Qualifiche della Polizia di Stato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le qualifiche della Polizia di Stato sono le qualifiche professionali e funzionali della Polizia di Stato italiana.

Quelle attuali sono state istituite nel 1995, per una lista delle qualifiche usate prima si veda la voce Qualifiche della Polizia di Stato (prima del 1995).

Premesso che ciò che nelle forze armate italiane è il grado militare, nelle forze di polizia italiane è chiamata "qualifica" e ciò che nelle forze armate è definita "qualifica" nelle forze di polizia è chiamata "denominazione"[1], segue la rappresentazione schematica per importanza gerarchica:

Funzionari dirigenti
Dirigente generale ps.png
dirigente generale di pubblica sicurezza
Dirigente superiore ps.png
dirigente superiore (questore)
Primo dirigente ps.png
primo dirigente
Funzionari commissari
Vice questore aggiunto ps.png
vice questore aggiunto
Commissario capo ps.png
commissario capo
Commissario ruolo direttivo ordinario ps.png
commissario
ruolo ordinario[2]
Commissario ruolo direttivo speciale ps.png
commissario
ruolo direttivo speciale[3]
Vice commissario ps.png
vice commissario
ruolo direttivo speciale[4]
ruolo ispettori
Ispettore superiore sostituto commissario ps.png
ispettore superiore sostituto commissario
Ispettore superiore ps.png
ispettore superiore s.u.p.s.
Ispettore capo ps.png
ispettore capo
Ispettore ps.png
ispettore
Vice ispettore ps.png
vice ispettore
ruolo sovrintendenti
Sovrintendente capo ps.png
sovrintendente capo
Sovrintendente ps.png
sovrintendente
Vice sovrintendente ps.png
vice sovrintendente
ruolo assistenti ed agenti
Assistente capo ps.png
assistente capo
Assistente ps.png
assistente
Agente scelto ps.png
agente scelto
Agente ps.png
agente

Qualifiche non più utilizzate[modifica | modifica sorgente]

Prima del decreto legislativo n. 197 del 1995 la qualifica oggi conosciuta come "ispettore superiore" veniva chiamata "ispettore capo" e quella conosciuta come "ispettore capo" veniva chiamata "ispettore principale".

Inoltre, il ruolo dei sovrintendenti anziché essere composto da tre qualifiche era composto da quattro: la qualifica più alta era quelle di "Sovrintendente capo" che era costituita da quattro binari; al di sotto della quale stava la qualifica di "Sovrintendente principale" costituita da tre binari; dopo la riforma, il ruolo dei "Sovrintendenti" venne svuotato da una qualifica, e quindi la qualifica di sovrintendente principale venne soppressa, e rimase quella di sovrintendente capo, che adottò come insegna di qualifica, i tre binari.

Sempre prima della riforma del 1995 gli assistenti capo potevano avere la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria. Il distintivo aveva sotto i "baffi", una targhetta dallo sfondo blu, con la scritta U.P.G, e incorniciata in colore ottone. La qualifica è stata soppressa completamente con il decreto del 1995, quindi il personale appartenente a questa categoria venne fatto transitare nel ruolo dei sovrintendenti.

Per quanto attiene alla carriera dirigenziale, prima dell'abrogazione disposta nel 2007 esisteva la qualifica di Dirigente Generale di Pubblica Sicurezza di livello B.

Equiparazione[modifica | modifica sorgente]

La tabella seguente riporta l'equiparazione tra i gradi delle forze armate e le qualifiche delle forze di polizia ad ordinamento militare, civile, soccorso pubblico e difesa civile come stabilito dall'art. 632 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66[5], ovvero "Codice dell'ordinamento militare", entrato in vigore il 9 ottobre 2010.

 

Comparazione gerarchica tra i gradi delle Forze armate e le qualifiche delle Forze di polizia italiane

 

Ruoli

Esercito

Marina

Aeronautica

Carabinieri

Guardia di Finanza

Polizia di Stato

Polizia penitenziaria

Corpo forestale dello Stato

Corpo nazionale dei vigili del fuoco

Ruoli

ufficiali generali

 

generale - ammiraglio

 

(capo di stato maggiore della difesa)

-

-

 

prefetto

 

capo della polizia - direttore generale della pubblica sicurezza

-

-

-

dirigenti

generale di corpo d'armata

con incarichi speciali

 

capo di stato maggiore dell'esercito

ammiraglio di squadra con incarichi speciali

 

capo di stato maggiore della marina

generale di squadra aerea con incarichi speciali

 

capo di stato maggiore dell'aeronautica

 

generale di corpo d'armata
comandante generale

 

generale di corpo d'armata
comandante generale

-

-

-

generale di corpo d'armata

/

tenente generale

ammiraglio di squadra

/

ammiraglio ispettore capo

generale di squadra aerea

/

generale ispettore capo

generale di corpo d'armata

generale di corpo d'armata

prefetto

-

dirigente generale

 

capo del corpo

dirigente generale

 

capo del corpo

generale di divisione

/

maggior generale

ammiraglio di divisione

/

ammiraglio ispettore

generale di divisione aerea

/

generale ispettore

generale di divisione

generale di divisione

dirigente generale

-

dirigente generale

dirigente generale

generale di brigata

/

brigadier generale

contrammiraglio

generale di brigata aerea

/

brigadier generale

generale di brigata

generale di brigata

dirigente superiore

dirigente superiore

dirigente superiore

dirigente superiore

ufficiali superiori

colonnello

capitano di vascello

colonnello

colonnello

colonnello

primo dirigente

primo dirigente

primo dirigente

primo dirigente

tenente colonnello

capitano di fregata

tenente colonnello

tenente colonnello

tenente colonnello

vice questore aggiunto

commissario coordinatore penitenziario

vice questore aggiunto forestale

direttore
vice dirigente
dei
vigili del fuoco

commissari

 -

direttivo

-

direttivo dei

dei funzionari

maggiore

capitano di corvetta

maggiore

maggiore

maggiore

ufficiali inferiori
e
subalterni *

primo capitano

primo tenente di vascello

primo capitano

primo capitano

primo capitano

-

-

-

-

capitano

tenente di vascello

capitano

capitano

capitano

commissario capo

commissario capo penitenziario

commissario capo forestale

direttore dei vigili del fuoco

tenente *

sottotenente di vascello *

tenente *

tenente *

tenente *

commissario

commissario penitenziario

commissario forestale

vice direttore dei vigili del fuoco

sottotenente *

guardiamarina

sottotenente *

sottotenente *

sottotenente *

vice commissario

vice commissario penitenziario

vice commissario forestale

-

marescialli primo maresciallo luogotenente primo maresciallo luogotenente primo maresciallo luogotenente maresciallo aiutante s.ups luogotenente maresciallo aiutante luogotenente ispettore superiore s.ups
sostituto commissario
ispettore superiore sostituto commissario ispettore superiore scelto sostituto direttore antincendi capo ispettori
primo maresciallo primo maresciallo primo maresciallo maresciallo aiutante s.ups maresciallo aiutante ispettore superiore s.ups ispettore superiore ispettore superiore sostituto direttore antincendi
maresciallo capo capo di 1ª classe maresciallo di 1ª classe maresciallo capo maresciallo capo ispettore capo ispettore capo ispettore capo ispettore antincendi esperto
maresciallo ordinario capo di 2ª classe maresciallo di 2ª classe maresciallo ordinario maresciallo ordinario ispettore ispettore ispettore ispettore antincendi
maresciallo capo di 3ª classe maresciallo di 3ª classe maresciallo maresciallo vice ispettore vice ispettore vice ispettore vice ispettore antincendi
sergenti sergente maggiore capo 2º capo scelto sergente maggiore capo brigadiere capo brigadiere capo sovrintendente capo sovrintendente capo sovrintendente capo capo reparto esperto sovrintendenti
capo reparto
sergente maggiore 2º capo sergente maggiore brigadiere brigadiere sovrintendente sovrintendente sovrintendente capo squadra esperto
sergente sergente sergente vice brigadiere vice brigadiere vice sovrintendente vice sovrintendente vice sovrintendente capo squadra


graduati

caporale maggiore capo scelto sottocapo di 1ª classe scelto primo aviere capo scelto appuntato scelto appuntato scelto assistente capo assistente capo assistente capo vigile coordinatore

appuntati e carabinieri

-

appuntati e finanzieri

-

assistenti ed agenti

caporale maggiore capo sottocapo di 1ª classe primo aviere capo appuntato appuntato assistente assistente assistente vigile esperto
caporale maggiore scelto sottocapo di 2ª classe primo aviere scelto carabiniere scelto finanziere scelto agente scelto agente scelto agente scelto vigile qualificato
primo caporale maggiore sottocapo di 3ª classe aviere capo carabiniere finanziere agente agente agente vigile del fuoco

militari
di
truppa
prefissata

(VFP1 e VFP4)

 

*solo VFB

caporale maggiore sottocapo primo aviere - - - - - -
caporale scelto* - - - - - - - -
caporale comune di 1ª classe aviere scelto - - - - - -

soldato

comune di 2ª classe

aviere

allievo carabiniere

allievo finanziere

allievo agente

allievo agente

allievo agente

allievo vigile
del fuoco



Funzionari[modifica | modifica sorgente]

La categoria dei funzionari di polizia corrisponde a quella degli ufficiali per le forze armate.

Ruolo dirigenti[modifica | modifica sorgente]

Ruolo commissari[modifica | modifica sorgente]

Vice questore aggiunto[modifica | modifica sorgente]

Distintivo di qualifica di vice questore aggiunto della Polizia di Stato.

Vice questore aggiunto (direttore tecnico capo per il ruolo dei direttori tecnici o medico capo per il ruolo dei direttivi medici) è la qualifica apicale del ruolo dei funzionari direttivi della Polizia di Stato. Le qualifiche di tale ruolo sono: vice commissario e commissario (limitatamente al periodo di frequentazione del corso di formazione presso la Scuola superiore di polizia rispettivamente per gli appartenenti al ruolo direttivo speciale e a quello ordinario), commissario capo e, appunto, vice questore aggiunto. Da tale qualifica si può accedere per concorso interno, o per scrutinio dell'Amministrazione della polizia, alla prima qualifica del ruolo dei dirigenti e cioè primo dirigente.

Ruolo ordinario[modifica | modifica sorgente]

La promozione a vice questore aggiunto si consegue, a ruolo aperto, mediante scrutinio per merito comparativo al quale è ammesso il personale con la qualifica di commissario capo che abbia compiuto cinque anni e sei mesi di effettivo servizio nella stessa.[6]

Ruolo direttivo speciale[modifica | modifica sorgente]

La promozione a vice questore aggiunto del ruolo direttivo speciale si consegue, a ruolo aperto, mediante scrutinio per merito comparativo, al quale è ammesso il personale con la qualifica di commissario capo del ruolo direttivo speciale che abbia compiuto cinque anni e sei mesi di effettivo servizio nella qualifica.[7] il ruolo del direttivo speciale, pur previsto dalla legge, non è mai entrato in uso. IL ruolo direttivo speciale è stato abrogato con la legge finanziaria negli anni successivi. Pertanto la Polizia di Stato ha una sola carriera unitaria di Funzionari (suddvisa attualmente in Dirigenti e Direttivi) cui si accede previo concorso pubblico per titoli ed esami (80% dei posti)ai candidati in possesso della Laurea Magistrale o sopecialistica in materie giuridico-economiche ed età massima di 32 anni (oltre ad altri requisiti). Al concorso sono altresì ammessi a partecipare, con riserva di un quinto dei posti (20%) disponibili e purché in possesso dei prescritti requisiti, ad eccezione del limite d'eta' stabilito con il regolamento adottato ai sensi dall'articolo 3, comma 6, della legge 15 maggio 1997, n. 127, gli appartenenti al ruolo degli agenti e assistenti e al ruolo dei sovrintendenti con almeno tre anni di anzianita' alla data del bando che indice il concorso, gli appartenenti al ruolo degli ispettori e gli appartenenti al ruolo direttivo speciale (mai attivato quest'ultimo). I posti riservati non coperti sono conferiti secondo la graduatoria del concorso.

Ruolo dei direttori tecnici[8][modifica | modifica sorgente]

La promozione a direttore tecnico capo si consegue, a ruolo aperto, mediante scrutinio per merito comparativo al quale è ammesso il personale con la qualifica di direttore tecnico principale che abbia compiuto sei anni e sei mesi di servizio effettivo nella qualifica.[9]

Ruolo dei direttivi medici[modifica | modifica sorgente]

La promozione a medico capo si consegue, a ruolo aperto, mediante scrutinio per merito comparativo al quale è ammesso il personale con la qualifica di medico principale che abbia compiuto sei anni e sei mesi di effettivo servizio nella qualifica.[10]

Commissario capo[modifica | modifica sorgente]

Distintivo di qualifica di commissario capo della Polizia di Stato.

La qualifica di commissario capo per il ruolo ordinario e per quella del ruolo direttivo speciale (ovvero categoria quest'ultima riservata agli ispettori superiori vincitori di concorso interno alla Polizia), assume il nome di direttore tecnico principale per gli appartenenti al ruolo dei direttori tecnici e di medico principale per quelli del ruolo dei direttivi medici.

Ruolo ordinario[modifica | modifica sorgente]

Assumono la qualifica di commissario capo secondo l'ordine della graduatoria di fine corso, i commissari che hanno superato l'esame finale presso la Scuola superiore di polizia e che, anche in relazione agli esiti del tirocinio operativo, sono stati dichiarati idonei al servizio dal direttore della scuola, sentito il comitato direttivo.[11]

Ruolo direttivo speciale[modifica | modifica sorgente]

La promozione a commissario capo del ruolo direttivo speciale si consegue, nel limite dei posti disponibili, mediante scrutinio per merito comparativo, al quale è ammesso il personale con la qualifica di commissario del ruolo direttivo speciale che abbia compiuto sei anni di effettivo servizio nella qualifica.[12]

Ruolo dei direttori tecnici[13][modifica | modifica sorgente]

Al termine del corso presso la Scuola superiore di polizia, i direttori tecnici che hanno ottenuto il giudizio di idoneità e superato l'esame finale prestano giuramento e sono confermati nel ruolo con la qualifica di direttore tecnico principale secondo l'ordine della graduatoria di fine corso.[14]

Ruolo dei direttivi medici[modifica | modifica sorgente]

Al termine del corso i medici che hanno ottenuto il giudizio di idoneità e superato l'esame finale, prestano giuramento e sono confermati nel ruolo professionale dei direttivi medici, con la qualifica di medico principale, secondo la graduatoria di fine corso.[15]

Commissario[modifica | modifica sorgente]

Distintivo di qualifica di commissario del ruolo direttivo ordinario della Polizia di Stato.
Distintivo di qualifica di commissario del ruolo direttivo speciale della Polizia di Stato.

La qualifica di commissario per il ruolo ordinario e per quella del ruolo direttivo speciale (ovvero categoria quest'ultima riservata agli ispettori superiori vincitori di concorso interno alla Polizia), assume il nome di direttore tecnico per gli appartenenti al ruolo dei direttori tecnici e di medico per quelli del ruolo dei direttivi medici.

Ruolo ordinario[modifica | modifica sorgente]

La qualifica di commissario del ruolo ordinario della Polizia di Stato, è ricoperta esclusivamente dai soli frequentatori del corso di formazione presso la Scuola superiore di polizia, ovvero, dalla fine del 1º anno, detto 1º ciclo, previa superamento del giudizio di idoneità, fino alla fine del 2º anno, o 2º ciclo, ovvero all'esame finale del corso di formazione.

I commissari che abbiano superato l'esame finale e che, anche in relazione agli esiti del tirocinio operativo, siano stati dichiarati idonei al servizio di Polizia, sono confermati nel ruolo dei commissari con qualifica di commissario capo, secondo l´ordine della graduatoria di fine corso.

Ruolo direttivo speciale[modifica | modifica sorgente]

La qualifica di commissario del ruolo direttivo speciale è ricoperta esclusivamente dai vincitori del concorso interno per commissari riservato agli appartenenti del ruolo degli ispettori superiori i quali accedono alla Scuola superiore di polizia con la qualifica di vice commissario e permangono nella stessa per tutti i diciotto mesi di durata del corso di formazione.

Il corso, articolato in due cicli di nove mesi ciascuno e comprensivi di un tirocinio operativo presso strutture della Polizia di Stato, prevede, al termine del primo ciclo, il giudizio di idoneità del direttore della Scuola superiore di polizia per l'ammissione al secondo ciclo, al termine del quale, i frequentatori, sosterranno l'esame finale sulle materie oggetto di studio.

I vice commissari del ruolo direttivo speciale che abbiano superato l'esame finale sono confermati nel ruolo secondo l'ordine della graduatoria di fine corso e promossi alla qualifica di commissario indossando quindi la controspallina con tre stellette.

Ruolo dei direttori tecnici[modifica | modifica sorgente]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Polizia scientifica e Unità di analisi del crimine violento.

La qualifica di direttore tecnico[16] è ricoperta esclusivamente dai soli frequentatori del corso di formazione di dodici mesi presso un istituto superiore di polizia alla quale si accede mediante concorso pubblico per titoli ed esami, o mediante concorso interno alla stessa Polizia.

Al termine del corso i direttori tecnici che abbiano ottenuto il giudizio di idoneità e superato l'esame finale sono confermati nel ruolo con la qualifica di direttore tecnico principale secondo l'ordine della graduatoria di fine corso.

L'assegnazione in servizio è effettuata, in relazione alla scelta manifestata dagli interessati e secondo l'ordine della graduatoria di fine corso, nelle sedi indicate dall'Amministrazione.[17]

Ruolo dei direttivi medici[modifica | modifica sorgente]

La qualifica di medico è ricoperta esclusivamente dai frequentatori del corso di formazione iniziale teorico-pratico di dodici mesi presso un istituto superiore di polizia al quale si accede mediante concorso pubblico per titoli ed esami.

Al concorso possono partecipare i cittadini italiani senza alcun limite di età purché il candidato sia in possesso di laurea specialistica in medicina e chirurgia (classe 46/S), o del diploma di laurea in medicina e chirurgia rilasciato secondo il vecchio ordinamento, conseguita presso un'Università della Repubblica Italiana o presso un Istituto di istruzione universitaria equiparato, nonché il possesso dell'abilitazione all'esercizio della professione di medico-chirurgo e dell'iscrizione al relativo albo.

Al termine del corso i medici che abbiano ottenuto il giudizio di idoneità e superato l'esame finale sono confermati nel ruolo con la qualifica di medico principale secondo l'ordine della graduatoria di fine corso.

L'assegnazione in servizio è effettuata, in relazione alla scelta manifestata dagli interessati e secondo l'ordine della graduatoria di fine corso, nelle sedi indicate dall'Amministrazione.[18]

Vice commissario[modifica | modifica sorgente]

Distintivo di qualifica di vice commissario della Polizia di Stato.
Solo per ruolo direttivo speciale[modifica | modifica sorgente]

Nella Polizia di Stato, la qualifica di vice commissario, abolita per il ruolo ordinario, è rimasta per quella del ruolo direttivo speciale, ovvero la categoria riservata agli ispettori superiori vincitori di concorso interno alla Polizia. La funzione di vice commissario si ricopre durante il corso di formazione della durata di diciotto mesi presso la Scuola superiore di polizia.

Il corso, articolato in due cicli di nove mesi ciascuno e comprensivi di un tirocinio operativo presso strutture della Polizia di Stato, prevede, al termine del primo ciclo, il giudizio di idoneità del direttore della Scuola superiore di polizia per l'ammissione al secondo ciclo, al termine del quale, i frequentatori, sosterranno l'esame finale sulle materie oggetto di studio.

I vice commissari del ruolo direttivo speciale che abbiano superato l'esame finale sono confermati nel ruolo secondo l'ordine della graduatoria di fine corso e promossi alla qualifica di commissario indossando quindi la controspallina con tre stellette.

A fine 2010 non erano ancora mai stati banditi concorsi per la qualifica di vice commissario del ruolo direttivo speciale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si veda ad esempio per "sostituto commissario" il d.P.R. 24 aprile 1982 , n. 335; e per i "luogotenenti" l'art. 1324 "Attribuzione della qualifica di luogotenente ai marescialli aiutanti dell'Arma dei carabinieri" del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 ovvero "codice dell'ordinamento militare" entrato in vigore il 9 ottobre 2010
  2. ^ La controspallina della qualifica di commissario del ruolo ordinario della Polizia di Stato, è indossata esclusivamente dai soli frequentatori del corso di formazione presso la Scuola superiore di polizia, ovvero, dall'inizio del 1º anno, detto 1º ciclo, previa superamento del giudizio di idoneità, fino alla fine del 2º anno, o 2º ciclo, ovvero all'esame finale del corso di formazione. I commissari che abbiano superato l'esame finale e che, anche in relazione agli esiti del tirocinio operativo, siano stati dichiarati idonei al servizio di Polizia, sono confermati nel ruolo dei commissari con qualifica di commissario capo, secondo l´ordine della graduatoria di fine corso.
  3. ^ Questa controspallina della qualifica di commissario del ruolo direttivo speciale della Polizia di Stato, è indossata esclusivamente dai vincitori del concorso interno per commissari riservato agli appartenenti del ruolo di ispettori superiori. Cfr. decreto legislativo 5 ottobre 2000, n.334.
  4. ^ La qualifica di vice commissario abolita per il ruolo ordinario, è rimasta per quella del ruolo direttivo speciale riservato agli ispettori superiori, qualifica che si ricopre durante il corso di formazione.
  5. ^ Decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66. Art. 632 a p. 92 del documento pdf.
  6. ^ Cfr. l'art. 17 co. 3, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  7. ^ Cfr. l'art. 20 co. 1, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  8. ^ Il ruolo dei direttori tecnici è suddiviso in:
    ruolo degli ingegneri
    ruolo dei fisici
    ruolo dei chimici
    ruolo dei biologi
    ruolo degli psicologi
  9. ^ Cfr. l'art. 33, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  10. ^ Cfr. l'art. 48, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  11. ^ Cfr. art. 4 co. 4, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  12. ^ Cfr. art. 19, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  13. ^ Il ruolo dei direttori tecnici è suddiviso in:
    ruolo degli ingegneri
    ruolo dei fisici
    ruolo dei chimici
    ruolo dei biologi
    ruolo degli psicologi
  14. ^ Cfr. art. 32 co4, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  15. ^ Cfr. art. 47 co. 4, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334.
  16. ^ Il ruolo dei direttori tecnici è suddiviso in:
    ruolo degli ingegneri
    ruolo dei fisici
    ruolo dei chimici
    ruolo dei biologi
    ruolo degli psicologi
  17. ^ Cfr. art. 32 del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334: "Riordino dei ruoli del personale direttivo e dirigente della Polizia di Stato, a norma dell'articolo 5, comma 1, della legge 31 marzo 2000, n. 78."
  18. ^ Cfr. art. 46 del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334: "Riordino dei ruoli del personale direttivo e dirigente della Polizia di Stato, a norma dell'articolo 5, comma 1, della legge 31 marzo 2000, n. 78."

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Riferimenti normativi[modifica | modifica sorgente]

Testi[modifica | modifica sorgente]

  • Giorgio Cantelli, Luigi Memma, Polizia a cavallo. Storia, ordinamenti, uniformi. Ponchiroli editori, Bagnolo San Vito, 2009. ISBN 978-88-902347-8-1
  • Antonio Laurito, La storia e le uniformi della Polizia italiana. Promozioni editoriali police, Roma, 2008.
  • Annibale Paloscia e Maurizio Salticchioli: I capi della polizia. La storia della sicurezza pubblica attraverso le strategie del Viminale. Laurus Robuffo, Roma, 2003.
  • Giuseppe Quilichini, Storia fotografica della polizia 1848-1962. Una storia di uomini. 2 voll. Italia Editrice New, Foggia, 2005. ISBN 978-88-95038-01-8

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]