Ematoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ematoma
Codici di classificazione
ICD-10 (EN) T14.0

Per ematoma si intende una raccolta di sangue fuoriuscito dal sistema circolatorio e localizzata in un tessuto o in una cavità dell'organismo.

Eziopatogenesi[modifica | modifica sorgente]

In genere il sangue si presenta coagulato in tutto o in parte in relazione alle modalità e del tempo intercorso dalla emorragia. Tra le cause principali:

  • traumi la cui forza vulnerante agisca su una struttura vascolare (ematomi da sezione diretta di un vaso)o sul tessuto o sull'organo che la contiene (lacerazione indiretta dei vasi come nell'ematoma muscolare, epatico o splenico, nell'ematoma cerebrale).
  • rottura patologica di alcuni vasi già alterati da eventi morbosi (infezione, tumori, aneurismi).
  • disordini della coagulazione ematica (piastrinopenia, emofilia)
  • terapie con anticoagulanti
  • interventi chirurgici (ematoma delle ferite chirurgiche)

L'ematoma può interessare ogni struttura corporea e la sua gravità è legata più che alla grandezza alla sede in cui si sviluppa:

  • Un piccolo ematoma della regione sottoungueale si limiterà a dare una sintomatologia dolorosa.
  • Un ematoma epatico comporterà una sintomatologia imponente e richiederà un intervento complesso

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

L'ematoma può andare incontro a risoluzione spontanea. Ciò accade quando, non essendo ulteriormente alimentata, la raccolta ematica coagula e viene riassorbita, anche se lentamente.

Al contrario se l'emorragia persiste, come nel caso di coinvolgimento di vasi arteriosi o comunque di un certo diametro e quindi poco predisposti ad una emostasi spontanea, allora l'ematoma può progressivamente aumentare di volume. Le conseguenze possono essere la compressione dei tessuti contigui o la loro lacerazione (rottura di un ematoma sottocapsulare splenico o epatico con inondazione della cavità peritoneale).

Una complicazione temibile è rappresentata dall'infezione e ascessualizzazione dell'ematoma. Talvolta nella sua risoluzione l'ematoma evolve in una fibrosi dei tessuti che è particolarmente noiosa se a livello muscolare o sottocutaneo per la presenza spesso di calcificazioni patologiche nel contesto del tessuto.

Terapia[modifica | modifica sorgente]

La terapia dipende dall'entità dell'ematoma, dalla sede e dalla struttura interessata.

  • Così in alcuni casi l'ematoma va semplicemente monitorato nel senso che va tenuto sotto controllo con esami ecografici o radiografici (TAC) ripetuti nel tempo.
  • In altre circostanze è indispensabile un intervento chirurgico immediato, o differito che permette di accertare e dominare la fonte del sanguinamento, di asportare l'ematoma, di verificare l'entità dei danni subiti, di correggerli.
  • In alcuni casi è sufficiente un semplice svuotamento dell'ematoma (se è il caso sotto guida ecografica) che va effettuato in ambiente e modalità rigorosamente asettiche, in particolare quando si opera su strutture o organi interni. Nei casi di evoluzione in fibrosi del tessuto colpito dall'ematoma, specie a livello muscolare e sottocutaneo, possono formarsi delle calcificazioni che determinano dolore ed indurimento dei tessuti. In questi casi si rende necessario un trattamento incruento con terapia con onde d'urto che in poche sedute risolve generalmente il problema.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina