Born Villain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Born Villain
Artista Marilyn Manson
Tipo album Studio
Pubblicazione 1º maggio 2012
Durata 63:27
Dischi 1
Tracce 14
Genere Industrial metal
Alternative metal[1]
Rock alternativo
Gothic rock
Etichetta Cooking Vinyl / Hell, etc.
Produttore Marilyn Manson
Chris Vrenna
Registrazione 2009-2011, Zane-A-Due, California
Marilyn Manson - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo
(2015)

Born Villain è l'ottavo album in studio della band statunitense Marilyn Manson. Inciso tra il 2009 e il 2011, è stato pubblicato in tutto il mondo il 1º maggio 2012 tramite etichetta Hell, etc., appartenente a Marilyn Manson e sussidiaria della Cooking Vinyl Records. Si tratta del primo disco della band dopo l'addio alla Interscope Records, etichetta che pubblicò tutti i precedenti lavori del gruppo dal debutto fino a The High End of Low, del 2009[2].

Dall'album sono stati tratti tre singoli (No Reflection, Slo-Mo-Tion e Hey, Cruel World..., mentre un cortometraggio intitolato Born Villain e diretto da Shia LaBeouf ha anticipato l'uscita del disco. La band ha supportato il disco con il tour Hey, Cruel World... Tour e con svariati concerti in coppia con Rob Zombie ed Alice Cooper, rispettivamente nel Twins of Evil Tour e nel Masters of Madness Tour[3]. L'album ha debuttato alla posizione numero 10 della Billboard 200.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I lavori per Born Villain iniziarono durante il tour di supporto a The High End of Low nel 2009[4]. Nel novembre 2010, il chitarrista Twiggy Ramirez annunciò:

(EN)

« We've got a new album [that we're working on]. It's almost done. It'll probably be out next year. [...] It's our best record yet, I think. I mean, everyone always says that, but I think this is our best work so far... It's kind of like a little more of a punk rock Mechanical Animals without sounding too pretentious. »

(IT)

« Abbiamo un nuovo album [sul quale stiamo lavorando]. È quasi fatta. Probabilmente uscirà il prossimo anno. [...] È il nostro lavoro migliore, credo. Voglio dire, tutti dicono sempre così, ma penso che si tratti davvero del nostro lavoro migliore finora... È una sorta di Mechanical Animals in versione punk rock, ma senza suonare troppo pretenzioso. »

(Twiggy Ramirez)

Il 3 dicembre 2010 fu annunciato il divorzio dei Marilyn Manson dalla loro storica casa discografica Interscope Records. Il frontman aggiunse: "Abbiamo persino iniziato a scrivere nuove canzoni 'on the road', quindi penso che la gente possa aspettarsi un nuovo disco molto più presto [di quanto crediate]"[5]. Manson aggiunse inoltre che la band stava preparando alcuni concerti-evento per il prossimo futuro. In questi spettacoli, ciascun album del Trittico (Holy Wood, Mechanical Animals e Antichrist Superstar) sarebbe stato suonato per intero nel corso di tre serate consecutive nella stessa città. Il tour avrebbe portato la band in giro per gli Stati Uniti, con alcune date in Europa[6].

Il 24 febbraio 2011, lo storico batterista Ginger Fish annunciò il suo addio alla band, aggiungendo che erano aperte le ricerche di un sostituto[7]. Il 2 settembre 2011, l'album fu ufficialmente intitolato Born Villain[8].

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Marilyn Manson parla del nuovo album

"Saremo sempre il nostro peggior pubblico, finché non smetteremo di essere pubblico e inizieremo ad essere artisti. Qualsiasi tipo di arte è carne e sangue, non importa come la esibisci, decori o esponi. Ma tutti vogliamo l'ardente orrore di quel sangue. E portare sangue è il motivo per cui sono qui."

Marilyn Manson, parlando delle sue intenzioni durante le prime fasi di lavorazione del disco[9]

La prospettiva di un ottavo album in studio dei Marilyn Manson fu confermata dallo stesso frontman durante un'intervista rilasciata a Metal Hammer il 3 dicembre 2009[4].

(EN)

« We've just been released from our record contract with Interscope so I think a lot of the creative control on which my hands were tied on a lot of choices—the music videos—things like that. And the first example is the newest video, they clearly wouldn't have allowed me to make that video. So we started writing new songs on the road—a bit like [David Bowie's album] Aladdin Sane—I think people can expect a new record a lot sooner than we [expected]. »

(IT)

« Siamo appena stati licenziati dalla Interscope, quindi penso molto al controllo creativo su cose per le quali le mie mani prima erano legate riguardo a molte scelte — i videoclip — robe del genere. E il primo esempio è il nuovo video, chiaramente non mi avrebbero permesso di realizzarlo. Quindi abbiamo iniziato a scrivere nuove canzoni 'on the road' — un po' come [l'album di David Bowie] Aladdin Sane — penso che la gente possa aspettarsi un nuovo disco molto più presto [di quanto noi stessi ci aspettassimo]. »

(Marilyn Manson, Metal Hammer[4])

Il 24 gennaio 2010, Manson confermò tramite il profilo MySpace ufficiale della band che "il nuovo album è ufficialmente in movimento"[10]. Nel mese di aprile 2010, Manson confermò durante la sua apparizione ai Revolver Golden Gods Awards che il gruppo aveva inciso 13 brani, uno dei quali sarebbe dovuto apparire come colonna sonora all'interno di una serie televisiva incentrata sui vampiri, salvo essere poi scartato. Parlò dell'album anche durante un'intervista con Full Metal Jackie, dicendo che "siamo a metà strada"[11].

Il libro ed il cortometraggio[modifica | modifica wikitesto]

Born Villain, cortometraggio diretto dall'attore Shia LaBeouf, ha fatto da "trailer" promozionale per l'album di imminente uscita[12]. L'idea del corto nacque dopo l'incontro di Manson e LaBeouf ad un concerto dei The Kills[13]. L'attore, che ha "sempre trovato intrigante" il cantante, si offrì di fare da regista per il suo prossimo videoclip[13]. Per convincerlo, LaBeouf mostrò a Manson Maniac — filmato che lo vide collaborare come regista con i rapper americani Kid Cudi e Cage[13]. Impressionato, Manson affidò all'aspirante regista il compito di creare un "making-of" al fine di documentare le fasi di registrazione e produzione dell'album[14][15][16].

Manson e LaBeouf realizzarono il corto nel mese di luglio 2011[12]. Il filmato riprende molti aspetti figurativi da svariate fonti di ispirazione diverse, tra cui il film di Alejandro Jodorowski La montagna sacra del 1973, il cortometraggio Un cane andaluso di Luis Buñuel e Salvador Dalí del 1929, Shakespeare e la teologia[13]. LaBeouf affermò che "abbiamo provato a rendere il 'Cane andaluso' mansoniano un macabro 'Macbeth' — una cosa del genere"[13]. Manson, dal canto suo, parlò del corto descrivendolo come "un omaggio e parodia della storia del Cinema"[8]. Il mese successivo, il sito ufficiale del cortometraggio annunciò che il filmato in questione sarebbe stato presentato il 28 agosto 2011 al Silent Theater di Los Angeles[17]. Il batterista Chris Vrenna disse che Born Villain non è un semplice videoclip ma "una cosa completa"[12]. Aggiunse anche che il corto contiene brevi inserti dell'album, nonché un assaggio dello stesso all'interno della colonna sonora[12].

Al progetto è stato affiancato anche un libro fotografico intitolato Campaign[13][18]. Pubblicato assieme al cortometraggio dalla Grassy Slope Entertainment (appartenente a LaBeouf) tramite vari rivenditori, il libro contiene immagini di Los Angeles scattate dallo stesso attore e dalla sua fidanzata, Karolyn Pho, durante una visita notturna alla città in compagnia di Manson[19]. Insieme al libro, è presente anche un DVD di Born Villain[13].

LaBeouf e Pho pubblicizzarono il progetto con un approccio anticonvenzionale, ovvero vandalizzando vari luoghi della città con volantini del libro e poster promozionali del cortometraggio[20]. Inoltre, venne offerta la possibilità di preordinare il libro in occasione di un piccolo evento all'interno di un negozio, durante il quale presenziarono LaBeouf e Manson, mentre il filmato venne proiettato il 1º settembre 2011 nel negozio Hennessey & Ingalls di Hollywood per i presenti[13].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Marilyn Manson affermò che i testi dell'album sarebbero stati "più romantici" e contemporaneamente "autolesionisti"[4]. Manson definì inoltre l'album "veramente death metal", manifestando interesse nel pubblicarlo in maniera diversa dai precedenti lavori del suo gruppo, e citando anche la sua amicizia con gli Slayer come una vaga influenza sul disco[21]. Il 7 maggio 2010, sia il comico statunitense Rudy Coby che l'artista newyorkese Nick Kushner[22] ebbero la possibilità di ascoltare in anteprima del materiale tratto dall'album, e Kushner definì su Facebook ciò che aveva sentito come "fottutamente hardcore". Parlando della direzione musicale della band, Manson affermò che Twiggy venne influenzato dalle esperienze vissute durante il tour del 2009, in particolare al Rockstar Mayhem Festival. Il 10 settembre, Manson e Twiggy presenziarono alla première della mostra d'arte di Kushner presso la galleria Studio Servitu di Los Angeles dove, su richiesta dello stesso Kushner, Manson trasformò lo show in un'improvvisata festa musicale durante la quale chi era presente ebbe modo di sentire l'intero album in anteprima. Alcuni giornalisti della rivista LA Weekly erano presenti all'evento e confermarono che la data di pubblicazione era stata fissata per il 2012[22]. Diedero anche le loro prime impressioni riguardo alla nuova musica, descrivendola come "artistica, drammatica, volgare, depravata [...] il Manson classico"[22]. Successivamente notarono la presenza di brani dal tempo più lento, e una traccia con "un ritornello super orecchiabile che potrebbe entrare in rotazione su KROQ-FM"[22] (stazione radiofonica americana). Lo stesso Manson spiegò che "il nuovo disco ha semplicemente l'ambizione e la determinazione di quando avevo appena iniziato a far musica. Suona come il primo album nel senso che non ha paura di nulla. Ho dovuto eliminare me stesso dal mio stile di vita e ricominciare da capo"[23][24].

Ispirazione[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista di marzo 2012 concessa alla rivista Revolver, Manson parlò a proposito dell'album dicendo:

(EN)

« [Not] really sound[ing] like any of my old records. In fact it sort of sounds like what I listened to before I made records, (Killing Joke, Joy Division, Revolting Cocks, Bauhaus, Birthday Party)... It's very rhythm-driven. It's actually very bluesy. It's the first record where I repeat verses. I just sing the words in a different key, the next time. I've never done that before, because I've always felt like I needed to write a lot of words in the past … I think this will probably be the grandest concept record of all. [...] [Born Villain] felt like making a first record because I went in with only ambition and only the confidence and determination to impress people that heard it for the first time. [...] Knowing that there might be people that have never heard my music and without being arrogant or ignorant knowing that they’ve heard it already. »

(IT)

« [Non] suona come nessuno dei miei vecchi dischi. In effetti suona come ciò che ascoltavo prima di iniziare a fare dischi, (Killing Joke, Joy Division, Revolting Cocks, Bauhaus, Birthday Party)... È molto ritmato. È sorprendentemente blues. È il primo disco in cui ripeto le strofe. Semplicemente canto le parole in una tonalità diversa, la volta successiva. Non l'ho mai fatto prima d'ora, perché ho sempre sentito il bisogno di scrivere una gran quantità di parole in passato... credo che questo sarà il più imponente concept album di tutti. [...] Con Born Villain ho avuto l'impressione di stare realizzando un disco d'esordio, perché l'ho portato avanti solo con l'ambizione, la sicurezza e la determinazione di voler impressionare la gente che lo ascolterà per la prima volta, [...] sapendo che ci potrebbero essere persone che non hanno mai sentito la mia musica e senza voler essere arrogante o ignorante sul fatto che invece potrebbero averla già sentita. »

(Marilyn Manson, intervista a Revolver, marzo 2012[23][24][25])

Sempre a proposito di Born Villain, Manson parlò nel mese di aprile 2012 in occasione di un'intervista con Loudwire:

(EN)

« Restriction creates the desire to have the necessity or the determination or confidence to deal with your situation. It's like a zombie movie, it's like being in prison, it's being stuck with one choice, survival. That's what this record is. I was given a choice. When I started making this record, I decided that I didn't like who I was. I didn't want to be who I used to be. I wanted to be who I knew I could be, and that's an evolving process. But the whole key to it is that if you stagnate, if you become something that no longer transforms, there's nothing that's inspirational about it. Whether it's nature and you see a peacock, or whatever it is, you pick who you're going to be in life and you need to be confident about it and stick with your gut instinct and don't waiver. It took me completely stripping my life away, moving into a place with black floors and white walls, putting all my things in storage and just taking my movies, my instruments, my cats and realizing, "I don't need anything else. All I need to do is fill this [room] full of something." I'm trying to take things back to the beginning. I was not calculating that way, I simply needed to realize that this is life. I needed to realize what I wanted out of life. I suddenly realized that I was the one who sat and drew my first flyer. I went to Kinko's, I printed it out, I put it on cars myself personally and I didn't have any songs at the time. With this record, I'll always remember more than any others. They weren't happy memories all the time. Everything has to be ups and downs or you're not an artist. If everything is happy, then who gives a shit, or if it's just a straight line, I won't give a shit either. If it's down, which is sometimes where I was more often than up, it's not inspiring. So I just wanted to make something that would make people feel something. I was playing it to people that were my friends. Some of them never heard my music before, never liked my music, whatever the situation was… but it's a challenge and I love a challenge. I had forgotten how much I love a challenge. »

(IT)

« Le restrizioni creano il desiderio di avere la necessità o la determinazione, la sicurezza di affrontare la situazione. È un po' come un film di zombie, è come essere in prigione, è l'essere bloccato con una scelta, la sopravvivenza. Questo è ciò che rappresenta questo disco. Mi è stata data la possibilità di fare una scelta. Quando ho iniziato a fare questo album, ho deciso che non mi piaceva colui che ero. Non volevo essere chi sono sempre stato. Volevo essere chi sapevo di poter essere, e questo è un processo evolutivo. Ma il punto in tutto ciò è che se resti sempre uguale, se diventi un qualcosa che non si trasforma più, non c'è più ispirazione. Che sia natura e tu vedi un pavone, o che sia qualsiasi altra cosa, tu prendi ciò che sarai nella vita e sentirai il bisogno di essere sicuro di ciò, e affrontare il tuo istinto e non tirarti indietro. Ho dovuto spogliare la mia vita, andare in un posto con pavimenti neri e muri bianchi, mettere via tutte le mie cose e prendere semplicemente i miei film, i miei strumenti, i miei gatti e realizzare "Non mi serve nient'altro. Tutto ciò che devo fare è riempire questa [stanza] con qualcosa". Sto provando a riportare le cose agli inizi. Non stavo studiando quella strada, semplicemente dovevo capire che questa è la vita. Dovevo capire cosa volevo dalla vita. Improvvisamente ho ricordato che io ero quello che si era seduto e aveva disegnato la sua prima locandina. Ero andato da Kinko, l'avevo stampata, l'avevo messa sulle macchine personalmente e ai tempi non avevo nemmeno una canzone. Questo disco mi porterà alla mente molti più ricordi di tutti gli altri. Non saranno sempre bei ricordi. Ogni cosa ha i suoi alti e i suoi bassi, altrimenti non sei un artista. Se tutto è felice, allora chi se ne fotte, o se tutto fosse semplicemente una linea diritta, non me ne fotterebbe niente in ogni caso. Se sei giù, e mi ci sono ritrovato molto più spesso di quante volte sono invece stato in alto, non hai l'ispirazione. Quindi volevo solo fare qualcosa che avrebbe fatto sentire qualcosa alla gente. Lo stavo suonando per le persone che mi sono state amiche. Alcune di loro non avevano mai sentito la mia musica prima, non l'avevano mai apprezzata, qualsiasi fosse la situazione... ma è una sfida e amo le sfide. Avevo dimenticato quanto io ami le sfide. »

(Marilyn Manson, intervista a Loudwire, aprile 2012[26])

Testi[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso di una recente intervista con Loudwire, Marilyn Manson ha parlato a proposito dei testi dei vari brani:

(EN)

« I feel like I did get to a point on my previous two records, not that I'm discrediting the music that I did or hating it or anything of that nature, I just feel that I started to change the way that I wrote because I wanted to open up. I was in a place where I could not figure out how to deal with being me. Me the person, not me as Marilyn Manson. Sometimes you don't know how the fuck to be yourself, because you're too confused by the circumstances you're in. Everyone goes through that (...) I realized that I started writing songs to make people feel how I felt, rather than just making them feel something. That's not the way I should do things. Especially because I felt shitty making those records. So I was basically making music to make people feel shittier, which in a sense with my sarcasm would be funny, but that wasn't my intention. If I was doing that on purpose... There are parts of this new record where I want people to feel shitty, where I use sounds that only dogs can hear that humans can't hear that actually make you nauseous inside, just because I was looking to meddle with people's reactions, but much more orchestrated from a directors point of view, as someone who wanted to tell a story, who wanted to tell people something that they would feel a reaction from. »

(IT)

« Mi sono sentito in dovere di fare il punto sui miei ultimi due dischi. Non che stia discreditando la musica che ho fatto, odiandola o quant'altro, semplicemente mi sono accorto che stavo iniziando a cambiare il mio modo di scrivere perché volevo aprirmi. Ero in un punto in cui non riuscivo più a capire come affrontare il fatto di essere me stesso. Me stesso come persona, non me stesso come Marilyn Manson. A volte non sai come cazzo fare ad essere te stesso, perché sei troppo confuso dalla circostanza nella quale ti trovi. Ci passano tutti (...) mi sono accorto di aver iniziato a scrivere canzoni per far capire alla gente come mi sentivo, piuttosto che per far sentire loro qualcosa. Non è questo il modo in cui devo fare le cose. Specialmente perché stavo di merda mentre facevo quei dischi. Quindi, sostanzialmente, stavo facendo musica per far sentire di merda la gente, che in un certo senso, col mio sarcasmo sarebbe anche divertente, ma non era quella la mia intenzione. Se lo avessi voluto fare di proposito... Ci sono parti di questo nuovo album in cui voglio esplicitamente che la gente si senta di merda, dove uso suoni che solo i cani possono sentire, che gli umani non riescono a percepire e che effettivamente ti rendono nauseato dentro, semplicemente perché stavo cercando di trafficare con le reazioni della gente, ma orchestrando più secondo il punto di vista di un direttore, come qualcuno che vuole raccontare una storia, che vuole dire alla gente qualcosa che possa creare una reazione nella gente stessa. »

(Marilyn Manson, intervista a Loudwire, aprile 2012[26])

Idee[modifica | modifica wikitesto]

Marilyn Manson raccontò a NME che Born Villain è "una questione di natura contro cultura: la gente viene cresciuta in maniera tale da essere cattiva o è solo vittima di calunnie come me?"[27]. In occasione di un'intervista con la CNN, Manson parlò a proposito del filo conduttore dell'album:

(EN)

« In any story, the villain is the catalyst. The hero's not a person who will bend the rules or show the cracks in his armor. He's one-dimensional intentionally, but the villain is the person who owns up to what he is and stands by it. He'll do the things that are sometimes morally questionable, but he does it because it's his nature to do it and it doesn't fluctuate. It's the fable of the frog and the scorpion, all those stories that just say, whatever you're going to be, stick to it in confidence. Don't waver or life will fuck you over. »

(IT)

« In qualsiasi storia, il cattivo è il catalizzatore. L'eroe non è una persona che piegherà le regole a suo piacimento o mostrerà le crepe nella sua armatura. È intenzionalmente a una sola dimensione, ma il cattivo è la persona che ammette la propria responsabilità per ciò che è e rappresenta. Farà cose che a volte sono moralmente discutibili, ma lo fa perché è insito nella sua natura farle e non barcolla. È la fiaba della rana e lo scorpione, tutte quelle storie dicono semplicemente, chiunque tu sarai, restaci fedele e abbi fiducia in te stesso. Non vacillare o la vita ti fotterà. »

(Marilyn Manson, intervista per la CNN, maggio 2012[28])

Distribuzione e produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'album è il primo della band dopo il termine del contratto con la Interscope Records nel 2009. È stato pubblicato in tutto il mondo il 1º maggio 2012. Per gran parte della prima metà del 2011, Marilyn Manson è sparito dai riflettori e ha interrotto ogni forma di comunicazione con i suoi fan e il mondo esterno[29].

Il singolo di traino dell'album, No Reflection, debuttò nelle radio il 7 marzo 2012, su KROQ Los Angeles. Fu pubblicato in formato digitale il 13 marzo su etichette Cooking Vinyl e Hell, etc., oltre un mese prima della pubblicazione dell'album. Il singolo fu pubblicato anche su supporto fisico il 21 aprile 2012, come vinile bianco in edizione limitata disponibile solo nel Regno Unito e in Europa, in occasione del Record Store Day. Un videoclip diretto da Lukas Ettlin[30][31] venne realizzato per promuovere il singolo, con la partecipazione di Roxane Mesquida. Il videoclip debuttò il 4 aprile 2012 sul canale ufficiale Vevo dei Marilyn Manson.

Il 22 maggio 2011, il sito ufficiale della band subì una completa revisione. Una brevissima anteprima di una nuova canzone, della durata di soli 26 secondi, provvisoriamente intitolata "I am among no one (excerpt from an undisclosed song with an unreleased title)"[32] fece la sua comparsa sulla home page completamente ridisegnata del sito, insieme ad un nuovo logo che stava ad indicare l'imminente arrivo del nuovo album, nonché l'inizio di una nuova era. Il logo consiste nella lettera M ripetuta quattro volte in uno schema a spirale, ognuna delle quali ha una gamba più lunga dell'altra. Alla fine della gamba blu e di quella gialla è presente il trigramma cinese ☲ (離 lí) dell'I Ching. Letto dall'alto verso il basso, forma l'esagramma 30, "radiosità", chiamato anche "l'aggrappato" e "la rete". L'origine del carattere affonda le sue radici negli uccelli dalla coda lunga, come il pavone o la leggendaria fenice. È possibile notare anche la colorazione CMYK, che in questo caso richiama un acrostico formato da Manson e annunciato tramite un bollettino che accompagnò il restyling del sito: "Christianity Manufactures Yesterdays Killers" (traducibile come "La cristianità fabbrica gli assassini di ieri")[32][33]. Nel mese di giugno 2011, Manson apparve in diretta streaming su Ustream nella trasmissione Fleischer's Universe diretta da Victor Borachuk, dove annunciò che il titolo del nuovo album sarebbe stato rivelato "entro una settimana". Rivelò inoltre una riga di testo, "The center of the universe cannot exist without edges", tratto da una canzone non ancora pubblicata. Nel dicembre 2010, Marilyn Manson realizzò un servizio fotografico che venne rubato e diffuso su Internet agli inizi del 2011[34].

I Marilyn Manson si esibirono ai Revolver Golden Gods Awards l'11 aprile 2012 insieme all'attore e chitarrista Johnny Depp, che salì sul palco insieme alla band per suonare insieme Sweet Dreams (Are Made of This) e The Beautiful People.

Tour[modifica | modifica wikitesto]

La prima tappa del tour mondiale di Born Villain chiamato "HEY, CRUEL WORLD" è stata a Brisbane in Australia il 24 febbraio in occasione del Soundwave Festival Leg.

Il 28 settembre a Phoenix è iniziato insieme alla band di Rob Zombie il Twins of Evil Tour che si è concluso il 12 dicembre 2012 in Italia a Bologna.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Manson.

  1. Hey, Cruel World... – 3:44 (musica: Twiggy, Vrenna)
  2. No Reflection – 4:36 (musica: Manson, Twiggy, Vrenna)
  3. Pistol Whipped – 4:10 (musica: Manson)
  4. Overneath the Path of Misery – 5:18 (musica: Manson, Twiggy, Vrenna)
  5. Slo-Mo-Tion – 4:24 (musica: Manson, Sablan, Twiggy, Vrenna)
  6. The Gardener – 4:39 (musica: Twiggy, Vrenna)
  7. The Flowers of Evil – 5:19 (musica: Twiggy, Vrenna)
  8. Children of Cain – 5:17 (musica: Manson)
  9. Disengaged – 3:25 (musica: Manson)
  10. Lay Down Your Goddamn Arms – 4:13 (musica: Twiggy, Vrenna)
  11. Murderers Are Getting Prettier Every Day – 4:18 (musica: Twiggy, Vrenna)
  12. Born Villain – 5:26 (musica: Manson, Twiggy, Vrenna)
  13. Breaking the Same Old Ground – 4:27 (musica: Twiggy, Vrenna)
Tracce bonus
  1. You're So Vain (featuring Johnny Depp[35][36]) – 4:02 (testo: Simon)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Born Villain - Marilyn Manson | Songs, Reviews, Credits, Awards | AllMusic
  2. ^ Marilyn Manson unveil comeback single 'No Reflection', su NME, IPC Media, 8 marzo 2012. URL consultato il 16 marzo 2012.
  3. ^ Masters of Madness Tour w/Alice Cooper - Marilyn Manson
  4. ^ a b c d James Gill, Marilyn Manson: "I'm Back With Evan Rachel Wood", su Metal Hammer, Future Publishing, 12 marzo 2009. URL consultato il 28 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2010).
  5. ^ Marilyn Manson splits with Interscope, su Blabbermouth.net, Borivoj Krgin, 3 dicembre 2009. URL consultato il 6 dicembre 2009.
  6. ^ James Gill, Marilyn Manson: "We’re Going To Play Each Album On A Different Night", su Metal Hammer, Future Publishing, 12 aprile 2009. URL consultato il 6 dicembre 2009.
  7. ^ Ginger Fish Announces Resignation, su Twitlonger.com, 24 febbraio 2011. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  8. ^ a b Marilyn Manson names eighth studio album as 'Born Villain', su NME, IPC Media, 2 settembre 2011. URL consultato il 2 settembre 2011.
  9. ^ Marilyn Manson artist profile on CookingVinyl.com, su Cooking Vinyl. URL consultato il 10 giugno 2011.
  10. ^ Marilyn Manson, Marilyn Manson on MySpace Music, su Myspace Music, News Corporation, 23 settembre 2009. URL consultato il 28 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2009).
  11. ^ [1] Youtube.
  12. ^ a b c d Bob Suehs, Army of the Universe: The Interview, su Rock N Roll Experience Magazine, Angelfire, 20 agosto 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  13. ^ a b c d e f g h Kara Warner, Shia LaBeouf Calls Marilyn Manson Video 'A Cool Diversion', su MTV News, MTV Networks (Viacom), 31 agosto 2011. URL consultato il 1º settembre 2011.
  14. ^ Marilyn Manson recruits Shia LaBeouf to document new album, su Kerrang!, Bauer Media Group, 1º luglio 2011. URL consultato il 1º luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2013).
  15. ^ Amos Barshad, Shia LaBeouf Told Regis and Kelly He's Working With Marilyn Manson, su Vulture, New York magazine, 1º luglio 2011. URL consultato il 1º luglio 2011.
  16. ^ Transformers star Shia LaBeouf set to shoot new Marilyn Manson documentary, su NME, IPC Media, 1º luglio 2011. URL consultato il 2 luglio 2011.
  17. ^ Born Villain Official Website, su Marilyn Manson and Shia LaBeouf, Marilyn Manson. URL consultato il 26 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2011).
  18. ^ Campaign Official Website, Shia LaBeouf & Karolyn Pho. URL consultato il 29 agosto 2011.
  19. ^ Born Villain (Book + DVD), Hennessey & Ingalls. URL consultato il 29 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2011).
  20. ^ Mallika Rao, 'Born Villain': The Shia LaBeouf/Marilyn Manson Collaboration Has Arrived, in The Huffington Post, AOL, 31 agosto 2011. URL consultato il 2 settembre 2011.
  21. ^ Marta Peterson, Marilyn Manson at Revolver Golden Gods Awards Interview, su Revolver TV, Future US, 4 agosto 2010. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  22. ^ a b c d Lina Lecaro, Marilyn Manson's Born Villain Tracks: We Heard Them First, su LA Weekly, Village Voice Media, 13 settembre 2011. URL consultato il 14 settembre 2011.
  23. ^ a b Katie P, Marilyn Manson will release new album Born Villain on April 30, su Kerrang, Bauer Media Group, 9 marzo 2012. URL consultato il 16 marzo 2012.
  24. ^ a b Kory Grow, Marilyn Manson Premieres New Song "No Reflection", su Revolver, Future US, 8 marzo 2012. URL consultato il 16 marzo 2012.
  25. ^ http://www.themusicnetwork.com/music-features/artists/2012/03/15/marilyn-manson-born-villain/
  26. ^ a b Graham Hartmann, Marilyn Manson: ‘Born Villain’ Is My Comeback, su Loudwire, Loudwire. URL consultato l'11 aprile 2012.
  27. ^ http://musicfeeds.com.au/news/marilyn-manson-guest-appearance-in-californication/
  28. ^ Marilyn Manson on his new album 'Born Villain' - CNN.com, in CNN, 1º maggio 2012.
  29. ^ Marilyn Manson stars in My Chemical Romance-esque pop video, su Kerrang!, Bauer Media Group, 18 marzo 2011. URL consultato il 4 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2011).
  30. ^ Marilyn Manson 'No Reflection', su RollingStone.com, Wenner Media, 4 aprile 2012. URL consultato il 17 aprile 2012.
  31. ^ MARILYN MANSON: 'No Reflection' Video Released, su Blabbermouth, 4 aprile 2012. URL consultato il 17 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2012).
  32. ^ a b Marilyn Manson previews eighth studio album online, su NME, IPC Media, 23 maggio 2011. URL consultato l'11 giugno 2011.
  33. ^ Marilyn Manson, Rapeture, su Marilynmanson.com, Marilyn Manson, 22 maggio 2011. URL consultato il 23 maggio 2011.
  34. ^ 2010–2011 The New Era Imagery, su Marilyn Manson, MansonWiki. URL consultato il 10 giugno 2011.
  35. ^ Johnny Depp, Marilyn Manson Team Up For 'You're So Vain' Cover, su The Huffington Post, AOL, 19 marzo 2012. URL consultato il 19 marzo 2012.
  36. ^ Ben Lowe, Johnny Depp To Feature On Marilyn Manson's New LP!, su MTV UK, Viacom, 20 marzo 2012. URL consultato il 21 marzo 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal