The Doors (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Doors
Artista The Doors
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 gennaio 1967
Durata 43 min : 5 s (LP)
49 min : 24 s (CD 2007)
Dischi 1
Tracce 11
Genere Rock psichedelico
Acid rock
Blues rock
Etichetta Elektra Records
Produttore Paul A. Rothchild
Registrazione Sunset Sound Recorders, 24 - 31 agosto 1966
Certificazioni
Dischi d'oro Argentina Argentina[1]
(vendite: 30 000+)
Austria Austria[2]
(vendite: 25 000+)
Italia Italia[3]
(vendite: 25 000+)
Spagna Spagna[4]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platino Canada Canada (4)[5]
(vendite: 400 000+)
Francia Francia (3)[6]
(vendite: 900 000+)
Germania Germania[7]
(vendite: 500 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[8]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (5)[9]
(vendite: 5 000 000+)
Svizzera Svizzera[10]
(vendite: 50 000+)
The Doors - cronologia
Album successivo
(1967)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[11] 5/5 stelle
OndaRock[12][13] 9.5/10
(pietra miliare)
Discogs[senza fonte] 5/5 stelle
Piero Scaruffi[14] 9/10
Rolling Stone[15] 5/5 stelle
The Village Voice[16] B-

The Doors è il disco di debutto dei The Doors, registrato ai Sunset Sound Studio nell'agosto 1966, fu pubblicato il 4 gennaio 1967 dalla Elektra Records. La rivista Rolling Stone l'ha inserito al 42º posto della sua lista dei 500 migliori album.[17]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album contiene due brani leggendari: Light My Fire e The End. Alabama Song fu originariamente scritta e composta da Bertolt Brecht e Kurt Weill per la loro opera Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny (Ascesa e caduta della città di Mahagonny), mentre Back Door Man è un brano di Willie Dixon interpretato in precedenza da Howlin' Wolf.
Anticipato dal singolo Break on Through (To the Other Side) e successivamente dalla pubblicazione del singolo Light My Fire che raggiunse la posizione numero 1, l'album riscosse un enorme successo piazzandosi alla posizione numero 2 nelle classifiche del tempo aggiudicandosi il disco d'oro e quello di platino.

Il critico musicale Piero Scaruffi ha inserito l'album alla quinta posizione nella lista dei migliori album rock di tutti i tempi.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

Testi e musiche di Jim Morrison, Robby Krieger, Ray Manzarek e John Densmore, eccetto dove indicato..

  1. Break on Through (To the Other Side) – 2:25
  2. Soul Kitchen – 3:30
  3. The Crystal Ship – 2:30
  4. Twentieth Century Fox – 2:30
  5. Alabama Song (Whisky Bar) – 3:15 (Bertolt Brecht, Kurt Weill)
  6. Light My Fire – 6:30
Lato B

Testi e musiche di Jim Morrison, Robby Krieger, Ray Manzarek e John Densmore, eccetto dove indicato..

  1. Back Door Man – 3:30 (Chester Burnett, Willie Dixon)
  2. I Looked at You – 2:18
  3. End of the Night – 2:49
  4. Take It as It Comes – 2:13
  5. The End – 11:35

[18]

Edizione CD del 2007 (40º anniversario, riedizione rimasterizzata con bonus), pubblicato dalla Elektra Records (R2 101184)

Testi e musiche di Jim Morrison, Robby Krieger, Ray Manzarek e John Densmore, eccetto dove indicato..

  1. Break on Through (To the Other Side) – 2:27
  2. Soul Kitchen – 3:32
  3. The Crystal Ship – 2:32
  4. Twentieth Century Fox – 2:32
  5. Alabama Song (Whisky Bar) – 3:17 (Bertolt Brecht, Kurt Weill)
  6. Light My Fire – 7:00
  7. Back Door Man – 3:34 (Chester Burnett, Willie Dixon)
  8. I Looked at You – 2:22
  9. End of the Night – 2:50
  10. Take It as It Comes – 2:18
  11. The End – 11:41
  12. Moonlight Drive – 2:43 – Bonus Track - Version 1
  13. Moonlight Drive – Bonus Track - Version 2
  14. Indian Summer – 2:36 – Bonus Track - 8/19/66 Vocal

[19]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Chart Posizione
1967 Pop Albums 2

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Chart Posizione
1967 Break on Through (To the Other Side) / End of the Night Pop Singles 106
1967 Light My Fire / The Crystal Ship Pop Singles 1

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1999 la storia del disco viene immortalata in un episodio della serie Classic Albums, uscito poi in DVD nel 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Discos de oro y platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 2 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  2. ^ (EN) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 settembre 2015. Digitare "The Doors" in "Interpret", dunque preme "Suchen"
  3. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 2 settembre 2015.
  4. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  5. ^ (EN) Gold and Platinum Search: The Doors, Music Canada. URL consultato il 2 settembre 2015.
  6. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, SNEP. URL consultato il 2 settembre 2015. Inserire "Doors" e premere il tasto "OK"
  7. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank (The Doors; 'The Doors (1st Album)'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 2 settembre 2014.
  8. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 2 settembre 2015. Digitare "The Doors" in "Keywords", dunque premere "Search"
  9. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 2 settembre 2015.
  10. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (The Doors; 'The Doors'), Schweizer Hitparade. URL consultato il 2 settembre 2015.
  11. ^ (EN) Richie Unterberger, The Doors, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 13 maggio 2017.
  12. ^ Claudio Fabretti, Doors - biografia, recensioni, streaming, discografia, foto, su Onda Rock. URL consultato il 13 maggio 2017.
  13. ^ Claudio Fabretti, Doors - The Doors, su Onda Rock, 29 ottobre 2010. URL consultato il 13 maggio 2017.
  14. ^ Piero Scaruffi, The History of Rock Music. Doors: biography, discography, reviews, links, scaruffi.com. URL consultato il 13 maggio 2017.
  15. ^ (EN) Parke Puterbaugh, The Doors by The Doors, in Rolling Stone, 8 aprile 2003. URL consultato il 13 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2011).
  16. ^ (EN) Robert Christgau, Christgau's Consumer Guide to 1967, in The Village Voice, 20 dicembre 1976, p. 69. (archiviato dall'originale il ).
    «I admit that some of the tunes retain considerable nostalgic appeal, but there's no way I can get around it—Jim Morrison sounds like an asshole. B MINUS».
  17. ^ 100 Greatest Artists: The Doors | Rolling Stone
  18. ^ [1]
  19. ^ [2]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock