Gino Reali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gino Reali
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Gino Reali.svg
Nihil Christo praeponere
Titolo Porto-Santa Rufina
Incarichi attuali Vescovo di Porto-Santa Rufina (dal 2002)
Incarichi ricoperti Amministratore apostolico di Civitavecchia-Tarquinia (2010-2011)
Nato 28 gennaio 1948 (70 anni) a Monteleone di Spoleto
Ordinato presbitero 31 luglio 1971 dal vescovo Alberto Scola
Nominato vescovo 23 febbraio 2002 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 7 aprile 2002 dall'arcivescovo Riccardo Fontana

Gino Reali (Monteleone di Spoleto, 28 gennaio 1948) è un vescovo cattolico italiano, dal 23 febbraio 2002 vescovo di Porto-Santa Rufina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Monteleone di Spoleto il 28 gennaio 1948 e riceve l'ordinazione sacerdotale il 31 luglio 1971 dal vescovo di Norcia Alberto Scola.

Nel 1973 si licenzia in teologia dogmatica alla Pontificia Università Gregoriana e nel 1975 in Diritto Canonico alla Pontificia Università Lateranense. Diventa giudice del Tribunale Ecclesiastico Regionale Umbro nel 1976, e insegna religione nel liceo classico di Norcia per 18 anni, dal 1981 al 1998.

Nel 1985 è nominato vicario generale di Norcia e, l'anno successivo, dopo l'unione della diocesi di Norcia con l'arcidiocesi di Spoleto, avvenuta il 30 settembre 1986, è nominato vicario generale dell'arcidiocesi di Spoleto-Norcia.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 febbraio 2002 viene nominato da papa Giovanni Paolo II vescovo della sede suburbicaria di Porto-Santa Rufina. Riceve l'ordinazione episcopale il 7 aprile 2002 dall'arcivescovo di Spoleto-Norcia Riccardo Fontana, coconsacranti gli arcivescovi Ottorino Pietro Alberti (arcivescovo di Cagliari) e Antonio Buoncristiani (arcivescovo di Siena-Colle di Val d’Elsa-Montalcino). Inizia il ministero episcopale nella diocesi di Porto-Santa Rufina il 5 maggio 2002.

Dal 20 marzo 2010 al 19 febbraio 2011 ricopre anche l'ufficio di amministratore apostolico della diocesi di Civitavecchia-Tarquinia.

Controversie giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 maggio 2010 è stato chiamato a testimoniare nel processo in cui Ruggero Conti, sacerdote della sua diocesi, è accusato di abusi sessuali su alcuni giovani della sua parrocchia. Nei giorni precedenti la sua deposizione, è stata recapitata ai magistrati una lettera con un proiettile e la minaccia di "far saltare il tribunale in aria" se la deposizione avesse avuto luogo[1]. Durante la deposizione, svoltasi poi regolarmente, il vescovo ha dichiarato di non aver ritenuto fondate le voci su don Conti e di non aver pertanto ritenuto necessario segnalarne il caso alla magistratura. Gli avvocati delle presunte vittime hanno chiesto alla Procura di «procedere nei confronti di monsignor Gino Reali per favoreggiamento e concorso esterno nei reati di pedofilia compiuti tra il 2002 e il 2006 da don Ruggero Conti, per non aver impedito un reato e una condotta che era suo dovere interrompere al fine di arricchire economicamente la parrocchia in relazione all'ampliamento dell'oratorio»[2].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]