Anna, quel particolare piacere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anna, quel particolare piacere
Anna, quel particolare piacere.jpg
Corrado Pani ed Edwige Fenech in una scena del film
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1972
Durata94 minuti
Generedrammatico, poliziesco
RegiaGiuliano Carnimeo
SoggettoSauro Scavolini, Luciano Martino
SceneggiaturaSauro Scavolini, Francesco Milizia, Ernesto Gastaldi
ProduttoreLuciano Martino
Casa di produzioneDania Film
Distribuzione in italianoInterfilm
FotografiaMarcello Masciocchi
MontaggioEugenio Alabiso
Effetti specialiCataldo Galliano
MusicheLuciano Michelini
ScenografiaOscar Capponi
CostumiOscar Capponi
TruccoMario Van Riel
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Anna, quel particolare piacere è un film del 1972 diretto da Giuliano Carnimeo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane e bella Anna si lega a Guido, narcotrafficante invischiato in giri loschi della Milano anni settanta. In stato interessante, la donna si rifiuta di abortire e dà alla luce Paolo, un bambino malato e bisognoso di cure continue. Durante una delle tante detenzioni di Guido, Anna conosce Lorenzo, chirurgo milanese di fama mondiale: l'uomo salva la vita a Paolo con un delicato intervento. Uscito dal carcere, Guido, cerca di ostacolare in tutti i modi la relazione sentimentale nata nel frattempo fra Lorenzo ed Anna. La donna, esasperata dai continui agguati di Guido, reagisce uccidendo a colpi di pistola l'uomo che però, prima di morire, riesce a ferirla. Operata d'urgenza da Lorenzo, Anna perde la vita, e Lorenzo decide di adottare Paolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola rientra nel filone poliziottesco ed è stata girata per gli interni a Roma e per gli esterni tra Milano e Bergamo.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito nel circuito cinematografico italiano il 27 novembre del 1972.

Venne in seguito distribuito anche in Turchia (16 dicembre 1974), Danimarca (17 febbraio 1975) e Francia (6 maggio 1977).

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film risultò il 94° maggior incasso registrato in Italia nella stagione cinematografica 1972-73.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema