Boris I di Bulgaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Boris I Michele (in bulgaro Борис I Михаил, Boris I Mihail; ... – 2 maggio 907) fu Knjaz sovrano di Bulgaria dall'852 all'889. Assunse il nome Michele nell'864, all'atto del suo battesimo, in onore del suo padrino, l'imperatore bizantino Michele III. Viene annoverato tra i santi e celebrato il 2 maggio.

Boris si destreggiò tra le popolazioni dell'area balcanica, riuscendo a consolidare il dominio dei Bulgari. Nell'864 si convertì al Cristianesimo, in cambio della pace con l'Impero bizantino. Cercò di mantenere la Chiesa ortodossa bulgara il più indipendente possibile dal Patriarcato di Costantinopoli. Durante il suo regno i santi Cirillo e Metodio introdussero l'alfabeto glagolitico.

Nell'889 abdicò a favore del figlio Vladimiro, ritirandosi in monastero, ma quando questi tentò di restaurare il paganesimo (893), Boris tornò, lo depose e mise sul trono il terzo figlio, Simeone I.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jordan Andreev, Ivan Lazarov, Plamen Pavlov, Koj koj e v srednovekovna Bălgarija, Sofia 1999.
  • John V.A. Fine Jr., The Early Medieval Balkans, Ann Arbor, 1983.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Knjaz di Bulgaria Successore
Presian 852889 Vladimiro
Controllo di autorità VIAF: (EN88656641 · LCCN: (ENn82010577 · ISNI: (EN0000 0000 7818 7873 · GND: (DE119377616