Trattato di Batumi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato di Batumi
Data 4 giugno 1918
Luogo Batumi
Esito Caduta del governo della Federazione Rivoluzionaria Armena
Parti contraenti
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il Trattato di Batumi è stato un trattato di pace tra la Repubblica Democratica di Armenia e l'Impero Ottomano, firmato a Batumi il 4 giugno 1918. È stato il primo trattato della Repubblica Democratica di Armenia. Esso consisteva di 14 articoli. Gli ottomani mantenevano il controllo del Governatorato del Caucaso sud-occidentale. Il trattato, contestato dal generale armeno Andranik Toros Ozanian, provocò la caduta del governo della Federazione Rivoluzionaria Armena (Dashnakzutyun).

Il trattato è stato firmato mentre l'esercito ottomano era attestato a 7 km da Erevan, ed a soli 10 km da Echmiadzin. Il Trattato dovette essere esaminato e confermato dagli Imperi Centrali. Quindici giorni dopo il trattato, delegati provenienti dall'Armenia furono invitati a Costantinopoli. Nel territorio ceduto la maggior parte degli 1.250.000 abitanti pre-guerra erano armeni, con più di 400.000 nel solo settore ceduto della provincia di Erevan[1].

Il generale Andranik rifiutò di accettare il Trattato di Batumi. Andranik e i suoi uomini continuarono la resistenza, arroccandosi sui monti e dichiarando un nuovo stato chiamato Repubblica dell'Armenia montanara. Nel corso del 1918, le loro attività si concentrarono presso la zona del Zanghezur-Karabakh, territorio che costituiva il legame tra l'Impero ottomano e la sua alleata Repubblica Democratica di Azerbaigian.

Firmatari[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Popolo Armeno dai tempi antichi ai tempi moderni, Richard G. Hovannisian, Palgrave Macmillan, 1997, p.301
Grande Guerra Portale Grande Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grande Guerra