Bücherverbrennungen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nelle immagini sono visibili due Bücherverbrennungen avvenute nella città di Berlino.
(DE)

«Dort, wo man Bücher verbrennt, verbrennt man am Ende auch Menschen»

(IT)

«Là dove si bruciano i libri si finisce per bruciare anche gli uomini»

(Heinrich Heine[1][2])

Le cosiddette Bücherverbrennungen[3] (in italiano "roghi di libri") sono stati dei roghi organizzati nel 1933 dalle autorità della Germania nazista, durante i quali vennero bruciati tutti i libri non corrispondenti all'ideologia nazista.

I roghi «furono una trovata propagandistica escogitata da un'organizzazione studentesca nazista», la Deutsche Studentenschaft (Associazione degli studenti tedeschi), e furono concepiti per rimuovere dal Reich «la corruzione giudaica della letteratura tedesca»[4]. Il più grande rogo avvenne il 10 maggio 1933 nell'Opernplatz berlinese; in questo giorno, infatti, si organizzò un grande falò dove vennero gettati i libri considerati dai nazisti "contrari allo spirito tedesco". Nello stesso giorno il gerarca nazista Joseph Goebbels vi tenne perfino un discorso, dove affermava che i roghi erano un ottimo modo "per eliminare con le fiamme lo spirito maligno del passato".

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La campagna a favore delle Bücherverbrennungen[modifica | modifica wikitesto]

«La storia dei sei milioni è anche quella dei cento milioni. Questo, secondo i calcoli di uno storico delle biblioteche, è il numero di libri distrutti dai nazisti, in solo dodici anni, in tutta Europa, come è ovvio, si tratta di una stima assai approssimativa, che sarà probabilmente corretta con il progredire delle ricerche. Ma si può partire da una terribile certezza: lo sterminio di massa degli ebrei fu accompagnato dal più spaventoso sterminio letterario di tutti i tempi. Tutti gli storici del libro condividono la medesima premessa di base: nella società acculturate, scritti e stampa sono i mezzi primari per la conservazione della memoria, per la diffusione delle informazioni, la divulgazione delle idee, la distribuzione della ricchezza e l'esercizio del potere. La prima domanda che gli studiosi si pongono riguardo ad ogni cultura è: in che modo ha preservato, utilizzato e distrutto i documenti? Dalla cultura del Puritanesimo nella Nuova Inghilterra alle cause della Rivoluzione francese al collasso dell'Unione Sovietica, questo nuovo approccio alla storia ha costretto a riconsiderare i meccanismi del passato; nel caso della Shoah, potrebbe aiutare anche a comprendere l'incomprensibile»

(Jonathan Rose, storico e preside alla Drew University, in il libro nella Shoah[5])

Il 6 aprile 1933, il principale ufficio della Stampa e della Propaganda dell'Associazione studentesca della Germania proclamò una "azione contro lo spirito non tedesco" a livello nazionale, durante la quale si doveva effettuare una "pulizia" (in tedesco Säuberung) della cultura tedesca usando il fuoco. Le sedi locali così rilasciarono dei comunicati e degli articoli che raffiguravano delle autorità naziste che parlavano al pubblico. Questa propaganda fu diffusa anche via radio.[1]

L'8 aprile l'associazione studentesca elaborò un trattato, le 12 tesi, in cui affermò il bisogno di una propria cultura e nazione non "infettate" da altre popolazioni;[6] nelle 12 tesi, inoltre, si evocavano di proposito le 95 tesi di Lutero e il precedente rogo dei libri "non tedeschi" (il Wartburgfest) avvenuto nell'omonima città nel 1817 come reazione alle influenze culturali del periodo napoleonico.

Un altro inquietante atto si svolse il 10 maggio 1933, quando gli studenti bruciarono più 25.000 volumi di libri "non tedeschi", dando de facto l'inizio alla censura di Stato.[7]

Quella notte, nella maggior parte delle città universitarie, gli studenti nazionalsocialisti marciarono in fiaccolate "contro lo spirito non tedesco": professori, rettori e studenti furono radunati alla presenza delle autorità naziste in punti d'incontro dove poterono assistere al rogo dei libri non desiderati, gettati dentro i falò, in un'atmosfera di gioia dove erano presenti perfino delle orchestre.[1][8]

Nella città di Berlino circa 40.000 persone si riunirono nell'Opernplatz per ascoltare un discorso di Joseph Goebbels.[1]

«No alla decadenza e alla corruzione morale! Sì alla decenza e alla moralità nelle famiglie e nello stato! Io consegno alle fiamme gli scritti di Heinrich Mann, Ernst Gläser, Erich Kästner.

L'era dell'intellettualismo ebraico è giunta ormai a una fine. La svolta della rivoluzione tedesca ha aperto una nuova strada ... L'uomo tedesco del futuro non sarà più un uomo fatto di libri, ma un uomo fatto di carattere. È a questo scopo che noi vi vogliamo educare. Come una persona giovane, la quale possiede già il coraggio di affrontare il bagliore spietato, per superare la paura della morte, e per guadagnare il rispetto della morte - questo sarà il compito della nostra nuova generazione.

E quindi, a mezzanotte, giungerà l'ora di impegnarsi per eliminare con le fiamme lo spirito maligno del passato. Si tratta di un atto forte e simbolico - un atto che dovrebbe informare il mondo intero sulle nostre intenzioni. Qui il fondamento intellettuale della repubblica[9] sta decadendo, ma da queste macerie la fenice avrà una nuova trionfale ascesa.»

(Joseph Goebbels[10])
Queste persone si stanno preparando per gettare nel falò i libri che tengono in mano.

Non tutti i roghi si svolsero durante la notte del 10 maggio, come pianificato dall'Associazione, sia perché alcuni furono rinviati di pochi giorni a causa della pioggia, sia perché altri, in base alle preferenze della autorità locali, si svolsero il 21 giugno, durante il solstizio d'estate.[1]

«Il rogo dei libri nel maggio 1933 aveva colpito anche i Testimoni di Geova»[11]. La storica dell'United States Holocaust Memorial Museum, Sybil Milton, osserva che a Magdeburgo, sede tedesca dei Testimoni, «dal 21 al 24 agosto 1933, furono bruciati al rogo 65 tonnellate di Bibbie e altri libri dei Testimoni. La Bibbia dei Testimoni era vietata, ma la Bibbia come tale non lo era.[12]. Fin dall'aprile del 1933 le riviste e altri scritti dei testimoni di Geova erano proibite e i responsabili della polizia, delle poste e della dogana li confiscavano, considerandoli "materiale dannoso"»[13].

Durante i roghi vennero bruciati anche libri scritti da famosi scrittori socialisti, come Bertolt Brecht e August Bebel, i libri del fondatore del socialismo Karl Marx, i libri degli scrittori austriaci "borghesi" come Arthur Schnitzler, i libri di "influenze straniere corrotte", come quelli di Ernest Hemingway, Jack London, Helen Keller o Herbert George Wells, e i libri di noti autori ebrei come quelli scritti da Franz Werfel, Max Brod e Stefan Zweig.[14]

Memoriali[modifica | modifica wikitesto]

Il memoriale sito nella Bebelplatz di Berlino.
La targa, posta in memoria dei roghi, situata a Francoforte sul Meno.

Il ricordo dei Bücherverbrennungen viene oggi mantenuto vivo attraverso la presenza di vari memoriali. Il più noto, situato nella Bebelplatz berlinese, è costituito da una lastra di cristallo sotto la quale si apre una biblioteca di 50 m² con gli scaffali completamente vuoti. Vicino al memoriale, realizzato dall'israelita Micha Ullman nel 2008,[15] è inoltre possibile trovare due versi della tragedia Almansor di Heinrich Heine.[16]

Si può trovare un'altra opera commemorante i Bücherverbrennungen davanti al municipio della città di Francoforte sul Meno; infatti, nella stessa, è stata posta una targa dorata sulla quale sono visibili dei libri dati alle fiamme. La targa, avente un diametro pari a 1,50 m, è stata realizzata nel 2001 dal tedesco Willi Schmidt.[17]

Altri monumenti posti in memoria dei roghi sono situati a Monaco di Baviera, Gottinga, Salisburgo e Vienna.

Le vittime dei Bücherverbrennungen[modifica | modifica wikitesto]

«Dieci anni fa i nazisti bruciarono questi libri ... Ma i liberi americani li possono ancora leggere!»: così recita un manifesto di propaganda statunitense.
Un esempio della categoria dei libri destinati ad essere bruciati dai nazisti, oggi in esposizione allo Yad Vashem.

Questa sorta di censura si basava su un elenco di motivazioni per le quali venivano bruciati i libri. Un elenco venne pubblicato dal Völkischer Beobachter l'8 maggio 1933; secondo quest'ultimo, era necessario respingere gli scritti:[18]

  • Dei teorici del marxismo.
  • Di tutti coloro che esaltavano la Repubblica di Weimar.
  • Di tutti coloro che criticavano i fondamenti della morale e della religione.
  • Degli autori pacifisti, in particolar modo degli scrittori che condannavano la prima guerra mondiale o che si mostravano scettici nei confronti del valore militare tedesco.
  • Di autori che erano espressione dell'espansione della società urbana.

A queste categorie, in cui rientravano le opere di molti scrittori, si aggiungevano poi i letterati di sinistra che criticavano la società borghese (come Heinrich Mann), i pittori comunisti (George Grosz), gli autori di satira, i giornalisti oppositori del regime nazista. Vennero dati alle fiamme perfino gli scritti di scienziati antinazisti, fra i quali rientrano quelli del notissimo fisico Albert Einstein.[18]

Di seguito è disponibile una lista di autori le cui opere vennero date alla fiamme:[14][19]

Luoghi dove sono avvenuti i roghi principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Book Burning, United States Holocaust Memorial Museum.
  2. ^ (DE) Mona Körte, Verbergen, überschreiben, zerreissen, Erich Schmidt Verlag GmbH &, 2007, pagina 13, ISBN 978-3-503-09811-8.
  3. ^ Solitamente in lingua italiana il termine Bücherverbrennungen (singolare: Bücherverbrennung, notare che il genere in tedesco è femminile) si utilizza per descrivere soprattutto gli avvenimenti descritti in questa voce. In tedesco la parola tuttavia è generica e si riferisce anche a altri episodi di roghi pubblici di opere letterarie meno noti al pubblico italiano, come per esempio il Wartburgfest del 1817.
  4. ^ Jonathan Rose (a cura) - 18 autori, Il libro nella Shoah, pag. 25 (titolo originale: The Holocaust and the Book. Destruction and Preservation, pag.13 - University of Massachusetts Press, 2001), Milano, Sylvestre Bonnard, 2003, ISBN 88-86842-60-0.
  5. ^ Jonathan Rose (a cura) - 18 autori, Il libro nella Shoah, pag. 9 (titolo originale: The Holocaust and the Book. Destruction and Preservation, pag.1 - University of Massachusetts Press, 2001), Milano, Sylvestre Bonnard, 2003, ISBN 88-86842-60-0.
  6. ^ (DE) Zwölf Thesen wider den undeutschen Geist, su comiccongress.de (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2014).
    «10. Mai 1933. Frankfurt am Main. Der "Römerberg" ist ein freier Platz in Frankfurt vor dem "Römer", dem alten Rathaus.».
  7. ^ (DE) 1933 – 1938 Bücherverbrennungen, su cras-legam.de.
    «SA-Männer, NS-Studenten und Polizisten warfen Bücher auf Scheiterhaufen: 25.000 Bücher wurden in Berlin und anderen deutschen Hochschulstädten verbrannt. Die Veranstalter sahen in der Bücherverbrennung einen symbolischen Akt. eine läuternde, krankheitsaustreibende Wirkung.».
  8. ^ (DE) Nur ein paar Studenten?, Holocaust-Referenz.
  9. ^ Riferendosi alla Repubblica di Weimar.
  10. ^ (EN) Sito dove è riportato il discorso tenuto da Goebbels, The History Place.
    «In Berlin, Nazi Propaganda Minister Joseph Goebbels gave a speech to the students, stating...».
  11. ^ Testimoni di Geova - Vittime dimenticate? di Sybil Milton, su triangoloviola.it. URL consultato il 25 aprile 2019.
  12. ^ Archivio federale R 58/405: Circolare del Ministero per l’Interno Prussiano, Berlino, 30 gennaio 1936, re: divieto della distribuzione di bibbie, copia in Sybil Milton e Henry Friedlander (ed):” Bundesarchiv of the Federal Republic of Germany, Koblenz and Freiburg”. NewYork 1993, p. 308
  13. ^ Testimoni di Geova - Vittime dimenticate? (Jehova's Witnesses as Forgotten Victims), di Sybil Milton nel capitolo 9 di Persecution and Resistance of Jehovah's Witnesses during The Nazi-Regime, su berghahnbooks.com. URL consultato il 25 aprile 2019.
  14. ^ a b (DE) Verbrannt, geraubt, gerettet! (PDF), su library.fes.de.
  15. ^ Il monumento, inaugurato il 10 maggio 2008, è stato realizzato in omaggio al settantacinquesimo anniversario dei Bücherverbrennungen.
  16. ^ (DE) Maren Maltzahn, Gedenken an den 75. Jahrestag der Bücherverbrennung, Berlin.de.
  17. ^ (DE) Gedenkplatte-Bücherverbrennung, su kunst-im-oeffentlichen-raum-frankfurt.de.
  18. ^ a b 75 anni fa il rogo dei libri a Berlino, Viaggiatori.net (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2014).
  19. ^ (DE) Auswahl verbotener Autoren 1933-45, su cras-legam.de.
    «Allein die Aufnahme in diese Liste empfiehlt die / den Autor/in zur Lektüre».

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jonathan Rose (a cura) - 18 autori, Il libro nella Shoah (titolo originale: The Holocaust and the Book. Destruction and Preservation - University of Massachusetts Press, 2001), Milano, Sylvestre Bonnard, 2003, ISBN 88-86842-60-0.
  • (EN) Ben Barkow, Alfred Wiener and the making of the Holocaust Library, Londra, Vallentine Mitchell, 1997, ISBN 978-08-5303-329-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]