Absolutely Live (The Doors)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Absolutely Live
Artista The Doors
Tipo album Live
Pubblicazione luglio 1970
Durata 77:42 (LP)
77:09 (CD 1996)
Dischi 2 / 1
Tracce 9 / 21
Genere Rock psichedelico
Acid rock
Blues rock
Etichetta Elektra Records
Produttore Paul A. Rothchild
Registrazione Tra luglio 1969 a maggio 1970 durante i seguenti Show (Aquarius Theatre, Hollywood 21/07/1969, Felt Forum Arena, New York 17/18/01/1970, Boston Garden Arena, Boston 10/04/1970, Philadelphia Spectrum Arena, Philadelphia 1/05/1970, Pittsburgh Civic Arena, Pittsburgh 2/05/1970 e Cobo Hall Arena, Detroit 8/05/1970 )
Formati LP / CD
Certificazioni
Dischi d'oro 1
The Doors - cronologia
Album precedente
(1970)
Album successivo
(1971)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 2/5 stelle[1]
Robert Christgau B[2]
The New Rolling Stone Album Guide 2.5/5 stelle[3]
Sputnikmusic 4.5 (Superb)[4]
Piero Scaruffi 7/10 stelle[5]
OndaRock 7/10 stelle[6]

Absolutely Live è il primo album live pubblicato dal gruppo musicale rock statunitense The Doors nel luglio del 1970.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album si piazzò ottavo nelle classifiche di allora, aggiudicandosi il disco d'oro. Molti concerti furono registrati durante il tour del 1970 per creare il suddetto album. Il produttore dei Doors, Paul A. Rothchild, editò accuratamente il disco prendendo i brani da molti concerti per creare un unico, perfetto concerto dei Doors. Nonostante questo, le sue successive affermazioni ("Ci saranno almeno 2000 tagli in quell'album", intervista da BAM magazine, 1981) dimostrarono sin dal 1999 che era una clamorosa menzogna: la Bright Midnight (gruppo Rhino / Elektra / Warner) iniziò a pubblicare i master non tagliati degli spettacoli registrati per l'Absolutely Live tour (luglio 1969 - giugno 1970: Aquarius theatre 1969 4CDs, Live in New York 1970 6 CD, Boston 1970, 2 CD, Philadelphia 1970, 2 CD, Pittsburgh 1970, 1 CD, Detroit 1970, 2 CD); su 20 canzoni dell'originale album Absolutely Live, solo due hanno tagli: su Backdoor Man (da Felt Forum, 18 gennaio 1970, secondo spettacolo), uno spezzone di Love Hides proviene da Philadelphia, 1º maggio 1970 (nessun'altra registrazione professionale di Love Hides era disponibile, e per questo motivo Rotchild decise di includerla) e su Five to One (da Felt Forum, 17 e 18 gennaio 1970) solo un taglio di uno degli urli di Jim è stato aggiunto da un altro show delle medesime serate al Felt Forum (precisamente dal 18 gennaio 1970, primo spettacolo). Questi documenti audio su CD permettono di ricondurre ogni singola canzone dell'album Absolutely Live ad ogni concerto registrato, dimostrando che le affermazioni di Rotchild sono solo esagerazioni fabbricate per creare un mito.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A (Durata totale: 19:17)

  1. Who Do You Love (Ellas McDaniel)
  2. Medley
    a) Alabama Song (Whiskey Bar) (Bertolt Brecht, Kurt Weill)
    b) Back Door Man (Willie Dixon)
    c) Love Hides (Jim Morrison)
    d) Five to One (Jim Morrison, The Doors)

Lato B (Durata totale: 18:33)

  1. Build Me a Woman (Jim Morrison, The Doors)
  2. When the Music's Over (Jim Morrison, The Doors)

Lato C (Durata totale: 18:00)

  1. Close to You (Willie Dixon)
  2. Universal Mind (Jim Morrison, Robby Krieger)
  3. Break on Through (To the Other Side) (Jim Morrison, The Doors)

Lato D (Durata totale: 21:52)

  1. The Celebration of the Lizard (Jim Morrison, The Doors)
  2. Soul Kitchen (Jim Morrison)

[7]

Edizione CD del 1996, pubblicato dalla Elektra Records (E2 61972)
  1. House Announcer – 2:40
  2. Who Do You Love – 6:02 (Ellas McDaniel)
  3. Alabama Song – 1:51 (Bertolt Brecht, Kurt Weill) – Medley
  4. Back Door Man – 2:22 (Willie Dixon) – Medley
  5. Love Hides – 1:48 (The Doors) – Medley
  6. Five to One – 4:34 (The Doors) – Medley
  7. Build Me a Woman – 3:33 (The Doors)
  8. When The Music's Over – 16:16 (The Doors)
  9. Close to You – 4:04 (Willie Dixon)
  10. Universal Mind – 4:54 (The Doors)
  11. Petition the Lord with Prayer – 0:52 (The Doors)
  12. Dead Cats, Dead Rats – 1:57 (The Doors) – Medley
  13. Break on Through (To the Other Side) – 4:36 (The Doors) – Medley
  14. Lions in the Street – 1:14 (The Doors) – Celebration of the Lizard
  15. Wake Up – 1:21 (The Doors) – Celebration of the Lizard
  16. A Little Game – 1:12 (The Doors) – Celebration of the Lizard
  17. The Hill Dwellers – 2:35 (The Doors) – Celebration of the Lizard
  18. Not to Touch the Earth – 4:14 (The Doors) – Celebration of the Lizard
  19. Names of the Kingdom – 1:29 (The Doors) – Celebration of the Lizard
  20. The Palace of Exile – 2:20 (The Doors) – Celebration of the Lizard
  21. Soul Kitchen – 7:15 (The Doors)

Durata totale: 77:09[8]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Chart Posizione
1970 Pop Albums 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) William Ruhlmann, Absolutely Live, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2016.
  2. ^ [1]
  3. ^ da The New Rolling Stone Album Guide di Nathan Brackett with David Hoard, pagina 254
  4. ^ [2]
  5. ^ [3]
  6. ^ [4]
  7. ^ https://www.discogs.com/it/Doors-Absolutely-Live/release/612701
  8. ^ [5]
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock