Roberto Ravaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Ravaglia
Roberto Ravaglia 2008 Japan.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Turismo - Endurance
 

Roberto Ravaglia (Venezia, 26 maggio 1957) è un ex pilota automobilistico italiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inizia la carriera di pilota con i kart, ma le sue scarse disponibilità economiche non gli permettono di passare alle formule minori. Tuttavia nel 1980, mentre Ravaglia studia ingegneria meccanica a Padova, il settimanale Autosprint, ricevuta in regalo dalla FIAT una vettura di Formula Fiat Abarth, indice una selezione tra giovani piloti per assegnare la vettura e garantire la partecipazione al campionato, la scelta finale del caporedattore Marco Magri, che era anche pilota di vetture Turismo, cade proprio su Ravaglia[1]. Ravaglia finisce il campionato in quarta posizione ottenendo diversi giri più veloci in gara, questo gli vale la chiamata di Pino Trivellato per disputare il Campionato italiano di Formula 3 dell'anno seguente, in cui otterrà la sua prima vittoria automobilistica [1].
Non avendo grande disponibilità economica per continuare a correre con le "ruote scoperte" decide nel 1984 di accettare l'offerta della BMW[1] per correre nei Campionati Turismo e nelle gare di durata. Con la BMW correrà praticamente per tutta la vita agonistica vincendo 1 campionato mondiale (1987), 2 europei (1986, 1988), 3 italiani (1990, 1991, 1993), 1 tedesco (1989), 2 volte la 24 Ore del Nürburgring (1989, 1995) e 3 quella di Spa (1985, 1988, 1994).

Attualmente è proprietario di una concessionaria BMW e gestisce il Team Italy-Spain con cui ha vinto 1 Campionato europeo superturismo nel 2001 (con Peter Kox) e 1 italiano nel 2005 (con Alex Zanardi) entrambi con BMW.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

1985
1986
  • Campionato Europeo Turismo (ETCC) - BMW 635 CSI
1987
1988
  • Campionato Europeo Turismo (WTCC) - BMW M3
  • 24 Ore di Spa (con Heger e Quester) - BMW M3
1989
1990
1991
  • Monza (gara 1 e 2) - BMW M3
  • Enna-Pergusa (gara 1 e 2) - BMW M3
  • Vallelunga (gara 1 e 2) - BMW M3
  • Misano (gara 1 e 2) - BMW M3
  • Mugello (gara 2) - BMW M3
  • Varano (gara 2) - BMW M3
  • Campionato Italiano Superturismo - BMW M3
1992
  • Monza (gara 1)
  • Varano (gara 2)
1993
  • Monza (gara 1) - BMW 318i
  • Vallelunga (gara 1 e 2) - BMW 318i
  • Enna-Pergusa (gara 1 e 2) - BMW 318i
  • Campionato Italiano Superturismo - BMW 318i
1994
  • Mugello (gara 1)
  • 24 Ore di Spa (con Tassin e Burgstaller) - BMW 318is
1995
  • 24 Ore del Nurburgring - BMW 320i

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Premio Città di Mestre: 1987

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Autosprint story - Monoposto in regalo e AS scopre pure i talenti in Autosprint, 02 agosto 2011, p. 66.