Shere Khan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shere Khan
Shere Khan nell'illustrazione iniziale del racconto Tigre! - Tigre!
Shere Khan nell'illustrazione iniziale del racconto Tigre! - Tigre!
Universo Il libro della giungla
Nome orig. Shere Khan
Lingua orig. Inglese
Autore Rudyard Kipling
1ª app. 1893
1ª app. in I fratelli di Mowgli (Mowgli's Brothers)
Specie Tigre
Sesso Maschio
Luogo di nascita Giungla Indiana
Abilità
  • Forza Estrema
  • Grande Agilità
  • Velocità Elevata
« Di tutti gli animali della giungla Shere Khan la tigre era il più feroce. Lui e Mowgli erano vecchi nemici, perché era stato Shere Khan a uccidere il padre di Mowgli. E la tigre aspettava con ansia il giorno in cui avrebbe potuto uccidere anche il cucciolo di uomo »

Shere Khan (pron. Sceacan[1]) è uno dei personaggi principali de Il libro della giungla e Il secondo libro della giungla di Rudyard Kipling. È una tigre del Bengala, antagonista di Mowgli e del Popolo Libero di Seeonee.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Shere Khan è il grande antagonista di Mowgli nei racconti di Kipling. È una tigre malvagia che vorrebbe avere il branco ai suoi piedi, anche se non rispetta le sue leggi. Sebbene sia nato con una gamba inferma e chiamato "Lungri" (zoppo) dalla sua stessa madre, Shere Khan è arrogante e rivendica il titolo di signore indiscusso della giungla (anche storpio, è pur sempre una tigre).

Sua spalla destra è Tabaqui, lo sciacallo. Shere Khan non ha un territorio di caccia e aspira a diventare padrone assoluto dell'intera giungla, così ogni territorio diventerà parte del regno della tigre e con la violenza potrà imporre la sua legge a tutti i costi. In effetti, nessun animale, compreso il branco di lupi, osa opporsi a Shere Khan, anche se zoppo: gli unici a non temerlo sono Hathi e i suoi figli. La tigre odia profondamente l'uomo, che gli dà la caccia, e viene detto che lo attacca due o tre volte all'anno.

Nel romanzo di Kipling, Shere Khan è zoppo: questo è dovuto probabilmente alla credenza che solo tigri ferite, menomate o indebolite attacchino gli uomini. In realtà si conoscono casi di tigri mangiatrici di uomini anche giovani e vitali.

Viene intimidito da Mowgli con il fiore rosso (il fuoco) e viene ucciso con l'aiuto di Rama. Shere Khan perseguita Mowgli per tutta la vita ed è forte e feroce.

L'antenato[modifica | modifica wikitesto]

La storia dell'antenato di Shere Khan è raccontata nel Secondo Libro della Giungla.

Secondo quanto racconta Hathi, un tempo la giungla era un paradiso terrestre dove tutti gli animali vivevano in armonia senza sbranarsi. La Prima Tigre, antenato di Shere Khan e di tutte le tigri, era anch'esso buono e pacifico e non aveva la pelliccia striata. Quando gli animali incominciarono a litigare tra loro, Tha, padre degli elefanti e signore della giungla, incaricò la Prima Tigre di fare da giudice ai loro litigi. Ma, quando arrivò il turno di due cervi, uno di loro la colpì con le corna e, per risposta, la tigre gli tirò una zampata; ma era troppo forte e gli spezzò il collo. Reso folle dal dolore per quello che aveva fatto involontariamente, fuggì. La morte era giunta nella giungla e gli animali peggiorarono, anche perché il nuovo giudice era la Scimmia, stupida portatrice di vergogna. Poiché Tha aveva ordinato agli alberi di segnare l'assassino del cervo, quando la tigre passò tra loro, questi formarono le strisce sulla sua pelliccia. Di lì a poco, l'Uomo fece la sua comparsa e insultò la tigre alludendo al suo manto ora striato. La Tigre chiese aiuto a Tha. Questi disse che per una notte all'anno l'Uomo lo avrebbe temuto, raccomandandogli di avere pietà. Ma quella notte, l'Uomo rivolse nuovamente i suoi insulti alla Prima Tigre e così fu sbranato. Da quel triste giorno, uomini e tigri sono rivali.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Shere Khan in persiano significa "re tigre" e secondo quanto scritto da Kipling dovrebbe pronunciarsi "Skere Khan"; ciononostante negli adattamenti cinematografici e televisivi il suo nome è sempre stato pronunciato come è scritto.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Shere Khan è stato antagonista di molti cartoni animati di Mondo Tv, non solo l'adattamento televisivo del Libro della Giungla, ma anche altre serie come Simba è nato un re.

Versione Disney[modifica | modifica wikitesto]

Shere Khan nel film Disney Il libro della giungla del 1967.

La versione di Walt Disney di Shere Khan nel film Il libro della giungla è completamente diversa da quella originale. Non è zoppo, ma al contrario è estremamente potente, vigoroso e reso sofisticato. È il predatore più temuto della giungla ed è istintivamente nemico dell'uomo. Non ha al suo servizio iene e scimmie, e non aspira a diventare padrone della giungla essendo già il più temibile e rispettato tra i predatori. Egli teme che Mowgli cresciuto diventi un cacciatore e lo uccida. Perciò Shere Khan cerca di attaccare Mowgli, ma viene fermato dopo che il bambino gli lega un ramo infuocato alla coda, facendolo così scappare lontano.

Ricompare nel sequel Il libro della giungla 2 dove tenta nuovamente di uccidere Mowgli senza riuscirvi. Nel film non viene specificato se ha ucciso i genitori di Mowgli e viene detto che odia l'uomo solo per paura dei fucili e del suo fuoco.

Appare anche in Cuccioli della giungla da cucciolo, nel quale ha un rapporto di amore/odio con Bagheera, Baloo e gli altri personaggi e nel quale sfoggia un carattere da bulletto; non è cattivo ma solo arrogante e sicuro di sé, fermamente convinto di essere il più grande e il più forte di tutti già da giovane. Più volte salva la vita agli altri, anche se ogni volta dice di averlo fatto solo per dimostrare di essere il migliore. Nell'episodio "Il coraggio di Shere Khan", salva i suoi amici da dei babbuini carnivori e nell'episodio dove vengono apparentemente attaccati da dei lupi, Shere Khan si fa avanti e afferma "se torci anche solo un pelo ai miei amici, dovrai risponderne a me". Nell'episodio "Benny e Clay", salva la vita ai cugini di Luigi anche se questi gli avevano dato fastidio per tutto il giorno. Insomma, Shere Khan ama fare il duro ma dimostra di avere a cuore gli altri. Ha anche una nonna, molto anziana, della quale si prende cura affettuosamente. In questa serie, è soprannominato "Kenny".

È inoltre uno dei personaggi ricorrenti della serie TaleSpin, in versione antropomorfa: vestito sempre in modo elegante e con abito firmato, e dai modi controllati, impassibili e raffinati, Shere Khan è un ricchissimo magnate, proprietario della più grande azienda del pianeta (le Industrie Khan). In questa versione, Shere Khan non svolge né un ruolo positivo, né da antagonista, piuttosto si limita a perseguire l'obbiettivo di accumulare sempre più denaro, servendosi dei pirati o di Baloo e la sua banda a seconda di come gli conviene. La sua posizione resta pertanto neutrale, e all'occorrenza è capace di dimostrare una discreta dose di generosità (ovviamente qualora lo ritiene necessario). È assistito fedelmente da un segretario (una tigre somigliante per design a quella del cartone animato di Pippo "Caccia alla tigre"), ed è solito arredare il proprio ufficio con un gran numero di fameliche piante carnivore, che tiene a bada nutrendole con insetti. Da segnalare, in questa sua versione, anche un piccolo cameo in Darkwing Duck e Bonkers (in entrambe le serie appare in una foto segnaletica).

Fa parte del franchise dei Cattivi Disney[2].

Di seguito sono riportati i doppiatori di Shere Khan (versione Disney):

Film[modifica | modifica wikitesto]

Esistono altre versioni Disneyiane di Shere Khan, protagoniste di film dal vivo e non di cartoni animati.

Nel film Mowgli e il libro della giungla uscito in Direct-to-video, Shere Khan è ancora l'antagonista, stavolta ancora più forte e feroce, al punto che i lupi scappano davanti a lui e nemmeno gli elefanti possono fermarlo (minaccia di divorargli con conseguente spavento di entrambi, inoltre non rispetta l'ordine di Hathi sfacciatamente), tantomeno Baloo e Bagheraa che lui avvilisce continuamente. Come nel romanzo, ha al suo servizio Tabaqui (qui una iena non uno sciacallo), oltre a tre lupi disertori e un gruppo di scimpanzé (che però divorerà quando essi falliranno nel catturare Mowgli). Attacca l'accampamento di Mowgli e causa la sua fuga nella giungla ma viene ferito da un cacciatore, fatto che scatenerà in lui un desiderio di vendetta. Uccide la madre lupa ma viene sconfitto (non ucciso, solo cacciato) con l'uso del fuoco. In italiano, è doppiato da Massimo Corvo.

In Mowgli - Il libro della giungla Shere Khan cambia completamente e diviene più simile a un anti-eroe, che a un cattivo. È il guardiano della giungla e non sopporta gli uomini perché essi saccheggiano e distruggono la foresta. Perciò attacca l'accampamento di Mowgli uccidendo molti cacciatori inglesi e causando la fuga del cucciolo d'uomo nella giungla. Alla fine del film, finalmente incontra Mowgli ma decide di non aggredirlo perché non lo vede come un uomo ma come una creatura della giungla.

Nel film del 1942 Il libro della giungla di Zoltan Korda, Shere Khan è uno dei due nemici di Mowgli (l'altro è il cacciatore Buldeo). In questa versione la tigre è responsabile, come nel romanzo, dell'uccisione del padre di Mowgli, ma viene a sua volta uccisa dal ragazzo con un pugnale, anziché con l'aiuto di Rama e degli altri bufali che pure compaiono nel film.

Il libro della giungla[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie animata Shere Khan non è zoppo e ha al suo servizio le Bandar-log. Viene ucciso da Mowgli con l'aiuto di Akru, Sura, Rama, Baloo, kaa, Bagheera

Simba è nato un re[modifica | modifica wikitesto]

Shere Khan è il grande antagonista per eccellenza della serie animata Simba è nato un re. Nonostante la storia della serie sia collegata alla serie animata del Libro della Giungla e si svolga dopo che Mowgli ha lasciato il branco, Shere Khan è ancora vivo. Il suo obiettivo è usurpare il trono di re degli animali appartenuto al Re Leone. Dopo aver ucciso la moglie del Re Leone, riesce a uccidere il Re Leone dopo aver messo sulle sue tracce un gruppo di bracconieri. Simba, figlio del re, e legittimo erede al trono si sconterà con la tigre per tutte le puntate. I due arrivano a radunare un esercito di animali ciascuno per battersi meglio. Shere Khan viene infine ucciso da Simba, nell'ultimo scontro tra i due.

Winner e il bambino della quinta profezia[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie di Mondo Tv Winner e il bambino della quinta profezia la storia di Shere Khan si collega direttamente a quanto è accaduto in Simba è nato un re. Shere Khan, ucciso da Simba, verrà riportato in vita dalla strega Maya e ancora cercherà di uccidere Simba, il suo antico nemico, e di diventare Re. Alla fine, Shere Khan e Simba, stufi delle continue e sanguinose battaglie, decidono di risolvere il tutto con una partita di calcio. I servitori di Shere Khan contro gli alleati di Simba: incredibilmente, la squadra della tigre si batte lealmente per tutta la partita e, alla fine, Shere Khan decide di non intervenire in aiuto di Maya.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Baden-Powell, Manuale dei lupetti, ed. Fiordaliso, rist. 2005, Roma, p. 42
  2. ^ (EN) Dave Smith, Disney Archive's List of Disney Villains, Disney Enterprises. URL consultato il 14 agosto 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]