Repubblica Democratica di Georgia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Georgia
Georgia – Bandiera Georgia - Stemma
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica Democratica di Georgia
Nome ufficiale საქართველოს დემოკრატიული რესპუბლიკა
Lingue ufficiali Georgiano
Lingue parlate
Inno Dideba Zetsit Kurtheuls
Capitale Tbilisi
Politica
Forma di Stato Repubblica
Forma di governo Democrazia
Presidente Noe Ramishvili, Noe Zhordania
Nascita 26 maggio 1918 con Noe Ramishvili
Causa prima guerra mondiale
Fine 25 febbraio 1921 con Noe Zhordania
Causa Invasione sovietica
Territorio e popolazione
Bacino geografico Caucaso
Massima estensione 107.600 km² nel 1918
Popolazione 2.500.000 nel 1918
Economia
Valuta manet georgiano
Religione e società
Religioni preminenti Chiesa apostolica autocefala ortodossa georgiana
Evoluzione storica
Preceduto da Repubblica Federale Democratica Transcaucasica
Succeduto da RSS Georgiana

La Repubblica Democratica di Georgia (in georgiano: საქართველოს დემოკრატიული რესპუბლიკა, Sakartvelos Demokratiuli Respublika) fu uno stato repubblicano esistito tra il 1918 e il 1921 nella regione caucasica.

Confinava a nord con Repubblica Popolare del Kuban e Repubblica delle Montagne del Caucaso Settentrionale, a sud-est con la Repubblica Democratica di Azerbaigian, a sud con la Repubblica Democratica di Armenia e l'Impero Ottomano, a ovest si affacciava sul Mar Nero. Aveva una superficie di circa 107.600 km² (per paragone, l'attuale Georgia ha una superficie di 69.700 km²) e una popolazione di 2,5 milioni di abitanti. La capitale era Tblisi e la lingua nazionale il georgiano.

Proclamata il 26 maggio 1918 a seguito della frammentazione della Federazione Transcaucasica, era guidata dal partito social-democratico menscevico, ed inizialmente era sotto il controllo delle truppe tedesche del barone Friedrich Freiherr Kress von Kressenstein. Dopo lo sgombero di esse e di quelle ottomane dall'Armenia, per occupare i territori lasciati liberi scoppiò la guerra georgiano-armena. Una rivolta filo-russa e bolscevica portò al conflitto di Soči. Già indebolita da queste lotte intestine, non sopravvisse all'invasione dell'Armata Rossa della RSSF Russa e cessò d'esistere il 25 febbraio 1921 quando fu costituita la RSS Georgiana.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]