Rutina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rutina
formula di struttura
Nome IUPAC
2-(3,4-diidrossifenil)-

4,5-diidrossi-3-[3,4,5- triidrossi-6-[(3,4,5- triidossi-6-metil- ossan-2-il)ossimetil] ossan-2-il]ossi-cromen-7-one

Nomi alternativi
rutoside
vitamina P
quercetina-3-rutinoside
soforina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C27H30O16
Massa molecolare (u) 610,52
Aspetto solido cristallino giallo
Numero CAS [153-18-4]
PubChem 5280805
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua 125 g/l a 293,15 K
Temperatura di fusione 195 °C (468,15 K) con decomposizione
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302
Consigli P ---[1]

La rutina, comunemente nota anche come rutoside, è un glicoside flavonoico presente in piante quali quelle del genere Citrus, nel grano saraceno, nel vino rosso, nella menta piperita, nell'eucalipto, in foglie e petali del genere Rheum e in altre fonti vegetali. Il glicoside è formato dal flavonolo quercetina (aglicone) legato al disaccaride rutinosio. Pur non essendo un composto essenziale per l'uomo, alcuni la definiscono anche vitamina P. È un composto solido che cristallizza con una o tre molecole di acqua.

Nelle piante, la rutina è in grado di combinarsi con i cationi permettendo alle cellule di ricevere i nutrienti dal terreno. Negli esseri umani è in grado di legarsi al ferro bivalente, evitando che esso si leghi al perossido di idrogeno creando così radicali liberi altamente reattivi che possono danneggiare le cellule. Svolge quindi funzione di antiossidante e ha un ruolo importante nell'inibire la formazione di alcuni tipi di tumore.

La rutina e i suoi derivati glicosidici hanno anche la proprietà di rafforzare la parete dei capillari, riducendo sintomi di sanguinamento come quelli legati a ematomi o emorroidi. Viene anche utilizzata per fornire sollievo dai sintomi dovuti alla circolazione linfoematica degli arti inferiori, contrastando l'edema. La rutina può ridurre gli effetti legati all'ossidazione del colesterolo LDL e diminuire il rischio di malattia cardiaca. Possiede anche attività antistaminica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 22.12.2011 riferita alla rutina monoidrato