Accordo petrolifero Long-Bérenger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'accordo petrolifero Long-Bérenger dell'aprile 1919 è stato un patto tra Francia e Regno Unito per delimitare gli interessi petroliferi delle due potenze in Russia e Romania e nelle colonie francesi e britanniche in Medio Oriente[1].

L'accordo prende il nome dal Ministro del petrolio britannico Sir Walter Long e dal suo omologo francese Henri Bérenger, che negoziarono l'accordo[2].

L'accordo pose le basi per un successivo accordo, concluso a San Remo nel 1920 che concedeva alla Francia il 25% della quota derivante dallo sfruttamento dei pozzi petroliferi in Iraq[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paksoy, U.S. And Bolshevik Relations, The Journal of Sophia Asian Studies, 1994, pp. 221-251.
  2. ^ Gareth,"The British Government and the Oil Companies", The Historical Journal, 1977
  3. ^ "Conference of San Remo". Encyclopædia Britannica. http://www.britannica.com/ebc/article-9065389

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Melby, Eric D. K. (1981). Oil and the International System: The Case of France, 1918-1969. Ayer Publishing. ISBN 0-405-14000-2.
  • Jones, G. Gareth (September 1977). The British Government and the Oil Companies 1912-1924: The Search for an Oil Policy. The Historical Journal 20 (3): pp. 647–672. doi:10.1017/S0018246X00011286.