Antonio Buoncristiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Buoncristiani
arcivescovo della Chiesa cattolica
Antonio Buoncristiani.jpg
Antonio Buoncristiani nel 2014
Coat of arms of Antonio Buoncristiani.svg
Fides per caritatem
 
TitoloSiena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino (dal 2019)
Incarichi ricoperti
 
Nato20 dicembre 1943 (79 anni) a Cerreto di Spoleto
Ordinato presbitero13 luglio 1968 dal vescovo Siro Silvestri
Nominato vescovo22 luglio 1994 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo1º ottobre 1994 dal cardinale Agostino Casaroli
Elevato arcivescovo23 maggio 2001 da papa Giovanni Paolo II
 

Antonio Buoncristiani (Cerreto di Spoleto, 20 dicembre 1943) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 6 maggio 2019 arcivescovo emerito di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Cerreto di Spoleto, in provincia di Perugia ed arcidiocesi di Spoleto-Norcia, il 20 dicembre 1943.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi presso il Pontificio seminario regionale umbro di Assisi e l'Almo collegio Capranica di Roma consegue la licenza in teologia e scienze sociali presso la Pontificia Università Gregoriana, consegue la laurea in diritto canonico presso la Pontificia Università Lateranense e quella in scienze politiche presso l'Università degli Studi di Perugia.

Il 13 luglio 1968 è ordinato presbitero per la diocesi di Foligno.

In quello stesso anno viene nominato parroco e segretario della visita pastorale e del sinodo diocesano di Foligno. Dopo essere stato alunno della Pontificia accademia ecclesiastica, nel 1976 entra nel servizio diplomatico della Santa Sede ed è consigliere di nunziatura in Costa Rica, Zambia e Malawi.

Nel 1981 rientra in diocesi ed è nominato vicario generale dal vescovo di Foligno Giovanni Benedetti; contemporaneamente insegna sociologia e psicologia della religione presso l'istituto teologico e l'istituto superiore di scienze religiose di Assisi.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 luglio 1994 viene nominato vescovo di Porto-Santa Rufina da papa Giovanni Paolo II; succede a Diego Natale Bona, precedentemente nominato vescovo di Saluzzo. Il 1º ottobre successivo riceve l'ordinazione episcopale, nella cattedrale di Foligno, per l'imposizione delle mani del cardinale Agostino Casaroli, co-consacranti l'arcivescovo Jean-Louis Tauran (poi cardinale) ed il vescovo Giovanni Benedetti. Il 23 ottobre prende possesso della diocesi.

Nel 1997 è nominato legato pontificio per la Società San Paolo ed in particolare per i periodici della società stessa, come ad esempio Famiglia Cristiana.

Il 23 maggio 2001 viene trasferito all'ufficio di arcivescovo metropolita di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino da papa Giovanni Paolo II[1]; succede a Gaetano Bonicelli, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 24 giugno successivo prende possesso dell'arcidiocesi, mentre il 29 giugno riceve il pallio dal pontefice in piazza San Pietro.

Il 17 novembre 2015, in occasione degli attentati di Parigi di matrice terroristica, organizza a Colle di Val d'Elsa, insieme all'imam della città, Abdel Qadar, una marcia dalla moschea al duomo con l'intento di condannare quanto accaduto.

Nel dicembre 2016 per contribuire alle spese della ricostruzione dei territori colpiti dal terremoto del Centro Italia promuove l'allestimento di una mostra in cui sono esposte 34 opere provenienti da alcune chiesa della Valnerina crollate o lesionate.

Nell'agosto 2018 suscita sconcerto la sua decisione inedita di non benedire il drappellone del palio dell'Assunta, dipinto dal belga-polacco Charles Szymkowicz, per il suo grande discostarsi dalla tradizionale iconografia mariana[2][3].

Nell'ottobre 2018 inaugura il nuovo centro Caritas diocesano, grazie anche al contributo dell'Otto per mille, con la funzione di centro di ascolto, magazzini di stoccaggio per i beni alimentari, il vestiario e il mobilio. Esso comprende anche quattro appartamenti da adibire ad alloggio provvisorio per persone in difficoltà.

Il 6 maggio 2019 papa Francesco accoglie la sua rinuncia, presentata per raggiunti limiti di età[4]; gli succede Augusto Paolo Lojudice, fino allora vescovo ausiliare di Roma. Rimane amministratore apostolico dell'arcidiocesi fino all'ingresso del successore, avvenuto il 16 giugno successivo[5].

Nel contesto della Conferenza Episcopale Italiana è stato presidente del Comitato per l'edilizia di culto e membro della Commissione episcopale per i problemi giuridici; presso la Conferenza episcopale toscana è stato, invece, vicepresidente, delegato per la pastorale della salute e presidente della Commissione episcopale del Pontificio Seminario Regionale Pio XII di Siena.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia dell'Arcivescovo di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va, Bollettino. Sala stampa della Santa Sede, 23 maggio 2001. URL consultato il 22 aprile 2018.
  2. ^ Si veda il comunicato ufficiale del magistrato delle contrade del 15 agosto 2018 qui: Magistrato delle Contrade, Comunicato, su magistratodellecontrade.it. URL consultato il 20 dicembre 2020. (avvertenza: poiché i comunicati sono indicati con un numero progressivo, il link cambierà col rilascio di nuovi comunicati ufficiali).
  3. ^ L'immagine si trova fra tutte quelle dei palii vinti dalla Contrada della Lupa qui: Orlando Papei, Lupa, su ilpalio.org. URL consultato il 20 dicembre 2020.
  4. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia dell'Arcivescovo Metropolita di Siena-Colle Val d'Elsa-Montalcino (Italia) e nomina del nuovo Arcivescovo Metropolita, su press.vatican.va, 6 maggio 2019. URL consultato il 6 maggio 2019.
  5. ^ Siena, il 16 giugno l'ingresso del nuovo arcivescovo Lojudice, su Toscana Oggi. URL consultato il 16 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Porto-Santa Rufina Successore BishopCoA PioM.svg
Diego Natale Bona 21 luglio 1994 – 23 maggio 2001 Gino Reali
Predecessore Arcivescovo metropolita di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Gaetano Bonicelli 23 maggio 2001 – 6 maggio 2019 Augusto Paolo Lojudice
Controllo di autoritàVIAF (EN81734172 · SBN VEAV444467 · GND (DE137558589 · WorldCat Identities (ENviaf-81734172