Phoenix canariensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Palma delle Canarie
Phoenix canariensis.jpg
Phoenix canariensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Arecales
Famiglia Arecaceae
Genere Phoenix
Specie P. canariensis
Nomenclatura binomiale
Phoenix canariensis
Chabaud

La Phoenix canariensis Chabaud, comunemente nota come palma delle Canarie, è una palma di taglia grande, nativa ed endemica delle isole Canarie, al largo della costa Atlantica dell'Africa settentrionale. L'aspetto è simile alla vera palma da datteri, la Phoenix dactylifera, rispetto alla quale è considerata più ornamentale.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Palma solitaria, con tronco robusto di 10-20(-40) m d'altezza e 70-90 cm di diametro.foglie pennate, color verde cupo, di 4-5(-6) m, con 80-100 segmenti su ciascun lato del rachide. Infiorescenze portate da peduncoli che possono superare 1 m di lunghezza. Il frutto è una drupa ovale, lunga circa 2 cm e di diametro 1 cm, di colore dal giallo-arancione alla maturazione, contenente un grosso seme singolo; la polpa è commestibile ma sottile e meno appetibile di quella dei frutti della Phoenix dactylifera.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È endemica delle isole Canarie, dove vive principalmente ad altitudini comprese fra i 200 e i 500 m s.l.m. È presente su tutte le isole dove viene impiegata per produrre il miele di palma, forma i più grandi palmeti a La Gomera, Tenerife, e Gran Canaria.

È molto popolare, come pianta ornamentale, nella gran parte delle regioni mediterranee e subtropicali del mondo, laddove le temperature non scendano al disotto dei -10/-12 °C. In Europa è coltivata su tutte le coste del Mar Mediterraneo, ma anche su quelle atlantiche, di Spagna, Portogallo, Francia, Inghilterra sudoccidentale. Vive anche in qualche zona dell'Europa centrale, in posizione molto riparata. Vi è abbondante presenza di questa specie di palme nelle regioni a clima miti d'Italia e le palme canarie sono diventate in vari casi simboli cittadini

L'albero ha una crescita piuttosto lenta e si propaga solo per seme. La palma delle Canarie è utilizzata per alberature stradali, nei parchi e nei giardini domestici di dimensioni adeguate.

Avversità[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei più temibili parassiti di questa pianta è il Rhynchophorus ferrugineus, noto come punteruolo rosso delle palme. Si tratta di un coleottero curculionide originario dell'Asia, propagatosi in Medio Oriente negli anni ottanta e successivamente a tutto il bacino del Mar Mediterraneo, rivelatosi resistente a tutti i mezzi di controllo convenzionali. Altri parassiti degni di nota sono Diocalandra frumentii e Fusarium oxysporum canariensis. Alle Isole Canarie, l'ibridazione con altre specie del genere Phoenix, e specialmente con Phoenix dactylifera, è considerata una minaccia per la conservazione della specie.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]