Il figlio del cimitero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il figlio del cimitero
Titolo originale The Graveyard Book
Autore Neil Gaiman
1ª ed. originale 2008
Genere romanzo
Sottogenere fantasy, per ragazzi
Lingua originale inglese
Protagonisti Nobody Owens
Antagonisti La Confraternita dei Jack del Mazzo

Il figlio del cimitero (The Graveyard Book) è un romanzo fantasy per ragazzi del 2008 scritto da Neil Gaiman, vincitore del Premio Hugo 2009. Ha avuto vari riconoscimenti tra i quali il premio Hugo.

La storia narra di un ragazzo chiamato Nobody Owens, che dopo l'assassinio della sua famiglia è adottato e cresciuto dagli abitanti di un cimitero.

Concezione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Gaiman ebbe l'idea della storia nel 1985, dopo aver visto il suo allora figlio di due anni Mike "andare in triciclo per un cimitero"[1]. Infatti la loro famiglia abitava proprio di fronte ad un cimitero, nella cittadina inglese di East Grinstead, nel West Sussex. Ricordando come sembrasse suo figlio in quel posto, Gaiman pensò che "potesse scrivere qualcosa molto simile al Libro della giungla ed ambientarlo in un cimitero"[2]. Tuttavia, quando si sedette a scrivere, Gaiman decise che non era "ancora uno scrittore abbastanza bravo" e arrivò alle stesse conclusioni negli anni successivi[3].

Ognuno degli otto capitoli è una storia breve, ambientata a distanza di due anni dalla precedente, seguendo la crescita del protagonista[3]. Molti capitoli hanno analogie con l'opera di Rudyard Kipling del 1894 (dal quale The Graveyard Book, letteralmente Il libro del cimitero, prende nome[4]).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nobody Owens, detto Bod, rimane orfano in seguito all'assassinio della sua famiglia per mano di Jack del Mazzo. Lo spirito della madre, tuttavia, lo affida a due coniugi defunti (fantasmi), che lo crescono in un cimitero insieme ad altre creature soprannaturali. Il piccolo Bod sviluppa poteri speciali e cresce insieme alla sua nuova, strana famiglia.

Il suo tutore è Silas, uno misterioso essere né morto né vivo, molto criptico e col potere di far perdere la memoria alle persone umane. La sua maestra è miss Lupescu, un licantropo russo (anche se a lei piace chiamarsi "Mastino di Dio"). La sua unica amica è una strega sotterrata sotto un terreno sconsacrato, Liza.

La sua famiglia sono gli Owens, anche se gli impediscono di passare il confine tra il cimitero e la Città Vecchia, per un motivo a Nobody sconosciuto.

Il motivo, che si svelerà in seguito, è assai strano: una confraternita, detta "La Confraternita dei Jack del Mazzo", attiva da lungo tempo, aveva interrogato, nell'epoca egizia, un indovino, che aveva loro rivelato che un bambino avrebbe varcato il confine tra vivi e morti.

La Confraternita aveva inviato, secoli dopo, il più sveglio dei suoi uomini, Jack del Mazzo, a uccidere la famiglia e il bambino. Ma Nobody gli sfugge e scoprirà essere il prescelto, riuscirà, insieme a Silas e alla signorina Lupescu, a sconfiggere la Confraternita e tornare fra i suoi simili, abbandonando a malincuore i fantasmi a lui assai cari, soprattutto il laconico Silas, suo tutore.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nobody "Bod" Owens: piccolo orfano che, durante la convivenza con le creature dell'aldilà, sviluppa capacità tipiche dei fantasmi (svanire, terrorizzare la gente, entrare nei sogni degli altri...). Il bambino, per tornare nel mondo dei vivi, dovrà affrontare l'assassino della sua famiglia.
  • Coniugi Ownens: fantasmi, genitori adottivi di Bod, certe volte scontrosi ma benevoli.
  • Silas: tutore di Bod, l'unico che può uscire dal cimitero. La cosa si rivela utile, poiché Silas è colui che fornisce il cibo a Nobody.
  • Signora Lupescu: mastino di Dio, amica degli Owens, professoressa scorbutica (ma a volte simpatica) di Nobody.
  • Jack del Mazzo: assassino della famiglia di Bod, il più abile della Confraternita.
  • Signora dal cavallo bianco: la Morte.
  • Elizabeth "Liza" Hempstock: strega giovane sepolta a nord-ovest del cimitero, su terreno sconsacrato, amica lunatica e ciarlona di Bod.
  • Scarlett: L'amica viva di Bod, costretta a trasferirsi, sebbene in seguito ritorni.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Anno Esito
Medaglia Newbery 2009 Vinto[5]
Premio Hugo per il miglior romanzo 2009 Vinto[6]
premio Locus per il miglior romanzo per ragazzi 2009 Vinto[7]
Carnegie Medal in letteratura 2010 Vinto[8]
British Fantasy Award for Best Novel 2009 Candidatura[9]
World Fantasy Award for Best Novel 2009 Candidatura[10]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Neil Gaiman Interview: The Graveyard Book". Scottish Book Trust. Reperito il 23 febbraio 2009.
  2. ^ Motoko, Rich (26 gennaio 2009). The Graveyard Book' Wins Newbery Medal". The New York Times. Reperito il 23 febbraio 2009.
  3. ^ a b Kerr, Euan (18 ottobre 2008). "Neil Gaiman's Ghostly Baby-Sitters Club". NPR. Reperito l'8 giugno 2011.
  4. ^ Grossman, Lev (26 luglio 2007). "Geek God". Time Magazine. Reperito il 23 febbraio 2009.
  5. ^ 2009 ALSC Award Winners, American Library Association. URL consultato il 22 febbraio 2009.
  6. ^ 2009 Hugo Award Winners, World Science Fiction Society. URL consultato il 17 agosto 2009.
  7. ^ Cory Doctorow, 2009 Locus Award winners, Boing Boing, 28 giugno 2009. URL consultato il 14 maggio 2011.
  8. ^ Alison Flood, Neil Gaiman wins Carnegie Medal, The Guardian, 24 giugno 2010. URL consultato il 24 aprile 2011.
  9. ^ British Fantasy Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 4 novembre 2011.
  10. ^ World Fantasy Award Winners & Nominees in Worlds Without End. URL consultato il 4 novembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]