Nitzer Ebb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nitzer Ebb
Paese d'origine Inghilterra Inghilterra
Genere Musica elettronica
Electro-industrial
Periodo di attività 1982 – in attività
Album pubblicati 10
Sito web

I Nitzer Ebb (pronuncia night-zer o nit-zer— la pronuncia è in entrambi i modi) è un gruppo musicale britannico che si è formato nel 1982 in Essex da compagni di scuola Douglas McCarthy (voce, synth), e Vaughan (Bon) Harris synth e percussioni, e David Gooday.

Gli inizi — Basic Pain Procedure (1983)[modifica | modifica wikitesto]

Nitzer Ebb cominciarono quando Douglas McCarthy incontrò Bon Harris. Essi avevano in comune un interesse per la stregoneria, parlare agli alberi, e raccogliere pietre a Chelmsford e a Little Baddow, Inghilterra. Essi presero ispirazione dalle band punk di quell'epoca DAF, Killing Joke, e Bauhaus. Nell'agosto del 1983, il gruppo registrò il primo demo tape, Basic Pain Procedure. Questo raro demo includeva otto canzoni. (Faded Smiles, Tradition, The Home, Star, The Pass, The Book, Crane, Trust Ran in Colours) Il trio debuttò con degli show in piccoli locali, ma la loro presenza in stile militare e l'energia della loro musica cominciò a guadagnarsi l'apprezzamento del pubblico sempre maggiore e presto iniziarono a suonare in club più grandi e a fare concerti. Combinando l'energia del punk con l'impulso elettronico dei DAF, fecero apparire il loro primo singolo Isn't It Funny How Your Body Works il 7 gennaio 1985 per un'etichetta discografica autoprodotta la Power Of Voice Communications, e la loro musica divenne presto una scena fissa nei club. Un doppio A-sided singolo, "Warsaw Ghetto"/"So Bright So Strong," seguì nel 1985 e confermò l'acclamo della critica e del pubblico. Due ulteriori uscite, "Let Your Body Learn"/"Get Clean" e "Murderous" furono pubblicate su Power of Voice Communications prima che firmassero un contratto con la Mute Records. Le registrazioni della band ebbero la licenza della Geffen Records per la distribuzione negli Stati Uniti, ciò portò la band ad una vicissitudine per il passaggio della distribuzione dalla Warner Bros. Records alla MCA Records.

That Total Age (1987)[modifica | modifica wikitesto]

In maggio 1987, l'album di debutto per la Mute Records (Geffen/Warner Bros. negli US), That Total Age, fece subito una hit con bass ritmo e voci arrabbiate di "Join in the Chant" e "Let Your Body Learn." Entrambi i pezzi furono apprezzati nella scena dei club europei e all'ombra del nascente movimento Balearic Beat. Alla band fu chiesto di essere la band di apertura per il tour dei Depeche Mode for the Masses tour.

Belief (1989)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988, Doug e Bon prepararono il perfetto album elettronico, risultante come secondo album del gruppo, Belief. Preceduto dal pezzo classico “Control, I'm Here,” l'album fu pubblicato nel 1989 e fu co-prodotto da Flood (Depeche Mode, U2), che produssero anche i seguenti 3 album e remixarono altri pezzi. La band era ora composta da un duo Harris e McCarthy, con Julian Beeston alle percussioni. Due ulteriori singoli “Hearts & Minds” e “Shame” furono pubblicati nel 1989 con straordinari remix di Daniel Miller e William Orbit.

Showtime/As Is/Ebbhead (1990-1991)[modifica | modifica wikitesto]

Showtime, pubblicato nel 1990, mostra la band che si sposta dai criteri 4/4, 130-bpm dance e esplora altri generi musicali forme jazz, rock, blues continuando a suonare nel loro stile. Il primo singolo, "Lightning Man," divenne una hit dance con il suo clarinetto jazzante e la voce di Doug. La canzone è generalmente riconosciuta come sperimentale e spinge i confini della musica originale oltre gli schemi di quel tempo. Nitzer Ebb avevano anche trovato il favore di etichette internazionali grazie al supporto dei Depeche Mode, che chiesero loro di essere la band che li accompagnava nei loro tour World Violation Tour negli US. Depeche Mode furono spesso visti indossare magliette che supportavano i Nitzer Ebb, notoriamente per lo più durante il periodo del video per Enjoy the Silence (da notare sul retro della copertina, nelle didascalie la frase: prodotto da Alan Wilder e Flood ).