Bombycidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bombycidae
Seidenspinner-drawing.jpg
Bombyx mori
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
Superfamiglia Bombycoidea
Famiglia Bombycidae
Latreille, 1802
Sottofamiglie

I Bombicidi (Bombycidae Latreille, 1802) sono una famiglia di Lepidotteri, che annovera 185 specie, diffuse in tutto il mondo.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

Le falene di questa famiglia presentano di regola un corpo tondeggiante e molto peloso. Le parti boccali sono atrofizzate, in quanto in questo taxon gli adulti non si alimentano
Nelle ali anteriori, l'apice è spesso leggermente uncinato (Carter, 1993).

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Il bruco è solo apparentemente liscio, ma ad un'osservazione più attenta, rivela una pelosità densa e fine; di solito abbastanza rigonfio nella parte anteriore, mostra un unico cornetto caudale carnoso (Carter, 1993).

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

La crisalide è rivestita di un bozzolo sericeo, spesso di rilevante valore economico, come nel caso della specie più nota, il Baco da seta o Bombice del moro (Bombyx mori) (Chinery, 1987).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'areale della famiglia copre tutti i continenti, ma con una forte predominanza dell'Ecozona orientale, di cui è originaria (Carter, 1993).

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli adulti sono attivi durante la notte. I maschi vengono attirati, grazie a sensibilissimi recettori posti sulle antenne, da feromoni sessuali liberati da speciali ghiandole, poste nell'addome delle femmine.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

I bruchi parassitano soprattutto piante delle famiglie Urticaceae e Moraceae (Carter, 1993).

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sottofamiglie[modifica | modifica wikitesto]

Le fasi dello sviluppo di Bombyx mori

La sistematica interna di questo taxon è molto incerta e discussa; vengono riconosciute due sottofamiglie, per un totale di trentuno generi:

Tuttavia altre fonti riportano anche una terza sottofamiglia (Apatelodinae), di norma elevata al rango di famiglia (vedi Apatelodidae), ed una quarta sottofamiglia (Oberthuerinae), dai più considerata una tribù delle Prismostictinae (Oberthuerini).

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Non sono stati riportati sinonimi.

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lemaire, C. & Minet, J., The Bombycoidea and their Relatives, in Kristensen, N. P. (Ed.) - Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies, Kükenthal, W. (Ed.), Fischer, M. (Scientific Ed.), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, ristampa 2013, Berlino, New York, Walter de Gruyter, 1999 [1998], pp. 321 - 354, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917. URL consultato il 17 dicembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bertaccini E., Fiumi G. & Provera P., 1995 – Bombici & Sfingi d'Italia (Lepidoptera Heterocera) Volume I. Natura - Giuliano Russo Editore, Bologna, 248 pp. 16 tavv. a colori.
  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • Carter, David, 1993 - Farfalle e falene. 304 pp.; Fabbri Editori; ISBN 88-450-4452-1
  • Chinery, M., Ordine Lepidoptera - Farfalle diurne e notturne, in Guida degli insetti d'Europa - Atlante illustrato a colori, Scienze Naturali, Manicastri, C. e Marangoni, C. (traduttori), 1ª edizione, Padova, Franco Muzzio Editore, aprile 1987 [1985], pp. 375, ISBN 88-7021-378-1, OCLC 847305825.
  • Chinery, Michael, 1989 - Farfalle d'Italia e d'Europa. 323 pp.; De Agostini/Collins; ISBN 88-402-0802-X
  • D'Abrera, Bernard, 1980 - Butterflies of the Afrotropical Region. 593 pp.; Lansdowne Editions ; ISBN 0-7018-1029-7
  • D'Abrera, Bernard, 2006 - World Butterflies. 272 pp.; Hill House Publishers; ISBN 0-947352-46-5
  • Freina J. de & Witt T.J., 1987 - Die Bombyces und Sphinges der Westpalaearktis (Insecta, Lepidoptera) Band 1. Edition Forschung & Wissenschaft Verlag GmbH, München, 708 pp., 46 Farbtaf.; ISBN 3-926285-00-1
  • (EN) Grimaldi, D. A.; Engel, M. S., Evolution of the insects, Cambridge [U.K.]; New York, Cambridge University Press, maggio 2005, pp. xv + 755, ISBN 978-0-521-82149-0, LCCN 2004054605, OCLC 56057971.
  • (EN) Kristensen, N. P. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies, Kükenthal, W. (Ed.), Fischer, M. (Scientific Ed.), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, ristampa 2013, Berlino, New York, Walter de Gruyter, 1999 [1998], pp. x, 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • Landman Wijbren, 2001 - The Complete Encyclopedia of Moths. 272 pp.; Grange Books; ISBN 1-84013-409-7
  • Leraut, Patrice, 1992 - Le farfalle nei loro ambienti. 255 pp.; Ed. A. Vallardi (ecoguide); ISBN 88-11-93907-0
  • Lewis, H. L., 1974 - Butterflies of the World; ISBN 0-245-52097-X
  • Opler Paul, Pavulaan Harry, Stanford Ray, Pogue Michael - Butterflies and Moths of North America; Mountain Prairie Information Node
  • Opler & Warren, 2003 - Butterflies of North America. 2. Scientific Names List for Butterfly Species of North America, north of Mexico.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum, 2011 [1992], pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • (EN) Stehr, F. W. (Ed.), Immature Insects, 2 volumi, seconda edizione, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt Pub. Co., 1991 [1987], pp. ix, 754, ISBN 978-0-8403-3702-3, LCCN 85081922, OCLC 13784377.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4282889-2