Tegola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il dolce omonimo, vedi Tegola dolce.
Tipici filari di coppi a Ragusa di Dalmazia

La tegola (dal latino tegere, coprire) è un manufatto realizzato in materiali resistenti ma allo stesso tempo leggeri, come il laterizio (il più diffuso per quanto attiene questo tipo di elemento), l'ardesia (o altre rocce), il legno, il cemento o il metallo. Le tegole sono utilizzate solitamente come manto di copertura per le coperture a tetto (o falda inclinata) e costituiscono i cosiddetti "sistemi di copertura discontinui" cioè a piccoli elementi per distinguerli dalle "coperture continue" a grandi lastre.

Lo scopo principale delle tegole è quello di proteggere l'edificio dalla pioggia, impedendo che questa si infiltri, danneggiando la struttura e pregiudicando l'abitabilità.

Tegole usate nell'Antica Grecia
Deposito di coppi

Tipologie[modifica | modifica sorgente]

Esistono diversi tipi di tegole, evolutesi nel corso dei secoli, che variano a seconda delle località e dei materiali utilizzati:

  • il coppo, di laterizio a stampo curvo, è il tipo di tegola più diffuso in Italia;
  • l'embrice (o tegola romana), di laterizio, di forma piana con bordi rialzati, utilizzata insieme ai coppi per le coperture tradizionali, soprattutto dell'Italia centrale.
  • la tegola marsigliese, di laterizio, piana con dei solchi longitudinali, per favorire lo scorrimento delle precipitazioni, e dentelli laterali per la sovrapposizione reciproca;
  • la tegola portoghese: di laterizio, ha una onda e una parte piana, su cui si poggia e va ad agganciarsi l'onda della tegola di fianco. La parte ad onda va a restringersi verso l'alto e può avere dei rilievi per agganciarsi alla tegola a monte.
  • la tegola canadese;
  • le lastre di ardesia o di altre pietre (losa o beola);
  • le scandole di legno.
  • le chiancarelle in pietra

Note bibliografiche[modifica | modifica sorgente]

  • M.Kornmann and CTTB, "Clay bricks and roof tiles, manufacturing and properties", LaSim, Paris, (2007) ISBN 2-9517765-6-X

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]