Campionato italiano superturismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato italiano superturismo
Categoria automobilismo
Nazione Italia
Prima edizione 1987
Ultima edizione 2008

Il Campionato italiano superturismo è composto da una serie di gare automobilistiche che assegnano alla fine della stagione il titolo di campione Italiano della categoria; il campionato ha vissuto due cicli di vita, uno dal 1987 al 1999 con vetture in specifiche prima S1-S2 e poi D2, l'altro -l'attuale- è partito dal 2003.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo periodo (Il primo campione fu Gianfranco Brancatelli), la lotta per il titolo fu principalmente ad appannaggio dei team ufficiali BMW ed Alfa Romeo, con una parentesi Audi dal 1994 al 1996 (grazie alla trazione integrale e agli agli esperti Emanuele Pirro e Rinaldo Capello). Il campionato, caratterizzato da gare molto combattute, ebbe notevole successo di pubblico anche grazie alla copertura televisiva assicurata prima dalla Rai e dal 1994 da TMC, dove a commentare fu Giovanni Di Pillo e la regia curata da Mauro Valentinuzzi.

Collegate al SuperTurismo erano le gare del Campionato Italiano Velocità Turismo gruppi A/N e in qualche caso gare di Targa Tricolore Porsche, Superformula e Trofeo Lamborghini. Nel 1998 ci fu l'inizio della fine, dopo una travagliata vicenda collegata all'attribuzione tramite pubblico appalto della promozione della serie.

Dopo lungo tirare che portò anche all'annullamento di un paio di gare si impose la Sponsor Service -appoggiata dalla Conti Editore proprietaria del settimanale Autosprint- che fece annullare l'appalto a favore della Salerno Corse, promoter della serie SuperTurismo nel decennio precedente e artefice del suo successo.

La Sponsor Service fece rapidamente decadere il prestigio del campionato lasciandolo senza copertura TV e senza promozione adeguata. Nel 2000 il campionato Superturismo, in preda al marasma più completo, fu soppresso e le scuderie che ne facevano parte passarono nellEuro STC, serie continentale a gestione italiana, primo passo verso la creazione dellETCC - antesignano dell'attuale WTCC - , che si ispirò molto al campionato italiano.

Le vetture Super 2000 che compongono il roster del WTCC furono poi importate anche in Italia per ricreare una serie nazionale SuperTurismo. Nel 2005 campione è stato Alex Zanardi e si sono impegnate anche squadre ufficiali (Alfa, BMW e Seat) ma i livelli di partecipazione sono stati molto bassi.

Alla fine del 2006 il Campionato è stato soppresso. Le vetture che lo componevano hanno creato una nuova serie, l'ITCC, organizzata dal Gruppo Peroni di Roma. Ma neanche questa serie ha avuto il successo sperato tanto che nel 2008 è stata accorpata nei ranghi del campionato turismo Driver's Trophy. A vincere l'ultima edizione ITCC è stato Massimo Arduini su Honda Accord della GPS-MC Motortecnica di Novate Milanese.

Albo[modifica | modifica wikitesto]

Campionato Anno Guidatore Auto
Italian Touring Car Competition 2008 Italia Massimo Arduini Honda Accord
2007 Italia Cesare Cremonesi BMW 320i
Campionato italiano Superturismo 2006 Italia Roberto Colciago SEAT León
2005 Italia Alessandro Zanardi BMW 320i
Campionato Italiano Superproduzione 2004 Italia Adriano De Micheli Alfa Romeo 147
2003 Italia Salvatore Tavano Alfa Romeo 147
2002 Italia Massimo Pigoli BMW 320i
European Supertouring Cup 2001 Italia Fabrizio Giovanardi Alfa Romeo 156 Autodelta
2000 Italia Fabrizio Giovanardi Alfa Romeo 156 Autodelta
Campionato italiano Superturismo 1999 Italia Fabrizio Giovanardi Alfa Romeo 156 Autodelta
1998 Italia Fabrizio Giovanardi Alfa Romeo 156 Autodelta
1997 Italia Emanuele Naspetti BMW 320i
1996 Italia Rinaldo Capello Audi A4 Quattro
1995 Italia Emanuele Pirro Audi A4 Quattro
1994 Italia Emanuele Pirro Audi 80 Quattro
1993 Italia Roberto Ravaglia BMW 318i
1992 Italia Nicola Larini Alfa Romeo 155 GTA
1991 Italia Roberto Ravaglia BMW M3
1990 Italia Roberto Ravaglia BMW M3
1989 Venezuela Johnny Cecotto BMW M3
1988 Italia Gianfranco Brancatelli Alfa Romeo 75 Turbo
1987 Italia Michele Di Gioia BMW M3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo