Traversa (ferrovia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di binario classico con traverse in legno.

Con traversa (nell'uso comune e gergale anche traversina) si intende quella parte del binario alla quale sono fissate le rotaie.

L'importanza delle traverse[modifica | modifica wikitesto]

Le traverse assolvono il duplice, vitale, compito di assicurare il rispetto dello scartamento delle rotaie e scaricare, sul terreno sottostante, il peso del treno che vi transita attraverso la loro maggiore superficie anziché su quella molto minore della base della rotaia stessa. Quest'ultimo fatto, è intuitivo, è divenuto nel tempo sempre più importante visto l'aumento di massa delle locomotive e dei rotabili in genere ed è anche il motivo per cui la distanza tra le traverse è maggiore nelle linee secondarie o obsolete e minore in quelle più moderne e più veloci; questa distanza prende il nome di modulo. Ne consegue che il numero delle traverse impiegate nelle reti ferroviarie è molto elevato e nel passato, quando veniva usato soltanto il legno per farle, all'atto della costruzione di una linea venivano distrutte grandi estensioni di bosco. Alla fine del 2003 la quantità delle rotaie della Deutsche Bahn AG in Germania aveva una lunghezza di circa 35.600 km, posate su circa 54 milioni di traverse.

Traverse classiche in legno.

Le traverse possono essere composte di:

Traverse di legno[modifica | modifica wikitesto]

Sono il tipo più diffuso a livello mondiale ed in passato quasi esclusivo. Le traverse di legno sono prevalentemente di faggio, di quercia, di rovere e di pino. Le traverse in legno prima dell'uso subiscono un trattamento che ne assicura la durabilità e l'inattaccabilità dagli insetti e dai parassiti del legno; vengono quindi impregnate con olio di catrame di carbon fossile anche per renderle più conservabili contro dannosi effetti ambientali. Soprattutto nei paesi tropicali si utilizzano altri tipi di legname come il teak e altri legni duri e resistenti. Contrariamente a quanto si possa credere le traverse in legno in Italia sono ancora prodotte, ma vengono destinate prevalentemente a linee dove le condizioni climatiche e di esercizio rendono le traverse in cemento armato poco durevoli. Per esempio in una zona con inverni molto rigidi.

Traverse in ferro[modifica | modifica wikitesto]

Traverse in ferro usate in lamiera di ferro stampata.

Le traverse in ferro sono un tipo alternativo di traversa costruite per particolari esigenze di durata in condizioni difficili in cui quelle tradizionali di legno avrebbero vita breve o per ragione di costi o di approvvigionamento; di massima sono costituite da una barra di lunghezza opportuna con sezione a "C" alla quale sono bullonate le piastre di fissaggio delle rotaie.

Traversa a Y[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio di traversine ad Y (a sinistra) e di tipo normale (a destra).

Una forma alternativa è la traversa a Y, costituita da una coppia di barre in acciaio modellate in modo da ottenere una traversa a forma di Y. Nel binario la traversa a Y viene montata con un punto di attacco da una parte e a due punti di attacco; la successiva in posizione inversa. La traversa a Y presenta il vantaggio di una minore sezione di costruzione e necessita di un ballast più ristretto data la migliore stabilità di posizione del binario anche nei raggi di curva più stretti e una maggiore resistenza del binario allo spostamento trasversale. Gli svantaggi sono, i costi di acquisto in costante aumento a causa degli alti prezzi dell'acciaio, e la manutenzione più costosa dato che non si adattano a tutte le moderne tecnologie meccanizzate di rinnovamento e manutenzione del binario e richiedono quindi maggior tempo in confronto ai binari a traversa classica. Inoltre non permettono velocità dei treni maggiori di 120 km/h. Su vari tratti attrezzati con traverse a Y è stata notata una forte tendenza all'ondulazione del binario con conseguente maggiore emissione sonora. Non sono quindi utilizzate se si devono soddisfare normative tecnico-acustiche ambientali restrittive.

Traversa in ferro-cemento[modifica | modifica wikitesto]

In alcuni casi vengono costruite e utilizzate anche delle traverse ibride in ferro-cemento costituite da due blocchetti di cemento, con gli ancoraggi della rotaia, unite tra loro alla distanza corretta di scartamento da una barra di profilato di ferro di sezione ridotta.

I vari tipi di traversa in ferro sono utilizzati soprattutto per ferrovie secondarie o tranvie extraurbane data la minore attitudine a sopportare pesi assiali e velocità più elevati.

Traverse in cemento armato[modifica | modifica wikitesto]

Traverse classiche in cemento armato precompresso con attacchi premontati di tipo elastico per rotaie UNI 60

Dagli anni sessanta si utilizzano sempre più traverse in cemento armato precompresso nelle nuove realizzazioni ferroviarie e nei lavori di ammodernamento al posto delle traverse in legno (laddove possibile). Esse in virtù di un peso maggiore (circa 350 – 400 kg) che garantisce una migliore stabilità nella posizione di montaggio e una migliore utilizzabilità per le operazioni meccanizzate di costruzione e manutenzione rappresentano ormai lo standard per tutte le linee ferroviarie importanti o ad alta velocità.

Alternative alle traverse[modifica | modifica wikitesto]

Plateau in cemento armato precompresso

Nella metà degli anni ottanta sono stati sviluppati diversi nuovi sistemi di costruzione come i plateau di cemento armato a moduli precompressi. Questi sono in sostanza dei lastroni di misura predefinita dai quali nella faccia superiore sporgono delle traverse integrate, in altri casi dei blocchetti di cemento armato o delle superfici di attacco alle quali sono poi fissate le rotaie in genere con sistemi di attacco elastico. Il vantaggio è costituito dall'assenza di ballast, da un più stabile livellamento e dalla possibilità di circolazione di mezzi gommati in caso di emergenza.

Riutilizzo delle traverse[modifica | modifica wikitesto]

A causa dell'elevato contenuto di impregnanti nocivi alla salute le traverse sono catalogate tra i materiali inquinanti e non ne è consentito l'utilizzo come legna da ardere. Un tempo questo era tuttavia l'utilizzo più diffuso. Traverse di scarto sono state utilizzate anche come materiale da costruzione o recinzione di sostegno per muri ecc. A partire dagli anni ottanta le traverse ferroviarie possono essere utilizzate per diversi scopi forestali, in quanto sono un rifiuto recuperabile con il codice cer 17.02.04*. Ci sono aziende a norma di legge che lavorano per rendere la traversa materia prima evitando che dei pezzi di legno così grossi vengano mandati ai termovalorizzatori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ivo Angelini, Treni e ferrovie: ieri oggi domani, Firenze, Casa editrice Salani s.p.a., 1975.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti