Giorgio II di Bulgaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio II di Bulgaria
Zar di Bulgaria
Stemma
In carica 1322 –
1323
Impero bulgaro
Predecessore Teodoro Svetoslav di Bulgaria
Successore Michele Asen III di Bulgaria
Nascita 1307
Morte 1323
Dinastia Terteroba coat of arms.jpg Terteridi
Padre Teodoro Svetoslavo
Madre Eufrosina Paleologina
Consorte celibe
Figli nessuno
Religione Cristianesimo ortodosso

Giorgio II di Bulgaria (spesso citato come Giorgio Terter II, in lingua bulgara Георги Тертер II; ... – 1323) è stato un sovrano bulgaro, imperatore (zar) di Bulgaria dal 1322 al 1323. La data estta della sua nascita non è nota ma dovrebbe essere nato non prima del 1307.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Teodoro Svetoslav ed Eufrosina, e portava il nome di suo nonno Giorgio Terter I. Potrebbe aver governato come co-imperatore, assieme a suo padre, nel 1321, ma le fonti non sono chiare. Dopo la morte di suo padre nel 1322, venne attivamente coinvolto nellaguerra civile dell'impero bizantino, tra Andronico II Paleologo e suo nipote Andronico III Paleologo. Approfittando della situazione Giorgio Terter II invase la Tracia bizantina e, incontrando poca resistenza, nel 1322 conquistò la grande città di Filippopoli (Plovdiv) e parte dell'area circostante. I bulgari vi installarono un presidio sotto il comando di un generale di nome Ivan il Russo, e uno scriba di corte lodò Giorgio II dicendolo "possessore dello scettro bulgaro e di quello greco". Una nuova campagna, nello stesso anno, portò alla sottomissione di varie fortezze intorno ad Adrianopoli, ma venne poi sconfitto da Andronico III. L'imperatore bizantino era pronto per un'invasione della Bulgaria, quando ricevette la notizia della morte di Giorgio II, pare per cause naturali.

Giorgio II morì giovanissimo e non lasciò nessun figlio conosciuto. Gli succedette il suo lontano cugino Michele Asen III, più noto come Michele Shishman.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52843698 · GND (DE132220385 · CERL cnp00859788 · WorldCat Identities (EN52843698