Morrison Hotel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morrison Hotel
Artista The Doors
Tipo album Studio
Pubblicazione febbraio 1970
Durata 37 min : 05 s (LP)
79 min : 16 s (CD 2007)
Dischi 1
Tracce 11
Genere Blues rock
Rock psichedelico
Acid rock
Etichetta Elektra Records
Produttore Paul A. Rothchild
Registrazione a Los Angeles novembre 1969 - gennaio 1970 - Indian Summer agosto 1966 - Waiting for the Sun marzo 1968
Note Ristampato il 25 ottobre 1990
Certificazioni
Dischi d'oro 2
Dischi di platino 1
The Doors - cronologia
Album precedente
(1969)
Album successivo
(1970)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4.5/5 stelle[1]
Robert Christgau B+[2]
The New Rolling Stone Album Guide 5/5 stelle[3]
Sputnikmusic 4.0 (Excellent)[4]
Piero Scaruffi 6/10 stelle[5]
OndaRock 5.5/10 stelle[6]

Morrison Hotel è il quinto album dei The Doors pubblicato come disco in vinile nel febbraio del 1970, prodotto da Paul A. Rothchild.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Morrison Hotel segna il ritorno dei Doors verso atmosfere più hard rock e blues. L'album nonostante non abbia avuto singoli di particolare successo, ebbe un buon impatto su quasi tutta la schiera di fan. Infatti sul disco viene data molta più importanza alla musica ed agli arrangiamenti, piuttosto che ai testi, cosa che ai fan della prima ora non andò giù, essendo questo una sorta di "tradimento" da parte del gruppo che loro avevano incarnato come pilastro della musica ribelle.

Gli effetti di questa cura negli arrangiamenti si sentono soprattutto sul pezzo Roadhouse Blues, mentre il misticismo è la base di pezzi come Waiting for the Sun, Queen of the Highway, e Indian Summer. Ship of Fools e Land Ho! trovano il perfetto bilanciamento tra gli arrangiamenti più rock e la veste narrativa dei testi. Peace Frog è la canzone più politica e controversa dell'album e documenta l'agitazione statunitense della fine degli anni sessanta. Blue Sunday è una ballata riposante, mentre The Spy è un lento blues che indica già la direzione che avrà il successivo album L.A. Woman. L'album raggiunse la posizione numero 4 nella classifica Billboard mentre il singolo You Make Me Real / Roadhouse Blues raggiunse la posizione numero 50 in quella dei singoli.

Grazie alle buone vendite dell'album Morrison Hotel, i Doors si aggiudicarono il quinto disco d'oro consecutivo che poi divenne di platino. Questo album rimane in ogni caso uno dei classici oltre che uno dei migliori del genere rock-blues di sempre.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La canzone Indian Summer è stata in realtà registrata nelle sessioni ai Sunset Sound Recorders del 1966. Scartata dall'album The Doors, è stata pubblicata in Morrison Hotel per mancanza di materiale. In questo pezzo Ray Manzarek suona il basso a tastiera Fender Rhodes insieme al Vox Continental.
  • La canzone Maggie McGill fa parte della tracklist del film Motel Woodstock, film uscito nelle sale cinematografiche nel 2009.
  • Le canzoni The Spy e Maggie M'Gill fanno parte della tracklist del film The Dreamers - I sognatori di Bernardo Bertolucci, uscito in Italia nel 2003.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A: "Hard Rock Cafe"[modifica | modifica wikitesto]

  1. Roadhouse Blues – 4:04 (Jim Morrison, The Doors)
  2. Waiting for the Sun – 3:58 (Jim Morrison)
  3. You Make Me Real – 2:50 (Jim Morrison)
  4. Peace Frog – 2:52 (Jim Morrison, Robby Krieger)
  5. Blue Sunday – 2:08 (Jim Morrison)
  6. Ship of Fools – 3:06 (Jim Morrison, Robby Krieger)

Lato B: "Morrison Hotel"[modifica | modifica wikitesto]

  1. Land Ho! – 4:08 (Jim Morrison, Robby Krieger)
  2. The Spy – 4:15 (Jim Morrison)
  3. Queen of the Highway – 2:47 (Jim Morrison, Robby Krieger)
  4. Indian Summer – 2:33 (Jim Morrison, Robby Krieger)
  5. Maggie M'Gill – 4:24 (Jim Morrison, The Doors)

[7]

Edizione CD del 2007 (40º anniversario, riedizione rimasterizzata con bonus), pubblicato dalla Elektra Records (R2 101173)
  1. Roadhouse Blues – 4:08 (Jim Morrison, The Doors) – Hard Rock Cafe
  2. Waiting for the Sun – 4:02 (Jim Morrison) – Hard Rock Cafe
  3. You Make Me Real – 2:54 (Jim Morrison) – Hard Rock Cafe
  4. Peace Frog – 2:51 (Jim Morrison, Robby Krieger) – Hard Rock Cafe
  5. Blue Sunday – 2:10 (Jim Morrison) – Hard Rock Cafe
  6. Ship of Fools – 3:17 (Jim Morrison, Robby Krieger) – Hard Rock Cafe
  7. Land Ho! – 4:14 (Jim Morrison, Robby Krieger) – Morrison Hotel
  8. The Spy – 4:21 (Jim Morrison) – Morrison Hotel
  9. Queen of the Highway – 2:52 (Jim Morrison, Robby Krieger) – Morrison Hotel
  10. Indian Summer – 2:37 (Jim Morrison, Robby Krieger) – Morrison Hotel
  11. Maggie M'Gill – 4:21 (Jim Morrison, The Doors) – Morrison Hotel
  12. Talking Blues – 0:59 (Jim Morrison, The Doors) – Bonus Track
  13. Roadhouse Blues – 8:47 (Jim Morrison, The Doors) – Bonus Track (11/4/69, Takes 1-3)
  14. Roadhouse Blues – 9:26 (Jim Morrison, The Doors) – Bonus Track (11/4/69, Take 6)
  15. Carol – 0:56 (Chuck Berry) – Bonus Track (11/4/69)
  16. Roadhouse Blues – 4:32 (Jim Morrison, The Doors) – Bonus Track (11/5/69, Take 1)
  17. Money Beats Soul – 1:04 (The Doors) – Bonus Track (11/5/69)
  18. Roadhouse Blues – 6:21 (Jim Morrison, The Doors) – Bonus Track (11/5/69, Takes 13-15)
  19. Peace Frog – 2:00 (Jim Morrison, Robby Krieger) – Bonus Track - False Starts & Dialogue
  20. The Spy – 3:48 (Jim Morrison) – Bonus Track - Version 2
  21. Queen of the Highway – 3:36 (Jim Morrison, Robby Krieger) – Bonus Track - Jazz Version

[8]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1970) Posizione
Stati Uniti 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Richie Unterberger, Morrison Hotel, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2016.
  2. ^ [1]
  3. ^ da The New Rolling Stone Album Guide di Nathan Brackett with David Hoard, pagina 254
  4. ^ [2]
  5. ^ [3]
  6. ^ [4]
  7. ^ [5]
  8. ^ https://www.discogs.com/it/Doors-Morrison-Hotel/release/2012651

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock