Yasujirō Ozu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Yasujiro Ozu)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yasujirō Ozu

Yasujirō Ozu (小津 安二郎 Ozu Yasujirō?) (Tokyo, 12 dicembre 1903Tokyo, 12 dicembre 1963) è stato un regista e sceneggiatore giapponese. Esponente del cinema realista, nei suoi film riassume la tradizione e la modernità del suo paese con una dialettica precisa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua vita ricalca – si potrebbe dire – la trama minimale dei suoi film, solo sfiorata dai grandi eventi, improntata al suo carattere schivo. Nasce a Tokyo (nel sobborgo di Fukugawa), ma viene educato in un paese di campagna, Matsusaka, insieme ai suoi fratelli. Un carattere non privo di asperità, che si manifestano sin da piccolo; a scuola viene ricordato soprattutto per le risse, per la precoce tendenza all'alcool e per il vezzo di tenere sul banco la foto di Pearl White (ormai dimenticata attrice del cinema muto, interprete di oltre duecento film, tra cui l'allora popolarissima serie The perils of Pauline). I nomi che all'inizio affascinarono Ozu e che lo spinsero verso la carriera di regista sono ormai quasi perduti nella nebbia del tempo: Pearl White appunto, ma anche Lillian Gish, William S. Hart, Rex Ingram. Il cinema americano ebbe su di lui un'immediata influenza. Si racconta che preferì andare al cinema locale a vedere la prima de Il prigioniero di Zenda piuttosto che sostenere l'esame di ammissione alla scuola superiore commerciale già frequentata dal fratello.

Degli anni successivi si sa poco, se non che riuscì a farsi assumere come maestro nella scuola di un piccolo villaggio di montagna e che alla fine la famiglia fu costretta a riportarlo di peso a Tokyo e a pagare i debiti accumulati grazie alla sua sconfinata passione alcolica.

Considerando che a quell'epoca il cinema in Giappone non godeva di grande prestigio, un'anima persa come il giovane Ozu non fece fatica a fare il suo ingresso nell'ambiente cinematografico. L'inizio della sua carriera è quello di operatore di macchina, un mestiere che prende molto sul serio e che sarà alla base di alcune importanti sperimentazioni e innovazioni che ancora oggi rendono i suoi primi film (in bianco e nero, muti e immersi nella cultura giapponese) estremamente gradevoli e attuali.

La scelta di passare alla regia non fu semplice: "Come aiuto regista potevo bere quanto mi pareva e parlare tutto il tempo. Come regista mi sarebbe toccato lavorare di continuo e stare in piedi anche la notte".

È del 1930 la realizzazione del film Ojosan, Signorina, che oltre ad essere impregnato della tradizione nipponica, non disprezza un certo apprezzamento verso la maestosa produzione americana che in quei tempi predominava.

Gli anni trenta[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi degli anni trenta nasce una nuova fase, tutta rivolta alla realtà sociale del suo paese, cosicché ritroviamo nelle sue pellicole personaggi umili e popolari come: disoccupati e laureati in cerca di lavoro in Shukujo to hige, La ragazza e la barba, i figli contestatori de Umarete wa mita keredo, Sono nato, ma... del 1932, film quest'ultimo che mette in luce l'ineluttabile essere succube dei figli all'autorità. Lo stesso pessimismo è ripreso anche in Seishun no yume ima izuko, Dove sono finiti i nostri sogni di gioventù e Tokyo no onna, Una donna di Tokyo in cui una donna si prostituisce per far studiare suo fratello. In questi anni il regista affina il suo stile, rendendolo autonomo, con una precisa geometria spaziale e modulazione temporale.

Gli anni quaranta e cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ad una evoluzione stilistica ce n'è anche una tematica. Il tema della famiglia accentrato nelle pellicole precedenti diverrà pian piano il contrasto tra la modernità e la tradizione, esempio primo il film del 1936 Figlio unico (Hitori musuko) considerato assieme a Umarete wa mita keredo uno dei migliori film dell'epoca. Nel 1941 la sua tematica ebbe un ulteriore evoluzione, Ozu prende a difendere i valori nazionalisti nei film satirici Todake no kyodai, Fratelli e sorelle della famiglia Toda e Chichi ariki, C'era un padre, nazionalismo che oramai non esiste più secondo il regista, ne dà dimostrazione infatti nel film Nagaya shinshiroku, Il chi è di un inquilino.

Nel dopoguerra Ozu diventa molto popolare nel suo paese. Nel 1951 egli ritorna ancora ai temi della famiglia, stavolta con un padre riflessivo che serva da monito per chi non lo è, nel film Bakushu, Inizio d'estate, in prosieguo, la sua tematica è tutta rivolta alla perdita dei valori e quella dell'autorità, temi che si ritrovano nei suoi ultimi film Tokyo boshoku, Crepuscolo di Tokyo e Higanbana, Fiori d'equinozio.

Il suo capolavoro è considerato Viaggio a Tokyo (Tokyo monogatari) del 1953. In Occidente è considerato il "più giapponese" dei registi giapponesi e solo dopo il 1960 alcune sue opere vengono distribuite all'estero.

Lo stile[modifica | modifica wikitesto]

Ozu (al centro) sul set di Viaggio a Tokyo

Chi sia stato Yasujirō Ozu lo si può comprendere meglio dai suoi film che dalla sua scarna biografia.

I suoi primi film sono andati distrutti nei bombardamenti della seconda guerra mondiale; ne rimangono circa trentacinque, alcuni privi di diversi rulli e quindi ormai solo materiale per cinefili incalliti. La carriera del regista Ozu si può comunque dividere in due parti, lacerata da quello spartiacque epocale che fu anche per lui la Seconda guerra mondiale. Paradossalmente sono i primi film quelli più "occidentali", quelli in cui compare anche visivamente l'impronta di Hollywood. I film della maturità sono improntati invece ad uno stile che è stato giustamente definito "contemplativo", che quasi ignora le regole cinematografiche e che invece è impregnato di simbolismi, di situazioni minimali, di sfumature psicologiche.

Un perfezionista, per alcuni un eccentrico; non usò il sonoro fino al 1935 (quando il suo direttore della fotografia Hideo Mohara non fu pronto a compiere il grande passo) e similmente il suo primo film a colori risale solo al 1958. Tutti i suoi film furono sceneggiati da Kōgo Noda[1].

Un ammiratore del cinema occidentale (innamorato del cinema di Ernst Lubitsch) e al tempo stesso colui che ha tramandato in maniera più rispettosa di chiunque altro le tradizioni e la cultura familiare del Giappone.

Yasujirō Ozu soccombe al cancro alla gola esattamente il giorno del suo sessantesimo compleanno, il 12 dicembre 1963. Viene sepolto nel tempio di Engaku-ji, a Kita Kamakura.

Disse il regista Wim Wenders (che gli ha dedicato il film Tokyo-Ga), quando gli chiesero cosa fosse per lui il paradiso: "La cosa più simile al paradiso che abbia mai incontrato è il cinema di Ozu".

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

La filmografia di Ozu conta 54 film, prodotti tra il 1927 e il 1962.

L'elenco seguente riporta i 39 film interamente[2] reperibili, essendo alcuni andati perduti nel corso dei bombardamenti della seconda guerra mondiale[3].

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Filmografia di Yasujiro Ozu.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dominique Parent-Altier, Introduzione alla sceneggiatura, Torino 1997, ISBN 88-7180-211-X, p. 17.
  2. ^ La lista esclude Rissa fra amici in stile giapponese e Mi sono laureato, ma..., di cui sono rimasti conservati alcuni rulli (cfr. Fighting Friends - Japanese Style con Kodak Film Calculator e Technical specifications for Rissa fra amici in stile giapponese su imdb.com; I Graduated, But...)
  3. ^ Lost Films - Yasujiro Ozu su zu-san.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Tomasi, Yasujiro Ozu (1996) Milano: Il Castoro Cinema
  • Kiju Yoshida, O Anticinema de Yasujiro Ozu (2003): Cosac & Naify
  • Schrader Paul, Il trascendente nel cinema. Ozu, Bresson, Dreyer (2002): Donzelli

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 33209 LCCN: n/82/116259