Stazione ferroviaria Chhatrapati Shivaji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox stazione ferroviaria}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Stazione ferroviaria Chhatrapati Shivaji
(EN) Chhatrapati Shivaji Terminus
Chhatrapati Shivaji Terminus (Victoria Terminus).jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2004
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La stazione ferroviaria Chhatrapati Shivaji (in marathi: छत्रपती शिवाजी टर्मिनस, in inglese: Chhatrapati Shivaji Terminus), originariamente chiamata Victoria Terminus e conosciuta anche con le sigle CST o VT, è uno storico edificio della città di Bombay, in India. Essa è una delle stazioni ferroviarie più trafficate dell'intera nazione, punto d'accesso principale alla rete suburbana di Bombay ma capolinea anche di treni a lunga percorrenza. Nel 2004 la stazione di Chhatrapati Shivaji è stata inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

La struttura[modifica | modifica wikitesto]

Un'immagine dell'interno della stazione di Chhatrapati Shivaji

L'edificio, costruito nel 1888, è stato progettato in stile cosiddetto neogotico-vittoriano, con una fusione di elementi veneziani ed indiani. Moltissimi elementi decorativi dell'interno della stazione sono il frutto del lavoro degli studenti della locale scuola d'arte, fra i quali: legni intagliati, tegole, ringhiere in ferro battuto e ottone, le griglie per le biglietterie e le balaustre della grande scalinata. Per l'epoca in cui venne costruita la stazione venne inoltre dotata di tutti gli accorgimenti tecnologici e strutturali più moderni nel campo dell'ingegneria ferroviaria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione venne progettata dall'architetto Frederick William Stevens fra il 1887 e il 1888. Dopo aver ottenuto l'incarico di costruire la stazione grazie ad uno schizzo del disegnatore Axel Herman, Stevens andò per un periodo di 10 mesi in Europa per studiare approfonditamente le stazioni ferroviarie che si trovavano in quel continente. Come risultato si può notare una certa somiglianza fra la stazione di Chhatrapati Shivaji e quella di St Pancras a Londra.

Dopo dieci anni di lavori il progetto venne ultimato nel 1897 e intitolato in onore della regina Vittoria, allora regnante. Nel 1996, in risposta alle richieste del partito nazionalista Shiv Sena ed in accordo con la recente politica di rinominare i luoghi indiani con toponimi indiani, alla stazione venne cambiato nome in quello di Chhatrapati Shivaji, in onore di un sovrano marathi del XVII secolo. Poiché però il nome di Victoria Terminus, o VT, è stato in uso per circa un secolo, esso è ancora ampiamente diffuso fra la popolazione della città di Bombay.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]