Pearl White

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pearl White

Pearl Fay White (Greenridge, 4 marzo 1889Neuilly-sur-Seine, 4 agosto 1938) è stata un'attrice del cinema muto statunitense e anche una cantante.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di un modesto contadino del Missouri, Pearl White crebbe a Springfield, Missouri, dove iniziò a interessarsi alla recitazione già al liceo e partecipò alla locale compagnia filodrammatica. All'età di 18 anni si unì alla Trousedale Stock Company come attrice part time: lavorava negli spettacoli serali mentre continuava il suo lavoro quotidiano per aiutare la famiglia.

Molto presto fu in grado di entrare a tempo pieno nella compagnia, iniziando un tour per gli stati del Midwest americano. Nel 1907 si sposò con il collega attore Victor Sutherland (1889-1968) ma presto si separarono e quindi giunsero al divorzio.

Nel 1910 i fratelli Pathé offrirono a Pearl White l'occasione di recitare in "The Girl From Arizona", il primo film americano prodotto dalla compagnia francese nel suo nuovo studio di Bound Brook, nel New Jersey. Lavorò quindi ai Lubin Studios e in altre compagnie indipendenti fino a quando la Crystal Film Company di Manhattan le offrì il ruolo principale in numerosi film brevi.

Dopo aver raggiunto una certa notorietà, nel 1914 il regista della Pathé Louis J. Gasnier (1875-1963) offrì a Pearl White il ruolo di interprete in "The Perils of Pauline", film basato su un racconto di Charles W. Goddard (1879-1951). La storia non è (come si potrebbe desumere dal titolo) quella di una donna inerme; al contrario "Pauline" è il personaggio centrale di una storia che comporta una notevole dose di azione per la quale il fisico atletico di Pearl White si dimostrò assolutamente adatto.

Cartolina di Pearl White per i suoi fan

The Perils of Pauline era composto da venti episodi che sviluppavano il concetto di "eroina in pericolo". Fu un enorme successo di pubblico che fece di Pearl White una celebrità di prima grandezza che arrivò a guadagnare l'astronomica cifra di 3000 dollari a settimana. A questo grande successo ne seguì un altro ancora più grande, "I misteri di New York".

Guidando aeroplani, sfrecciando su automobili, nuotando attraverso fiumi e altre sfide di ogni genere, interpretò altri quattro serial di successo basati sullo stesso tema. In questi film di azione Pearl White fece gran parte del lavoro di stunt-woman, con il risultato di procurarsi numerose lesioni che la costrinsero a usare una vera controfigura nei film successivi.

Nel 1919 Pearl White era diventata una giovane donna ricchissima; fu allora che incontrò e sposò il veterano della Prima guerra mondiale, il maggiore Wallace McCutcheon Jr. (1880-1928), figlio di un produttore cinematografico. Il marito di Pearl era anche lui attore e si era cimentato anche nella regia e nella produzione però con scarso successo, tanto che aveva lasciato la conduzione della Biograph, la casa di produzione che gli era stata affidata dal padre malato, nelle mani più capaci di David W. Griffith.
Neppure questo matrimonio durò a lungo e il divorzio arrivò nel 1921; due anni dopo Pearl White interpretò il suo ultimo film americano. Su incoraggiamento dei suoi amici francesi decise di lavorare per la Pathé, ed essendo una persona che apprezzava le altre culture, Pearl White entrò nel grande ambiente culturale che raccoglieva decine di geni attorno al quartiere parigino di Montparnasse.

Durante il suo soggiorno a Parigi interpretò il suo ultimo film con il suo amico Edward José (1880-1930), il regista di origine belga che l'aveva diretta in numerosi serial negli Stati Uniti. I film muti potevano essere girati indifferentemente in qualsiasi paese e dato che Pearl White era ormai una star conosciuta in tutto il mondo, in Francia le vennero offerte numerose parti. Scelse invece di recitare dal vivo in una produzione di Montmartre intitolata "Tu Perds la Boule" ("Perdi la palla"). Entusiasta di questo genere di spettacolo, nel 1925 accettò l'offerta di lavorare con l'attore di prosa Max Wall nella "London Review" al Lyceum Theatre di Londra.

La povertà sofferta durante l'infanzia rese Pearl White una persona molto frugale rispetto al denaro. Si dimostrò una notevole donna d'affari e investì in un nightclub di successo a Parigi, in un hotel con casinò a Biarritz oltre che in una quantità di cavalli da corsa di razza.

Tomba di Pearl White al cimitero di Passy

Viveva in una casa alla moda nell'esclusivo sobborgo parigino di Passy e possedeva anche una villa a Rambouillet. La povera ragazzina del Missouri si mischiava all'alta società europea e presto divenne intima dell'uomo d'affari greco Theodore Cossika che condivideva il suo stesso interesse nei viaggi. Insieme acquistarono una casa vicino al Cairo e Pearl White estese ancora i propri orizzonti culturali viaggiando con il suo compagno attraverso il Medio Oriente e l'Asia.

Nel corso degli anni l'abuso di alcool da parte di Pearl White aumentò considerevolmente, forse nel tentativo di sedare i dolori cronici dovuti alle lesioni riportate nei suoi film di azione. Nel 1933 dovette essere ricoverata in ospedale e questo la portò a una dipendenza dai farmaci che usava per alleviare i dolori. I suoi ultimi anni li passò in un doloroso sopore alcolico e morì di cirrosi epatica all'età di 49 anni nell'ospedale americano del sobborgo parigino di Neuilly. Venne sepolta nel cimitero di Passy.

Il posto che Pearl White occupa nel cinema è quello di una pietra miliare sia nell'evoluzione dei generi cinematografici che del ruolo della donna. Il suo film "I misteri di New York" è stato scelto per essere conservato nello United States National Film Registry. Tutti i suoi film vennero realizzati in studi cinematografici della costa est degli Stati Uniti e si ritiene che non abbia mai visitato Hollywood. La Mecca del cinema le ha comunque reso onore con una stella nella Walk of Fame.

Pearl White nel 1914

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

1910[modifica | modifica sorgente]

1911[modifica | modifica sorgente]

1912[modifica | modifica sorgente]

1913[modifica | modifica sorgente]

1914[modifica | modifica sorgente]

1915[modifica | modifica sorgente]

1916[modifica | modifica sorgente]

La maschera dai denti bianchi (1916)

1917[modifica | modifica sorgente]

Pearl of the Army (1917)

1918[modifica | modifica sorgente]

1919[modifica | modifica sorgente]

1920[modifica | modifica sorgente]

1921[modifica | modifica sorgente]

1922[modifica | modifica sorgente]

1923[modifica | modifica sorgente]

1925[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 58157536