Enzo Giannelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enzo Giannelli (Roma, 16 ottobre 1941) è un giornalista, critico musicale e scrittore italiano, nonché operatore culturale nel settore musicale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A partire dagli anni sessanta si occupa di musica come critico musicale, collaborando con vari quotidiani. Nel 1967 è tra i fondatori del Circolo di Folk e Cultura Luigi Tenco.

Diventa poi anche autore televisivo, lavorando tra i vari programmi a Napoli prima e dopo, in onda su Rai Uno, dal 1983 al 1986.

Nel 1984 pubblica L'uomo che sognava i cavalli[1], biografia del poeta Sandro Penna (ristampata nel 2007).

Dal 1987 collabora con il mensile Raro!; nel 1990 è chiamato da Gino Castaldo per collaborare con il Dizionario della canzone italiana, edito da Armando Curcio.

Dal 2008 collabora con la rivista Musica Leggera.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1984: L'uomo che sognava i cavalli (con altri autori, a cura di Gino Castaldo), Armando Curcio Editore
  • 1990: Dizionario della canzone italiana (con altri autori, a cura di Gino Castaldo), Armando Curcio Editore
  • 2008: Renato Carosone. Un genio italiano, Armando Curcio Editore
  • 2009: Edoardo Vianello, il re Mida dell'estate, Armando Curcio Editore
  • 2012: Gli urlatori. Tutti i figli italiani di Elvis, Armando Curcio Editore
  • 2012: Marilyn. Una voce in celluloide, Armando Curcio Editore

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Giannelli, Enzo, di Roberto Ruggeri, pagg. 773-774
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie