Unione Cestistica Casalpusterlengo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unione Cestistica Casalpusterlengo
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body thinsidesonwhite.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body whitesides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali 600px Rosso e Blu2.png Rosso e blu
Dati societari
Città Casalpusterlengo
Paese Italia Italia
Confederazione FIBA Europe
Federazione FIP
Campionato Divisione Nazionale A Silver
Fondazione 1977
Denominazione Unione Cestistica Casalpusterlengo
(1977-oggi)
Presidente Franco Curioni Italia
Allenatore Andrea Zanchi Italia
Palazzetto Campus di Codogno
Sito web www.assigecobasket.it
Palmarès
Altri titoli 2 Coppa Italia A Dilettanti
(2007, 2009)

L'Unione Cestistica Casalpusterlengo (conosciuta anche come U.C.C. e Assigeco Casalpusterlengo) è la squadra di basket di Casalpusterlengo (in provincia di Lodi).

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'U.C. Casalpusterlengo nasce nel 1977, per volontà del presidente Franco Curioni (attualmente in carica): la squadra milita nel campionato di Promozione e la rosa è composta proprio dal presidente Curioni e dagli altri membri del consiglio direttivo.

Nel 1994, sponsorizzata Assigeco, disputa la Serie D, venendo promossa in Serie C sotto la guida di Maurizio Fiorani.

Dal dicembre 2002 al novembre 2006 l'allenatore è Marcello Ghizzinardi, subentrato a Fabio Corbani: durante questo periodo il club ottiene una promozione in Serie B d'Eccellenza (2004). Nel 2006-2007 vince la Coppa Italia di categoria con Walter De Raffaele in panchina, successo poi bissato nel 2008-2009 nel primo anno al PalaCastellotti di Lodi.

Nel 2009-2010 viene ammessa al campionato di Legadue, a seguito della rinuncia del Basket Livorno. L'11 aprile 2010, l'Assigeco conquista la salvezza matematica, con tre giornate d'anticipo rispetto alla fine della regular season di Legadue.

Nella seconda stagione in Legadue (2010-2011), l'Assigeco riesce a conquistare la salvezza all'ultimo turno di campionato, battendo in casa per 85-72 Ferrara, riuscendo a classificarsi 11ª in campionato grazie al notevole contributo degli atleti italiani nella seconda metà di stagione. [1]

Il 30 giugno 2011, dopo aver annunciato il ritorno al Campus di Codogno, viene ufficializzata la rinuncia al campionato di Legadue[1] e l'autoretrocessione nella nuova Lega di Sviluppo (la vecchia A Dilettanti).

Tra i suoi ex giocatori più rappresentativi vi sono: Danilo Gallinari ed il padre Vittorio, Mario Boni, Pietro Aradori, Federico Bolzonella, Federico Bellina, Pierpaolo Picazio, Klaudio Ndoja, Luca Conte, Mitchell Poletti.

Roster 2013-2014[modifica | modifica sorgente]

  • Staff tecnico
Presidente: Franco Curioni Italia
Allenatore: Andrea Zanchi Italia
Vice allenatore: Michele Carrena Italia
Assistente: Andrea Lombardi Italia
Preparatore atletico: Andrea Annoli Italia
Fisioterapista: Guido Conti Italia
Medico sportivo: Dott. Sebastian Wender Germania
Segreteria: Mariangela Legranzini Italia
Num. Naz. Giocatore Anno Alt. (cm) Ruolo
4 Georgia Deivas Mikeladze 1994 204 Centro
5 Lettonia Jurijs Jakovičs 1993 182 Playmaker
6 Italia Luca Vencato 1995 190 Playmaker
7 Italia Alberto Chiumenti 1987 203 Ala
8 Italia Gianpaolo Ricci 1991 200 Centro
9 Italia Fabio Marghetti 1996 196 Ala
10 Italia Filippo Masoni 1982 190 Playmaker
11 Italia Andrea Quarisa 1992 204 Centro
12 Italia Riccardo Rossato 1996 189 Guardia
13 Stati Uniti Alex Young 1980 188 Guardia
14 Cuba Juan José Santarosa 1991 201 Ala
15 Italia Daniele Donzelli 1996 200 Ala
16 Croazia Luka Durić 1995 197 Ala
17 Italia Daniele Bonetti 1988 199 Ala
18 Italia Marco Spissu 1995 184 Playmaker
20 Serbia Damjan Pesic 1986 208 Centro
21 Italia Leonardo Bivona 1995 185 Guardia
24 Grecia Ioannis Karatsas 1993 195 Ala
27 Polonia Tomasz Mankowicz 1986 205 Centro
33 Croazia Ivo Savic 1984 192 Guardia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Campionati Professionistici. La comunicazione della ComTec in FIP, 4 luglio 2011. URL consultato il 5 luglio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]