Volo Malaysia Airlines 370

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Volo Malaysia Airlines 370
9M-MRO Boeing 777 Malaysia Airlines October 2013.jpg
Il Boeing 777 scomparso, fotografato nell'ottobre del 2013
Tipo di eventoIncidente
Data8 marzo 2014
Ora02:14 UTC+8
TipoIndeterminato
LuogoProbabilmente nell'Oceano Indiano Meridionale
Coordinate35°36′00″S 92°47′59″E / 35.6°S 92.799722°E-35.6; 92.799722Coordinate: 35°36′00″S 92°47′59″E / 35.6°S 92.799722°E-35.6; 92.799722
Tipo di aeromobileBoeing 777-2H6ER
OperatoreMalaysia Airlines
Numero di registrazione9M-MRO
PartenzaAeroporto Internazionale di Kuala Lumpur, Kuala Lumpur, Malaysia
DestinazioneAeroporto di Pechino-Capitale, Pechino, Cina
Occupanti239
Passeggeri227
Equipaggio12
Vittime239
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Oceano Indiano
Volo Malaysia Airlines 370
Note
La mappa segna una posizione indicativa di dove potrebbe essere avvenuto l'incidente.

Le ricerche sono state sospese.

Dati estratti da Aviation Safety Network
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo Malaysia Airlines 370[1] era un collegamento aereo internazionale della Malaysia Airlines fra l'aeroporto Internazionale di Kuala Lumpur, in Malaysia, e l'aeroporto di Pechino-Capitale, in Cina. Il giorno 8 marzo 2014 il volo, operato da un Boeing 777-200ER, scomparve dai sistemi di localizzazione e venne dato per disperso con un comunicato ufficiale dalla Malaysia Airlines.[2]

La ricerca del velivolo, che divenne la più costosa della storia dell'aviazione, si concentrò inizialmente nel Mar Cinese Meridionale e nel Mare delle Andamane, prima che l'analisi delle comunicazioni automatizzate del Boeing con un satellite Inmarsat identificasse un possibile sito di incidente da qualche parte nell'Oceano Indiano meridionale.[3][4] La mancanza di informazioni ufficiali nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa suscitò feroci critiche da parte del pubblico cinese, in particolare da parte dei parenti dei passeggeri, poiché la maggior parte delle persone a bordo del volo 370 erano di origine cinese. Numerosi detriti marini, confermati essere parti dell'aeromobile, vennero trovati sull'isola di Riunione e al largo delle coste del Mozambico tra il 2015 e il 2016.[5] Durante una ricerca triennale in 120 000 chilometri quadrati di oceano, il relitto non venne mai localizzato. Il Joint Agency Coordination Centre, responsabile delle operazioni, sospese le attività a gennaio 2017. Anche una seconda ricerca dell'Ocean Infinity, una società americana di esplorazione marina, avviata a gennaio 2018 e durata sei mesi, si concluse senza successo.

Basandosi principalmente sull'analisi dei dati del satellite Inmarsat con cui il velivolo comunicò prima di sparire, l'Australian Transport Safety Bureau (ATSB) propose inizialmente che un evento di ipossia fosse stato la causa più probabile alla luce delle prove disponibili, sebbene non vi fosse alcun consenso tra gli investigatori. In varie fasi dell'indagine, vennero considerati possibili scenari di dirottamento, incluso il coinvolgimento dell'equipaggio, e possibili merci non autorizzate nella stiva. Il rapporto finale del Ministero dei trasporti della Malaysia del luglio 2018 fu inconcludente, ma evidenziò gli inutili tentativi dei controllori del traffico aereo malese di comunicare con il velivolo poco dopo la sua scomparsa. In assenza di una causa definitiva, le raccomandazioni e le normative per la sicurezza del settore del trasporto aereo che citano il volo 370 furono destinate principalmente a prevenire una ripetizione di tali circostanze. Queste inclusero una maggiore durata della batteria del localizzatore subacqueo, l'allungamento dei tempi di registrazione delle scatole nere e nuovi standard per la segnalazione della posizione dell'aeromobile in volo sopra l'oceano.

Con la perdita di tutte le 239 persone a bordo, il volo 370 è il secondo incidente con più vittime che coinvolge un Boeing 777 e il secondo nella storia di Malaysia Airlines, dietro al volo MH17 in entrambe le categorie. Malaysia Airlines si trovava in una crisi economica, che peggiorò per la diminuzione delle vendite di biglietti dopo la scomparsa del volo 370 e l'abbattimento del volo 17; la compagnia aerea venne nazionalizzata prima della fine del 2014. Il governo malese ricevette critiche significative, soprattutto dalla Cina, per non aver divulgato tempestivamente le informazioni durante le prime settimane di ricerca. La scomparsa del volo 370 portò all'attenzione pubblica i limiti del tracciamento degli aeromobili e dei loro registratori di volo, inclusa la questione relativa alla durata limitata della batteria dei localizzatori subacquei, un problema che era stato sollevato circa quattro anni prima in seguito alla scomparsa del volo Air France 447 ma che non aveva mai visto apportata nessuna modifica. In risposta alla scomparsa del volo 370, l'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile (ICAO) adottò nuovi standard per la segnalazione della posizione degli aeromobili in mare aperto e per l'estensione dei tempi di registrazione per i registratori vocali della cabina di pilotaggio; inoltre, a partire dal 2020, i nuovi aeromobili progettati devono disporre di modalità di recupero dei registratori di volo, o delle informazioni che contengono, prima che il velivolo si inabissi.[6]

Sequenza temporale degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

L'aeromobile, un Boeing 777-200ER di Malaysia Airlines, ebbe l'ultimo contatto radio con il controllo del traffico aereo alle 01:19 MYT dell'8 marzo (17:19 UTC, 7 marzo), mentre si trovava sopra al Mar Cinese Meridionale, meno di un'ora dopo il decollo. Scomparve dagli schermi radar dei controllori del traffico aereo alle 01:22 MYT, ma venne nuovamente rintracciato da radar militari mentre deviava verso ovest dalla sua rotta pianificata e attraversava la penisola malese. Uscì dal raggio dei radar militari alle 02:22, mentre si trovava sopra al Mare delle Andamane, 200 miglia nautiche (370 km) a nord-ovest dell'isola di Penang, nella Malaysia Nord-Occidentale.

La ricerca del velivolo, frutto di sforzi internazionali, divenne la più costosa nella storia dell'aviazione.[7][3] Iniziò nel golfo del Siam e nel Mar Cinese Meridionale, dove era stato rilevato l'ultimo segnale emesso dall'aereo su radar di sorveglianza secondari, e fu presto estesa allo stretto di Malacca e al Mare delle Andamane.[8] L'analisi delle comunicazioni tra l'aeromobile e la rete satellitare Inmarsat concluse che l'aereo era rimasto in volo fino alle 08:19 e si era diretto a sud, sopra l'Oceano Indiano meridionale, sebbene non sia mai stato possibile determinare la posizione precisa. L'Australia assunse l'incarico di coordinare la ricerca in quell'area il 17 marzo. Il 24 marzo, il governo malese osservò che la posizione finale determinata dalle comunicazione satellitari era lontana da ogni possibile sito di atterraggio e riferì che "il volo MH370 si è concluso nell'Oceano Indiano meridionale".[9] Dall'ottobre 2014 al gennaio 2017, una ricerca su oltre 120000 km² di fondale marino, a circa 1800 km a sud-ovest di Perth, nell'Australia occidentale, non rilevò alcuna traccia del velivolo. Numerosi frammenti furono trovati tra la spazzatura marina sulla costa africana e su alcune isole nell'Oceano Indiano, al largo della costa africana. I primi, scoperti il 29 luglio 2015 all'isola di Riunione, vennero tutti confermati essere parti del volo MH370.[10][11][12] La maggior parte del velivolo non è mai stata localizzata, generando molte teorie sulla sua scomparsa.

Il 22 gennaio 2018 iniziò una ricerca condotta dalla società americana di esplorazione marina Ocean Infinity, intorno a 35,6°S 92,8°E, il sito di inabissamento più probabile secondo studi pubblicati nel 2017, che si concluse senza risultati.[13][14] Il governo malese pubblicò un rapporto finale relativo al volo 370 nel luglio 2018.[15] Viene riportato che, prima della sparizione, né l'equipaggio né i sistemi di comunicazione automatici dell'aeromobile trasmisero segnali di soccorso, indicazioni di maltempo o problemi tecnici. Venne analizzata, ma poi esclusa, la possibile implicazione di due passeggeri iraniani che viaggiavano con passaporti rubati. Continuando ad indagare sul fattore umano come causa dell'incidente, la polizia malese identificò il comandante come principale sospettato, dopo aver escluso tutti gli altri a bordo. Il segnale dall'unità dati satellitare dell'aeromobile (SDU) venne perso tra le 01:07 e le 02:03; la SDU si collegò nuovamente, questa volta alla rete di comunicazione satellitare Inmarsat, alle 02:25, tre minuti dopo che l'aereo aveva lasciato il raggio di azione del radar. Sulla base dell'analisi delle comunicazioni satellitari, il 777 virò verso sud dopo essere passato a nord di Sumatra, e proseguì per sei ore, precipitando e inabissandosi all'esaurimento del carburante.

L'aereo[modifica | modifica wikitesto]

La cabina di pilotaggio del Boeing 777 coinvolto nell'incidente.

L'aeromobile che operava il volo 370 era un Boeing 777-2H6ER, marche 9M-MRO, numero di serie 28420; costruito nell'aprile 2002, venne consegnato a Malaysia Airlines il 31 maggio dello stesso anno. Era spinto da due motori turboventola Rolls-Royce Trent 892B-17 ed era il 404º 777 costruito dall'azienda statunitense.[16] Il velivolo venne sottoposto alla normale manutenzione il 23 febbraio, 12 giorni prima del volo 370, negli hangar dell'aeroporto Internazionale di Kuala Lumpur, e non fu rilevata alcuna anomalia. Al momento della sparizione, il velivolo aveva circa 12 anni e aveva accumulato 53 465 ore di volo in 7 525 cicli di decollo-atterraggio.

Lo stesso Boeing 9M-MRO fu coinvolto il 9 agosto 2012 in un incidente all'aeroporto di Shanghai-Pudong: durante la fase di rullaggio, l'aereo urtò con la punta dell'ala destra la coda di un Airbus A340-600 di China Eastern Airlines, marche B-6050. L'ala si danneggiò così gravemente da rendere necessaria la sua sostituzione.[17]

Il Boeing 777, introdotto sul mercato nel 1994, ha eccellenti livelli di sicurezza.[18] Dal suo primo volo commerciale nel giugno 1995, ha subito solo altri sei gravi incidenti che sono risultati in una demolizione del velivolo:

Passeggeri ed equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

Immagine dell'economy class del Boeing 777 coinvolto nell'incidente.
Economy class del Boeing 777 9M-MRO (2004).
Immagine della business class del Boeing 777 coinvolto nell'incidente.
Business Class del Boeing 777 9M-MRO (2004).

L'aeromobile trasportava 12 membri dell'equipaggio, tutti malesi, e 227 passeggeri provenienti da 14 nazioni diverse.[27] Il giorno della scomparsa, Malaysia Airlines rilasciò i nomi e le nazionalità degli occupanti, in base al manifesto di volo.[28] L'elenco venne successivamente modificato per includere due passeggeri iraniani che viaggiavano con passaporti rubati.[29][30]

Equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

Tutti e dodici i membri dell'equipaggio - due piloti e dieci assistenti di cabina - erano cittadini malesi.

  • Il comandante era Zaharie Ahmad Shah, un 53enne di Penang. Entrò in Malaysia Airlines come cadetto nel 1981 e, dopo l'addestramento e la licenza di pilota commerciale, diventò secondo ufficiale nel 1983. Nel 1991 venne promosso a comandante di Boeing 737-400, nel 1996 di Airbus A330-300 e infine, nel 1998, di Boeing 777-200. Dal 2007 era istruttore ed esaminatore nei processi di type rating, ed aveva un totale di 18 365 ore di volo.[31][32]
  • Il primo ufficiale era Fariq Abdul Hamid, dell'età di 27 anni. Entrò in Malaysia Airlines come cadetto nel 2007; dopo essere diventato secondo ufficiale nei Boeing 737-400, venne promosso a primo ufficiale nella stessa tipologia di aereo nel 2010, per poi passare agli Airbus A330-300 nel 2012. Nel novembre 2013 iniziò ad addestrarsi come primo ufficiale nei Boeing 777-200; quello sarebbe dovuto essere il suo ultimo di addestramento, in quanto il suo esame era programmato per il volo successivo. Aveva accumulato 2 763 ore di di volo.[33][34]

Passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

Dei 227 passeggeri, 153 erano cinesi; tra di essi un gruppo di 19 artisti, accompagnati da sei membri della famiglia e quattro membri dello staff, di ritorno da una mostra calligrafica dei loro lavori a Kuala Lumpur; 38 passeggeri erano malesi. I restanti provenivano da dodici paesi diversi. Venti passeggeri, dodici dei quali provenivano dalla Malaysia e otto dalla Cina, erano impiegati della Freescale Semiconductor.[28][35][36]

Tramite un accordo del 2007 con Malaysia Airlines, Tzu Chi (un'organizzazione buddista internazionale) inviò immediatamente squadre appositamente addestrate a Pechino e in Malaysia per fornire assistenza psicologica alle famiglie dei passeggeri.[37][38] La compagnia aerea mandò anche una propria squadra di operatori sanitari e di volontari, accettando di sostenere le spese per portare le famiglie coinvolte a Kuala Lumpur e di fornire loro alloggio, assistenza medica e consulenza.[39][40] Complessivamente, 115 parenti di passeggeri cinesi si recarono a Kuala Lumpur. Altri scelsero di rimanere in Cina, temendo di sentirsi troppo isolati in Malaysia.

Il volo e la scomparsa[modifica | modifica wikitesto]

La rotta del volo MH 370 conosciuta secondo i radar civili primari (militari) e secondari (civili)

L'8 marzo 2014, il volo Malaysia Airlines 370 era uno dei due voli giornalieri operati dalla Malaysia Airlines dal suo hub, l'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur, in Malaysia, verso l'aeroporto di Pechino Capitale, in Cina, con partenza alle 00:35 UTC+8 e arrivo previsto per le 06:30 UTC+8.[41][42]

La durata prevista del viaggio era di 5 ore e 34 minuti; per rimanere in volo per tale lasso di tempo, al Boeing 777 erano necessari circa 37 200 kg (82 000 lb) di carburante. Il velivolo ne trasportava 49 100 kg (108 200 lb), comprese le riserve, che avrebbero permesso di volare per 7 ore e 31 minuti. Il combustibile era quindi sufficiente nel caso di una deviazione verso aeroporti alternativi - l'aeroporto di Hangzhou-Xiaoshan e l'aeroporto di Nanchino - che ne avrebbero richiesto, rispettivamente, 4 800 kg (10 600 lb) o 10 700 kg (23 600 lb).[43]

La partenza[modifica | modifica wikitesto]

Alle 00:42 MYT, il volo 370 decollò dalla pista 32R di Kuala Lumpur e fu autorizzato dal controllore del traffico aereo (ATC) a salire alla quota di 18 000 piedi (5 500 m) attraverso un percorso diretto verso il punto di navigazione IGARI (situato a 06°56'12" N 103°35'06" E). L'analisi del registratore vocale determinò che il primo ufficiale aveva comunicato con l'ATC quando il volo era a terra, mentre il comandante durante le varie fasi del volo. Poco dopo il decollo, vennero trasferiti dall'ATC dell'aeroporto al Lumpur Radar, sulla frequenza 132,6 MHz. L'ATC per la Penisola malese e per le acque adiacenti è fornito dal Centro di controllo di area (ACC) di Kuala Lumpur; Lumpur Radar è il nome della frequenza utilizzata per il traffico aereo in rotta.[44] Alle 00:46, il Lumpur radar autorizzò il volo 370 a salire al livello di volo 350, ovvero all'altitudine di 35 000 piedi (11 000 m). Alle 01:01, l'equipaggio riferì di aver raggiunto il livello previsto, e lo confermò nuovamente alle 01:08.[45]

Perdita di comunicazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ultima trasmissione automatizzata dell'aeromobile fu un rapporto di posizione inviato alle 01:06 MYT utilizzando il protocollo ACARS (Aircraft Communications Addressing and Reporting System)[46]. Tra i dati forniti in questo messaggio c'era la quantità di carburante totale rimanente, 43 800 kg (96 600 lb)[47]. L'ultima comunicazione verbale al controllo del traffico aereo fu alle 01:19:30, quando il comandante Zaharie riferì la transizione dal Lumpur Radar all'ACC di Ho Chi Minh:

«Radar di Lumpur: "Malaysian three seven zero, contact Ho Chi Minh one two zero decimal nine. Good night." (traduzione: Malaysian 370, contattate Ho Chi Minh [sulla frequenza] 120,9. Buonanotte.)

Volo 370: "Good night. Malaysian three seven zero." (traduzione: Buonanotte. Malaysian 370.)»

Ci si aspettava che l'equipaggio contattasse il controllore del traffico aereo di Ho Chi Minh durante il passaggio nello spazio aereo vietnamita, appena a nord del punto in cui i contatti furono persi.[48] Il comandante di un altro velivolo tentò di comunicare con l'equipaggio del volo 370 poco dopo l'01:30, utilizzando la frequenza di IAD (International Air Distress), per trasmettere la richiesta del controllore del traffico aereo vietnamita di contattarlo; il pilota disse di essere stato in grado di stabilire una comunicazione, ma di aver sentito solo "borbottii" e rumori statici.[49] Le chiamate fatte al cockpit del volo 370 alle 02:39 e alle 07:13 rimasero senza risposta, ma furono ricevute dalla SDU dell'aeromobile.

Radar[modifica | modifica wikitesto]

Alle 01:20:31 MYT, venne osservato sul radar di Kuala Lumpur mentre superava il punto di navigazione IGARI (06°56'12" N 103°35'06" E) sopra il golfo della Thailandia; cinque secondi dopo, il simbolo del mode S[50] del volo scomparve dagli schermi radar. Alle 01:21:13, il volo 370 sparì dal radar di Kuala Lumpur e venne perso, all'incirca nello stesso momento, anche dal radar di Ho Chi Minh, che riferì di averlo visto vicino al waypoint BITOD (07°15'24" N, 104°07'06" E).[51] Il controllo del traffico aereo utilizza un radar secondario, che si basa su un segnale emesso dal transponder posto su ciascun velivolo; il transponder del volo 370 non trasmise più segnali dopo le 01:21. Gli ultimi dati trasmessi indicavano che l'aereo stava volando all'altitudine di crociera di 35 000 piedi (11 000 m) ed alla velocità di 471 nodi (872 km/h) TAS.[52] C'erano poche nuvole in cielo e né pioggia né fulmini si trovavano nelle vicinanze. Le analisi successive stimarono che il volo aveva 41 500 kg (91 500 lb) di carburante quando scomparve dal radar secondario.

Il radar militare mostrava ancora il volo MH370; l'aereo virò a destra e poi a sinistra in direzione sud-ovest. Dalle 01:30:35 alle 01:35:00, il radar mostrò il Boeing a 35 700 piedi (10 900 m) su una rotta di 231°, con una velocità di 496 nodi (919 km/h) TAS. Il volo continuò sopra la penisola malese, oscillando tra i 31 000 piedi (9 400 m) e i 33 000 piedi (10 000 m) di altitudine. Un radar dell'aeroporto di Ismail Petra, con una portata di 60 nmi (110 km), effettuò quattro rilevamenti di un velivolo non identificato tra le 01:30:37 e le 01:52:35; le tracce di tale aeromobile erano "coerenti con quelle dei dati militari".[43] Alle 01:52, il volo 370 venne rilevato passare appena a sud dell'isola di Penang. Da lì, sorvolò lo stretto di Malacca, passando vicino al waypoint VAMPI e a Pulau Perak alle 02:03, dopo di che volò lungo la l'aerovia N571 verso i waypoint MEKAR, NILAM e probabilmente IGOGU. L'ultimo rilevamento noto, in un punto ai limiti del radar militare malese, avvenne alle 02:22, 10 miglia nautiche (19 km) dopo il waypoint MEKAR e 247,3 miglia nautiche (458,0 km) a nord-ovest dell'aeroporto di Penang, ad un'altitudine di 29 500 piedi (9 000 m).[53][54]

I paesi interessati furono riluttanti nel rilasciare le informazioni raccolte dai loro radar militari, a causa della volontà di non rivelare le loro capacità.[55] L'Indonesia, in possesso di un sistema radar di allerta precoce, non registrò alcun velivolo con il codice transponder utilizzato dal volo 370, nonostante l'aeromobile potesse aver volato vicino o sopra la punta settentrionale di Sumatra. Il radar militare indonesiano rintracciò il volo 370 agli inizi, quando era ancora in rotta verso il waypoint IGARI, prima dello spegnimento del transponder, ma non fornì mai informazioni sul eventuali successive rilevazioni.[56] Anche la Thailandia e Il Vietnam rilevarono il volo 370 sui radar prima che il dispositivo smettesse di funzionare. I simboli di posizione per il codice utilizzato dal volo 370 scomparvero dopo lo spegnimento del transponder e non dopo un suo guasto, si ritiene. Il vice ministro dei trasporti vietnamita, Pham Quy Tieu, dichiarò che il Vietnam aveva avvistato il volo 370 tornare indietro verso ovest, e che i loro operatori avevano informato le autorità malesi due volte lo stesso giorno, l'8 marzo.[57] Il radar militare thailandese rilevò un aereo che avrebbe potuto essere il volo 370, ma non si sa a che ora venne effettuato l'ultimo contatto radar, e il segnale non includeva dati identificativi.[58] Inoltre, il volo non venne rilevato dal sistema convenzionale australiano o dal suo sistema radar a lungo raggio over-the-horizon JORN (che ha una portata ufficiale di 3000 km); quest'ultimo non era in funzione nella notte della scomparsa.[59][60]

Ripresa della comunicazione satellitare[modifica | modifica wikitesto]

Alle 02:25 MYT, il sistema di comunicazione satellitare dell'aeromobile inviò un messaggio di "richiesta di accesso", il primo dopo la trasmissione ACARS delle 01:07, che venne trasmesso via satellite a una stazione terrestre, entrambi gestiti dalla società di telecomunicazioni satellitari Inmarsat. Dopo aver effettuato l'accesso alla rete, l'unità satellitare a bordo del 777 rispose alla richiesta di stato oraria di Inmarsat e a due telefonate provenienti da terra, alle 02:39 e alle 07:13, che non ricevettero invece risposta dalla cabina di pilotaggio. L'ultimo scambio di informazioni ACARS avvenne alle 08:10, circa 1 ora e 40 minuti dopo l'arrivo previsto a Pechino. Il Boeing inviò una richiesta di accesso alle 08:19:29, seguita, dopo una risposta dalla stazione di terra, da un messaggio di "riconoscimento di accesso" alle 08:19:37. Questo è l'ultimo dato disponibile dal volo 370. Il velivolo non rispose alla richiesta di stato di Inmarsat delle 09:15.

Reazioni del controllo del traffico aereo[modifica | modifica wikitesto]

Informazioni di volo nelle vicinanze di dove il Boeing 777 è scomparso dal radar secondario

Alle 01:38 MYT, il centro di controllo di area (ACC) di Ho Chi Minh contattò il centro di controllo di area di Kuala Lumpur per chiedere dove si trovasse il volo 370 e per informarli che non avevano stabilito una comunicazione radio con lo stesso, rilevato l'ultima volta dal radar vicino al waypoint BITOD. I due centri si scambiarono altre quattro chiamate nei successivi 20 minuti, senza mai avere nuove informazioni.[61]

Alle 02:03, l'ACC di Kuala Lumpur trasmise all'ACC di Ho Chi Minh le informazioni ricevute dal centro operativo della Malaysia Airlines, ovvero che il volo 370 si trovava nello spazio aereo cambogiano. Quindi, l'ACC di Ho Chi Minh contattò l'ACC di Kuala Lumpur due volte negli otto minuti seguenti chiedendo conferma che il volo si trovasse nello spazio aereo della Cambogia.

Alle 02:15, il supervisore presso l'ACC di Kuala Lumpur interrogò il centro operativo della Malaysia Airlines, che disse di stare scambiando segnali con il volo 370 e che questo era nello spazio aereo cambogiano. L'ACC di Kuala Lumpur contattò quello di Ho Chi Minh, chiedendo se la traiettoria prevista per il volo 370 passasse attraverso lo spazio aereo cambogiano. L'ACC di Ho Chi Minh rispose che il volo 370 non sarebbe dovuto entrare in quello spazio aereo, e che aveva già contattato l'ACC di Phnom Penh (che controlla lo spazio aereo cambogiano), e anch'esso non aveva comunicazioni con il volo 370. L'ACC di Kuala Lumpur contattò quindi il centro operativo della Malaysia Airlines alle 02:34, chiedendo informazioni sullo stato della comunicazione; venne informato che il volo 370 era in condizioni normali sulla base dei dati scambiati con l'aeromobile, e che si trovava a 14°54'N 109°15'E. Successivamente, un altro aereo della Malaysia Airlines (il volo 386 diretto a Shanghai) tentò, su richiesta dell'ACC di Ho Chi Minh, di contattare il volo 370 sulla frequenza del radar Lumpur - l'ultima frequenza con cui il volo 370 aveva preso contatto con il controllo del traffico aereo della Malaysia - e sulle frequenze di emergenza. I tentativi non ebbero successo.[62]

Alle 03:30, il centro operativo della Malaysia Airlines informò l'ACC di Kuala Lumpur che le posizioni fornite in precedenza erano "basate sulla proiezione di volo e non affidabili per il reale posizionamento dell'aereo". Nell'ora successiva, l'ACC di Kuala Lumpur contattò l'ACC di Ho Chi Minh chiedendo se avessero comunicato con i controllori cinesi. Alle 05:09, anche l'ACC di Singapore venne contattato per avere informazioni sul volo 370. Alle 05:20, un funzionario contattò l'ACC di Kuala Lumpur per richiedere informazioni sul volo 370; affermò che, sulla base delle informazioni ricevute, "MH370 non ha mai lasciato lo spazio aereo della Malaysia".[63]

Il supervisore dell'ACC di Kuala Lumpur attivò il centro di coordinamento del Kuala Lumpur Aeronautical Rescue (ARCC) alle 05:30, più di quattro ore dopo la perdita di comunicazione con il volo 370.[61] L'ARCC è un posto di comando, posizionato presso un centro di controllo di area, che coordina le attività di ricerca e soccorso in caso di scomparsa di un velivolo.

Presunta scomparsa[modifica | modifica wikitesto]

Malaysia Airlines rilasciò un comunicato stampa alle 07:24 MYT, un'ora dopo l'orario di arrivo previsto del volo a Pechino, affermando che le comunicazioni con l'aereo erano state perse dall'ATC malese alle 02:40 e che il governo aveva avviato le operazioni di ricerca; l'orario in cui il contatto venne perso fu successivamente corretto, comunicando che si trattava delle 01:21.[64] Né l'equipaggio né i sistemi di comunicazione dell'aeromobile trasmisero segnali di soccorso, indicazioni di maltempo o problemi tecnici, prima della sparizione dai radar.

Il 24 marzo, il primo ministro malese Najib Razak comparve davanti ai media alle 22:00 ora locale per rilasciare una dichiarazione relativa al volo 370, durante la quale annunciò di essere stato informato dal ramo d'inchiesta sugli incidenti aerei e da Inmarsat (il fornitore di dati satellitari) che l'ultima posizione dell'aereo, prima della sua scomparsa, era sopra l'Oceano Indiano meridionale. Poiché non vi erano luoghi dove sarebbe potuto atterrare, l'aeromobile doveva essere precipitato in mare.[65]

Poco prima che Najib parlasse, a Pechino fu convocata una riunione di emergenza per i parenti dei passeggeri del volo 370.[65] Malaysia Airlines annunciò che era da considerarsi scomparso e senza sopravvissuti. Notificò la maggior parte delle famiglie di persona o per telefono, e alcuni ricevettero un SMS (in inglese e in cinese).[66][67]

Il 29 gennaio 2015, il direttore generale del dipartimento dell'aviazione civile malese, Azharuddin Abdul Rahman, annunciò che lo status del volo 370 sarebbe stato cambiato in "incidente", in conformità con la convenzione di Chicago sull'aviazione civile internazionale, presumendo la morte di tutti i passeggeri e membri dell'equipaggio.[68]

Il volo 370 diventò, al momento della sua scomparsa, il peggior incidente aereo nella storia della Malaysia Airlines, superando il dirottamento e lo schianto nel 1977 del volo Malaysian Airlines System 653, nel quale morirono tutti i 100 occupanti.[69] Venne superato, solo quattro mesi dopo, dal volo Malaysia Airlines 17, abbattuto da un missile nei cieli ucraini.

Avvistamenti segnalati[modifica | modifica wikitesto]

I media riportarono diversi avvistamenti di un aereo che si adattava alla descrizione del Boeing 777 scomparso. Ad esempio, il 19 marzo 2014, la CNN riferì che testimoni tra cui pescatori, un operatore di una piattaforma petrolifere e altre persone sull'atollo di Kuda Huvadhoo, alle Maldive, lo avevano avvistato. Un pescatore affermò di aver visto un aereo volare insolitamente basso al largo della costa di Kota Bharu, Malaysia; un lavoratore di una piattaforma petrolifera a 300 km a sud-est di Vung Tau, Vietnam, sosteneva di aver visto un "oggetto in fiamme" nel cielo quella mattina, una testimonianza credibile per le autorità vietnamite, che avviarono una missione di ricerca e soccorso; pescatori indonesiani riferirono di aver assistito a un incidente aereo vicino allo stretto di Malacca.[70] Due giorni dopo, il Daily Mail di Londra riferì che "una donna malese su un volo sopra l'Oceano Indiano dichiarò di aver visto un aereo nell'acqua vicino alle isole Andamane il giorno in cui il jet scomparve".[71] Tre mesi dopo, il Daily Telegraph riferì che una donna britannica che navigava nell'Oceano Indiano sosteneva di aver visto un aereo in fiamme.[72]

Le ricerche[modifica | modifica wikitesto]

Le attività di ricerca e soccorso iniziarono nel Sud-Est asiatico subito dopo la scomparsa del volo 370. In seguito all'analisi delle comunicazioni tra l'aeromobile e un satellite, effettuata una settimana dopo, l'area di ricerca venne spostata nell'Oceano Indiano meridionale. Tra il 18 marzo e il 28 aprile, 19 navi e 345 aeromobili militari perlustrarono una zona di oltre 4600000 km². Altri tentativi per trovare il Boeing furono effettuati tramite un'indagine batimetrica, ecoscandagliando il fondale marino, a circa 970 miglia nautiche (1 800 km) a sud-ovest di Perth, nell'Australia occidentale.[73] Dal 30 marzo 2014, la ricerca venne coordinata dal Joint Agency Coordination Centre (JACC), un'agenzia governativa australiana istituita appositamente per coordinare gli sforzi di localizzazione e di recupero del volo 370, che coinvolse i governi malese, cinese e australiano.[74]

Il 17 gennaio 2017, la ricerca ufficiale del volo 370 - che si rivelò l'operazione di ricerca più costosa nella storia dell'aviazione[75][76] - venne sospesa dopo non aver prodotto prove diverse dal ritrovamento di alcuni detriti marini sulla costa africana.[77][78][79] Il rapporto finale dell'ATSB, pubblicato il 3 ottobre 2017, afferma che la ricerca subacquea dell'aeromobile, al 30 giugno 2017, era costata un totale di 155 milioni di dollari americani: le perlustrazioni rappresentarono l'86% dell'importo, la batimetria il 10%, e gestione del programma il 4%; la Malaysia sostenne il 58% del costo totale, l'Australia il 32% e la Cina il 10%.[80] Il rapporto concluse che, utilizzando immagini satellitari e analisi della deriva dei detriti, la posizione dell'aereo era stata ridotta essere in un'area di 25000 km².[81][82]

Nel gennaio 2018, una società privata di esplorazione marina degli Stati Uniti, Ocean Infinity, riprese le ricerche nell'area di 25000 km², utilizzando la nave norvegese Seabed Constructor.[83][84][85] L'area di ricerca fu notevolmente ampliata nel corso delle perlustrazioni e, alla fine del maggio 2018, la nave aveva scandagliato oltre 112000 km², utilizzando otto veicoli subacquei autonomi (AUV). Il contratto con il governo malese terminò poco dopo e la ricerca si concluse senza successo il 9 giugno 2018.[86]

Sud-Est asiatico[modifica | modifica wikitesto]

L'area di ricerca iniziale nel Sud-Est asiatico

Il centro di coordinamento per il salvataggio aeronautico di Kuala Lumpur (ARCC) venne attivato alle 05:30 MYT, quattro ore dopo la perdita di comunicazioni con l'aeromobile, allo scopo di coordinare le attività di ricerca e soccorso. Gli sforzi iniziarono nel golfo del Siam e nel Mar Cinese Meridionale. Il secondo giorno, i funzionari malesi dissero che le registrazioni indicavano che il volo 370 poteva aver virato prima di sparire dagli schermi radar; la zona di ricerca fu quindi ampliata per includere parte dello stretto di Malacca.[87] Il 12 marzo, il capo della Royal Malaysian Air Force annunciò che un aereo non identificato - che si ritiene fosse il volo 370 - aveva volato sopra la penisola malese ed era stato avvistato per l'ultima volta su un radar militare a 200 miglia nautiche (370 km) a nord-ovest dell'isola di Penang; gli sforzi di ricerca vennero ampliati al Mare delle Andamane e al golfo del Bengala.

La nave ADV Ocean Shield posiziona un Autonomous Underwater Vehicle per le ricerche

Le registrazioni dei segnali inviati tra l'aeromobile e un satellite di comunicazione sopra l'Oceano Indiano rivelarono che l'aereo aveva continuato a volare per quasi sei ore dopo l'avvistamento finale sul radar militare malese. L'analisi iniziale di queste comunicazioni determinò che il volo 370 si trovava lungo uno dei due archi - equidistante dal satellite - all'invio dell'ultimo segnale; lo stesso giorno in cui questa analisi venne divulgata pubblicamente, il 15 marzo, le autorità annunciarono che avrebbero abbandonato gli sforzi di ricerca nel Mar Cinese Meridionale, nel golfo del Siam e nello stretto di Malacca, allo scopo di rafforzare gli sforzi sui due corridoi individuati. L'arco settentrionale - dalla Thailandia del nord al Kazakistan - fu presto escluso, poiché l'aereo avrebbe dovuto attraversare uno spazio aereo fortemente militarizzato, e quei paesi affermarono che il loro radar militare avrebbe di certo rilevato un aereo non identificato entrare nel loro spazio aereo.[88][89][90]

Oceano Indiano Meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Un P-8 Poseidon della Marina degli Stati Uniti in partenza dall'aeroporto di Perth alla ricerca del volo 370, 22 marzo 2014

Gli sforzi di ricerca si spostarono nell'Oceano Indiano meridionale, a ovest dell'Australia, all'interno delle regioni di ricerca e soccorso aeronautiche e marittime dell'Australia, estese fino a 75° E di longitudine.[91] Di conseguenza, il 17 marzo, l'Australia accettò di dirigere le ricerche nel corridoio meridionale, da Sumatra verso l'Oceano Indiano.[92][93]

Ricerche iniziali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 18 al 27 marzo 2014, le attività si concentrarono in un'area di 305000 km² a circa 1 400 miglia nautiche (2 600 km) a sud-ovest di Perth[94], che il primo ministro australiano Tony Abbott affermò essere "vicino al nulla" e "rinomata per i suoi forti venti, clima inospitale, mari ostili e fondali oceanici profondi".[95][96] Vennero analizzate le immagini satellitari della regione[97]; diversi oggetti di interesse e due possibili insiemi di detriti furono identificati su fotografie realizzate tra il 16 e il 26 marzo. Nessuno di questi venne poi trovato da aerei o navi.[98]

Le zone di ricerca nell'Oceano Indiano meridionale. Viene mostrato il percorso intrapreso dalla nave ADV Ocean Shield azionante un localizzatore di pinger rimorchiato, rilevatori acustici e ricerca sonar. La fase subacquea (sia la ricerca sull'area più ampia che quella nell'area prioritaria) è mostrata in rosa.

Il 28 marzo 2014, le stime revisionate della traccia radar e del carburante rimanente del velivolo portarono a uno spostamento della precedente zona di 590 miglia nautiche (1 090 km) a nord-est[99][100], seguito da un altro il 4 aprile.[101] Tra il 2 e il 17 aprile, venne compiuto uno sforzo per rilevare i localizzatori subacquei (ULB, informalmente noti come "pinger") collegati ai registratori di volo dell'aeromobile, le cui batterie si sarebbero scaricate intorno al 7 aprile.[102] Una nave australiana, l'ADV Ocean Shield, dotata di un localizzatore di pinger (TPL), la cinese Haixun 01, equipaggiata con un idrofono portatile, e la HMS Echo della Royal Navy, dotata di un idrofono montato sullo scafo, furono utilizzate nella ricerca.[103] Gli operatori lo considerarono un "tentativo alla cieca", confrontando la vasta area di ricerca con il fatto che un TPL poteva cercare solo fino a 130 km² al giorno. Tra il 4 e l'8 aprile vennero effettuati numerosi rilevamenti acustici simili alla frequenza e al ritmo del suono emesso dagli ULB dei registratori di volo; l'analisi dei rilevamenti acustici determinò che, sebbene improbabile, i segnali sarebbero potuti provenire da un UBL danneggiato. Una ricerca sonar del fondale oceanico, vicino ai rilevamenti, fu effettuata tra il 14 aprile e il 28 maggio, senza alcun segno del volo 370. In un rapporto del marzo 2015, venne rivelato che la batteria dell'ULB collegato al registratore dei dati di volo del 777 era scaduta nel dicembre 2012, e pertanto potrebbe non essere stata più in funzione.[104][105]

Ricerche subacquee[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del giugno 2014 vennero annunciati i dettagli su quella che sarebbe stata la successiva fase di ricerca che i funzionari definirono "subacquea", nonostante la precedente analisi del fondale marino tramite sonar. Le scoperte derivanti dall'analisi delle comunicazioni satellitari identificarono una vasta area di ricerca lungo il "7° arco" in cui si trovava il volo 370 l'ultima volta che comunicò con il satellite.[106][107] L'area di ricerca prioritaria si trovava all'estremità meridionale.[108] I dati disponibili per questa regione erano di scarsa risoluzione, pertanto fu necessario effettuare un rilevamento batimetrico dell'area di ricerca prima di dare inizio alla fase subacquea. A partire da maggio, gli studi tracciarono circa 208000 km² di fondali marini fino al 17 dicembre 2014, quando vennero sospesi per consentire lo spostamento della nave verso le ricerche subacquee.[109]

I governi di Malaysia, Cina e Australia concordarono di effettuare ricerche approfondite su 120000 km² di fondale marino. In questa fase della ricerca, iniziata il 6 ottobre 2014, vennero utilizzate tre navi dotate di veicoli trainati in acque profonde che utilizzavano sonar a scansione laterale, ecoscandagli multiraggio e videocamere, allo scopo di individuare e identificare i detriti del velivolo.[110] Una quarta nave partecipò alla ricerca tra gennaio e maggio 2015, utilizzando un AUV per cercare in aree impossibili da raggiungere utilizzando altri equipaggiamenti. In seguito alla scoperta di un flaperon all'isola di Riunione, l'Australian Transport Safety Bureau (ATSB) riesaminò i suoi calcoli riguardanti la deriva dei detriti dell'aeromobile e, molto probabilmente, l'area di ricerca precedentemente individuata era ancora quella più probabile. Anche lo studio sulla loro provenienza, per determinarne l'origine dopo 16 mesi, supportò tale teoria, sebbene tale modellazione fosse molto imprecisa per lunghi periodi.

2017 e 2018[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 gennaio 2017, Malaysia, Cina e Australia annunciarono congiuntamente la sospensione delle ricerche del volo 370.

Il 17 ottobre 2017, la Malaysia ricevette proposte da tre compagnie, tra cui l'olandese Fugro e l'americana Ocean Infinity, che si offrivano di ricominciare la ricerca dell'aeromobile.[111] Nel gennaio 2018, Ocean Infinity annunciò la pianificazione di una nuova ricerca nell'area ristretta di 25000 km². Il tentativo venne approvato dal governo malese, a condizione di un pagamento solo nel caso del ritrovamento del relitto. Ocean Infinity noleggiò la nave norvegese Seabed Constructor per eseguire la ricerca.[85]

L'area designata fu raggiunta il 28 giugno 2018. La nave cominciò quindi a spostarsi verso 35,6° S 92,8° E, il luogo di schianto più probabile secondo lo studio sulla deriva dei detriti condotto dall'Organizzazione per la ricerca scientifica e industriale del Commonwealth (CSIRO)[13]. L'area del "sito 1", dove iniziò la ricerca, era di 33012 km², mentre l'area più estesa copriva altri 48500 km². In aprile, un rapporto di Ocean Infinity rivelò che il "sito 4", quello più a nord-est lungo il 7° arco, era stato aggiunto al piano di ricerca. A maggio 2018, la nave aveva perlustrato oltre 112000 km² utilizzando otto AUV; i siti 1, 2 e 3 vennero completamente scandagliati. La fase finale della ricerca venne condotta nel sito 4 nel maggio 2018, prima che le condizioni meteorologiche limitassero la capacità di Ocean Infinity di continuare a lavorare. Il nuovo ministro dei trasporti malese, Loke Siew Fook, annunciò il 23 maggio 2018 che la ricerca di MH370 si sarebbe conclusa alla fine del mese[112]; Ocean Infinity confermò il 31 maggio che il loro contratto con il governo malese era terminato[113][114], e fu riferito, il 9 giugno 2018, che la ricerca era giunta al termine. I dati di mappatura del fondale oceanico raccolti durante la ricerca sono stati donati al progetto Nippon Foundation-GEBCO Seabed 2030, da incorporare nella mappa globale del fondo oceanico.[115][116]

Nel marzo 2019, in seguito al 5º anniversario della scomparsa, il governo malese dichiarò di essere disposto a esaminare eventuali "indicazioni credibili o proposte specifiche" riguardanti una nuova ricerca.[117][118] Ocean Infinity dichiarò di essere pronta a riprendere la ricerca sulla stessa base gratuita, ritenendo di aver tratto beneficio dalla ricerca del relitto dell'ARA San Juan e della nave Stellar Daisy; la posizione più probabile si trova ancora da qualche parte lungo il 7° arco intorno all'area precedentemente identificata, quella su cui si basava la loro ricerca del 2018.[119]

I detriti marini[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2017, 20 detriti, che si ritiene provenissero dal Boeing 777 scomparso, furono recuperati dalle spiagge nell'Oceano Indiano occidentale; era "molto probabile o quasi certamente sicuro" che 18 di essi provenissero dal volo MH370, mentre altri due vennero identificati solamente come "probabili". Il 16 agosto 2017, l'ATSB pubblicò due rapporti: il primo, contenente l'analisi delle immagini satellitari raccolte il 23 marzo 2014, scattate due settimane dopo la scomparsa dell'MH370, che permise di classificare dodici oggetti nell'oceano come "probabilmente creati dall'uomo"[120]; il secondo, uno studio sulla loro deriva, che permise di identificare l'area dello schianto "con precisione e certezza senza precedenti", a 35,6° S 92,8° E, a nord-est della principale zona di ricerca subacquea.[121][122]

La posizione dei Flaperon sull'ala dei Boeing 777

Flaperon[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo in cui è stato scoperto il flaperon (il punto rosso) e le aree di ricerca coperte

Il primo detrito identificato come proveniente dal volo 370 fu il flaperon di tribordo (una superficie di controllo).[123] Venne scoperto alla fine del luglio 2015 su una spiaggia di Saint-André, su Riunione, un'isola nell'Oceano Indiano occidentale, a circa 2 200 miglia nautiche (4 100 km) a ovest dell'area di ricerca subacquea. Il detrito fu trasportato da Riunione a Tolosa, dove venne esaminato dall'agenzia investigativa sugli incidenti dell'aviazione civile francese, il Bureau d'Enquêtes et d'Analyses pour la Sécurité de l'Aviation Civile (BEA), e da un laboratorio del ministero della difesa francese. La Malaysia inviò i propri investigatori sia a Riunione che a Tolosa.[124][125] Il 3 settembre, funzionari francesi annunciarono che i numeri di serie trovati sui componenti interni del flaperon lo collegavano "con certezza" al volo 370.[126] Gli inquirenti recuperarono questi numeri di serie usando un boroscopio.[127][128]

Le correnti marine nell'Oceano Indiano

Dopo la scoperta, la polizia francese condusse una ricerca nelle acque intorno a Riunione per cercare ulteriori detriti e trovò una valigia danneggiata che poteva essere collegata al volo 370.[129][130] La posizione della scoperta era coerente con i modelli di dispersione dei detriti al largo della costa occidentale dell'Australia.[131][132] Nella stessa area furono trovati anche una bottiglia d'acqua cinese e un prodotto per la pulizia indonesiano.[133][134]

Nell'agosto 2015, la Francia effettuò una ricerca aerea di possibili detriti marini intorno all'isola, coprendo un'area di 4800 km² lungo la costa orientale di Riunione. Furono anche programmate pattuglie per cercare detriti lungo le spiagge.[135] La Malaysia chiese alle autorità degli stati limitrofi di stare in allerta per detriti marini che potevano provenire da un aereo.[136] Il 14 agosto, venne annunciato che non erano stati trovati detriti che potevano essere collegati al volo 370 al largo di Riunione, ma che alcuni oggetti erano stati trovati sulle rive.[137] Le ricerche aeree e marittime terminarono il 17 agosto.[138]

Parti dello stabilizzatore e dell'ala destra[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del febbraio 2016, al largo delle coste del Mozambico venne trovato un oggetto (con la scritta "NO STEP"); le prime analisi fotografiche suggerirono che potesse provenire dallo stabilizzatore orizzontale dell'aeromobile o dai bordi anteriori delle ali. Fu trovato da Blaine Gibson su un banco di sabbia nell'arcipelago di Bazaruto, al largo della costa di Vilanculos, nel Sud del Mozambico; circa 2000 km a sud-ovest di dove era stato trovato il flaperon il luglio precedente.[139][140][141] Il frammento fu inviato in Australia, dove gli esperti lo identificarono con certezza quasi assoluta come un pannello dello stabilizzatore orizzontale del Boeing 777 scomparso.

Nel dicembre 2015, Liam Lotter trovò un pezzo di detrito grigio su una spiaggia nel Sud del Mozambico, ma solo dopo aver letto della scoperta di Gibson nel marzo 2016 - a circa 300 km dal suo ritrovamento - allertò le autorità. Venne portato in Australia per le analisi. Portava il codice stampato "676EB", che lo identificava come parte di un flap dell'aereo scomparso, e lo stile con cui le lettere erano dipinte lo rendevano quasi certamente proveniente da 9M-MRO.

La posizione in cui furono recuperati entrambi i pezzi risultò coerente con il modello di deriva eseguito dal CSIRO, a conferma del fatto che avrebbero potuto provenire dal volo 370.

Altri detriti[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 marzo 2016, altri detriti, probabilmente provenienti dall'aeromobile, vennero trovati sull'isola di Riunione. Ab Aziz Kaprawi, viceministro dei trasporti della Malaysia, affermò che "un oggetto grigio con un bordo blu non identificato" poteva essere collegato al volo 370. Sia le autorità malesi che quelle australiane, coordinando la ricerca nell'Oceano Indiano meridionale, inviarono squadre per verificare se i detriti provenissero dall'aeromobile scomparso.

Il 21 marzo 2016, l'archeologo sudafricano Neels Kruger trovò un pezzo grigio su una spiaggia vicino a Mossel Bay, in Sudafrica, con l'inconfondibile logo, seppur parziale, di Rolls-Royce, il produttore dei motori del velivolo scomparso.[142] Il riconoscimento di una possibile parte del motore fu eseguita dal ministero dei trasporti malese.[143] Un ulteriore detrito, probabilmente proveniente dall'interno dell'aeromobile, venne trovato sull'isola di Rodrigues, Mauritius, alla fine di marzo, e venne esaminato dalle autorità australiane.[144] L'11 maggio 2016, gli investigatori stabilirono che questi due detriti erano "quasi certamente" del volo 370.

Flap e ulteriori ricerche[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 giugno 2016, il ministro dei trasporti australiano, Darren Chester, dichiarò che il frammento di un velivolo era stato trovato sull'isola di Pemba, al largo della costa della Tanzania.[145] Fu consegnato alle autorità in modo che gli esperti malesi potessero determinare se facesse parte dell'aeromobile. Il 20 luglio, il governo australiano pubblicò le fotografie del pezzo, che si credeva essere un flap di una delle ali dell'aereo.[146] Il ministero dei trasporti della Malaysia confermò, il 15 settembre, che i detriti provenivano effettivamente dall'aeromobile scomparso.

Il 21 novembre 2016, le famiglie delle vittime annunciarono che avrebbero effettuato una ricerca di detriti, a dicembre, sull'isola del Madagascar.[147] Il 30 novembre 2018, cinque frammenti, che erano stati recuperati tra dicembre 2016 e agosto 2018 sulla costa del Madagascar, e ritenuti dai parenti dei passeggeri provenienti dall'aereo scomparso, furono consegnati al ministro dei trasporti malese Anthony Loke.[148]

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione internazionale[modifica | modifica wikitesto]

La Malaysia formò rapidamente il Joint Investigation Team (JIT), composto da specialisti provenienti da Malaysia, Cina, Regno Unito, Stati Uniti e Francia e guidato, secondo gli standard ICAO, da "un investigatore incaricato indipendente".[149][150] Il team era composto da un "gruppo per lo studio dell'aeronavigabilità", un "gruppo operativo" e un "gruppo per lo studio dei fattori medici e umani". Il primo venne incaricato di esaminare le questioni relative ai registri, alle strutture e ai sistemi di manutenzione dell'aeromobile; il secondo doveva rivedere i registratori di volo, le operazioni e la meteorologia; il terzo avrebbe studiato i fattori psicologici, patologici e di sopravvivenza.[151] Il 6 aprile 2014, la Malaysia annunciò di aver istituito tre commissioni ministeriali: una per assistere le famiglie dei coinvolti, una per l'organizzazione e la formazione del JIT e una responsabile per le risorse malesi impiegate negli sforzi di ricerca. L'indagine penale venne condotta dalla Royal Malaysia Police, assistita dall'Interpol e da altre autorità internazionali competenti.[152]

Il 17 marzo 2014, l'Australia assunse il controllo del coordinamento delle operazioni di ricerca, recupero e salvataggio. Per le successive sei settimane, l'Australian Maritime Safety Authority (AMSA) e l'Australian Transport Safety Bureau (ATSB) lavorarono congiuntamente per determinare l'area di ricerca, condividento le informazioni con il JIT e altre fonti governative e accademiche, mentre il Joint Agency Coordination Centre (JACC) coordinò gli sforzi internazionali. Dopo la quarta fase della ricerca, l'ATSB si assunse la responsabilità di stabilire da solo l'area di ricerca. A maggio dello stesso anno, l'ATSB istituì un gruppo di lavoro per determinare la posizione più probabile dell'aeromobile dopo la trasmissione satellitare delle 00:19 UTC (08:19 MYT). Il gruppo comprendeva esperti di velivoli e satelliti provenienti da: Air Accidents Investigation Branch (Regno Unito), Boeing (Stati Uniti d'America), Defence Science and Technology Group (Australia), dipartimento dell'aviazione civile (Malaysia), Inmarsat (Regno Unito), National Transportation Safety Board (Stati Uniti d'America) e Thales (Francia).[153][154]

A ottobre 2018, la Francia era l'unico paese che stava proseguendo le indagini (mediante l'Air Transport Gendarmerie), con l'intenzione di verificare tutti i dati tecnici trasmessi, in particolare quelli forniti da Inmarsat.[155][156]

Interim e final report[modifica | modifica wikitesto]

L'8 marzo 2015, esattamente un anno dopo la scomparsa del volo 370, il ministero dei trasporti malese pubblicò un rapporto provvisorio dal titolo "Factual Information: Safety Information for MH370", che si concentrava sulle informazioni raccolte sull'aereo scomparso, piuttosto che sull'analisi delle possibili cause.[43][157] Il ministero fornì un breve aggiornamento un anno dopo, nel marzo 2016, in merito allo stato dell'inchiesta.[158]

Il rapporto finale dell'ATSB venne pubblicato il 3 ottobre 2017.[159] Quello del ministero dei trasporti malese, datato 2 luglio 2018, fu reso pubblico a Kuala Lumpur il 30 luglio 2018.[160] Questo rapporto non fornisce alcuna nuova informazione sul destino dell'MH370, ma riporta carenze ed errori commessi dai controllori del traffico aereo malese nei limitati sforzi di comunicazione con il velivolo. A seguito di questi resoconti, il presidente dell'autorità per l'aviazione civile della Malaysia, Azharuddin Abdul Rahman, si dimise il 31 luglio 2018.[161][162]

Analisi delle comunicazioni satellitari[modifica | modifica wikitesto]

Le comunicazioni tra il volo 370 e la rete satellitare gestita da Inmarsat, trasmesse dal satellite Inmarsat-3 F1, fornirono gli unici indizi significativi sulla posizione del volo 370 dopo la sua scomparsa dal radar militare malese alle 02:22 MYT. Queste comunicazioni furono utilizzate anche per dedurre possibili eventi accaduti in volo. La squadra investigativa avrebbe dovuto ricostruire la traiettoria del volo 370 a partire da una serie limitata di trasmissioni, senza informazioni esplicite sulla posizione, sulla direzione o sulla velocità dell'aeromobile.[163]

Background tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazione di un satellite della serie Inmarsat-3. Il volo 370 era in contatto con Inmarsat-3 F1 (noto anche come "IOR", per la regione dell'Oceano Indiano)

I sistemi di comunicazione satellitare (SATCOM) vengono utilizzati per trasmettere messaggi dalla cabina di pilotaggio dell'aereo e messaggi automatizzati dalle apparecchiature di bordo, utilizzando il protocollo di comunicazione ACARS. SATCOM può essere utilizzato anche per la trasmissione di messaggi FANS e ATN e per fornire collegamenti voce, fax e dati utilizzando altri protocolli.[164][165]

L'aeromobile utilizza un'unità dati satellitare (SDU) per inviare e ricevere segnali attraverso la rete di comunicazione satellitare; questo funziona indipendentemente dagli altri sistemi di bordo che comunicano via SATCOM. I segnali dalla SDU vengono trasmessi a un satellite, che amplifica il segnale e ne modifica la frequenza prima di inoltrarlo a una stazione di terra, dove viene elaborato e instradato alla destinazione prevista (ad esempio, il centro operativo della Malaysia Airlines); i segnali vengono inviati da terra all'aeromobile in ordine inverso.

Quando la SDU viene accesa per la prima volta, tenta di connettersi alla rete Inmarsat trasmettendo una richiesta di accesso, che viene ricevuta dalla stazione di terra.[166] Questo viene effettuato per determinare a chi appartiene la SDU e per identificare quale satellite utilizzare per le comunicazioni. Dopo la connessione, se non viene ricevuto alcun ulteriore messaggio per un'ora, la stazione di terra trasmette all'aereo un messaggio di "richiesta di accesso", comunemente denominato "ping"; se la SDU del velivolo è attiva, risponde. automaticamente. Il processo viene definito handshake ("stretta di mano").[167]

Le comunicazioni tra le 02:25 e le 08:19 MYT[modifica | modifica wikitesto]

Il collegamento dati ACARS del volo 370 smise di funzionare tra l'01:07 e le 02:03 MYT; tuttavia, la SDU rimase operativa. Dopo l'ultimo contatto con il radar primario a ovest della Malaysia, i seguenti eventi sono presenti nel registro della stazione di terra di Inmarsat a Perth, Australia occidentale (tutti i tempi sono MYT/UTC + 8):

  • 02:25:27 - Prima stretta di mano ("richiesta di accesso" avviata dall'aereo).
  • 02:39:52 - Chiamata da terra all'aereo, riconosciuta dalla SDU ma rimasta senza risposta dal cockpit.
  • 03:41:00 - Seconda stretta di mano (avviata dalla stazione di terra).
  • 04:41:02 - Terza stretta di mano (avviata dalla stazione di terra).
  • 05:41:24 - Quarta stretta di mano (avviata dalla stazione di terra).
  • 06:41:19 - Quinta stretta di mano (avviata dalla stazione di terra).
  • 07:13:58 - Chiamata da terra all'aereo, riconosciuta dalla SDU ma rimasta senza risposta dal cockpit.
  • 08:10:58 - Sesta stretta di mano (avviata dalla stazione di terra).
  • 08:19:29 - Settima stretta di mano (avviata dall'aereo); segnalata essere una "stretta di mano parziale", costituita dalle seguenti due trasmissioni:
    • 08:19:29.416 - "Richiesta di accesso" inviata dall'aereo (la "stretta di mano parziale")
    • 08:19:37.443 - "Conferma di accesso" inviata dall'aereo (ultima trasmissione ricevuta dal volo 370).

Il 777 non rispose al ping delle 09:15.[168]

Deduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcune deduzioni possono essere fatte a partire dalle comunicazioni satellitari. La prima è che l'aereo rimase operativo fino almeno alle 08:19 MYT, sette ore dopo l'ultimo contatto con il controllo del traffico aereo sopra il Mar Cinese Meridionale. I dati indicano che si muoveva a una velocità elevata. Una SDU ha bisogno di informazioni sulla posizione e sulla rotta per mantenere la sua antenna puntata verso il satellite, quindi si può dedurre che anche il sistema di navigazione del Boeing era operativo.[169]

Poiché non rispose al ping delle 09:15, si può concludere che, ad un certo punto tra le 08:19 e le 09:15, l'aeromobile perse la capacità di comunicare con la stazione di terra. Il messaggio inviato dal jet alle 08:19:29 era una "richiesta di accesso"; c'è un numero limitato di motivi per cui la SDU trasmette questo tipo di richiesta, come un'interruzione dell'alimentazione, un guasto al software, la perdita di sistemi critici che forniscono input alla SDU o una perdita del collegamento. Gli investigatori considerano una riaccensione dopo un'interruzione elettrica la causa più probabile.[170]

Alle 08:19, l'aereo era in volo da 7 ore e 38 minuti; il tipico volo Kuala Lumpur-Pechino è di circa 5 ore e mezzo, quindi era probabile che il carburante si sarebbe presto esaurito.[171] In caso di esaurimento del combustibile e conseguente spegnimento dei motori, che avrebbe tolto potenza all'unità dati satellitare, la Ram Air Turbine (RAT) del 777 si sarebbe dispiegata, fornendo energia ad alcuni strumenti e controlli di volo, inclusa la SDU. Circa 90 secondi dopo la stretta di mano delle 02:25 - anch'essa una richiesta di accesso - vennero registrati messaggi dal sistema di intrattenimento del velivolo verso la stazione di terra. Comunicazioni simili non furono scambiate dopo la stretta di mano delle 08:19, a supporto dello scenario di esaurimento del carburante.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Una mappa che indica la probabile posizione del volo 370 sulla base delle analisi.

Due parametri contenuti in queste trasmissioni furono fondamentali per le indagini:

  • Burst time offset (BTO) - la differenza di tempo tra l'invio del segnale dalla stazione di terra alla ricezione della risposta. È proporzionale al doppio della distanza tra la stazione di terra e il velivolo (via satellite); include il tempo impiegato dalla SDU tra la ricezione e la risposta al messaggio e il tempo tra la ricezione e l'elaborazione alla stazione di terra. Questa misura venne analizzata per determinare la distanza tra il satellite e l'aeromobile nel momento in cui si verificarono le sette "strette di mano", e quindi definire sette cerchi sulla superficie terrestre per ridurre l'area delle ricerche.
  • Burst frequency offset (BFO) - Questa misura è stata analizzata per determinare la velocità e la rotta del velivolo. Corrisponde alla differenza tra la frequenza prevista e quella ricevuta nelle trasmissioni. È causata:
    1. dall'effetto Doppler durante il viaggio dei segnali dall'aeromobile alla stazione di terra, passando per il satellite;
    2. dalle traduzioni di frequenza effettuate nel satellite e nella stazione di terra;
    3. da un piccolo errore costante (bias) nell'SDU, che deriva dall'invecchiamento;
    4. dalla compensazione applicata dalla SDU per contrastare l'effetto Doppler.

Combinando la distanza tra l'aeromobile e il satellite, la velocità e la rotta con i limiti di prestazione dell'aeromobile, gli investigatori generarono alcuni percorsi candidati che furono analizzati separatamente con due metodi. Il primo presupponeva che l'aereo stesse volando con una delle tre modalità del pilota automatico, calcolando i valori di BTO e BFO lungo queste rotte e confrontandoli con il valori registrati dal volo 370. Il secondo metodo generò percorsi che avevano la stessa velocità e rotta dell'aeromobile al momento di ogni "stretta di mano", per ridurre al minimo la differenza tra il BFO calcolato del percorso e i valori registrati dal volo 370. Venne quindi creata e confrontata una distribuzione di probabilità per ciascun metodo nell'arco BTO, al momento della sesta stretta di mano.[47]

Possibili eventi durante il volo[modifica | modifica wikitesto]

Interruzione di corrente[modifica | modifica wikitesto]

Il collegamento SATCOM funzionò normalmente dalla fase pre-volo (a partire dalle 00:00 MYT) fino alle 01:07, quando non rispose più ai messaggi ACARS. I messaggi ACARS da terra continuarono a essere trasmessi al volo 370 fino a quando la rete di Inmarsat inviò molteplici messaggi di "richiesta di riconoscimento" alle 02:03, senza alcuna risposta dall'aereo. A un certo punto tra le 01:07 e le 02:03, la SDU smise di funzionare. Alle 02:25, l'unità dati satellitare del Boeing inviò una "richiesta di accesso". Non è comune che una comunicazione di questo tipo venga effettuata in volo, ma potrebbe verificarsi per molteplici motivi. Un'analisi delle caratteristiche e dei tempi di queste richieste suggeriscono che un'interruzione di corrente in volo è la causa più probabile. Poiché tale interruzione non era dovuta allo spegnimento dei motori (il velivolo volò per almeno altre sei ore), secondo l'ATSB potrebbe essere stata il risultato dello spegnimento manuale del sistema elettrico.[168][172]

Equipaggio inabilitato o ipossia[modifica | modifica wikitesto]

Un'analisi dell'ATSB confrontò le prove disponibili con tre categorie di incidenti:

  • variazioni drastiche dell'assetto in volo (ad esempio, uno stallo);
  • un evento di "planata" (ad esempio un guasto al motore o l'esaurimento del carburante)
  • un equipaggio inabilitato o un evento di ipossia.

Il team australiano concluse che quest'ultima ipotesi "è quella che si adatta meglio alle prove disponibili" per le cinque ore di volo effettuate senza comunicazioni o deviazioni significative dalla rotta, probabilmente con il pilota automatico.[173][174] Questa teoria non ebbe consenso tra gli altri investigatori.[175] Se non fossero stati immessi input di controllo a seguito dello spegnimento dei motori e della disattivazione del pilota automatico, l'aeromobile sarebbe probabilmente entrato in una picchiata a spirale e sarebbe precipitato nell'oceano.

L'analisi del flaperon ritrovato sulle coste africane dimostrò che i flap non erano estesi, supportando l'ipotesi di una spirale ad alta velocità.[176] Nel maggio 2018, l'ATSB affermò nuovamente che nessuno aveva il controllo del 777 al momento dello schianto.[177]

Altre teorie[modifica | modifica wikitesto]

Passeggeri[modifica | modifica wikitesto]

Due uomini salirono a bordo del volo 370 con passaporti rubati, il che suscitò sospetto nell'immediato dopo la sua scomparsa.[178] Il furto dei passaporti, uno austriaco e uno italiano, era stato denunciato in Thailandia nei due anni precedenti.[179] L'Interpol dichiarò che entrambi i passaporti erano elencati nel suo database di documenti di viaggio rubati e smarriti (SLTD) e che non era stato effettuato alcun controllo prima dell'imbarco.[180] Il ministro degli interni della Malaysia, Ahmad Zahid Hamidi, criticò i funzionari dell'immigrazione del suo paese per non aver impedito ai passeggeri di viaggiare con passaporti rubati.[181] I due biglietti di sola andata acquistati dai possessori di questi passaporti furono prenotati tramite China Southern Airlines. Venne riferito che un iraniano aveva ordinato "i biglietti più economici" per l'Europa via telefono a Bangkok, in Thailandia, e pagato in contanti.[182][183] I due passeggeri vennero successivamente identificati come uomini iraniani, uno di 19 anni e l'altro di 29, che entrarono in Malaysia il 28 febbraio con passaporti validi. Si credeva che i due uomini fossero richiedenti asilo.[184][185] Il segretario generale dell'Interpol dichiarò che l'organizzazione era "incline a concludere che non si trattò di un attentato terroristico". Funzionari statunitensi e malesi esaminarono le vite di ogni passeggero nominato nel manifesto di volo. Il 18 marzo, il governo cinese annunciò di aver controllato tutti i cittadini cinesi presenti sull'aeromobile e di aver escluso la possibilità che qualcuno potesse aver dirottato il Boeing.[186] Un passeggero, che lavorava come ingegnere di volo per una compagnia aerea charter svizzera, venne sospettato di essere un potenziale dirottatore poiché si pensava che ne avesse le capacità tecniche. I sospetti si rivelarono infondati.[187]

Equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

I funzionari statunitensi ritengono che la spiegazione più probabile sia che qualcuno nella cabina di pilotaggio del volo 370 riprogrammò il pilota automatico per viaggiare verso sud attraverso l'Oceano Indiano.[188][189] La polizia perquisì le case di tutti i membri dell'equipaggio, sequestrando i documenti finanziari, inclusi estratti conto bancari, carte di credito e documenti ipotecari.[190][191] Il 2 aprile 2014, l'ispettore generale della polizia della Malaysia dichiarò che erano state condotti più di 170 interrogatori nell'ambito dell'indagine penale, compresi quelli con i familiari dell'equipaggio.[192]

Secondo i resoconti dei media, la polizia malese identificò il comandante Zaharie come il principale sospettato.[193][194] Il Federal Bureau of Investigation (FBI) degli Stati Uniti ricostruì i dati cancellati dal simulatore di volo a casa sua, ma un portavoce del governo malese indicò che "nulla di sinistro" era stato trovato.[195] Il rapporto preliminare pubblicato dalla Malaysia nel marzo 2015 affermava che "nessuno dei piloti o dell'equipaggio aveva condotto transazioni finanziarie significative in tempi recenti e che l'analisi del comportamento dei piloti sulle telecamere a circuito chiuso non mostrava alcun indizio significativo".[43]

Nel 2016, un documento americano affermò che, durante l'analisi del disco rigido del simulatore di volo del comandante effettuata dall'FBI, era stato trovato un percorso che corrispondeva strettamente a quello effettuato sopra l'Oceano Indiano dal 777.[196] Questo fu successivamente confermato dall'ATSB, sebbene l'agenzia abbia sottolineato che ciò non dimostrava il coinvolgimento del pilota.[197] La scoperta venne confermata dal governo malese.[198]

Il carico nella stiva[modifica | modifica wikitesto]

Il volo 370 trasportava 10806 kg di merci, di cui 4566 kg di mangostani e 221 kg di batterie agli ioni di litio. I mangostani furono messi nel vano di carico posteriore, mentre le batterie erano divise tra due pallet nel vano di carico anteriore e un pallet in quello posteriore.[43]

Le batterie agli ioni di litio erano contenute in una spedizione da 2453 kg trasportata dalla struttura di Motorola Solutions a Bayan Lepas, in Malaysia, a quella a Tientsin, in Cina; il resto della spedizione consisteva in caricabatterie e accessori per walkie-talkie. Le batterie furono assemblate il 7 marzo e trasportate al complesso merci di Penang per essere trasportate da MASkargo, la filiale della Malaysia Airlines per trasporto merci. Al complesso merci di Penang, la spedizione fu ispezionata dai dipendenti di MASkargo e dai funzionari doganali malesi, ma non venne sottoposta a controlli di sicurezza prima del trasferimento all'aeroporto in camion. La spedizione non venne sottoposta ad ulteriori ispezioni presso l'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur prima di essere caricata sul volo 370. Poiché le batterie erano state imballate in conformità con le linee guida IATA, non furono classificate come merci pericolose. Le batterie agli ioni di litio possono causare incendi intensi se si surriscaldano e si incendiano, il che ha portato a stabilire rigide normative sul loro trasporto a bordo degli aerei.[199][200] Un incendio alimentato da batterie agli ioni di litio provocò l'incidente del volo UPS Airlines 6; si sospetta che abbiano causato un incendio anche al carico del volo Asiana Airlines 991; entrambi erano aerei da trasporto merci.[201] Alcune compagnie aeree hanno smesso di trasportare grandi spedizioni di batterie agli ioni di litio su aeromobili passeggeri, citando problemi di sicurezza.[202]

Una spedizione di mangostani di 4566 kg era a bordo del volo 370. Fu caricata in quattro ULD all'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur e ispezionata da funzionari dell'Autorità federale per il commercio agricola malese prima di essere caricata a bordo. Secondo il capo della polizia malese, Khalid Abu Bakar, le persone che gestirono i mangostani e gli importatori cinesi vennero interrogate per escludere il sabotaggio.[203]

Codici ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 marzo 2014 la Malaysia Airlines fece sapere, attraverso il comunicato stampa n° 17 pubblicato sul sito della compagnia aerea, che i codici di volo MH370 e MH371 erano stati ritirati e sostituiti con effetto immediato dai nuovi codici MH318, per il volo da Kuala Lumpur a Pechino, e MH319 per la tratta inversa.[204]

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il volo Malaysia Airlines 370 è stato analizzato nella puntata Malaysia Airlines: le verità nascoste della quattordicesima stagione del documentario Indagini ad alta quota, trasmesso da National Geographic Channel.[205]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MH370 con codeshare China Southern Airlines volo CZ748.
  2. ^ (EN) Vietnam media: MAS flight crashed into the sea, su Malaysia Today, http://www.malaysia-today.net/, 8 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2014 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2014).
  3. ^ a b (EN) Search for MH370 to be most expensive in aviation history, in Reuters, 8 aprile 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  4. ^ (EN) Jonathan Pearlman, MH370 search becomes most expensive aviation hunt in history, yet still no clues, 29 maggio 2014. URL consultato il 6 giugno 2020.
  5. ^ Aereo MH370 scomparso, trovato pezzo ala fuori area ricerche, in ANSA, Roma, http://www.ansa.it, 2 agosto 2015. URL consultato il 29 marzo 2019.
  6. ^ (EN) Airlines Slow to Adopt Safety Technologies After MH370 | Voice of America - English, su www.voanews.com. URL consultato l'8 marzo 2020.
  7. ^ (EN) New MH370 search area announced, in BBC News, 26 giugno 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  8. ^ (EN) Tim Sharp 17 January 2017, Facts About Malaysia Flight 370: Passengers, Crew & Aircraft, su livescience.com. URL consultato l'8 marzo 2020.
  9. ^ (EN) Missing flight 'crashed into ocean', in BBC News, 24 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  10. ^ (EN) Plane parts 'almost certainly MH370', in BBC News, 24 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2020.
  11. ^ (EN) ATSB, Debris examination – update No. 1 (PDF), su atsb.gov.au.
  12. ^ (EN) Ministry of Transport, MEDIA STATEMENT BY YB DATO’ SRI LIOW TIONG LAI MINISTER OF TRANSPORT, MALAYSIA (PDF), su mh370.gov.my.
  13. ^ a b (EN) Ship hired to find MH370 arrives in search zone | The Star Online, su www.thestar.com.my. URL consultato l'8 marzo 2020.
  14. ^ (EN) Aliza Shah, Norwegian vessel to arrive at MH370 search area this weekend, su NST Online, 18 gennaio 2018. URL consultato l'8 marzo 2020.
  15. ^ (EN) The Malaysian ICAO Annex 13 Safety Investigation Team for MH370, Report MH370 (PDF), su mh370.mot.gov.my.
  16. ^ (EN) 9M-MRO Malaysia Airlines Boeing 777-200, su www.planespotters.net. URL consultato il 9 marzo 2020.
  17. ^ (FR) Bilan des enquêtes ouvertes pendant la période du 06/08/2012 12/08/2012 (PDF), su Bureau d'Enquêtes et d'Analyses pour la sécurité de l'aviation civile, http://www.bea.aero/fr. URL consultato l'11 marzo 2014 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2014).
  18. ^ (EN) Staff e agencies, Malaysia Airlines: experts surprised at disappearance of 'very safe' Boeing 777, in The Guardian, 8 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  19. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 777-236ER G-YMMM London-Heathrow Airport (LHR), su aviation-safety.net. URL consultato l'8 marzo 2020.
  20. ^ (EN) David Kaminski-Morrow2012-11-30T15:34:00+00:00, EgyptAir 777 fire probe inconclusive but short-circuit suspected, su Flight Global. URL consultato l'8 marzo 2020.
  21. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 777-266ER SU-GBP Cairo International Airport (CAI), su aviation-safety.net. URL consultato l'8 marzo 2020.
  22. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 777-28EER HL7742 San Francisco International Airport, CA (SFO), su aviation-safety.net. URL consultato l'8 marzo 2020.
  23. ^ By Thom Patterson CNN, Malaysia Air faces new, serious threat as company, su CNN. URL consultato l'8 marzo 2020.
  24. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 777-2H6ER 9M-MRD Hrabove, su aviation-safety.net. URL consultato l'8 marzo 2020.
  25. ^ Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 777-31H A6-EMW Dubai Airport (DXB), su aviation-safety.net. URL consultato l'8 marzo 2020.
  26. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 777-212ER 9V-SQK Singapore-Changi International Airport (SIN), su aviation-safety.net. URL consultato il 30 maggio 2020.
  27. ^ (EN) The passengers on board MH370, in BBC News, 17 gennaio 2017. URL consultato l'8 marzo 2020.
  28. ^ a b (EN) Malaysia Airlines, MANIFESTO DI VOLO MH370 (PDF), su malaysiaairlines.com (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2014).
  29. ^ Le ultime sull'aereo scomparso, su Il Post, 11 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  30. ^ PISTA IRANIANA, ECCO GLI UOMINI CON PASSAPORTI FALSI Malaysia:, su Agi. URL consultato l'8 marzo 2020.
  31. ^ (EN) migration, Missing MAS flight: Captain piloting MH370 a Penang boy, su The Straits Times, 8 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  32. ^ (EN) Pilot of missing Malaysian flight an aviation tech geek, in Reuters, 9 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  33. ^ MISSING MH370: Co-pilot family awaits for latest updates - Latest - New Straits Times, su web.archive.org, 4 giugno 2014. URL consultato l'8 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2014).
  34. ^ By Tom Watkins CNN, First officer on missing jet was transitioning to 777-200s, su CNN. URL consultato l'8 marzo 2020.
  35. ^ (EN) The passengers on board MH370, in BBC News, 17 gennaio 2017. URL consultato il 6 giugno 2020.
  36. ^ (EN) Loss of employees on Malaysia flight a blow, U.S. chipmaker says, in Reuters, 9 marzo 2014. URL consultato il 6 giugno 2020.
  37. ^ (EN) MISSING MH370: Caregiver sacrifices time for family of passengers - Latest - New Straits Times, su web.archive.org, 31 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2014).
  38. ^ (EN) For Flight 370 Families, Every Day Is 'Torment', su NPR.org. URL consultato l'8 marzo 2020.
  39. ^ (EN) Missing MAS flight: Malaysia grateful for assistance in search and rescue operations, says Anifah | The Star Online, su www.thestar.com.my. URL consultato l'8 marzo 2020.
  40. ^ (EN) 09 Mar 2014 08:47 PM MYT Sunday, Caregivers from Malaysia, Australia assigned to families of passengers onboard MH370 | Malay Mail, su www.malaymail.com. URL consultato l'8 marzo 2020.
  41. ^ (EN) Flightradar24, Flight #MH370 disappeared from Flightradar24 at 17.19UTC time between Malaysia and Vietnampic.twitter.com/BtmTuQGBq6, su @flightradar24, 7 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  42. ^ (EN) Malaysia Airlines 2Q loss widens. Restructuring is imminent but outlook remains bleak, su CAPA - Centre for Aviation. URL consultato l'8 marzo 2020.
  43. ^ a b c d e (EN) FACTUAL INFORMATION SAFETY INVESTIGATION FOR MH370 (PDF), su web.archive.org, 9 marzo 2015. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2015).
  44. ^ (EN) AIP MALAYSIA, AIR TRAFFIC SERVICES AIRSPACE (PDF), su aip.dca.gov.my.
  45. ^ (EN) Documents: Preliminary report on missing Malaysia Airlines Flight 370, su www.cnn.com. URL consultato l'8 marzo 2020.
  46. ^ (EN) MH370 PC live updates / 530 17th March | Out Of Control Videos, su web.archive.org, 17 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2014).
  47. ^ a b (EN) ATSB, MH370 – Flight Path Analysis Update (PDF), su atsb.gov.au.
  48. ^ (EN) Flightradar24, Live Flight Tracker - Real-Time Flight Tracker Map, su Flightradar24. URL consultato l'8 marzo 2020.
  49. ^ (EN) Pilot: I established contact with plane | AsiaOne, su web.archive.org, 12 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2014).
  50. ^ (EN) Mode S - SKYbrary Aviation Safety, su www.skybrary.aero. URL consultato l'8 marzo 2020.
  51. ^ (EN) Documents: Preliminary report on missing Malaysia Airlines Flight 370, su www.cnn.com. URL consultato l'8 marzo 2020.
  52. ^ (EN) David Cenciotti, What we know and what we don’t about the mysterious Malaysia Airlines MH370 disappearance, su The Aviationist, 10 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  53. ^ (EN) Michael Forsythe e Michael S. Schmidt, Radar Suggests Jet Shifted Path More Than Once, in The New York Times, 14 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  54. ^ (EN) Exclusive: Radar data suggests missing Malaysia plane deliberately flown way off course - sources, in Reuters, 14 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  55. ^ (EN) Distrust adding to Malaysian jet confusion: analysts, su sg.news.yahoo.com. URL consultato il 6 giugno 2020.
  56. ^ (EN) Daniel Stacey, Investigators to Re-Examine Clues in Missing Malaysia Airlines Flight 370, in Wall Street Journal, 1º maggio 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  57. ^ (EN) migration, Vietnam says it told Malaysia that missing plane MH370 had turned back, su The Straits Times, 12 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  58. ^ (EN) Missing Malaysia Airlines plane: Thailand gives radar data 10 days after plane lost, su The Sydney Morning Herald, 18 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  59. ^ (EN) How could Australian radar miss flight MH370?, su News. URL consultato l'8 marzo 2020.
  60. ^ (EN) FACT SHEET Jindalee Operational Radar Network (PDF), su web.archive.org, 14 settembre 2016. URL consultato l'8 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2016).
  61. ^ a b (EN) Malaysia releases missing plane report, reveals confusion, in Reuters, 1º maggio 2014. URL consultato il 6 giugno 2020.
  62. ^ (EN) David Kaminski-Morrow, Inquiry details controllers' hunt as MH370 vanished, su Flight Global. URL consultato il 6 giugno 2020.
  63. ^ (EN) Documents: Preliminary report on missing Malaysia Airlines Flight 370, su www.cnn.com. URL consultato il 6 giugno 2020.
  64. ^ (EN) MH370 Flight Incident | Malaysia Airlines, su web.archive.org, 18 dicembre 2014. URL consultato l'8 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2014).
  65. ^ a b (EN) Amanda Holpuch Matthew Weaver in London, MH370 families attack Malaysian government over loss of plane, in The Guardian, 24 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  66. ^ (EN) Malaysia Airlines flight MH370: Distraught families told by text, su The Independent, 24 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  67. ^ (EN) Thomas Fuller e Chris Buckley, Jet Fell Into Ocean With All Lost, Premier Says, in The New York Times, 24 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  68. ^ (EN) DEPARTMENT OF CIVIL AVIATION MALAYSIA, ANNOUNCEMENT ON MH370 BY DIRECTOR GENERAL DEPARTMENT OF CIVIL AVIATION MALAYSIA (PDF), su mh370.gov.my. URL consultato l'8 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2016).
  69. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 737-2H6 9M-MBD Tanjong Kupang, su aviation-safety.net. URL consultato l'8 marzo 2020.
  70. ^ (EN) Michael Martinez CNN, Several ground witnesses claim they saw Malaysia Airlines Flight 370, su CNN. URL consultato l'8 marzo 2020.
  71. ^ (EN) Richard Shears, Malaysian woman 'saw MH370 in water near Andaman Islands', su Mail Online, 21 marzo 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  72. ^ (EN) Jonathan Pearlman, Malaysia Airlines plane search: British yachtswoman 'saw MH370 on fire', 3 giugno 2014. URL consultato l'8 marzo 2020.
  73. ^ (EN) MH370 ‘spiralled’ into the ocean, su NewsComAu, 8 ottobre 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  74. ^ (EN) Regional Development and Cities Department of Infrastructure, Joint Agency Coordination Centre, su Infrastructure, Regional Development and Cities. URL consultato il 9 marzo 2020.
  75. ^ (EN) By Sophie Brown CNN, MH370: How long will the search continue?, su CNN. URL consultato il 9 marzo 2020.
  76. ^ (EN) Reuters On 8/6/14 at 2:13 PM EDT, The Hunt for Malaysia Airlines Flight MH370 Continues, su Newsweek, 6 agosto 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  77. ^ (EN) Families criticise MH370 search halt, in BBC News, 17 gennaio 2017. URL consultato il 9 marzo 2020.
  78. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  79. ^ Juliet Perry, Joshua Berlinger, Joe Sterling and Deborah Bloom CNN, MH370: Search suspended but future hunt for missing plane not ruled out, su CNN. URL consultato il 9 marzo 2020.
  80. ^ (EN) Greg Waldron, ATSB final MH370 report calls for more precise flight tracking, su Flight Global. URL consultato il 9 marzo 2020.
  81. ^ (EN) MH370's location an 'almost inconceivable' mystery – final report | Malaysia Airlines flight MH370 | The Guardian, su amp.theguardian.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  82. ^ (EN) ATSB, operational-search-for-mh370 (PDF), su atsb.gov.au.
  83. ^ (EN) Associated Press, US company resumes search for missing flight MH370, in The Telegraph, 7 gennaio 2018. URL consultato il 9 marzo 2020.
  84. ^ (EN) MH370: Private company to resume search for lost Malaysia Airlines plane, su www.cbsnews.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  85. ^ a b A fantastical ship has set out to seek Malaysian Airlines flight 370, in The Economist. URL consultato il 9 marzo 2020.
  86. ^ (EN) Annette Gartl, MH370: Ocean Infinity search ends amid calls for new disclosures and further investigation, su CHANGING TIMES, 8 giugno 2018. URL consultato il 9 marzo 2020.
  87. ^ (EN) RMAF chief: Recordings captured from radar indicate flight deviated from original route - Nation | The Star Online, su web.archive.org, 15 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2014).
  88. ^ (EN) Shazwan Mustafa Kamal, MH370 possibly in one of two ‘corridors’, says PM | Malay Mail, su www.malaymail.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  89. ^ (EN) Kate Hodal, Flight MH370: Malaysia asks for help in continued search for missing plane, in The Guardian, 16 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  90. ^ (EN) Biman Mukherji and Joanna Sugden, India Continues Search for MH370 as Malaysia Ends Hunt in South China Sea, su WSJ, 15 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  91. ^ (EN) Arrangements in Australia - Australian Maritime Safety Authority (AMSA), su web.archive.org, 24 febbraio 2015. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2015).
  92. ^ (EN) Australia agrees to lead search in Indian Ocean for missing Malaysia Airlines flight MH370, su web.archive.org, 17 maggio 2014. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2014).
  93. ^ (EN) Missing MH370: Australia to lead southern search for MH370 | The Star Online, su www.thestar.com.my. URL consultato il 9 marzo 2020.
  94. ^ (EN) INCIDENT 2014/1475 SEARCH FOR MALAYSIAN AIRLINES FLIGHT MH370 PLANNED SEARCH AREA 19 MARCH 2014 (PDF), su web.archive.org, 1º aprile 2015. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2015).
  95. ^ (EN) Frank Jacobs, MH370 and the Secrets of the Deep, Dark Southern Indian Ocean, su Foreign Policy. URL consultato il 9 marzo 2020.
  96. ^ (EN) 18/03/2014 - AMSA Search Area Charts - Google Drive, su drive.google.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  97. ^ (EN) Perth remote sensing firm on MH370 mission, su The West Australian, 3 aprile 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  98. ^ (EN) Flight MH370: Images of ocean debris, in BBC News, 28 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  99. ^ (EN) 'Objects seen' in new plane search, in BBC News, 28 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  100. ^ (EN) By Catherine E. Shoichet, Michael Pearson and Jethro Mullen CNN, Flight 370 search area shifts after 'credible lead', su CNN. URL consultato il 9 marzo 2020.
  101. ^ (EN) ATSB, SEARCH FOR MALAYSIA AIRLINES FLIGHT MH370 (PDF), su s3-ap-southeast-2.amazonaws.com.
  102. ^ (EN) 'No time limit' on Malaysia jet hunt, in BBC News, 31 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  103. ^ (EN) Suman Varandani, Malaysia Airlines Flight MH370: Towed Pinger Locators Deployed, Underwater Hunt For Black Box Launched With Hopes Of A Breakthrough, su International Business Times, 4 aprile 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  104. ^ (EN) MH370 report: Underwater locator beacon battery had expired, su phys.org. URL consultato il 9 marzo 2020.
  105. ^ (EN) South-East Asia correspondent Samantha Hawley, wires, MH370 black box locator battery expired in 2012: report, su ABC News, 8 marzo 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  106. ^ (EN) ATSB, Maps, su www.atsb.gov.au. URL consultato il 9 marzo 2020.
  107. ^ (EN) New analysis helps refine MH370 search area, su Flight Global. URL consultato il 9 marzo 2020.
  108. ^ (EN) Michelle Innis, Rugged Seabed Seen in New Maps Further Complicates Search for Malaysia Airlines Jet, in The New York Times, 6 ottobre 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  109. ^ (EN) Regional Development and Cities Department of Infrastructure, Joint Agency Coordination Centre, su Infrastructure, Regional Development and Cities. URL consultato il 9 marzo 2020.
  110. ^ (EN) Robb M. Stewart, Malaysia Airlines Flight 370 Search Reboots, in Wall Street Journal, 6 ottobre 2014. URL consultato il 9 marzo 2020.
  111. ^ (EN) Reuters, MH370: three companies approach Malaysia over restarting search for plane, in The Guardian, 17 ottobre 2017. URL consultato il 9 marzo 2020.
  112. ^ (EN) Angela Dewan CNN, MH370 search to end on May 29 after four years, su CNN. URL consultato il 9 marzo 2020.
  113. ^ (EN) MH370 hunt continues for few more days, su PerthNow, 1º giugno 2018. URL consultato il 9 marzo 2020.
  114. ^ (EN) MH370 search: It’s not over till it’s over, su NewsComAu, 4 giugno 2018. URL consultato il 9 marzo 2020.
  115. ^ (EN) Ocean Infinity Donates Data to Seabed Mapping Project, su Marine Technology News, 21 giugno 2018. URL consultato il 9 marzo 2020.
  116. ^ (EN) Ocean Infinity donates 120,000 square kilometres of data from search for missing Malaysian airliner to The Nippon Foundation-GEBCO Seabed 2030 Project (PDF), su seabed2030.gebco.net.
  117. ^ (EN) Naaman Zhou, MH370: relatives call for 'serious commitment' from Malaysia to find plane, in The Guardian, 7 marzo 2019. URL consultato il 9 marzo 2020.
  118. ^ (EN) Paul Withers, MH370: New hope to find missing flight as Malaysia says it could RESUME search, su Express.co.uk, 3 marzo 2019. URL consultato il 9 marzo 2020.
  119. ^ (EN) Steve Creedy, MH370: Ocean Infinity stands ready to resume search, su Airline Ratings, 4 marzo 2019. URL consultato il 9 marzo 2020.
  120. ^ (EN) Mavis Toh2017-08-16T06:02:35+01:00, New reports offer clues to MH370 location, su Flight Global. URL consultato il 9 marzo 2020.
  121. ^ (EN) New report suggests resting place of MH370 | Aviation Week Network, su atwonline.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  122. ^ (EN) Australia's CSIRO believes it can locate missing MH370, su www.aljazeera.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  123. ^ (EN) Michael Safi e Oliver Holmes, MH370 search: what is the 'flaperon' debris found in Réunion?, in The Guardian, 30 luglio 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  124. ^ (EN) Plane debris to be sent to France, in BBC News, 30 luglio 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  125. ^ (EN) Aeroplane debris arrives in France, in BBC News, 1º agosto 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  126. ^ (FR) #MH370 Le débris d'avion retrouvé fin juillet à La, su Franceinfo. URL consultato il 9 marzo 2020.
  127. ^ (EN) Jason Hanna and Saskya Vandoorne CNN, France: 'Certainty' that Reunion debris is from MH370, su CNN. URL consultato il 9 marzo 2020.
  128. ^ (EN) Plane debris is from missing MH370, in BBC News, 6 agosto 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  129. ^ (EN) France launches search for more MH370 debris on Réunion, su France 24, 7 agosto 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  130. ^ (EN) Kate Aubusson, MH370: Suitcase reportedly found on Reunion Island, close to where plane debris recovered, su The Sydney Morning Herald, 30 luglio 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  131. ^ (EN) MH370: Aircraft Debris and Drift Modelling, su www.atsb.gov.au. URL consultato il 9 marzo 2020.
  132. ^ (EN) A. B. C. News, MH370 Probe: Part Number on Debris from Indian Ocean Consistent With 777, Official Says, su ABC News. URL consultato il 9 marzo 2020.
  133. ^ (EN) ‘Chinese water bottle, Indonesian canister’ wash up on Reunion Island after possible MH370 wing flap find, su South China Morning Post, 31 luglio 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  134. ^ (EN) MH370 Search: New Items Wash Ashore On Reunion, su web.archive.org, 2 agosto 2015. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2015).
  135. ^ Jethro Mullen, Catherine E. Shoichet and Ashley Fantz CNN, MH370: Malaysia says more plane debris found on Reunion, su CNN. URL consultato il 9 marzo 2020.
  136. ^ Malaysia Seeks Help in Finding More Possible MH370 Debris - ABC News, su web.archive.org, 4 agosto 2015. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2015).
  137. ^ MH370: Search on Reunion island to end Monday | The Star Online, su www.thestar.com.my. URL consultato il 9 marzo 2020.
  138. ^ (EN) Agence France-Presse, France ends search for MH370 debris off Réunion coast, in The Guardian, 17 agosto 2015. URL consultato il 9 marzo 2020.
  139. ^ (EN) Story by William Langewiesche, What Really Happened to Malaysia’s Missing Airplane, in The Atlantic. URL consultato il 9 marzo 2020.
  140. ^ (EN) Australia: Mozambique debris "highly likely" from Flight 370 - WSFA.com Montgomery Alabama news., su web.archive.org, 25 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2016).
  141. ^ (EN) Plane debris probed for MH370 link, in BBC News, 3 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2020.
  142. ^ (EN) Staff e agencies, Possible piece of MH370 engine found on South African beach, in The Guardian, 23 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2020.
  143. ^ (EN) MEDIA STATEMENT BY YB DATO' SRI LIOW TIONG LAI MINISTER OF TRANSPORT, MALAYSIA (JPG), su pbs.twimg.com, 22 marzo 2016.
  144. ^ (EN) New Mauritius 'MH370 debris' examined, in BBC News, 3 aprile 2016. URL consultato il 9 marzo 2020.
  145. ^ (EN) Potential MH370 debris found on island off African coast - The Washington Post, su web.archive.org, 25 giugno 2016. URL consultato il 10 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2016).
  146. ^ (EN) A. B. C. News, New Photos Show Wing Flap Believed to Be From Missing MH370, su ABC News. URL consultato il 10 marzo 2020.
  147. ^ (EN) MH370 relatives to search in Madagascar, in BBC News, 21 novembre 2016. URL consultato il 10 marzo 2020.
  148. ^ (EN) Massive breakthrough’: Flight MH370 ‘crashed violently, su cairnspost.com.au, 1º dicembre 2018.
  149. ^ (EN) Plane search ships to probe signals, in BBC News, 6 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2020.
  150. ^ (EN) MH370 puts UN search agency's protocol to the test, su South China Morning Post, 28 marzo 2014. URL consultato il 26 maggio 2020.
  151. ^ (EN) Malaysia Reorganizes Flight 370 Investigation, Appoints Independent Investigator | Frequent Business Traveler, su www.frequentbusinesstraveler.com. URL consultato il 26 maggio 2020.
  152. ^ (EN) Matthew Weaver Tom McCarthy in New York, MH370: Australia takes lead in Indian Ocean as search area expands, in The Guardian, 17 marzo 2014. URL consultato il 26 maggio 2020.
  153. ^ (EN) Air Chief Marshal Angus Houston to lead Joint Agency Coordination Centre | Prime Minister of Australia, su web.archive.org, 3 novembre 2014. URL consultato il 26 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2014).
  154. ^ (EN) Oliver Milman, Flight MH370: former Australian defence chief to co-ordinate search, in The Guardian, 30 marzo 2014. URL consultato il 26 maggio 2020.
  155. ^ (FR) Par Jean-Marc DucosLe 5 août 2018 à 18h11, Modifié Le 7 Août 2018 À 08h45, La France relance l’enquête sur le MH 370, su leparisien.fr, 5 agosto 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  156. ^ (FR) Disparition du vol MH370 : l’enquête continue, in Le Monde.fr, 19 ottobre 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  157. ^ (EN) Jethro Mullen CNN, Investigators: MH370 crew showed no unusual signs, su CNN. URL consultato il 26 maggio 2020.
  158. ^ (EN) 2ND INTERIM STATEMENT SAFETY INVESTIGATION FOR MH370 (9M-MRO) (PDF), su web.archive.org, 13 marzo 2016. URL consultato il 26 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2016).
  159. ^ (EN) Greg Waldron, ​ATSB final MH370 report calls for more precise flight tracking, su Flight Global. URL consultato il 26 maggio 2020.
  160. ^ (EN) MH 370 Safety Investigation Report, su mh370.mot.gov.my. URL consultato il 26 maggio 2020.
  161. ^ (EN) Malaysia aviation chief Azharuddin Abdul Rahman quits over MH370 report, su www.timesnownews.com. URL consultato il 26 maggio 2020.
  162. ^ (EN) Hannah Ellis-Petersen, MH370 report: Malaysia aviation chief quits over air traffic failings, in The Guardian, 31 luglio 2018. URL consultato il 26 maggio 2020.
  163. ^ (EN) Gordon Rayner, MH370: Britain finds itself at centre of blame game over crucial delays, 24 marzo 2014. URL consultato il 26 maggio 2020.
  164. ^ (EN) Aviation Safety Technology and Services, su Inmarsat. URL consultato il 31 maggio 2020.
  165. ^ (EN) SITA aids MH370 investigation; expert explains, su Runway Girl, 14 marzo 2014. URL consultato il 31 maggio 2020.
  166. ^ (EN) Malaysian MH370: SATCOMS 101 (Part One), su Air Traffic Management, 16 marzo 2014. URL consultato il 31 maggio 2020.
  167. ^ (EN) Information provided to MH370 by AAIB - DCA Official Newsroom, su web.archive.org, 6 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2014).
  168. ^ a b (EN) MH370 Data Communication Logs (PDF), su web.archive.org, 4 marzo 2016. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  169. ^ (EN) Chris Ashton, Alan Shuster Bruce e Gary Colledge, The Search for MH370, in The Journal of Navigation, vol. 68, n. 1, gennaio 2015, pp. 1–22, DOI:10.1017/S037346331400068X. URL consultato il 1º giugno 2020.
  170. ^ (EN) Inmarsat breaks silence on probe into missing jet, su Fox News. URL consultato il 1º giugno 2020.
  171. ^ (EN) Considerations on defining the search area - MH370, su www.atsb.gov.au. URL consultato il 1º giugno 2020.
  172. ^ (EN) ATSB, MH370 - Definition of underwater search area (PDF), su atsb.gov.au.
  173. ^ (EN) Malaysia jet passengers likely suffocated, Australia says, in Reuters, 27 giugno 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  174. ^ (EN) Daniel Stacey, Andy Pasztor and David Winning, Australian Report Postulates Malaysia Airlines Flight 370 Lost Oxygen, in Wall Street Journal, 26 giugno 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  175. ^ (EN) Keith Bradsher, Pressure Loss Is Explored in Vanishing of Jetliner, in The New York Times, 26 giugno 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  176. ^ (EN) Ben Westcott CNN, MH370 out of control and spiraling fast before crash, report says, su CNN. URL consultato il 1º giugno 2020.
  177. ^ (EN) MH370 'not brought down by rogue pilot', in BBC News, 22 maggio 2018. URL consultato il 1º giugno 2020.
  178. ^ (EN) Thomas Fuller e Eric Schmitt, Passport Theft Adds to Mystery of Missing Malaysia Airlines Jet, in The New York Times, 8 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  179. ^ (EN) By Catherine E. Shoichet and Ray Sanchez CNN, Passengers on missing Malaysia Airlines plane come from 14 countries, su CNN. URL consultato il 1º giugno 2020.
  180. ^ (EN) INTERPOL confirms at least two stolen passports used by passengers on missing Malaysian Airlines flight 370 were registered in its databases, su web.archive.org, 9 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2014).
  181. ^ (EN) Lindsay Murdoch, Fake passports on Malaysia Airlines flight reveal flaw in airline safety, su The Sydney Morning Herald, 10 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  182. ^ (EN) Missing Malaysia Airlines Flight MH370: Iranian Middleman Asked Thai Agent to Book Tickets on Stolen Passports, su International Business Times UK, 10 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  183. ^ (EN) By Saeed Ahmed and Catherine E. Shoichet CNN, Days later, no sign of missing Malaysia Airlines plane, su CNN. URL consultato il 1º giugno 2020.
  184. ^ (EN) MISSING MH370: Man with stolen passport on jet is asylum seeker - Latest - New Straits Times, su web.archive.org, 13 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2014).
  185. ^ (EN) Saeed Kamali Dehghan, Iranians travelling on flight MH370 on forged passports 'not linked to terror', in The Guardian, 11 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  186. ^ (EN) China Rules Out Terror Ties Among Citizens on Jet. URL consultato il 1º giugno 2020.
  187. ^ (EN) migration, Malaysia police probe flight engineer on missing MH370, su The Straits Times, 17 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  188. ^ (EN) By Steve Almasy, Chelsea J. Carter and Jim Clancy CNN, Malaysia Airlines Flight 370 search grows, pilots face scrutiny, su CNN. URL consultato il 1º giugno 2020.
  189. ^ (EN) MH370: Transport Minister Warren Truss announces underwater search for missing Malaysia Airlines plane will begin in August, su NewsComAu, 27 giugno 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  190. ^ (EN) David Collins, FBI to quiz wife of Flight MH370 pilot amid fears of cockpit hijack of missing plane, su mirror, 24 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  191. ^ (EN) Missing jet 'deliberately diverted', in BBC News, 15 marzo 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  192. ^ (EN) Malaysia mystery ‘may not be solved’, in BBC News, 2 febbraio 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  193. ^ (EN) C. Daniel Batson, The Prime Suspect, in Oxford Scholarship Online, 18 ottobre 2018, DOI:10.1093/oso/9780190651374.003.0004. URL consultato il 1º giugno 2020.
  194. ^ (EN) Michael Sheridan, Far East Correspondent, MH370 pilot 'chief suspect'. URL consultato il 1º giugno 2020.
  195. ^ (EN) A. B. C. News, FBI Finishes Probe into Malaysia Airlines Captain's Flight Simulator, su ABC News. URL consultato il 1º giugno 2020.
  196. ^ (EN) Exclusive: MH370 Pilot Flew a Suicide Route on His Home Simulator Closely Matching Final Flight, su Intelligencer. URL consultato il 1º giugno 2020.
  197. ^ (EN) Elle Hunt, MH370 pilot's flight simulator plotted course over southern Indian Ocean, in The Guardian, 28 luglio 2016. URL consultato il 1º giugno 2020.
  198. ^ (EN) Malaysia confirms Flight 370 pilot plotted fatal route, su www.cbsnews.com. URL consultato il 1º giugno 2020.
  199. ^ (EN) Exploding Lithium Batteries Riskier to Planes: Research, su www.bloomberg.com. URL consultato il 1º giugno 2020.
  200. ^ (EN) Cathay slaps blanket ban on bulk lithium battery shipments | JOC.com, su www.joc.com. URL consultato il 1º giugno 2020.
  201. ^ (EN) Plane battery ban over safety concern, in BBC News, 3 marzo 2015. URL consultato il 1º giugno 2020.
  202. ^ (EN) Bart Jansen, Crash investigators trace UPS plane fire to batteries, su USA TODAY. URL consultato il 1º giugno 2020.
  203. ^ (EN) Jonathan Pearlman, MH370: Malaysian police probe fruit farmers as investigation widens, 3 aprile 2014. URL consultato il 1º giugno 2020.
  204. ^ (EN) When Bad Things Happen To Planes, Flight Codes Get 'Retired', su NPR.org. URL consultato il 26 maggio 2020.
  205. ^ (EN) What Happened to Malaysian Flight 370?. URL consultato il 26 maggio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2015000938 · BNF (FRcb169502600 (data)