The Doors (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Doors
Artista The Doors
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 gennaio 1967
Durata 43 min : 5 s (LP)
49 min : 24 s (CD 2007)
Dischi 1
Tracce 11
Genere Rock psichedelico
Acid rock
Blues rock
Etichetta Elektra Records
Produttore Paul A. Rothchild
Registrazione Sunset Sound Recorders, 24 - 31 agosto 1966
Certificazioni
Dischi d'oro Argentina Argentina[1]
(vendite: 30 000+)
Austria Austria[2]
(vendite: 25 000+)
Italia Italia[3]
(vendite: 25 000+)
Spagna Spagna[4]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platino Canada Canada (4)[5]
(vendite: 400 000+)
Francia Francia (3)[6]
(vendite: 900 000+)
Germania Germania[7]
(vendite: 500 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[8]
(vendite: 600 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (5)[9]
(vendite: 5 000 000+)
Svizzera Svizzera[10]
(vendite: 50 000+)
The Doors - cronologia
Album successivo
(1967)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 5/5 stelle[11]
OndaRock Pietra Miliare
Discogs 5/5 stelle
Piero Scaruffi 9/10 stelle

The Doors è il disco di debutto dei The Doors, registrato ai Sunset Sound Studio nell'agosto 1966, fu pubblicato il 4 gennaio 1967 dalla Elektra Records. La rivista Rolling Stone l'ha inserito al 42º posto della sua lista dei 500 migliori album.[12]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album contiene due brani leggendari: Light My Fire e The End. Alabama Song fu originariamente scritta e composta da Bertolt Brecht e Kurt Weill per la loro opera Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny (Ascesa e caduta della città di Mahagonny), mentre Back Door Man è un brano di Willie Dixon interpretato in precedenza da Howlin' Wolf.
Anticipato dal singolo Break on Through (To the Other Side) e successivamente dalla pubblicazione del singolo Light My Fire che raggiunse la posizione numero 1, l'album riscosse un enorme successo piazzandosi alla posizione numero 2 nelle classifiche del tempo aggiudicandosi il disco d'oro e quello di platino.

Il critico musicale Piero Scaruffi ha inserito l'album alla quinta posizione nella lista dei migliori album rock di tutti i tempi

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

Testi e musiche di Jim Morrison, Robby Krieger, Ray Manzarek e John Densmore, eccetto dove indicato..

  1. Break on Through (To the Other Side) – 2:25
  2. Soul Kitchen – 3:30
  3. The Crystal Ship – 2:30
  4. Twentieth Century Fox – 2:30
  5. Alabama Song (Whisky Bar) – 3:15 (Bertolt Brecht, Kurt Weill)
  6. Light My Fire – 6:30
Lato B

Testi e musiche di Jim Morrison, Robby Krieger, Ray Manzarek e John Densmore, eccetto dove indicato..

  1. Back Door Man – 3:30 (Chester Burnett, Willie Dixon)
  2. I Looked at You – 2:18
  3. End of the Night – 2:49
  4. Take It as It Comes – 2:13
  5. The End – 11:35

[13]

Edizione CD del 2007 (40º anniversario, riedizione rimasterizzata con bonus), pubblicato dalla Elektra Records (R2 101184)

Testi e musiche di Jim Morrison, Robby Krieger, Ray Manzarek e John Densmore, eccetto dove indicato..

  1. Break on Through (To the Other Side) – 2:27
  2. Soul Kitchen – 3:32
  3. The Crystal Ship – 2:32
  4. Twentieth Century Fox – 2:32
  5. Alabama Song (Whisky Bar) – 3:17 (Bertolt Brecht, Kurt Weill)
  6. Light My Fire – 7:00
  7. Back Door Man – 3:34 (Chester Burnett, Willie Dixon)
  8. I Looked at You – 2:22
  9. End of the Night – 2:50
  10. Take It as It Comes – 2:18
  11. The End – 11:41
  12. Moonlight Drive – 2:43 – Bonus Track - Version 1
  13. Moonlight Drive – Bonus Track - Version 2
  14. Indian Summer – 2:36 – Bonus Track - 8/19/66 Vocal

[14]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Chart Posizione
1967 Pop Albums 2

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Chart Posizione
1967 Break on Through (To the Other Side) / End of the Night Pop Singles 106
1967 Light My Fire / The Crystal Ship Pop Singles 1

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1999 la storia del disco viene immortalata in un episodio della serie Classic Albums, uscito poi in DVD nel 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Discos de oro y platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 2 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  2. ^ (EN) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 settembre 2015. Digitare "The Doors" in "Interpret", dunque preme "Suchen"
  3. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 2 settembre 2015.
  4. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  5. ^ (EN) Gold and Platinum Search: The Doors, Music Canada. URL consultato il 2 settembre 2015.
  6. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, SNEP. URL consultato il 2 settembre 2015. Inserire "Doors" e premere il tasto "OK"
  7. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank (The Doors; 'The Doors (1st Album)'), Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 2 settembre 2014.
  8. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 2 settembre 2015. Digitare "The Doors" in "Keywords", dunque premere "Search"
  9. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 2 settembre 2015.
  10. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (The Doors; 'The Doors'), Schweizer Hitparade. URL consultato il 2 settembre 2015.
  11. ^ Richie Unterberger, The Doors – The Doors, su AllMusic.
  12. ^ 100 Greatest Artists: The Doors | Rolling Stone
  13. ^ [1]
  14. ^ [2]
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock