Zygaenidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Zygaenidae
Zygaena ephialtes.jpg
Zygaena ephialtes
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
Superfamiglia Zygaenoidea
Famiglia Zygaenidae
Latreille, 1809
Sottofamiglie

Gli Zigenidi (Zygaenidae Latreille, 1809) sono una famiglia di Lepidotteri appartenente alla superfamiglia Zygaenoidea. Comprendono circa 800 specie nel mondo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pur essendo delle falene, hanno abitudini diurne. Il volo è piuttosto lento, le antenne claviformi, talvolta bipettinate nei maschi delle Procridinae. L'apertura alare è in genere di 3-4 cm.
L'aspetto è di una lucentezza metallica. Nelle Zygaeninae prevalgono i colori blu o nero con macchie sgargianti di colore bianco, rosso o giallo. Nelle Procridinae dominano invece il verde o l'azzurro, a tinta unita. Le Chalcosiinae sono rappresentate in Europa dall'unica specie Aglaope infausta, una piccola farfalla di colore grigio e rosa, ma molte specie dell'Asia sudorientale hanno ali ampie e colori vivaci che ricordano le farfalle diurne o le Erebidae Arctiinae.
I colori brillanti sono aposematici, cioè rappresentano un avvertimento per i predatori, che le Zigenidi sono disgustose: infatti, in tutti gli stadi del loro ciclo vitale, contengono sostanze tossiche, in particolare Acido cianidrico (HCN), che ricavano da piante come Lotus ma che riescono a sintetizzare anche autonomamente qualora nell'ambiente manchino piante produttrici di tali sostanze. Spesso queste colorazioni sono simili a quelle di altre specie aposematiche appartenenti a famiglie filogeneticamente anche lontane, come le Erebidae, o addirittura ad altri ordini di insetti (mimetismo mülleriano).

Le larve di due sottofamiglie, Chalcosiinae e Zygaeninae, presentano delle cavità in cui immagazzinano il cianuro e da cui secernono alcune gocce come meccanismo di difesa.

Il bruco è generalmente giallo o giallo verdastro, con macchie nere e/o bianche, e di forma tozza. Le Zygaena si sviluppano prevalentemente su Leguminose, ad esempio Securigera varia, (sottogeneri Zygaena e Agrumenia) o su Ombrellifere (sottogenere Mesembrynus), mentre le Procridinae presentano una maggiore varietà di piante alimentari.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle Zigenidi è tropicale e il maggior numero di specie si riscontra in Asia, ma sono molto diffuse anche nelle regioni a clima temperato, come tutta l'area del Mar Mediterraneo, fino ai 2000 m di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia delle Zygaenidae comprende le seguenti sottofamiglie, tre delle quali sono presenti anche in Europa:

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bertaccini E. & Fiumi G., Bombici & Sfingi d’Italia (Lepidoptera Heterocera) Volume III., Bologna, Giuliano Russo Editore, 1999, pp.159 13 tavv. a colori..
  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • (EN) Grimaldi, D. A.; Engel, M. S., Evolution of the insects, Cambridge [U.K.]; New York, Cambridge University Press, maggio 2005, pp. xv + 755, ISBN 978-0-521-82149-0, LCCN 2004054605, OCLC 56057971.
  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies, in Kristensen, N. P. (a cura di), Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter, 1999 [1998], pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • (EN) Naumann C.M., Tarmann G.M. & Tremewan W.G., 1999 - The Western Palaearctic Zygaenidae (Lepidoptera). Apollo Books, Stenstrup, 304 pp.
  • Sbordoni V. & Forestiero S., 1984 - Il mondo delle farfalle. Arnoldo Mondadori Editore, 312 pp.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum, 2011 [1992], pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • (EN) Stehr, F. W. (Ed.), Immature Insects, 2 volumi, seconda edizione, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt Pub. Co., 1991 [1987], pp. ix, 754, ISBN 978-0-8403-3702-3, LCCN 85081922, OCLC 13784377.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4189798-5