Il giustiziere della strada (film 1983)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il giustiziere della strada
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Spagna
Anno 1983
Durata 83 min
Rapporto 2.35 : 1
Genere fantascienza, azione
Regia Jules Harrison
Sceneggiatura Elisa Briganti, Dardano Sacchetti e James A. Prich
Produttore Camillo Teti
Casa di produzione 2T Produzione Film e Globe Film
Distribuzione (Italia) CIC
Fotografia Alejandro Ulloa
Montaggio Gianfranco Amicucci, Adriano Tagliavia
Effetti speciali Gino De Rossi e Edmondo Natali
Musiche Detto Mariano
Costumi Luciana Marinucci
Interpreti e personaggi

Il giustiziere della strada è un film del 1983 di fantascienza post apocalittica diretto da Giuliano Carnimeo con lo pseudonimo di Jules Harrison.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno 3000 la Terra si è trasformata, in seguito a una guerra nucleare, in un deserto. I pochi sopravvissuti vivono nascosti in caverne sotterranee mentre la superficie è controllato da bande selvagge di predoni armati. L'acqua è divenuto il bene più prezioso e i sopravvissuti sono sempre alla sua costante ricerca.

Un gruppo di sopravvissuti parte alla ricerca dell'acqua ma cade in una trappola tesa da un gruppo di fanatici convinti che per purificare il pianeta sia necessario uccidere tutti i sopravvissuti. Un nuovo gruppo viene in fretta costituito e inviato sulle tracce del precedente per scoprire che fine abbia fatto. Al gruppo si unisce anche Tommy, un ragazzino in cerca del padre scomparso nella prima spedizione.

In seguito ad un altro attacco dei predoni, Tommy si troverà tutto solo fino a quando non giunge uno straniero di nome Alien ad aiutarlo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un film di genere a basso costo prodotto in coproduzione italo-spagnola da Fulvia Film.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito nei cinema italiani il 13 agosto 1983.

In Italia è noto anche col titolo Gli sterminatori dell'anno 3000, nonostante non sia mai uscito né ai cinema né in VHS con tale titolo.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Modesta e semisconosciuta avventura di barbarie postatomica ispirata chiaramente al ciclo di Mad Max. Il regista Giuliano Carmineo (che si maschera sotto un nome di fantasia, Jules Harrison) accetta i suggerimenti dello sceneggiatore Sacchetti e piega la vicenda su un finale orrorifico.

Il film è un'esemplare conferma dell'impoverimento della produzione italiana di genere negli anni '80: il tentativo di costruire storie o di esercitare la fantasia viene affossato dalle immediate esigenze di mercato e, pur di riempire qualche sala, si preferisce "scimmiottare" pellicole (per lo più americane) di successo senza preoccuparsi troppo se l'avventura è stata o sarà riproposta altre volte. »

(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Il giustiziere della strada, in Fantafilm. URL consultato il 20 agosto 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]