Pilatusbahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrovia del Pilatus
Pilatus1.jpg
Nome originale Pilatusbahn
Inizio Alpnachstad
Fine Pilatuskulm
Stati attraversati Svizzera Svizzera
Lunghezza 4,27 km
Apertura 1889
Gestore Pilatusbahn
Scartamento ridotto 800 mm
Elettrificazione 1550 V =, (dal 1937)
Ferrovie

La Pilatusbahn (Ferrovia del Pilatus, acronimo PB) è una società ferroviaria privata svizzera. Gestisce l'omonima linea ferroviaria elettrica a cremagliera a scartamento ridotto di 800 mm che collega Alpnachstad nel canton Obvaldo al culmine del Pilatus, posto a 2123 m nella Svizzera centrale, dove sono stati costruiti due grandi alberghi per i visitatori i quali possono fare escursoni a piedi in ampi sentieri protetti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La ferrovia del Pilatus venne costruita alla fine del XIX secolo ed inaugurata nel 1889 con trazione a vapore ed impiego di un rotabile a vapore automotore a caldaia verticale. Il particolare sistema a cremagliera venne studiato e realizzato dall'ingegnere Eduard Locher che previde un sistema di ruote dentate e di dentiera a terra orizzontali. L'esercizio venne trasformato a trazione elettrica dal 15 maggio 1937.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il particolare sistema a cremagliera orizzontale

È la ferrovia a cremagliera più ripida al mondo, raggiungendo infatti una pendenza del 480 per mille, utilizzando un particolare tipo di cremagliera nel quale due ruote dentate orizzontali assicurano l'aderenza, portate dalla rotaia centrale. Un sistema di controdischi inoltre assicura il contatto con le gole interne delle due rotaie di corsa permettendo un elevatissimo standard di sicurezza, altrimenti impossibile se non con un impianto a fune. Gli attuali rotabili a trazione elettrica, a corrente continua a 1550 volt, sono di costruzione svizzera Oerlikon/SLM Winterthur.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]