Falena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Falene" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Falene (disambigua).
La falena Opodiphthera eucalypti, della famiglia delle Saturniidae

Le falene sono degli insetti che, come le farfalle, appartengono all'ordine dei lepidotteri.

Una falena su un pavimento di marmo a Calcutta, in India

La distinzione di comodo del passato è tra macrolepidotteri o "Macrolepidoptera" (che comprendono le farfalle e le famiglie di falene di dimensioni maggiori) e microlepidotteri o "Microlepidoptera" (le famiglie con esemplari di dimensioni minori, a volte due mm di apertura alare, anche se alcuni sono più grandi). Gli eteroceri[non chiaro] vengono talvolta indicati anche come macroeteroceri o “Macroheterocera” per distinguerli dai microlepidotteri. Queste distinzioni, pur non essendo più ritenute valide, vengono talvolta utilizzate dagli entomologi per ragioni pratiche, dato che corrispondono a differenze nei metodi di studio dei diversi gruppi.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola "falena" deriva dal termine greco phálaina[1] (ϕάλαινα o ϕάλλαινα).[senza fonte]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Tali creature sono animali notturni, attivi perciò soprattutto durante le ore successive al tramonto. Nonostante questa caratteristica esse sono attratte dalle fonti luminose per un fenomeno chiamato dagli esperti "fototassi", riscontrabile anche in altre specie animali, il quale provoca attrazione (come nel caso delle falene) o repellenza dalla luce.[2]

Tale fenomeno è ancora materia di dibattito nell'ambiente dei ricercatori, si pensa che possa essere dovuto all'abitudine di insetti simili a orientarsi in base alla posizione degli astri visibili nel cielo notturno, cosa che provoca confusione e disorientamento quando essi si imbattono nelle luci artificiali.[2]

Questi insetti contano numerosissime specie all'interno dell'ordine dei Lepidoptera, molto maggiori rispetto alle simili farfalle.[3]

Note per la distinzione dalla farfalla[modifica | modifica wikitesto]

  • La falena è un insetto principalmente notturno; anche il così detto "bruco", o meglio la larva, è inclusa nella famiglia dei lepidotteri. Si distingue dalla farfalla anche per la presenza di colori più spenti, al contrario del simile lepidottero che presenta una vita diurna e dei colori sgargianti fin dalla fase della larva.[3]
  • Le antenne delle falene, a differenza di quelle delle farfalle, possono avere diverse forme: pennate o bipennate, cioè ramificate come un pettine, filiformi, oppure a bastoncello, mentre le ali, a riposo, sono chiuse a tetto o aperte. A differenza delle farfalle, è errata la convinzione che siano velenose (visto che alcune specie possono presentarne in piccole o medie quantità)[contengono veleno o no?][senza fonte].

Nutrimento[modifica | modifica wikitesto]

La dieta delle falene è molto varia: Esse si possono nutrire di lana, nettare, corteccia e diversi detriti organici. Una delle loro fonti principali di nutrimento è la cheratina, presente nella lana, nei capelli e nella pelle umana. A ciò si deve il frequente infestamento da parte delle falene di armadi e cassetti in cui riponiamo i nostri indumenti.

Esse si nutrono, come già detto, anche di materiale organico, sia in uno stato di putrefazione che in vita; infatti alcune specie di falena si comportano come parassiti di piante e alberi. Esse sono conosciute per cibarsi di corteccia e nettare, abitudine che le rende anche insetti impollinatori.[3]

Nel folklore[modifica | modifica wikitesto]

Le falene sono considerate popolarmente animali misteriosi per via del loro essere animali notturni. Esse sono associate a cattivi presagi e a sventure. In alcune culture si credeva che le falene fossero l'anima di una strega che cerca il suo corpo.[3]

I nativi americani hanno sempre considerato le falene con grande riguardo, a causa della loro capacità di adattamento, sopravvivenza e trasformazione.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricerca | Garzanti Linguistica, su www.garzantilinguistica.it. URL consultato il 16 marzo 2021.
  2. ^ a b Perché gli insetti notturni sono così attratti dalla luce, tanto da finire bruciati nelle lampade? - In Rete con la Redazione, su ANSA.it. URL consultato il 16 marzo 2021.
  3. ^ a b c d Falena: caratteristiche, significato e cose da sapere su questo insetto, su Tuttogreen, 11 aprile 2019. URL consultato il 16 marzo 2021.
  4. ^ Roberto Rossi, Falene: significato simbolico e leggende, su GreenStyle, 9 agosto 2020. URL consultato il 16 marzo 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 33462 · LCCN (ENsh85087552 · GND (DE4171063-0 · BNF (FRcb12006068h (data) · BNE (ESXX535550 (data)
Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi