Quercetina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quercetina
formula di struttura
Nome IUPAC
3,3',4',5,7-pentaidrossiflavone
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C15H10O7 · 2H2O
Massa molecolare (u) 338,27 g/mol
Aspetto solido giallo
Numero CAS [6151-25-3]
PubChem 5280343
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua (20 °C) quasi insolubile
Temperatura di fusione 305 °C (578 K) (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta

pericolo

Frasi H 301
Consigli P 301+310 [1]

La quercetina è un flavonoide.

La quercetina, appartenente al gruppo dei flavonoli (e più precisamente è un tetraossiflavonolo), è la componente agliconica di vari glicosidi, tra cui la rutina e la quercitrina.
Si tratta di uno dei flavonoidi più comuni in quanto è isolabile da numerose specie vegetali tra cui: ippocastano, calendula, biancospino, camomilla, iperico e gingko biloba.

Alimenti particolarmente ricchi di quercetina sono:

È considerato un inibitore naturale di vari enzimi intracellulari:

  • alcune tirosin-chinasi (TK), incluso il recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR);
  • alcune proteine chinasi calcio-fosfolipide dipendente (PKCs);
  • la 5-lipossigenasi (che produce i leucotrieni, mediatori dell'infiammazione dell'asma);
  • la fosfolipasi A2, che degrada i lipidi di membrana generando acido arachidonico, che viene poi trasformato in prostaglandine, coinvolte nell'infiammazione;
  • l'ornitina decarbossilasi (ODC) che produce le poliammine, notoriamente coinvolte nella proliferazione cellulare;
  • le chinasi dei fosfoinositidi PI3K e PI4P-5K, coinvolte nelle risposte proliferative innescate dalle via mitogeniche della traduzione del segnale.

Per tali proprietà è stata estensivamente studiata in campo oncologico sperimentale, nella delucidazione dei meccanismi di proliferazione cellulare e della cancerogenesi.

La quercetina è inoltre un antiossidante naturale. Tra le sue funzioni più importanti vi sono:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 07.03.2011

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ranelletti FO et al.: Quercetin inhibits p21-RAS expression in human colon cancer cell lines and in primary colorectal tumors. Int J Cancer. 2000 Feb 1; 85(3): 438-45.
  • Mutoh M et al.: Suppression of cyclooxygenase-2 promoter-dependent transcriptional activity in colon cancer cells by chemopreventive agents with a resorcin-type structure. Carcinogenesis. 2000 May; 21(5): 959-63.
  • Lamson DW, Brignall MS.: Antioxidants and cancer, part 3: quercetin. Altern Med Rev. 2000 Jun; 5(3): 196-208. Review.
  • Caltagirone S et al: Flavonoids apigenin and quercetin inhibit melanoma growth and metastatic potential. Int J Cancer. 2000 Aug 15; 87(4): 595-600.
  • Wang HK.: The therapeutic potential of flavonoids. Expert Opin Investig Drugs. 2000 Sep; 9(9): 2103-19. Review.
  • Siess MH et al.: Mechanisms involved in the chemoprevention of flavonoids. Biofactors. 2000; 12(1-4): 193-199.
  • Schmitt CA, Dirsch VM.: Modulation of endothelial nitric oxide by plant-derived products. Nitric Oxide. 2009 Sep; 21(2): 77-91. Review.
  • Ossola B, Kääriäinen TM, Männistö PT.: The multiple faces of quercetin in neuroprotection. Expert Opin Drug Saf. 2009 Jul; 8(4): 397-409. Review.
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia