Ditrysia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ditrysia
Samia cynthia adult male sjh.JPG
Samia cynthia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
Börner, 1925
Superfamiglie
  • vedi testo

I Ditrysia Börner, 1925[1] rappresentano la maggiore e la più evoluta tra le quattro divisioni in cui viene suddiviso l'infraordine Heteroneura, appartenente all'ordine Lepidoptera.[2] Comprendono 154.784 specie, pari a oltre il 98% delle farfalle e delle falene descritte (dato aggiornato al 23.12.2011).[3][4][5][6]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Adulto[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica sinapomorfica più evidente, che contraddistingue la divisione e ne determina il nome, è la presenza, nell'apparato riproduttore femminile, di due separate aperture genitali, una destinata all'accoppiamento, e l'altra all'ovodeposizione. Le ali non presentano microtrichi, e le nervature non sono molto sviluppate.[3]
Il meccanismo di accoppiamento tra le ali, che permette il sincronismo nel movimento di queste ultime durante il volo, assume un valore sistematico. La maggior parte delle superfamiglie possiede un accoppiamento frenulo-reticolare, nel quale una singola setola oppure un gruppo di setole (il frenulum), poste sulla costa delle ali posteriori, si aggancia alla parte posteriore della pagina inferiore dell'ala anteriore, in corrispondenza di un piccolo uncino o un gruppo di scaglie (il retinaculum); è questo ad esempio il caso delle Sphingidae, ma si può affermare con buona approssimazione che questo modello rappresenti praticamente la regola all'interno dei Ditrysia; fanno tuttavia eccezione i Tortricoidea ed alcuni Zygaenoidea, nei quali il frenulum è fortemente ridotto o assente. Va inoltre sottolineato che nei Papilionoidea e nei Bombycoidea (escluse le Sphingidae), si osserva invece un accoppiamento alare definito amplessiforme, in cui l'area umerale dell'ala posteriore si espande fino a diventare un ampio lobo, che forma una sorta di sovrapposizione tra le due ali.[3][7][8][9][10][11][12][13][14]
Come in tutti gli Heteroneura, il primo sternite addominale è andato perso, ma qui in particolare, fatta eccezione per i Tineoidea, i Gracillarioidea e gli Yponomeutoidea, tutte le altre superfamiglie presentano un secondo sternite addominale di tipo tortricomorfo, tanto da essere state riunite nel clade Apoditrysia da Minet nel 1983.[15][16]
L'apparato boccale è tipicamente di tipo succhiante: le mandibole, dopo la fase pupale sono atrofizzate oppure, in alcuni gruppi primitivi, sono presenti ma hanno perso la loro funzionalità, non essendo articolate; i lobi interni delle mascelle (lacinie) sono atrofizzati, e comunque non sclerotizzati, mentre i lobi esterni (galee) sono invece molto allungati e contrapposti a formare il canale della spirotromba, ovvero un apparato utile alla suzione, che in fase di riposo viene riavvolto a spirale. In talune famiglie, tuttavia, a seguito di un adattamento secondario, la spirotromba si riduce fino ad essere rudimentale e non funzionante o addirittura assente (p.es. nei Lasiocampidae).[3][5] Il lobo prelabio-ipofaringeo è assente.[4]
La forma e la struttura delle antenne rappresenta un altro carattere di valore tassonomico, anche se non sempre condiviso; mentre le famiglie appartenenti ai Papilionoidea mostrano antenne clavate (Rhopalocera), quelle delle altre superfamiglie possono assumere le forme più varie (Heterocera), ed in particolare i rappresentanti dei taxa dalle Drepanoidea in poi, dotati di dimensioni maggiori, sono stati riuniti da Thomas Algernon Chapman nel clade Macroheterocera (1893).[17]
I sessi sono spesso molto differenti, sia nella colorazione, sia nelle dimensioni, sia nella struttura dell'addome.[3]
L'apertura alare è molto variabile, andando da 1,5 mm (Brephidium exile, fam. Lycaenidae), a oltre 300 mm (Attacus atlas, fam. Saturniidae).[3]

Uovo[modifica | modifica sorgente]

La forma dell'uovo, e più in dettaglio la struttura della sua superficie, variano molto da gruppo a gruppo, e talvolta persino da specie a specie all'interno della stessa famiglia; è tuttavia possibile tracciare alcune linee di tendenza generale. Chapman (1896) riassunse le varie tipologie di uovo in due macrocategorie, in funzione della loro forma: 1) Uova erette, in cui l'asse micropilare è perpendicolare alla superficie di appoggio; 2) Uova appiattite, in cui tale asse corre parallelo al substrato. Chapman osservò per esempio che il modello eretto è più frequente tra i Noctuoidea ed i Papilionoidea, mentre il tipo appiattito è più diffuso nel resto dei taxa, ad esempio tra i Bombycoidea, dove ha superficie più liscia, e tra i Geometroidea, ove invece appare più scanalato.[3][18]

Larva[modifica | modifica sorgente]

La larva, detta comunemente bruco per quanto riguarda i lepidotteri, rappresenta lo stadio in cui ogni specie cerca di accumulare le riserve alimentari che le permetteranno di effettuare la metamorfosi in immagine. Questo è vero particolarmente per quelle famiglie in cui l'adulto ha perso la capacità di alimentarsi e svolge esclusivamente la funzione di accoppiamento (p. es. Lasiocampidae, Erebidae Lymantriinae), ma è valido anche per i taxa in cui l'adulto si alimenta attivamente tramite la spirotromba (come p. es. nelle Nymphalidae).[3]

Hinton (1947) pose l'accento sulla struttura del capo, ed in particolare della sutura epicraniale e delle suture frontali, analizzando come queste due caratteristiche anatomiche variassero nei differenti gruppi.[19] La lunghezza della sutura epicraniale è in relazione all'angolo con cui il capo è posizionato rispetto al torace. Nelle specie in cui le larve si alimentano libere, il capo è ipognato con sutura epicraniale lunga (ad es. nelle Pieridae), mentre nelle specie in cui i bruchi si alimentano nascosti all'interno di cavità, il capo è semiprognato, con sutura epicraniale breve (p. es. nelle Lyonetiidae o in alcune Coleophoridae). Nelle famiglie in cui la larva è una minatrice fogliare, infine, come nel caso delle Tortricidae, il capo tende ad essere decisamente prognato e la sutura epicraniale arriva al punto di scomparire del tutto, tanto che le suture frontali reggiungono il solco epicraniale, e la fronte perde la caratteristica forma a triangolo, per diventare trapezoidale.[3][19]
Nella maggior parte delle famiglie, in prossimità del labium, è presente una filiera, che viene utilizzata per tessere il bozzolo in cui il bruco si ritira per proseguire lo sviluppo.[4]

Pupa[modifica | modifica sorgente]

I Ditrysia, come tutti i Lepidoptera, sono insetti olometaboli, quindi vanno incontro ad una fase pupale, interposta tra la larva e l'adulto, durante la quale la trasformazione più evidente è rappresentata dallo sviluppo delle ali.[3]
La pupa può essere dectica, quando sono presenti mandibole funzionali ed una discreta capacità di movimento, oppure adectica, qualora sia priva di mandibole funzionanti e sia del tutto immobile.[20] La pupa dectica è sempre definita anche exarata, ossia possiede appendici libere e distaccabili. La pupa adectica può essere exarata oppure obtecta, con appendici cementate o fuse con il corpo;[3] all'interno dei Ditrysia, tutte le pupe adectiche sono obtecte, e rappresentano i gruppi più evoluti, pur con qualche rara eccezione.[3][20][21]
In particolare, oggi si includono nel clade Obtectomera tutte le superfamiglie dalle Whalleyanoidea in poi (vedi cladogramma seguente), mentre fino agli anni '90 del XX secolo si intendevano per Obtectomera le superfamiglie dalle Epermenioidea in poi.[3][16]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Le varie superfamiglie sono rinvenibili in tutto il mondo, dall'estremo nord fino alle isole antartiche, pur con una maggiore ricchezza nelle fasce tropicali e sub-tropicali, giungendo a colonizzare praticamente ogni ecosistema sulla terra emersa.[3]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Gli adulti delle specie che possiedono un apparato boccale funzionante, possono nutrirsi di una svariata gamma di substrati, dal nettare dei fiori, come nel caso delle Pieridae, fino al polline, alla linfa o ai fluidi derivanti dalla frutta in decomposizione o dalle carcasse animali (ad es. alcune Nymphalidae).[3] Caliptra minuticornis e C. eustrigata (Noctuidae) hanno sviluppato la capacità di perforare la cute degli animali e dell'uomo, per alimentarsi del loro sangue (ematofagia), mentre Lobocraspis griseifusa (Nolidae) sugge il secreto lacrimale dall'occhio dei bufali d'acqua in Thailandia.[22][23][24] Gli adulti di alcune Sphingidae (Acherontia atropos, Laothoe populi e Sphinx ligustri) riescono a "rubare" il miele dei favi, direttamente perforandoli dall'esterno.[25]

Le larve della stragrande maggioranza dei Ditrysia si alimentano a spese dei tessuti vegetali delle piante ospite, ma non esclusivamente delle foglie, bensì anche dei meristemi, delle radici, come Noctua pronuba (Noctuidae), nonché del legno del tronco, come nel caso di Zeuzera pyrina (Cossidae). Esistono anche casi di larve che si accrescono alimentandosi di funghi, di carcasse di animali, delle feci di volpe, come Monopis weaverella (Tineidae), oppure della cera e del miele degli alveari, come nel caso di Achroia grisella (Pyralidae).[3]
Un caso interessante di predazione è rappresentato dai bruchi di alcune specie di Eupithecia (Geometridae) delle Hawaii, che imitano la forma ed il colore di un ramoscello, ma appena un insetto cerca di posarvisi stimolando le appendici sensoriali, scattano all'improvviso e lo catturano per divorarlo.[26]
Le larve di un'altra specie Hawaiiana, Hyposmocoma molluscivora (Cosmopterigidae), creano una trappola simile ad una ragnatela, con cui catturano i gasteropodi del genere Tornatellides, per poi mangiarli vivi.[27]

Parassitismo[modifica | modifica sorgente]

Larva di Manduca sexta parassitata da vespa braconide

I bruchi di diverse specie di Ditrysia subiscono parassitismo da parte di altri insetti, fondamentalmente appartenenti agli ordini Diptera (ad es. Tachinidae) ed Hymenoptera (p. es. Braconidae, Chalcididae, Ichneumonidae, Trichogrammatidae), che inoculano le proprie uova nella larva, che verrà in seguito utilizzata come riserva alimentare.[28] Le forme di parassitismo osservate si possono distinguere essenzialmente in due categorie: idiobionti e coinobionti, a seconda che il parassita permetta o meno all'ospite di proseguire lo sviluppo, e giungere a metamorfosi dopo l'attacco.[3][29]
Nel parassitismo idiobionte (più primitivo), il bruco viene immobilizzato o ucciso all'atto della deposizione delle uova, e solitamente riguarda le specie che si alimentano libere sulle foglie della pianta ospite.[3][29]
I parassiti coinobionti, al contrario, attaccano di solito le larve di specie che si alimentano nascoste all'interno delle foglie (come nel caso delle minatrici fogliari), che continuano lo sviluppo postembrionale, offrendo pertanto una maggiore protezione alla prole del parassita.[3][29]

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Superfamiglie[modifica | modifica sorgente]

La tassonomia di questo gruppo è abbastanza controversa, in quanto di frequente vengono pubblicati nuovi studi che modificano la posizione di alcuni taxa.[30]
La divisione comprende 29 superfamiglie, a loro volta suddivise in 110 famiglie, 15.384 generi e 154.784 specie (al 23.12.2011):[3][4][5][6]

  • Superfamiglia Alucitoidea Leach, 1815 (2 famiglie, 21 generi, 235 specie)
    • Famiglia Alucitidae Leach, 1815 (9 generi, 216 specie)
    • Famiglia Tineodidae Meyrick, 1885 (12 generi, 19 specie)
  • Superfamiglia Bombycoidea Latreille, 1802 (10 famiglie, 507 generi, 4.723 specie)
    • Famiglia Anthelidae Turner, 1904 (9 generi, 94 specie)
    • Famiglia Apatelodidae Neumoegen & Dyar, 1894 (10 generi, 145 specie)
    • Famiglia Bombycidae Latreille, 1802 (26 generi, 185 specie)
    • Famiglia Brahmaeidae Swinhoe, 1892 (7 generi, 65 specie)
    • Famiglia Carthaeidae Common, 1966 (1 genere, 1 specie)
    • Famiglia Endromidae Boisduval, 1828 (12 generi, 59 specie)
    • Famiglia Eupterotidae Swinhoe, 1892 (53 generi, 339 specie)
    • Famiglia Phiditiidae Minet, 1994 (4 generi, 23 specie)
    • Famiglia Saturniidae Boisduval, 1837 (169 generi, 2,349 specie)
    • Famiglia Sphingidae Latreille, 1802 (206 generi, 1,463 specie)
  • Superfamiglia Calliduloidea Moore, 1877 (1 famiglia, 7 generi, 49 specie)
  • Superfamiglia Carposinoidea Walsingham, 1897 (2 famiglie, 28 generi, 326 specie)
  • Superfamiglia Choreutoidea Stainton, 1858 (1 famiglia, 18 generi, 406 specie)
    • Famiglia Choreutidae Stainton, 1858 (18 generi, 406 specie)
  • Superfamiglia Cossoidea Leach, 1815 (7 famiglie, 380 generi, 2.881 specie)
    • Famiglia Brachodidae Agenjo, 1966 (14 generi, 137 specie)
    • Famiglia Castniidae Boisduval, 1828 (34 generi, 113 specie)
    • Famiglia Cossidae Leach, 1815 (151 generi, 971 specie)
    • Famiglia Dudgeoneidae Berger, 1958 (6 generi, 57 specie)
    • Famiglia Metarbelidae Strand, 1909 (18 generi, 196 specie)
    • Famiglia Ratardidae Hampson, 1898 (3 generi, 10 specie)
    • Famiglia Sesiidae Boisduval, 1828 (154 generi, 1,397 specie)
  • Superfamiglia Drepanoidea Boisduval, 1828 (3 famiglie, 126 generi, 672 specie)
    • Famiglia Cimeliidae Chrétien, 1916 (2 generi, 6 specie)
    • Famiglia Doidae Donahue & Brown, 1987 (2 generi, 6 specie)
    • Famiglia Drepanidae Boisduval, 1828 (122 generi, 660 specie)
  • Superfamiglia Epermenioidea Spuler, 1910 (1 famiglia, 10 generi, 126 specie)
    • Famiglia Epermeniidae Spuler, 1910 (10 generi, 126 specie)
  • Superfamiglia Galacticoidea Minet, 1986 (1 famiglia, 3 generi, 19 specie)
  • Superfamiglia Gelechioidea Stainton, 1854 (21 famiglie, 1.478 generi, 18.489 specie)
  • Superfamiglia Geometroidea Leach, 1815 (4 famiglie, 2.107 generi, 23.748 specie)
    • Famiglia Epicopeiidae Swinhoe, 1892 (9 generi, 20 specie)
    • Famiglia Geometridae Leach, 1815 (2.002 generi, 23.002 specie)
    • Famiglia Sematuridae Guenée,1858 (6 generi, 40 specie)
    • Famiglia Uraniidae Leach, 1815 (90 generi, 686 specie)
  • Superfamiglia Gracillarioidea Stainton, 1854 (3 famiglie, 118 generi, 2.216 specie)
  • Superfamiglia Hyblaeoidea Hampson, 1903 (1 famiglia, 2 generi, 18 specie)
    • Famiglia Hyblaeidae Hampson, 1903 (2 generi, 18 specie)
  • Superfamiglia Immoidea Common, 1979 (1 famiglia, 6 generi, 245 specie)
    • Famiglia Immidae Common, 1979 (6 generi, 245 specie)
  • Superfamiglia Lasiocampoidea Harris, 1841 (1 famiglia, 224 generi, 1.952 specie)
  • Superfamiglia Mimallonoidea Burmeister, 1878 (1 famiglia, 27 generi, 194 specie)
    • Famiglia Mimallonidae Burmeister, 1878 (27 generi, 194 specie)
  • Superfamiglia Noctuoidea Latreille, 1809 (6 famiglie, 3.772 generi, 42.407 specie)
    • Famiglia Erebidae Leach, 1815 (1.760 generi, 24.569 specie)
    • Famiglia Euteliidae Grote, 1882 (29 generi, 520 specie)
    • Famiglia Noctuidae Latreille, 1809 (1.089 generi, 11.772 specie)
    • Famiglia Nolidae Bruand, 1847 (186 generi, 1.738 specie)
    • Famiglia Notodontidae Stephens, 1829 (704 generi, 3.800 specie)
    • Famiglia Oenosandridae Miller, 1991 (4 generi, 8 specie)
  • Superfamiglia Papilionoidea Latreille, 1802 (7 famiglie, 1.815 generi, 18.768 specie)
    • Famiglia Hedylidae Guenée, 1858 (1 genere, 36 specie)
    • Famiglia Hesperiidae Latreille, 1809 (570 generi, 4.113 specie)
    • Famiglia Lycaenidae Leach, 1815 (416 generi, 5.201 specie)
    • Famiglia Nymphalidae Rafinesque, 1815 (559 generi, 6.152 specie)
    • Famiglia Papilionidae Latreille, 1802 (32 generi, 570 specie)
    • Famiglia Pieridae Swainson, 1820 (91 generi, 1.164 specie)
    • Famiglia Riodinidae Grote, 1895 (1827) (146 generi, 1.532 specie)
  • Superfamiglia Pterophoroidea Latreille, 1802 (1 famiglia, 90 generi, 1.318 specie)
    • Famiglia Pterophoridae Latreille, 1802 (90 generi, 1.318 specie)
  • Superfamiglia Pyraloidea Latreille, 1809 (2 famiglie, 2.075 generi, 15.576 specie)
    • Famiglia Crambidae Latreille, 1810 (1.020 generi, 9.655 specie)
    • Famiglia Pyralidae Latreille, 1809 (1.055 generi, 5.921 specie)
  • Superfamiglia Schreckensteinioidea Fletcher, 1929 (1 famiglia, 2 generi, 8 specie)
  • Superfamiglia Simaethistoidea Minet, 1991 (1 famiglia, 2 generi, 4 specie)
  • Superfamiglia Thyridoidea Herrich-Schäffer, 1846 (1 famiglia, 93 generi, 940 specie)
    • Famiglia Thyrididae Herrich-Schäffer, 1846 (93 generi, 940 specie)
  • Superfamiglia Tineoidea Latreille, 1810 (3 famiglie, 604 generi, 3.823 specie)
    • Famiglia Eriocottidae Spuler, 1898 (6 generi, 80 specie)
    • Famiglia Psychidae Boisduval, 1829 (241 generi, 1.350 specie)
    • Famiglia Tineidae Latreille, 1810 (357 generi, 2.393 specie)
  • Superfamiglia Tortricoidea Latreille, 1802 (1 famiglia, 1.071 generi, 10.387 specie)
    • Famiglia Tortricidae Latreille, 1802 (1.071 generi, 10.387 specie)
  • Superfamiglia Urodoidea Kyrki, 1988 (1 famiglia, 3 generi, 66 specie)
    • Famiglia Urodidae Kyrki, 1988 (3 generi, 66 specie)
  • Superfamiglia Whalleyanoidea Minet, 1991 (1 famiglia, 1 genere, 2 specie)
  • Superfamiglia Yponomeutoidea Stephens, 1829 (10 famiglie, 229 generi, 1.756 specie)
    • Famiglia Argyresthiidae Bruand, 1850 (1 genere, 157 specie)
    • Famiglia Attevidae Mosher, 1916 (1 genere, 52 specie)
    • Famiglia Bedelliidae Meyrick, 1880 (1 genere, 16 specie)
    • Famiglia Heliodinidae Heinemann & Wocke, 1876 (13 generi, 69 specie)
    • Famiglia Glyphipterigidae Stainton, 1854 (28 generi, 535 specie)
    • Famiglia Lyonetiidae Stainton, 1854 (32 generi, 204 specie)
    • Famiglia Plutellidae Guenée, 1845 (48 generi, 150 specie)
    • Famiglia Praydidae Moriuti, 1977 (3 generi, 47 specie)
    • Famiglia Yponomeutidae Stephens, 1829 (95 generi, 363 specie)
    • Famiglia Ypsolophidae Guenée, 1845 (7 generi, 163 specie)
  • Superfamiglia Zygaenoidea Latreille, 1809 (12 famiglie, 544 generi, 3.296 specie)
    • Famiglia Aididae Schaus, 1906 (2 generi, 6 specie)
    • Famiglia Cyclotornidae Meyrick, 1912 (1 genere, 5 specie)
    • Famiglia Dalceridae Dyar, 1898 (11 generi, 80 specie)
    • Famiglia Epipyropidae Dyar, 1903 (9 generi, 32 specie)
    • Famiglia Heterogynidae Rambur, 1866 (1 genere, 10 specie)
    • Famiglia Himantopteridae Rogenhofer, 1884 (11 generi, 80 specie)
    • Famiglia Lacturidae Heppner, 1995 (8 generi, 120 specie)
    • Famiglia Limacodidae Duponchel, 1845 (301 generi, 1.672 specie)
    • Famiglia Megalopygidae Herrich-Schäffer, 1855 (23 generi, 232 specie)
    • Famiglia Phaudidae Kirby, 1892 (3 generi, 15 specie)
    • Famiglia Somabrachyidae Hampson, 1920 (4 generi, 8 specie)
    • Famiglia Zygaenidae Latreille, 1809 (170 generi, 1.036 specie)
  • Superfamiglia: incertae sedis (3 famiglie, 31 generi, 134 specie)
    • Famiglia Douglasiidae Heinemann & Wocke, 1876 (2 generi, 29 specie)
    • Famiglia Millieriidae Heppner, 1982 (3 generi, 4 specie)
    • Famiglia Prodidactidae Epstein & Brown, 2003 (1 genere, 1 specie)
    • Famiglia: incertae sedis (25 generi, 100 specie)

Fa seguito un cladogramma (ricavato da Kristensen et al., 2007 e da Van Nieukerken et al., 2011) che illustra i rapporti di vicinanza filogenetica tra le diverse superfamiglie; le superfamiglie da Simaethistoidea in poi sono riunite negli Apoditrysia Minet, 1983, quelle da Whalleyanoidea in poi, negli Obtectomera Minet, 1986, e quelle da Drepanoidea in poi, nei Macroheterocera Chapman, 1893.[3][6][15][16][17][31]

Ditrysia (154.784)
Incertae sedis (104)

Incertae sedis (100)



Millieriidae (4)



Tineoidea (3.823)

Eriocottidae (80)



Psychidae (1.350)



Tineidae (2.393)



Gracillarioidea (2.216)

Roeslerstammiidae (53)



Bucculatricidae (297)



Gracillariidae (1.866)



Yponomeutoidea (1.756)

Yponomeutidae (363)



Argyresthiidae (157)



Plutellidae (150)



Glyphipterigidae (535)



Ypsolophidae (163)



Attevidae (52)



Praydidae (47)



Heliodinidae (69)



Bedelliidae (16)



Lyonetiidae (204)



Apoditrysia (146.885)
Incertae sedis (30)

Prodidactidae (1)



Douglasiidae (29)



Simaethistoidea

Simaethistidae (4)



Gelechioidea (18.489)

Autostichidae (638)



Lecithoceridae (1.200)



Xyloryctidae (524)



Blastobasidae (377)



Oecophoridae (3.308)



Schistonoeidae (1)



Lypusidae (21)



Chimabachidae (6)



Peleopodidae (28)



Elachistidae (3.201)



Syringopaidae (1)



Coelopoetidae (3)



Stathmopodidae (408)



Epimarptidae (4)



Batrachedridae (99)



Coleophoridae (1.386)



Momphidae (115)



Pterolonchidae (8)



Scythrididae (669)



Cosmopterigidae (1.792)



Gelechiidae (4.700)



Alucitoidea (235)

Tineodidae (19)



Alucitidae (216)



Pterophoroidea

Pterophoridae (1.318)



Carposinoidea (326)

Copromorphidae (43)



Carposinidae (283)



Schreckensteinioidea

Schreckensteiniidae (8)



Epermenioidea

Epermeniidae (126)



Urodoidea

Urodidae (66)



Immoidea

Immidae (245)



Choreutoidea

Choreutidae (406)



Galacticoidea

Galacticidae (19)



Tortricoidea

Tortricidae (10.387)



Cossoidea (2.881)

Brachodidae (137)



Cossidae (971)



Dudgeoneidae (57)



Metarbelidae (196)



Ratardidae (10)



Castniidae (113)



Sesiidae (1.397)



Zygaenoidea (3.296)

Epipyropidae (32)



Cyclotornidae (5)



Heterogynidae (10)



Lacturidae (120)



Phaudidae (15)



Dalceridae (80)



Limacodidae (1.672)



Megalopygidae (232)



Aididae (6)



Somabrachyidae (8)



Himantopteridae (80)



Zigaenidae (1.036)



Obtectomera (109.049)
Whalleyanoidea

Whalleyanidae (2)



Thyridoidea

Thyrididae (940)



Hyblaeoidea

Hyblaeidae (18)



Calliduloidea

Callidulidae (49)



Papilionoidea (18.768)

Papilionidae (570)



Hedylidae (36)



Hesperiidae (4.113)



Pieridae (1.164)



Riodinidae (1.532)



Lycaenidae (5.201)



Nymphalidae (6.152)



Pyraloidea (15.576)

Pyralidae (5.921)



Crambidae (9.655)



Mimallonoidea

Mimallonidae (194)



Macroheterocera (73.502)
Drepanoidea (672)

Cimeliidae (6)



Doidae (6)



Drepanidae (660)



Lasiocampoidea

Lasiocampidae (1.952)



Bombycoidea (4.723)

Apatelodidae (145)



Eupterotidae (339)



Brahmaeidae (65)



Phiditiidae (23)



Anthelidae (94)



Carthaeidae (1)



Endromidae (59)



Bombycidae (185)



Saturniidae (2.349)



Sphingidae (1.463)



Geometroidea (23.748)

Epicopeiidae (20)



Sematuridae (40)



Uraniidae (686)



Geometridae (23.002)



Noctuoidea (42.407)

Oenosandridae (8)



Notodontidae (3.800)



Erebidae (24.569)



Euteliidae (520)



Nolidae (1.738)



Noctuidae (11.772)








Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

Non sono stati riportati sinonimi.[3]

Alcune specie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carl Julius Bernard Börner, Lepidoptera. Schmetterlinge in Brohmer, P. (Ed.). Fauna aus Deutschland, 1925, pp. 358-387.
  2. ^ Carl Julius Bernard Börner, Die Grundlagen meines Lepidopterensystems. Verhandlungen VII Internationalen Kongresses für Entomologie 2: 1372-1424, 1939.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v (EN) Malcolm J. Scoble, The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, Londra, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. 192-404. ISBN 978-0-19-854952-9.
  4. ^ a b c d Niels Peder Kristensen, Studies on the morphology and systematics of the primitive Lepidoptera (Insecta). Steenstrupia 10: 141-191, 1984.
  5. ^ a b c John L. Capinera (Editor), Encyclopedia of Entomology, 2nd Ed., Springer Reference, 2008. ISBN 1402062427, ISBN 9781402062421.
  6. ^ a b c (EN) Erik J. Van Nieukerken, Lauri Kaila, Ian J. Kitching, Niels P. Kristensen, David C. Lees, Joël Minet, Charles Mitter, Marko Mutanen, Jerome C. Regier, Thomas J. Simonsen, Niklas Wahlberg, Shen-horn Yen, Reza Zahiri, David Adamski, Joaquin Baixeras, Daniel Bartsch, Bengt Å. Bengtsson, John W. Brown, Sibyl Rae Bucheli, Donald R. Davis, Jurate De Prins, Willy De Prins, Marc E. Epstein, Patricia Gentili-Poole, Cees Gielis, Peter Hättenschwiler, Axel Hausmann, Jeremy D. Holloway, Axel Kallies, Ole Karsholt, Akito Y. Kawahara, Sjaak (J.C.) Koster, Mikhail V. Kozlov, J. Donald Lafontaine, Gerardo Lamas, Jean-François Landry, Sangmi Lee, Matthias Nuss, Kyu-Tek Park, Carla Penz, Jadranka Rota, Alexander Schintlmeister, B. Christian Schmidt, Jae-Cheon Sohn, M. Alma Solis, Gerhard M. Tarmann, Andrew D. Warren, Susan Weller, Roman V. Yakovlev, Vadim V. Zolotuhin, Andreas Zwick, Order Lepidoptera Linnaeus, 1758. In: Zhang, Z.-Q. (Ed.) Animal biodiversity: An outline of higher-level classification and survey of taxonomic richness in Zootaxa, vol. 3148, 23 dicembre 2011, pp. 212–221. ISSN 1175-5326 (Print Edition) & ISSN 1175-5334 (Online Edition). URL consultato il 28 aprile 2012.
  7. ^ (EN) Robert John Tillyard, The panorpoid complex. Part i - the wing-coupling apparatus, with special reference to the Lepidoptera in Proceedings of the Linnean Society of New South Wales, 43, 1918, pp. 285-319 + 2 pls.
  8. ^ John Henry Comstock, The Wings of Insects. xvii+430 pp. + 10 pls., New York, 1918.
  9. ^ (EN) Janet Sharplin, A flexible cuticle in the wing basis of Lepidoptera in Canadian Entomologist, vol. 95, 1963a, pp. 96-100.
  10. ^ (EN) Janet Sharplin, Wing base structure in Lepidoptera I. Fore wing base in Canadian Entomologist, vol. 95, 1963b, pp. 1024-1050.
  11. ^ (EN) Janet Sharplin, Wing base structure in Lepidoptera II. Hind wing base in Canadian Entomologist, vol. 95, 1963c, pp. 1121-1145. (Abstract).
  12. ^ (EN) Janet Sharplin, Wing folding in Lepidoptera in Canadian Entomologist, vol. 96, 1964, pp. 148-149.
  13. ^ (EN) J.B. Heppner, Duckworth W.D., Classification of the superfamily Sesioidea (Lepidoptera:Ditrysia) in Smithsonian Contributions to Zoology, vol. 314, 1981, pp. 144 pp..
  14. ^ Niels Peder Kristensen, Lepidoptera, moths and butterflies in Maximilian Fischer (Ed.): Handbook of Zoology. Vol. 1 - Vol. 4, Parte 35 – Arthropoda: Insecta, Berlino e New York, de Gruyter, 1998. URL consultato il 28 aprile 2012.
  15. ^ a b (FR) Joël Minet, Étude morphologique et phylogénétique des organes tympaniques des Pyraloidea. 1. Généralites et homologies. (Lep. Glossata) in Annales Société Entomologique de France, vol. 19, 1983, pp. 175-207.
  16. ^ a b c (FR) Joël Minet, Ébauche d'une classification modern de l'ordre des Lépidoptères in Alexanor, vol. 14, 1986, pp. 291-313.
  17. ^ a b (EN) Thomas Algernon Chapman, On some neglected points in the structure of the pupae of Heterocerous Lepidoptera, and their probable value in classification; with some associated observations on larval prolegs in Transactions of the Entomological Society of London, vol. 43, 1893, pp. 97-119. URL consultato il 28 aprile 2012.
  18. ^ (EN) Thomas Algernon Chapman, On the phylogeny and evolution of the Lepidoptera from a pupal and oval standpoint in Transactions of the Entomological Society of London, vol. 1896, 1896, pp. 567-587.
  19. ^ a b (EN) Howard Everest Hinton, The dorso cranial areas of caterpillars in Annals and Magazine of Natural History, vol. 14, 1947, pp. 843-852.
  20. ^ a b (EN) Howard Everest Hinton, A new classification of insect pupae in Proceedings of the Zoological Society of London, vol. 116, 1946, pp. 282-382.
  21. ^ (EN) J. P. Brock, Pupal protrusion in some bombycoid moths (Lepidoptera) in Entomologist's Gazette, vol. 41, n. 3, 1990, pp. 91-97. ISSN 0013-8894. (Abstract). URL consultato il 28 aprile 2012.
  22. ^ (EN) Hans Bänziger, Skin-piercing blood sucking moths II: studies on a further 3 adult Caliptra [Calpe] sp. (Lepid., Noctuidae) in Acta Tropica, vol. 36, 1979, pp. 23-37.
  23. ^ (EN) Hans Bänziger, Skin-piercing blood sucking moths III: feeding act and piercing mechanism of Calyptra eustrigata (Hmps.) (Lep., Noctuidae) in Mitteilungen der schweizerischen entomologischen Gesellschaft, vol. 53, 1980, pp. 127-142.
  24. ^ (EN) Hans Bänziger, Lacryphagous Lepidoptera recorded for the first time in Laos and China in Mitteilungen der schweizerischen entomologischen Gesellschaft, vol. 56, 1983, pp. 73-82.
  25. ^ (EN) M. J. Norris, The feeding-habits of adult Lepidoptera Heteroneura in Transactions of the Royal Entomological Society of London, vol. 85, 1936, pp. 61-90. DOI:10.1111/j.1365-2311.1936.tb00239.x. (Abstract). URL consultato il 28 aprile 2012.
  26. ^ (EN) Naomi E. Pierce, Predatory and parasitic Lepidoptera: Carnivores living on plants in Journal of the Lepidopterist's Society, vol. 49, n. 4, 1995, pp. 412-453. URL consultato il 28 aprile 2012.
  27. ^ (EN) D. Rubinoff, Haines, W.P., Web-spinning caterpillar stalks snails in Science, vol. 309, n. 5734, luglio 2005, p. 575. DOI:10.1126/science.1110397. (Abstract). URL consultato il 28 aprile 2012.
  28. ^ (EN) C. Pucci, Dominici, M., Biological notes and cyclical outbreaks of Theresimima ampelophaga Bayle-Barelle (Lep., Zygaenidae) in Journal of Applied Entomology, vol. 101, n. 1-5, gennaio/dicembre 1986, pp. 479–491. DOI:10.1111/j.1439-0418.1986.tb00882.x. (Abstract). URL consultato il 28 aprile 2012.
  29. ^ a b c (EN) I. D. Gauld, Evolutionary patterns of host utilization by ichneumonoid parasitoids (Hymenoptera: Ichneumonidae and Braconidae) in Biological Journal of the Linnean Society, vol. 35, 1988, pp. 351-377.
  30. ^ Niels Peder Kristensen, Phylogeny of major lepidopteran groups in Ferholm, B., Bremer, K., and Jornvall, H. (Eds). The Hierarchy of Life, Elsevier, 1989, pp. 281–294.
  31. ^ (EN) Niels Peder Kristensen, Scoble, Malcolm J. & Karsholt Ole, Lepidoptera phylogeny and systematics: the state of inventorying moth and butterfly diversity in Zootaxa, vol. 1668, 21 dicembre 2007, pp. 699-747. URL consultato il 28 aprile 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ackery, P. R., 1984 - Systematics and faunistic studies on butterflies. In Vane-Wright, R.I. and Ackery, P.R. (Eds). The Biology of Butterflies. pp. 9–21. Academic Press, London.
  • Boggs, C. L., W. B. Watt, and P. R. Ehrlich, eds. 2003 - Butterflies: Ecology and Evolution Taking Flight. University of Chicago Press, Chicago and London.
  • Brock, J. P., 1971 - A contribution towards an understanding of the morphology and phylogeny of the Ditrysian Lepidoptera. Journal of Natural History 5: 29-102.
  • Carter, D., 1993 - Farfalle e falene. 304 pp; Fabbri Editori; ISBN 88-450-4452-1
  • Chinery, M., 1987 - Guida degli insetti d'Europa. 375 pp.; Franco Muzzio Editore; ISBN 88-7021-378-1
  • Clench, H. K., 1957 - Cossidae from Chile (Lepidoptera). Mitteilungen der Münchner entomologischen Gesellschaft 47: 122-142 + pls 4-6.
  • Common, I. F. B., 1970 - Lepidoptera. In Mackerras, I.M. (Ed.). The Insects of Australia. pp. 765–866. Melbourne University Press, Melbourne.
  • Common, I. F. B., 1975 - Evolution and classification of the Lepidoptera. Annual Revue of Entomology 20: 183-203.
  • Common, I. F. B., 1979 - The larva and pupa of Imma acosma (Turner) and I. vaticina Meyrick (Lepidoptera: Immidae) and the taxonomic relationships of the family. Journal of the Australian Entomological Society 18: 33-38.
  • D'Abrera, B., 1986 - Sphingidae Mundi. Hawkmoths of the World, 226 pp. E.W. Classey, Faringdon.
  • D'Abrera, B., 2006 - World Butterflies. 272 pp.; Hill House Publishers; ISBN 0-947352-46-5
  • Dugdale, J. S. 1974 - Female genital configuration in the classification of Lepidoptera. New Zealand Journal of Zoology 1: 127-146.
  • Dugdale, J. S., Kristensen N. P., Robinson G. S. and Scoble M. J., 1999 - The non-Glossatan Moths. Ch. 13, pp. 217–233 in Kristensen, N. P. (Ed.). Lepidoptera, Moths and Butterflies. Volume 1: Evolution, Systematics, and Biogeography. Handbuch der Zoologie. Eine Naturgeschichte der Stämme des Tierreiches / Handbook of Zoology. A Natural History of the phyla of the Animal Kingdom. Band / Volume IV Arthropoda: Insecta Teilband / Part 35: 491 pp. Walter de Gruyter, Berlin, New York.
  • Dugdale, J. S., Kristensen, N. P., Robinson, G. S. and Scoble, M. J., 1999 - The smaller Microlepidoptera-grade superfamilies. Pages 217-232 in: Lepidoptera: Moths and Butterflies. 1. Evolution, Systematics, and Biogeography. Handbook of Zoology Vol. IV, Part 35. N. P. Kristensen, ed. De Gruyter, Berlin and New York.
  • Fänger, H., 2004 - Comparative morphology of tergal phragmata occurring in the dorsal thoraco-abdominal junction of ditrysian Lepidoptera (Insecta). Zoomorphology, 119 (3): 163-183.pdf
  • Franclemont, J. G., 1973 - Mimallonoidea; Bombycoidea (in part) in Dominick R.B. et al. (Eds). Moths of America North of Mexico 20 (1): 86 pp. + 11 pls. E.W Classey and R.B.D. Publications, London.
  • Freina, J. de & Witt, T. J., 1987 - Die Bombyces und Sphinges der Westpalaearktis (Insecta, Lepidoptera) Band 1. Edition Forschung & Wissenschaft Verlag GmbH, München, 708 pp., 46 Farbtaf.; ISBN 3926285001
  • Guenée, A., 1857 - Species général des Lépidoptéres. In Boisduval, J.A. & Guenée, A. Histoire Naturelle des Insectes 10: 584 pp. Paris.
  • Hancockd, D. L., 1997 - Book Review. Monographs on Australian Lepidoptera, Volume 4. Checklist of the Lepidoptera of Australia. Systematic Entomology 22: 181-182.
  • Heppner, J. B., 1977 - The status of the Glyphipterigidae and a reassessment of relationships in yponomeutoid families and ditrysian superfamilies. Journal of the Lepidopterists' Society 31: 124-134.
  • Heppner, J. B. & Duckworth, W. D., 1981 - Classification of the superfamily Sesioidea (Lepidoptera: Ditrysia). Smithsonian Contributions to Zoology 314: 144 pp.
  • Hodges, R. W. (ed.), 1983 - Check List of the Lepidoptera of America North of Mexico
  • Holloway, J. D., Bradley, J. D., & Carter, D. J., 1987 - Lepidoptera. In Betts, C.R. (Ed.). CIE Guides to Insects of Importance to Man 1: 262 pls pp. CAB International, Wallingford.
  • Horak, M., 1984 - Assessment of taxonomically significant structures in Tortricinae (Lep., Tortricidae). Mitteilungen der Schweizerischen Entomologischen Gesellschaft 57: 3-64.
  • Horak, M. & Brown, R. L., 1991 - Taxonomy and phylogeny. In van der Geest, I.P.S. and Evenhuis H.H. (Eds). Tortricoid Pests, their Biology, Natural Enemies and Control. pp. 32–48. Elsevier, Amsterdam.
  • Julien, M. H., 1992 - Biological control of weeds: a world catalogue of agents and their target weeds. 3rd ed. C.A.B International: Wallingford.
  • Kraus, 0. and Ride, W. D. L., 1995 - International Code of Zoological Nomenclature: discussion draft of the proposed fourth edition. Systematic Entomology 20: 375-377.
  • Kristensen, N. P. and Skalski, A. W., 1999 - Phylogeny and paleontology. Pages 7–25 in: Lepidoptera: Moths and Butterflies. 1. Evolution, Systematics, and Biogeography. Handbook of Zoology Vol. IV, Part 35. N. P. Kristensen, ed. De Gruyter, Berlin and New York.
  • Kyrki, J., 1984 - The Yponomeutoidea: a reassessment of the superfamily and its suprageneric groups (Lepidoptera). Entomologica scandinavica 15: 71-84.
  • Landman, W., 2001 - The Complete Encyclopedia of Moths. 272 pp.; Grange Books; ISBN 1-84013-409-7
  • Leraut, P., 1992 - Le farfalle nei loro ambienti. 255 pp.; Ed. A. Vallardi (ecoguide); ISBN 88-11-93907-0
  • Lewis H. L., 1974 - Butterflies of the World; ISBN 0-245-52097-X
  • Linnaeus, C., 1758 - Systema Naturae per Regna Tria Naturae, Secundum Classes, Ordines, Genera, Species, cum Characteribus, Differentiis, Symonymis, Locis. Tomis I (10ª edizione) , Stoccolma.
  • Miller, J. Y., 1986 - The taxonomy, phylogeny, and zoogeography of the neotropical moth subfamily Castniinae (Lepidoptera: Castnioidea: Castniidae). xv+571 pp. PhD thesis, University of Florida.
  • Minet, J., 1982 (volume datato 1981) - Les Pyraloidea et leurs principales divisions systématique. Bulletin de la Société Entomologique de France 86: 262-280.
  • Minet, J., 1984 - Contribution a l'analyse phylogénétique des Néolépidoptères (Lepidoptera, Glossata). Nouvelle Revue d'Entomologie 2: 139-149.
  • Minet, J., 1986 - Ébauche d'une classification modern de l'ordre des Lépidoptères. Alexanor 14: 291-313.
  • Minet. J., 1991 - Tentative reconstruction of the ditrysian phylogeny (Lepidoptera: Glossata). Entomologica Scandinavica, 22: 69-95.
  • Munroe, E. G., 1982 - Lepidoptera. In Parker S.B. (Ed.). Synopsis and Classification of Living Organisms 2: 612-651. McGraw-Hill.
  • Nielsen, E. S., 1982 - Review of the higher classification of the Lepidoptera, with special reference to lower heteroneurans. Tyô to Ga 33: 98-101.
  • Nielsen, E. S., 1989 - Phylogeny of major lepidopteran groups. In Ferholm, B., Bremer, K., and Jornvall, H. (Eds). The Hierarchy of Life. pp. 281–294. Elsevier.
  • Nielsen, E. S., and Common, I. F. B., 1991 - Lepidoptera (moths and butterflies). Pp. 817-915, in CSIRO (ed.). The Insects of Australia, 2nd edition, Melbourne University Press: Carlton.
  • Nielsen, E. S. & Kristensen, N. P., 1989 - Phylogeny of major lepidopteran groups. In Ferholm B., Bremer, K. and Jörnvall, H. (Eds). The Hierarchy of Life pp. 281–294. Elsevier.
  • Nielsen, E. S. & Rangsi, 1996 - Checklist of the Lepidoptera of Australia; CSIRO, Australia
  • Nielsen, E. S. & Scoble, M. J., 1986 - Afrotheora, a new genus of primitive Hepialidae from Africa (Lepidoptera: Hepialoidea). Entomologica scandinavica 17: 29-54.
  • Parsons, M. J., 1996 - A phylogenetic reappraisal of the birdwing genus Ornithoptera (Lepidoptera: Papilionidae: Troidini) and a new theory of its evolution in relation to Gondwanan vicariance biogeography. Journal of Natural History 30: 1707-1736.
  • Prout, L. B., 1910 - Lepidoptera Heterocera. Fam. Geometridae. Subfam. Oenochrominae. In Wytsman, P. (Ed.). Genera Insectorum 104: 120 pp. + 2 pls.
  • Regier, J. C., Fang, Q. Q., Mitter, C., Peigler, R. S., Friedlander, T. P., and Solis, M. A., 1998 - Evolution and phylogenetic utility of the period gene in Lepidoptera. Molecular Biology and Evolution 15(9):1172-1182.
  • Robinson, G. S., 1988 - A phylogeny for the Tineoidea (Lepidoptera). Entomologica scandinavica 19: 117-129.
  • Scoble, M. J., 1986 - The structure and affinities of the Hedyloidea: a new concept of the butterflies. Bulletin of the British Museum (Natural History) (Entomology) 53: 251-286.
  • Scoble, M.J. 1991 - Classification of the Lepidoptera. In Emmet, A. M. and Heath, J. (Eds). The Moths and Butterflies of Great Britain and Ireland 7 (2): 11-45. , Colchester, Harley Books, 1991.
  • Smart, P., 1976 - The Illustrated Encyclopedia of the Butterfly World; ISBN 0-600-31381-6
  • Stehr, F. W. (Ed.)., 1987 - Immature Insects. ix + 754 pp., Kendall/Hunt, Dubuque, Iowa.
  • Wahlberg, N., Braby, M. F., Brower, A. V. Z., de Jong, R., Lee, M.-M., Nylin, S., Pierce, N. E., Sperling, F. A. H., Vila, R., Warren, A. D. and Zakharov, E., 2005 - Synergistic effects of combining morphological and molecular data in resolving the phylogeny of butterflies and skippers. Proceedings of the Royal Society Series B 272:1577-1586.
  • Weller, S. J. and Pashley, D. P., 1995 - In seach of butterfly origins. Molecular Phylogenetics and Evolution 4(3):235-246.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]