Pilatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'azienda aeronautica svizzera, vedi Pilatus Aircraft.
Pilatus
Pilatus (mountain).JPG
Il monte Pilatus
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Lucerna Lucerna
Nidvaldo Nidvaldo
Obvaldo Obvaldo
Altezza 2.132 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°58′48.7″N 8°15′14.38″E / 46.980194°N 8.253994°E46.980194; 8.253994Coordinate: 46°58′48.7″N 8°15′14.38″E / 46.980194°N 8.253994°E46.980194; 8.253994
Data prima ascensione 1518
Autore/i prima ascensione Joachim Vadiano
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Pilatus
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Prealpi Svizzere
Sottosezione Prealpi di Lucerna e di Untervaldo
Supergruppo Prealpi di Lucerna
Gruppo Massiccio del Pilatus
Codice I/B-14.III-A.3

Il Pilatus è un massiccio montagnoso delle Prealpi Svizzere nei pressi di Lucerna. È la massima elevazione delle Prealpi di Lucerna. Il massiccio interessa i cantoni di Lucerna, Nidvaldo e Obvaldo.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La sua vetta più elevata, il Pilatus Kulm raggiunge i 2.132 m s.l.m. Generalmente questa vetta viene indicata con il nome di Pilatus e segna il confine tra i cantoni Nidvaldo e Obvaldo.

Il monte Pilatus visto da Lucerna.

Costituisce un'attrazione turistica per la città di Lucerna. La città è collegata alla vetta del monte con la ferrovia a cremagliera più ardita al mondo, (la Pilatusbahn), con una pendenza massima del 48%, che parte da Alpnach ed è in funzione da maggio a novembre (in assenza di neve). La vetta è raggiungibile anche per mezzo di funivia aerea che parte da Kriens.
Dalla vetta si gode di un panorama eccezionale sulla regione del Lago dei Quattro Cantoni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La montagna si chiamava un tempo Frakmünt. Ha preso l'attuale nome perché una leggenda narra che il corpo e l'anima di Ponzio Pilato riposano in un lago nei pressi della vetta. Tale leggenda ha reso la montagna maledetta per diversi secoli e le ha dato il nome del governatore della Giudea.

La prima documentazione storica di ascesa sulla montagna risale a Joachim Vadiano, umanista svizzero che vi salì nel 1518.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]