Angela (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angela
Angela.JPG
Angela nel 1960
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica leggera
Rock and roll
Periodo di attività musicale1959 – ?
EtichettaEmbassy, IPM, Philips, Durium, Italdisc, Italian Yank, Giallo Records
Album pubblicati2
Studio2

Angela Denia Tarenzi, conosciuta con lo pseudonimo Angela (Milano, 16 gennaio 1938), è una cantante, paroliera e attrice italiana.

Insieme a Mina, Babette e Brunetta è stata una delle prime cantanti italiane di rock and roll.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Angela con il marito Aldo Pagani ed il testimone di nozze Renato Carosone; foto scattata durante la festa del matrimonio nel 1958

Appassionata di musica, inizia ad esibirsi nei locali della sua città con un suo gruppo, finché viene scoperta da Aldo Pagani, musicista di Renato Carosone e talent-scout (che diventa anche suo marito), che le procura un'audizione con la Durium: Angela canta accompagnata dal pianoforte Da te era bello restar e colpisce con la sua voce il maestro Franco Cassano, che presiede al provino e le propone il contratto discografico.

Il debutto avviene nel 1959 con Angela (bambina cattiva) (pubblicata su 45 giri l'anno successivo): la canzone, un rock'n'roll con il testo scritto da Luciano Beretta, riscuote un immediato successo e le frutta anche le prime apparizioni televisive, successo confermato dalle altre incisioni dello stesso anno, come O Jim o Jack o John (canzone scritta da Gian Carlo Testoni) o dell'anno seguente, come Rock della naja, che ricalcano lo stile tipico degli urlatori; amplia poi il suo genere musicale incidendo cha cha cha, brani latino americani e canzoni melodiche (e, a volte, aggiungendo il primo cognome Denia al nome).

Nel 1960 partecipa con la canzone Quando l'amore è musica al Burlamacco d'oro, uno dei più noti festival musicali, che si tiene a Viareggio, riscuotendo un notevole successo; nello stesso anno partecipa alla colonna sonora del film Pippo Briciola e Nuvola Bianca di Angio Zane.

Angela con i Beatles in una foto scattata nel corso del tour italiano del 1965 del quartetto di Liverpool

Nel 1963 debutta nel cinema, recitando nel film Napoleone a Firenze (regia di Piero Pierotti) insieme a Memmo Carotenuto, Narciso Parigi, Gloria Paul e Adriano Rimoldi.

Nello stesso anno fa parte del cast fisso della trasmissione televisiva La fiera dei sogni, condotta da Mike Bongiorno, esperienza che si ripeterà nei due anni successivi; continua comunque ad incidere dischi, anche all'estero (come Y si manana, versione in spagnolo di E se domani, il successo scritto da Giorgio Calabrese e Carlo Alberto Rossi).

Nel 1965 apre i concerti dei Beatles nella loro tournée italiana (insieme a Peppino Di Capri, Fausto Leali e i New Dada).

Nel 1966 si avvicina alle sonorità beat, sempre mescolate con melodie di ampio respiro, con canzoni come È una storia lunga, scritta da Marcello Minerbi e Tullio Romano (entrambi componenti dei Los Marcellos Ferial ed autori per la stessa casa discografica di Angela, o Castelli di sabbia.

Nello stesso anno partecipa con successo al Festival mediterraneo di Barcellona con Settembre.

Angela con Astor Piazzolla nel 1973

Negli anni successivi diventa presentatrice della trasmissione della La bottega di mastro Burn, ed incide una serie di dischi animati per i bambini (tra le canzoni ricordiamo I sogni dei bambini e Buonanotte Paolino).

Partecipa poi a varie trasmissioni televisive come Settevoci, condotta da Pippo Baudo, e Canzonissima.

Abbandona gradualmente l'attività di cantante dedicandosi a quella di autrice di testi per la casa di edizioni musicali del marito, le Edizioni musicali Aldo Pagani, e collaborando con Astor Piazzolla, Aldemaro Romero, Augusto Martelli ed altri musicisti; ha curato tra l'altro, insieme a Duilio Del Prete, i testi in italiano (dagli originali in spagnolo di Horacio Ferrer su musiche di Astor Piazzolla) per l'album Rabbia e tango di Edmonda Aldini, pubblicato nel 1973[1].

Recentemente molte delle sue incisioni sono state raccolte in due CD antologici.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

  • 1960: Sanremo 1960 (Embassy, E 534; solo lato A, con l'orchestra di Aldo Pagani; tracce: Splende l'arcobaleno/Quando vien la sera/È vero/Non sei felice/Gridare di gioia; lato B eseguito da I Nobili, voci soliste Rino Fabbri e Franco Pignataro; tracce: Libero/Romantica/Amore senza sole/Perdoniamoci/Perderti)

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

CD[modifica | modifica wikitesto]

Principali canzoni scritte da Angela Denia Tarenzi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Autori del testo Autori della musica Interpreti
1971 J'oublie Angela Denia Tarenzi e David Mc Neil Astor Piazzolla Julien Clerc (album Si j'étais elle)
1971 Baci e libellule Angela Denia Tarenzi Aldo Pagani e Riscian Placanica
1973 Colori sbiaditi (il sapore che mi davi tu) Angela Denia Tarenzi e Giuliano Solieri Aldo Cazzulani e Augusto Martelli Orietta Berti
1973 Madre terra, madre mia Angela Denia Tarenzi e Duilio Del Prete Astor Piazzolla Edmonda Aldini (album Rabbia e tango)
1973 Le venusiane Angela Denia Tarenzi e Duilio Del Prete Astor Piazzolla Edmonda Aldini (album Rabbia e tango)
1973 Ballata per un suonato Angela Denia Tarenzi e Duilio Del Prete Astor Piazzolla Edmonda Aldini (album: Rabbia e tango)
1973 Rinascerò Angela Denia Tarenzi e Duilio Del Prete Astor Piazzolla Edmonda Aldini (album: Rabbia e tango)
1973 La bicicletta bianca Angela Denia Tarenzi e Duilio Del Prete Astor Piazzolla Edmonda Aldini (album: Rabbia e tango)
1973 Ultime notizie Angela Denia Tarenzi e Duilio Del Prete Astor Piazzolla Edmonda Aldini (album: Rabbia e tango)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Angela di Dario Salvatori, pag. 37
  • Enzo Giannelli, Angela, in Gli urlatori, tutti i figli italiani di Elvis, Roma, Armando Curcio Editore, 2012, pag.113

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]