Running to the Edge of the World

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Running to the Edge of the World
Artista Marilyn Manson
Autore/i Manson, Ramirez, Vrenna
Genere Rock alternativo
Pubblicazione
Incisione The High End of Low
Data 20 maggio 2009
Etichetta Interscope Records
Durata 6 min : 25 s
The High End of Low – tracce
Precedente
Blank and White
Successiva
I Want to Kill You Like They Do in the Movies

Running to the Edge of the World è un brano musicale dei Marilyn Manson contenuto nell'album The High End of Low del 2009.

Il titolo della canzone è stato rivelato il 7 aprile 2009 da un blog che ha parlato, oltre che di questa, anche di altre otto canzoni del disco[1].

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Metal Hammer ha recensito Running to the Edge of the World sul suo blog ufficiale.

« Con più chitarre acustiche, questa suona inizialmente come il materiale da solista di Bon Jovi degli anni Novanta. Ma poi i click/bip elettronici entrano in scena e sai che è in arrivo uno sgradevole contrasto. Manson entra con una triste - quasi depressa - frase riguardante case che bruciano. Arrivano poi gli archi, il lento sgobbone arranca e senza una melodia forte il ritornello suona come Love Is All Around dei Wet Wet Wet. Gli intelligenti giochi di parole di Manson sono sempre stati uno dei suoi aspetti più interessanti, e tristemente sembra esserne rimasto a secco. Le interessanti otto battute e mezzo non bastano per salvare questo brano dall'essere piuttosto insipido — specialmente quando i suoi sei minuti e mezzo sembrano offrire poco per giustificare tale durata »

(Metal Hammer[1])

In una recensione del brano per Thrash Hits, Hugh Platt criticò Running to the Edge of the World per essere "più che un semplice cugino spirituale di The Speed of Pain"[2], brano contenuto nel disco Mechanical Animals.

John Robb per The Quietus descrisse Running to the Edge of the World come "una grande ballata rock, ma ovviamente ha un cuore annerito e bruciacchiato", paragonandola al materiale del primo David Bowie e dicendo che sarebbe stata il secondo singolo tratto da The High End of Low, anche se non è poi stato così. Robb non si soffermò su altro nella propria recensione, se non sul fatto che "il bizzarro cambiamento nello stile rende questo brano uno dei momenti meno credibili dell'album"[3].

Nella sua recensione per Allmusic, anche Phil Freeman, che si dichiarò non soddisfatto dell'album, paragonò la canzone ai lavori di Bowie, descrivendola come "Un'epica ballata bowieniana (chitarra acustica, archi) che avrebbe potuto essere grandiosa se solo fosse stata due minuti più corta"[4].

La frase "Together as one, against all others" è probabilmente un riferimento al videoclip di Heart-Shaped Glasses (When the Heart Guides the Hand), nel cui finale Manson dice "together as one" ed Evan Rachel Wood risponde "against all others". Il brano è autobiografico, in quanto il cantante descrive la recente rottura con la compagna Evan Rachel Wood, attrice statunitense, nonché "musa" del precedente album del rocker Eat Me, Drink Me.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Screenshot dal videoclip del brano.

Il 10 e 11 settembre 2009 Manson pubblicò sul suo profilo MySpace tre screenshot tratti dal videoclip. Le prime due foto furono incluse nell'album fotografico "video stills from the future", mentre la terza fu aggiunta il giorno dopo nell'album "My Mobile Photos". Il 4 novembre il video fu pubblicato ufficialmente sul sito della band. Era apparso sul sito già due giorni prima con il titolo "test1", ma fu rimosso dopo poche ore.

Il video è stato diretto dallo stesso Manson e da Nathan "Karma" Cox, che già aveva diretto il videoclip di Personal Jesus. Mostra Manson vestito con una camicia bianca mentre canta la canzone davanti alla telecamera, nascondendosi parzialmente con una tenda. Sul finale del video, Manson picchia a morte una ragazza interpretata da Kelly Polk, che probabilmente rappresenta la sua ex Evan Rachel Wood[5][6][7][8].

Il videoclip presenta anche alcune similitudini con il film American Psycho, particolarmente la scena in cui Marilyn Manson firma il libro degli ospiti con un solo guanto indossato, nello stesso modo in cui lo fa il personaggio di Christian Bale, Patrick Bateman, nel film in questione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Marilyn Manson 'High End Of Low' Album Track-By-Track. Metal Hammer. April 7, 2009.
  2. ^ Album: Marilyn Manson - The High End Of Low. Hugh Platt. Thrash Hits. May 25, 2009
  3. ^ Marilyn Manson's High End Of Low Reviewed Track-By-Track. John Robb. The Quietus. May 12, 2009
  4. ^ The High End of Low. Phil Freeman. Allmusic. May 16, 2009.
  5. ^ Running to the Edge of the World - The Marilyn Manson Wiki, Mansonwiki.com. URL consultato il 1º settembre 2011.
  6. ^ Marilyn Manson - Personal Jesus, youtube.com. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  7. ^ Nathan Karma Cox, wn.com. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  8. ^ Running To The Edge Of The World, amazon.com. URL consultato il 10 gennaio 2014.