti dai russi.[39]

Metodi[modifica | modifica wikitesto]

I commentatori delle brigate a volte lasciano centinaia di messaggi al giorno che criticano l'opposizione del paese e promuovono i politici sostenuti dal Cremlino.[24][29][40][41] I commentatori hanno reagito simultaneamente alle discussioni su argomenti "tabù", tra cui il ruolo storico del leader sovietico Joseph Stalin, l'opposizione politica, i dissidenti come Mikhail Khodorkovsky, giornalisti assassinati e casi di conflitto internazionale o rivalità (con paesi come Estonia, Georgia, e Ucraina, ma anche con le politiche estere degli Stati Uniti e dell'Unione europea).[24] Il famoso giornalista ed esperto della Russia Peter Pomerantsev ritiene che gli sforzi della Russia mirino a confondere il pubblico, piuttosto che a convincerlo. Dichiara che non possono censurare le informazioni ma possono "distruggerle con teorie e voci di cospirazione".[29]

Per evitare sospetti le brigate del web molte volte lasciano le loro osservazioni politiche su articoli neutri su viaggi[29], cucina e animali domestici e s'intasano le sezioni dei media per rendere impossibile un dialogo significativo.[42][43]

L'effetto creato da tali troll su Internet non è molto grande, ma riescono a rendere alcuni forum privi di significato perché la gente smette di commentare gli articoli quando questi troll agiscono creando costantemente un'atmosfera aggressiva e ostile verso coloro che non amano. I troll reagiscono a certe notizie con torrenti di fango e abusi. Ciò rende privo di significato per una persona ragionevole commentare qualsiasi cosa.

Una raccolta di documenti trapelati, pubblicata da Moy Rayon, suggerisce che il lavoro nella "fabbrica dei troll" è strettamente regolato da una serie di linee guida. Qualsiasi post sul blog scritto da un dipendente dell'agenzia, in base ai file trapelati, deve contenere "non meno di 700 caratteri" durante i turni giornalieri e "non meno di 1 000 caratteri" nei turni notturni. Anche l'uso di grafica e parole chiave nel corpo e nel titolo del post è obbligatorio. Oltre alle linee guida generali, i blogger ricevono anche "compiti tecnici": parole chiave e punti di discussione su temi specifici, come l'Ucraina, l'opposizione interna della Russia e le relazioni con l'Occidente.[29] In una giornata lavorativa media, i lavoratori devono pubblicare commenti su almeno 50 notizie. Ogni blogger deve mantenere sei account Facebook che pubblicano almeno tre post al giorno e discutere le notizie in gruppi per almeno due volte al giorno. Entro la fine del primo mese, ci si aspetta che abbiano ricevuto 500 nuovi iscritti e ottenuto almeno cinque commenti per ogni articolo. Su Twitter, i blogger sono tenuti a gestire 10 account con un massimo di 2 000 follower e twittare 50 volte al giorno.[41]

Nel 2015 Lawrence Alexander ha rivelato una rete di siti di propaganda che condividono lo stesso identificatore di Google Analytics e i dettagli di registrazione del dominio, presumibilmente gestiti da Nikita Podgorny di Internet Research Agency. I siti Web erano principalmente depositi di meme incentrati sull'attacco all'Ucraina, all'Euromaidan, all'opposizione russa e alle politiche occidentali. Altri siti di questo cluster promuovevano il presidente Putin, il nazionalismo russo e, molti di essi, diffondevano notizie dalla Siria con un punto di vista anti-occidentale e pro Bashar al-Assad.[44][45]

Nell'agosto 2015 i ricercatori russi hanno correlato le statistiche di ricerca su Google di frasi specifiche con la loro origine geografica, osservando aumenti in specifiche frasi politicamente importanti (come "Poroshenko", "Maidan", "sanzioni") a partire dal 2013 e originate da molte piccole e periferiche sedi in Russia, come Olgino, che è la sede della società Internet Research Agency.[46][47]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrew Higgins, Effort to Expose Russia’s ‘Troll Army’ Draws Vicious Retaliation, su nytimes.com, 30 maggio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2018. Ospitato su NYTimes.com.
  2. ^ Tim Lister, Jim Sciutto and Mary Ilyushina, CNN, Putin's 'chef,' the man behind the troll factory, su cnn.com. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  3. ^ Russian troll factory paid US activists to help fund protests during election - World news - The Guardian, su archive.org, 26 novembre 2017. URL consultato il 12 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2017).
  4. ^ Shaun Walker, Salutin' Putin: inside a Russian troll house, in the Guardian.
  5. ^ Paul Gallagher, Revealed: Putin's army of pro-Kremlin bloggers, in The Independent, 27 marzo 2015.
  6. ^ Daisy Sindelar, The Kremlin's Troll Army, in The Atlantic.
  7. ^ Olga Khazan, Russia's Online-Comment Propaganda Army, in The Atlantic.
  8. ^ Robert Sorokanich, A Tweetbot Caught the Russian Gov't Editing Flight MH17 Wikipedia Info, su gizmodo.com. URL consultato il 3 dicembre 2016.
  9. ^ Caitlin Dewey, Flight MH17’s Wikipedia page edited by Russian government; An IP address associated with Vladimir Putin’s office has made multiple edits to the Wikipedia page for the MH17 flight page, in Toronto Star, The Washington Post, 21 luglio 2014. URL consultato il 10 agosto 2016.
  10. ^ Olga Zeveleva, Knowledge is power: why is the Russian government editing Wikipedia?, in The Calvert Journal, 6 agosto 2014. URL consultato il 3 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2016).
  11. ^ "GCHQ has tools to manipulate online information, leaked documents show". The Guardian. 14 July 2014.
  12. ^ "Israeli propaganda war hits social media". The Sydney Morning Herald. 18 July 2014.
  13. ^ "China’s Paid Trolls: Meet the 50-Cent Party". New Statesman. 17 October 2012.
  14. ^ "From Britain to Beijing: how governments manipulate the internet". The Guardian. 2 April 2015.
  15. ^ https://www.theguardian.com/media/2016/nov/06/troll-armies-social-media-trump-russian
  16. ^ https://english.alarabiya.net/en/perspective/features/2018/01/17/ANALYSIS-Unveiling-Iranian-pro-government-trolls-and-cyber-warriors.html
  17. ^ (RU) "They are killing Galina Starovoitova for the second time" Archiviato il 17 agosto 2018 in Internet Archive., by Anna Polyansky
  18. ^ (RU) Virtual Eye of the Big Brother Archiviato il 19 dicembre 2019 in Internet Archive. by Anna Polyanskaya, Andrei Krivov, and Ivan Lomko, Vestnik online, April 30, 2003
  19. ^ Russian-American Russian Language biweekly magazine "Vestnik": Main Page [English], su vestnik.com. URL consultato il 19 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2014).
  20. ^ Vestnik online, April 30, 2003
  21. ^ (RU) Eye for an eye by Grigory Svirsky and Vladimur Bagryansky, publication of the Russian Center for Extreme Journalism [1]
  22. ^ a b Miriam Elder, Polishing Putin: hacked emails suggest dirty tricks by Russian youth group, in the Guardian.
  23. ^ (RU) "Kremlin's Blogshop" by Anastasia Karimova. Kommersant Dengi, February 13, 2012
  24. ^ a b c Russia - Country report - Freedom on the Net - 2013, su freedomhouse.org. URL consultato il 3 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2017).
  25. ^ (RU) "Kommersant Director General Files Complain against Nashi Spokesperson". Izvestia, February 9, 2012.
  26. ^ [2]
  27. ^ a b Russia's Online-Comment Propaganda Army, The Atlantic, by Olga Khazan, 9 October 2013
  28. ^ "Internet Troll Operation Uncovered in St. Petersburg" Archiviato il 6 ottobre 2013 in Internet Archive., The St. Petersburg Times, by Sergey Chernov, 18, September, 2013
  29. ^ a b c d e Ukraine conflict: Inside Russia's 'Kremlin troll army', BBC
  30. ^ The Menace of Unreality: How the Kremlin Weaponizes Information, Culture and Money, in The Interpreter Magazine, 22 novembre 2014. URL consultato il 13 marzo 2015.
  31. ^ Documents Show How Russia’s Troll Army Hit America, su buzzfeed.com, BuzzFeed, 8 luglio 2014. URL consultato il 13 marzo 2015.
  32. ^ Novaya Gazeta Publishes List of Kremlin Trolls, Finds Further Information About 'Troll Farm', in The Interpreter Magazine, 6 marzo 2015. URL consultato il 13 marzo 2015.
  33. ^ Dmitry Volchek, Daisy Sindelar, One Professional Russian Troll Tells All, su rferl.org, Radio Liberty, 26 marzo 2015. URL consultato il 26 marzo 2015.
  34. ^ Daisy Sindelar, The Kremlin's Troll Army, in The Atlantic, United States, Atlantic Media, 12 agosto 2014. URL consultato il 6 giugno 2015. Max Seddon, Documents Show How Russia’s Troll Army Hit America, su BuzzFeed, 2 giugno 2014. URL consultato il 5 giugno 2015.
  35. ^ Lawrence Alexander, Social Network Analysis Reveals Full Scale of Kremlin's Twitter Bot Campaign, su globalvoicesonline.org, Global Voices Online, 2 aprile 2015. URL consultato il 13 aprile 2015.
  36. ^ #KremlinTrolls and Other Acquaintances of RU EMB Canada, su kremlintrolls.com. URL consultato il 12 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2015).
  37. ^ Team "G" (How to unveil agents of siloviks at popular forums in the Internet) Archiviato il 29 maggio 2008 in Internet Archive., May 25, 2008
  38. ^ The Kremlin's virtual squad, in openDemocracy. URL consultato il 7 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2018).
  39. ^ (EN) Diana Stancy Correll, Trump retweeted fake account run by Russians, in Washington Examiner. URL consultato il 2 novembre 2017.
  40. ^ Russia - Country report - Freedom on the Net - 2014, su freedomhouse.org. URL consultato il 3 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  41. ^ a b Documents Show How Russia’s Troll Army Hit America, buzzfeed
  42. ^ The readers' editor on… pro-Russia trolling below the line on Ukraine stories, the Guardian, 4 May 2014
  43. ^ Putin's G20 Snub, The Moscow Times, Nov. 18 2014
  44. ^ Adam Entous, Ellen Nakashima e Greg Jaffe, Kremlin trolls burned across the Internet as Washington debated options, in The Washington Post, 25 dicembre 2017. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  45. ^ Open-Source Information Reveals Pro-Kremlin Web Campaign, su Global Voices. URL consultato il 19 luglio 2015.
  46. ^ Google выдал логово кремлевских троллей, su stopfake.org. URL consultato il 20 agosto 2015.
  47. ^ Emails Link Kremlin Troll Farm to Bizarre New York Photography Exhibit, su stopfake.org, 20 agosto 2015. URL consultato il 13 settembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jolanta Darczewska: The Anatomy of Russian Information Warfare: The Crimean Operation, a Case Study. Centre for Eastern Studies, Warsaw 2014, ISBN 978-83-62936-45-8 (PDF)
  • Peter Pomerantsev & Michael Weiss: The Menace of Unreality: How the Kremlin Weaponizes Information, Culture and Money. The Institute of Modern Russia, New York 2014 (PDF)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]