Paralisi periodica ipocaliemica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Paralisi periodica ipocaliemica
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 359.3
ICD-10 (EN) G72.3

La paralisi periodica ipocaliamica è un disturbo che prevede la presenza di occasionali episodi di debolezza muscolare. Fa parte di un gruppo di malattie genetiche che include paralisi periodica tireotossica e paralisi periodica ipercaliemica. Si osservano due forme distinte di coinvolgimento muscolare nella paralisi periodica ipocaliemica, episodi di paralisi e miopatia fissa, possono verificarsi separatamente o insieme. La pura forma paralitica episodica si verifica più comunemente, la combinazione di episodi di paralisi e di una miopatia lentamente progressiva è meno comune, la forma pura miopatiche senza episodi di paralisi è rara:

Episodi di paralisi: Il sintomo principale è costituito da attacchi di paralisi flaccida reversibile con un concomitante ipocaliemia che generalmente porta a paraparesi o tetraparesi, ma risparmia i muscoli respiratori.

Forma miopatica: I risultati del modulo in miopatiche lentamente progressiva, debolezza muscolare fisso che inizia come intolleranza all'esercizio prevalentemente agli arti inferiori, di solito non porta a una grave invalidità. Questa debolezza fissa deve essere distinta dalla debolezza reversibile che esiste tra gli attacchi in alcuni individui affetti.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

La paralisi periodica ipocaliemica è dovuta a mutazioni genetiche. Nella maggior parte dei casi, si tramanda attraverso le famiglie come una malattia autosomica dominante. Di tanto in tanto, si verifica in modo casuale nelle famiglie. Si ritiene che il disturbo è legato a problemi con il modo in cui il corpo controlla i livelli di sodio e potassio nelle cellule. A differenza di altre forme di paralisi periodica, una persona con paralisi congenita ipocaliemica ha livelli ematici molto bassi di potassio e una funzione tiroidea normale durante gli episodi di debolezza. La condizione si verifica in circa 1 ogni 100.000 persone, e colpisce più spesso gli uomini che le donne. La prevalenza è leggermente più alta negli uomini asiatici che hanno anche disturbi della tiroide.

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Il disturbo coinvolge attacchi di debolezza muscolare o la perdita di movimento muscolare (paralisi), con sintomi che vanno e vengono. Tra gli attacchi la forza muscolare è normale. Gli attacchi di solito iniziano nell'infanzia o nell'adolescenza, con delle grandi differenze individuali nella frequenza: alcune persone hanno attacchi più volte al giorno, altre solo una volta al mese o all'anno. Gli attacchi durano solo 1 a 2 ore, ma a volte possono durare anche un giorno. Questi non sono di solito abbastanza gravi da rendere necessaria una terapia. La debolezza o paralisi:

  • Più comunemente si verifica in corrispondenza delle spalle e fianchi
  • Può coinvolgere anche i muscoli degli occhi e quelli che consentono di respirare e deglutire
  • Più comunemente si verifica durante il riposo dopo l'attività
  • Molti episodi si manifestano al risveglio
  • Di solito dura 3 - 12 ore

Poi ci sono molte situazioni che aumentano il rischio di sviluppare un attacco. I trigger possono includere:

  • Carboidrati: Il miglior modo per scatenare un attacco di paralisi periodica ipocaliemica è mangiare una grande quantità di carboidrati. La circostanza più comune è un piatto di pasta, che tipicamente contiene una grande quantità di carboidrati semplici che sono disaggregati a livello di zuccheri e rilasciati rapidamente nel sangue. Altri fattori scatenanti più comuni sono lo zucchero e le bevande contenenti grandi quantità di caramelle. Una volta nel sangue, gli zuccheri inducono il rilascio di insulina, che induce le cellule a prendere gli zuccheri e anche potassio nel sangue. L'abbassamento del potassio provoca la paralisi periodica ipocaliemica.
  • Sale: un altro fattore scatenante episodi di paralisi periodica ipokaliemica è il consumo di cloruro di sodio. L'effetto sale è molto meno conosciuto rispetto al trigger carboidrati, e molti articoli sulla paralisi periodica ipocaliemica non menzionano neppure il trigger.
  • L'eccitazione / paura / epinefrina: eccitazione o paura inducono la produzione di adrenalina, che rende gli episodi di paralisi più probabili in alcuni pazienti. L'adrenalina iniettata per trattare le reazioni allergiche agli alimenti, ed epinefrina-come farmaci come il salbutamolo usato in inalatori di asma possono innescare episodi di paralisi. Questo sembra essere dovuto all'effetto dell'adrenalina nel ridurre il potassio nel sangue.
  • Esercizio: Dopo un intenso esercizio fisico vi è un aumentato rischio di sintomi di paralisi periodica ipocaliemica.
  • Ambiente freddo: I muscoli esposti al freddo possono diventare deboli. Il re-riscaldamento di solito recupera la forza muscolare.
  • Anestesia: Durante l'anestesia ci sono molti cambiamenti che possono contribuire alla paralisi, compreso il raffreddamento, il livello di glucosio e di sodio, oltre che determinati anestetici appunto, come la succinilcolina. Non è chiaro perché le persone con paralisi periodica ipokaliemica presentano un rischio aumentato di sviluppare ipertermia maligna.
  • Alcool: Non è chiaro perché l'alcol genera talvolta paralisi periodica. Potrebbe essere legato ad uno squilibrio elettrolitico, disidratazione, o esercizio aumentato.

Genetica[modifica | modifica wikitesto]

Le mutazioni nei geni che possono causare paralisi periodica ipocaliemica sono:

Tipo OMIM Gene Locus
HOKPP1 Template:OMIM2 CACNA1S (un canale del calcio voltaggio dipendente Cav1.1 presente a livello del tubulo trasversale di una cellula muscolare scheletrica) 1q32
HOKPP2 Template:OMIM2 SCN4A (un canale del sodio voltaggio dipendente Nav1.4 trovato a livello della giunzione neuromusculare) 17q23.1-q25.3

I potenziali d'azione del sistema nervoso centrale provocano end-plate potenziali a livello della giunzione neuromuscolare che provoca l'ingresso di ioni sodio e depolarizzazione della cellula muscolare. Questa depolarizzazione si propaga per i tubuli T dove si attiva l'ingresso di ioni calcio dal reticolo sarcoplasmatico attraverso il recettore della rianodina RyR1. Questi eventi causano la contrazione del muscolo. La depolarizzazione induce successivamente l'apertura di canali del potassio, questa corrente in uscita permette la ripolarizzazione della cellula, nella quale il calcio viene portato nuovamente nel reticolo da una pompa del calcio ATP-dipendente. Mutazioni che alterano la struttura e la funzione normale di questi canali quindi interrompono la regolazione della contrazione muscolare, portando ad episodi di grave debolezza muscolare o paralisi. Le mutazioni sono state identificate in residui di arginina che compongono il sensore di tensione di Nav1.4. Questo sensore di tensione comprende l'alfa elica S4 di ciascuno dei quattro domini transmembrana (I-IV) della proteina, e contiene residui basici che permettono solo l'ingresso degli ioni di sodio positivi a tensioni membrana appropriati bloccando o aprendo il canale pori. In Cav1.1, le mutazioni sono stati trovati anche in domini II e IV. Queste mutazioni portano quindi a una perdita di funzione, per cui i canali non possono aprirsi normalmente. In pazienti con mutazioni in SCN4A o CACNA1S, pertanto, il canale ha una ridotta eccitabilità e segnali dal sistema nervoso centrale non sono in grado di depolarizzare il muscolo. Come risultato, il muscolo non può contrarsi efficientemente (paralisi). La condizione è ipocalemica perché una bassa concentrazione extracellulare di ioni potassio farà sì che il muscolo si ripolarizzi al potenziale di riposo più rapidamente, così anche se la conduttanza di calcio si verifica non può essere sostenuta. E diventa più difficile raggiungere la soglia di calcio in cui il muscolo può contrarsi, e anche se questo è raggiunto il muscolo è più probabile che rilassarsi. Per questo motivo, la gravità potrebbe essere ridotta se la concentrazione di ioni potassio fosse mantenuta elevata. Questa condizione è ereditata con modalità autosomica dominante (ma con un'alta percentuale di casi sporadici, legati a mutazioni contratte nel corso della vita), il che significa che una copia del gene alterato in ogni cella è sufficiente a causare la malattia.

Test[modifica | modifica wikitesto]

Il medico può sospettare paralisi periodica ipocaliemica sulla base di una storia familiare della malattia. Altri indizi per completare la diagnosi sono sintomi di debolezza muscolare che vanno e vengono. Prima di un attacco, ci può essere rigidità a livello di una gamba o pesantezza alle gambe o alle braccia. Tra gli attacchi, un esame fisico non mostra nulla di anormale. Durante un attacco invece, i riflessi muscolari sono ridotti o assenti, ed i muscoli tendono ad afflosciarsi piuttosto che a restare rigidi. I gruppi muscolari vicino al corpo, come spalle e fianchi, sono coinvolti più spesso che le braccia e le gambe.

  • Un ECG può essere anormale durante gli attacchi.
  • Un tracciato EMG è di solito normale tra gli attacchi e anormali durante gli attacchi. Durante un attacco, i risultati EMG non sono specifici; EMG mostra un numero ridotto di unità motorie. Tra gli attacchi, l'EMG può presentare anomalie miopatiche in soggetti con miopatia fissa.
  • Una biopsia muscolare può mostrare anomalie.

Le persone affette da paralisi periodica ipocaliemica sono spesso classificati come aventi una paralisi isterica: La tendenza del paziente con questo disturbo ad essere paralizzato in situazioni 'fight or fly' contribuisce ulteriormente alla tentazione di dichiarare il disordine come legato a problematiche di ordine psichiatrico.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo del trattamento è quello di alleviare i sintomi e prevenire ulteriori attacchi. Gli attacchi sono raramente gravi abbastanza da richiedere un trattamento di emergenza. Tuttavia, la debolezza può peggiorare con attacchi ripetuti, in modo di trattamento per impedire gli attacchi deve avvenire il più presto possibile. Il Potassio somministrato durante un episodio di paralisi può interrompere l'attacco, si preferisce la somministrazione orale. Sembra che l'assunzione di integratori di potassio non possa però prevenire gli attacchi. Evitare alcool e seguire una dieta povera di carboidrati può aiutare. L'Acetazolamide può aiutare a prevenire gli attacchi di debolezza. L'Acetazolamide è in grado di attivare il canale del K calcio attivato (BK) a concentrazioni submicromolari con ripolarizzazione della fibra. L'Acetazolamide è anche in grado di inibire il trasportatore monocarbossilato (MCT) e ridurre l'efflusso di lattato impedendo così la genesi di miopatia vacuolare. Questo farmaco inibisce anche la anidrasi carbonica (CA) legata alla membrana, gli enzimi, con effetti sui meccanismi extra-/intracellulari di scambio protonico.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

A volte gli attacchi scompaiono nel corso della vita per conto proprio. Tuttavia, la presenza cronica di questi episodi di paralisi può causare debolezza muscolare progressiva, presente anche tra gli attacchi. La paralisi periodica Ipocaliemica risponde bene al trattamento. Il trattamento può prevenire, e può addirittura invertire, progressiva debolezza muscolare..

Complicazioni Possibili[modifica | modifica wikitesto]

  • Disturbo da deficit dell'attenzione (ADD, ADHD)
  • Relativa insensibilità al anestetico locale lidocaina
  • Calcoli renali (un effetto collaterale dell'acetazolamide)
  • Aritmie cardiache durante gli attacchi (rari, non fatali)
  • Difficoltà a respirare, parlare, deglutire o durante gli attacchi (raro)
  • Debolezza muscolare progressiva

[1]

[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SJ Kim, Lee, YJ; Kim, JB, Reduced expression and abnormal localization of the KATP channel subunit SUR2A in patients with familial hypokalemic periodic paralysis in Biochemical and Biophysical Research Communications, vol. 391, gennaio 2010, pp. 974–8, DOI:10.1016/j.bbrc.2009.11.177, PMID 19962959.
  2. ^ JB Kim, Kim, MH, The Genotype and Clinical Phenotype of Korean Patients with Familial Hypokalemic Periodic Paralysis in J Korean Med Sci, vol. 22, dicembre 2007, pp. 946–51, DOI:10.3346/jkms.2007.22.6.946.


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina