Canale del calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il canale del calcio o specificando meglio, i vari tipi di canali del calcio sono proteine integrali di membrana che formano canali ionici, che conducono i cationi del calcio attraverso la membrana plasmatica delle cellule. Vengono classificati in base al innesco (trigger) che apre il canale per questi ioni, ad esempio sia un cambiamento del voltaggio (canali del calcio voltaggio-dipendenti) oppure dal legame di una sostanza (un ligando) al canale (canali del calcio ligando-dipendenti).

Durante il plateau del potenziale d'azione (la cosiddetta fase 2, che segue la ripolarizzazione precoce e precede la fase di ripolarizzazione finale) lo ione Ca++ penetra nella cellula per mezzo dei canali del calcio, i quali si caratterizzano per la peculiarità di attivarsi ed inattivarsi in modo decisamente più lento rispetto ai canali del Na+. Questi canali sono regolati dal voltaggio: si attivano infatti allorché nella fase d'incremento del potenziale di azione il potenziale di riposo della membrana diviene meno negativo.

Studi effettuati sulle cellule del muscolo cardiaco hanno permesso di identificare due tipi di canali del Ca++: il tipo L ed il tipo T.
Canali di tipo T (transient): la loro attivazione avviene quando il potenziale è molto negativo (intorno ad un potenziale di -70mV). Si inattivano molto più rapidamente rispetto al tipo L e la loro frequenza a livello delle cellule miocardiche è decisamente più scarsa.
Canali di tipo L (long lasting): chiamati così perché una volta attivati si richiudono con lentezza e forniscono un flusso di Ca++ che perdura nel tempo. Sono i canali del calcio maggiormente diffusi nel miocardio, la loro attivazione avviene nella fase ascendente del potenziale d'azione, quando il potenziale raggiunge approssimativamente un valore di -20mV.[1]
Da un punto di vista farmacologico i canali di tipo L sono particolarmente importanti in quanto i farmaci calcio antagonisti (ad esempio nifedipina, amlodipina, lacidipina, verapamil, diltiazem ed altri, agiscono proprio determinando un loro blocco selettivo.

Canali del calcio voltaggio-dipendenti[modifica | modifica sorgente]

Tipo Voltaggio Proteina Gene Localizzazione Funzione
Tipo L alto voltaggio Cav1.1
Cav1.2
Cav1.3
Cav1.4
CACNA1S
CACNA1C
CACNA1D
CACNA1F
Muscolo scheletrico, ossa (osteoblasti), miociti ventricolari**, dendriti dei neuroni corticali contrazione del muscolo liscio e del muscolo cardiaco.[2]
Tipo P/Tipo Q alto voltaggio Cav2.1 CACNA1A neuroni Purkinje nel cervelletto rilascio di neurotrasmettitore[2]
Tipo N alto voltaggio Cav2.2 CACNA1B cervello rilascio di neurotrasmettitore [2]
Tipo R voltaggio intermedio Cav2.3 CACNA1E cervelletto  ?[2]
Tipo T basso voltaggio Cav3.1
Cav3.2
Cav3.3
CACNA1G
CACNA1H
CACNA1I
neuroni, cellule con attività pacemaker, ossa (osteociti) Regolarità del seno[2]

Canali del calcio ligando-dipendenti[modifica | modifica sorgente]

Tipo Voltaggio Gene Localizzazione Funzione
IP3 receptor IP3 ITPR1, ITPR2, ITPR3 reticolo endoplasmatico/reticolo sarcoplasmatico Rilascio di calcio dai reticoli in resposta all'IP3 [2]
recettore della rianodine recettore della diidropiridina nei tubuli T ed aumento intracellulare di calcio (Calcium Induced Calcium Release - CICR) RYR1, RYR2, RYR3 reticolo endoplasmatico/reticolo sarcoplasmatico miociti[2]
Canali a due pori
CatSper
store-operated channels indirettamente dalla deplezione del calcio dal reticolo endoplasmatico/reticolo sarcoplasmatico[2] ORAI1, ORAI2, ORAI3 membrana plasmatica


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ P. Hess, JB. Lansman; B. Nilius; RW. Tsien, Calcium channel types in cardiac myocytes: modulation by dihydropyridines and beta-adrenergic stimulation. in J Cardiovasc Pharmacol, 8 Suppl 9, 1986, pp. S11-21. PMID 2433538.
  2. ^ a b c d e f g h Rang, H. P., Pharmacology, Edinburgh, Churchill Livingstone, 2003. ISBN 0-443-07145-4. Page 53