Leonhard Frank

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leonhard Frank

Leonhard Frank (Würzburg, 1882[1]Monaco di Baviera, 1961[1]) è stato uno scrittore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia povera, Leonhard Frank studia pittura e arti grafiche dal 1904 al 1910 a Monaco. Nel 1914 vince il premio Fontane per Die Räuberbande, il suo primo romanzo[2].

Pacifista convinto, si oppone alla guerra e in un bar a Berlino schiaffeggia un giornalista socialdemocratico, Felix Stössinger che ha descritto come "il più grande atto eroico della storia dell'umanità l'affondamendo della nave Lusitania da parte di un sottomarino tedesco ed è proprio in seguito a questo atto che si trova costretto a riparare in Svizzera fino al 1918. Qui scrive la raccolta di novelle pacifiste Der Mensch ist gut pubblicata in Svizzera nel 1917[2].

Torna in Germania alla fine della Prima Guerra mondiale. Vince il premio Kleist nel 1918 per Die Ursache. Negli anni Venti, inizia ad avere successo e Willy Haas lo descriverà come uno degli uomini più eleganti di Berlino, che viaggia su auto sportive, accompagnato da una bellissima donna[2].

Dopo la salita al potere di Hitler, nel 1933, il suo nome figura nella lista degli scrittori proibiti dal regime. Emigra a Zurigo, poi a Parigi nel 1937.

Internato in Francia nel 1940, come molti emigrati tedeschi, riesce a lasciare il paese dopo un'evasione da un campo di internamento, passa dal Portogallo e poi si reca a Londra per raggiungere quindi gli Stati Uniti.

Torna a Monaco nel 1952[3]. Muore qui nel 1961.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Die Räuberbande, 1914 (Traduzione italiana in: I masnadieri, Mondadori, 1934)
  • Der Bürger, 1924
  • Das Ochsenfurter Männerquartett, 1927 (Inserito nel volume I masnadieri, Mondadori, 1934[4])
  • Bruder und Schwester, 1929
  • Von drei Millionen drei, 1932
  • Traumgefährten, 1936
  • Mathilde, 1948
  • Die Jünger Jesu, 1947
  • Links wo das Herz ist, (romanzo autobiografico) 1952

Racconti e novelle[modifica | modifica wikitesto]

  • Die Ursache, 1915 (traduzione italiana L'origine del male in L.Frank, L'uomo è buono, Del Vecchio Editore, 2014, a cura di Paola Del Zoppo)
  • Der Mensch ist gut, 1917 (traduzione italiana: L'uomo è buono, in L'uomo è buono, Del Vecchio Editore, 2014, a cura di Paola Del Zoppo)
  • Der Vater, 1918
  • Die Mutter, 1919
  • An der Landstraße, 1925
  • Die Schicksalsbrücke, 1925, contiene i racconti Der Beamte e Zwei Mütter
  • Im letzten Wagen, Rowohlt, 1925.
  • Absturz, Reclam, 1929; pubblicato nel 1925 con il titolo Im letzten Wagen da Rowolt.
  • Karl und Anna, 1926 (Traduzione italiana: Carlo e Anna, Sperling, 1932)
  • Der Streber, 1928
  • Die Entgleisten ,1929
  • Deutsche Novelle, 1954
  • Das Portrait, 1954
  • Berliner Liebesgeschichte, 1955
  • Michaels Rückkehr, 1957
  • Kurzgeschichten, 1961
  • Kurzgeschichten, 1961 (Contiene i racconti Der Hut, Fünf Pfennige, Katholizismus, Der Erotomane und die Jungfrau, Die Flucht, Liebe im Nebel, Ein unerklärliches Erlebnis)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Die Ursache, (Bühnenfassung) 1929
  • Karl und Anna, (Bühnenfassung) 1929
  • Hufnägel, 1930
  • Der Außenseiter, 1937
  • Maria, 1939
  • Die Kurve 1955
  • Die Hutdynastie, 1955
  • Baccarat, 1957
  • Ruth, 1960

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

Adattamenti dalle opere letterarie

  • 1928: Heimkehr – dalla novella Karl und Anna
  • 1928: Die Räuberbande – da Die Räuberbande
  • 1931: Niemandsland
  • 1947: Desire Me (Desiderami) – dalla novella Karl und Anna
  • 1958: Der Prozeß wird vertagt – dalla Novelle Michaels Rückkehr
  • 1963: Die Ursache (DDR) – da Die Ursache (1915)
  • 1964: Chronik eines Mordes – da Die Jünger Jesu
  • 1972: Deutsche Novelle (BRD) – da Deutsche Novelle (1954)
  • 1974: Die Kurve (DDR) – da Hufnägel (1930)
  • 1976: Der Mörder (DDR) – da Die Ursache (1915)
  • 1978: Das Männerquartett (BRD) – da Das Ochsenfurter Männerquartett
  • 1979: Ende vom Lied – Film TV in due parti: prima parte: Ochsenfurter Männerquartett; seconda parte Von drei Millionen drei
  • 1980: Der Mörder (BRD) – da Die Ursache (1915)
  • 1984: Die Frau und der Fremde – dalla novella Karl und Anna

Sceneggiatura

  • 1931: Der Mörder Dimitri Karamasoff

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1914: Theodor-Fontane-Preis per Die Räuberbande
  • 1918: Premio Kleist per Der Mensch ist gut (attribuito nel 1920)
  • 1928: Membro della sezione di arte narrativa del Preußischen Akademie der Künste
  • 1950: Membro della Deutsche Akademie für Sprache und Dichtung
  • 1952: Placca d'argento della città di Würzburg
  • 1953: Preis der Stadt Nürnberg
  • 1955: Premio nazionale della DDR (I.Klasse) delle arti e delle lettere
  • 1957: Croce al valore della Repubblica Federale Tedesca
  • 1957: Dottorato Honoris Causa Università Humboldt (Berlino Est)
  • 1960: Medaglia Tolstoi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Frank, Leonhard, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 19 luglio 2017.
  2. ^ a b c Weidermann 2009, pp. 176-179
  3. ^ Vickers, Hugo, 1951-, Alice : Princess Andrew of Greece, Penguin, 2001, ISBN 9780140259186, OCLC 47776483.
  4. ^ Alleanza nazionale del libro rassegna di cultura, su books.google.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Manfred Brauneck, Autorenlexikon deutschsprachiger Literatur des 20. Jahrhunderts, Rowohlt, 1995.
  • (DE) Wilhelm Sternfeld, Eva Tiedemann, Deutsche Exil-Litteratur 1933-1945 seconda edizione ampliata, Lambert Schneider, 1970.
  • (DE) Volker Weidermann, Das Buch der verbrannten Bücher, btb-Verlag, 2009,

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank, Leonhard, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 19 luglio 2017.
  • (DE) Leonhard-Frank-Gesellschaft, su leonhard-frank-gesellschaft.de. URL consultato il 21 luglio 2017.
Controllo di autoritàVIAF (EN2486320 · ISNI (EN0000 0001 2117 8965 · LCCN (ENn82157542 · GND (DE118534793 · BNF (FRcb120339933 (data) · CERL cnp02033440