Pamela Paris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pamela Paris
Nazionalità Italia Italia
Genere Canzone napoletana
Periodo di attività 1970 – in attività
Strumento Voce
Etichetta Gold Music

Pamela Paris, nota anche come Pamela (Napoli, 30 giugno 1962), è una cantante e attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pamela Paris nasce a Napoli il 30 giugno 1962. Debutta a otto anni, con varie interpretazioni al Teatro Trianon (ex Splendore) alle competizioni per bambini in Campania[1].

Nel 1978, a sedici anni, incide il suo primo lp Concerto d'amore; negli anni seguiranno altri album, Mezzo secolo di canzoni fu uno di questi[2]. Nel 1980 partecipa e vince il Festival di Napoli e le nuove tendenze con il brano 'O bene mio si tu (45g Gulp, SIK 9080 'O bene mio si' tu/Pazza 'e te), l'anno successivo è stata ospite nella finale della seconda edizione del Festival di Napoli e le nuove tendenze edizione serie oro e nello stesso anno si classifica seconda con il brano Si vuò (45g Gulp, AUK 9098 Si vuo'/Tuorne ammore) [3].

Nel 1982 firma un importante contratto con la Gold Music che le permetterà di debuttare al Maschio Angioino e di tenere concerti all'estero[4]. La sua carriera artista decolla e partecipa a programmi quali: Domenica In con Pippo Baudo, Blitz e Prisma con Gianni Minà e affianca, al cinema, alcune delle più grandi star del panorama della musica, del cinema e del teatro napoletano (e non), tra cui: Mario Merola, Regina Bianchi, Tecla Scarano, Nunzia Fumo, Gloria Christian, Franco Ricci, Alberto Amato, Alberto Berri, Giacomo Rondinella, Nino Taranto, i fratelli Maggio, Claudia Cardinale, Antonio Sabàto, Agostina Belli, Mara Venier, Enzo Cannavale e altri[5].

Nel 1989 la Paris prende parte ad Aspettando Sanremo, trasmissione presentata da Claudio Lippi che rappresentava la selezione per i partecipanti al Festival di Sanremo nella sezione degli "Emergenti"[6]. In quell'occasione propone il brano Quattro facciate, che sarà pubblicato come lato B del singolo contenente Sorridimi, il pezzo che avrebbe cantato al Festival se avesse superato l'eliminatoria.

Partecipa anche alla serie TV La squadra nel ruolo di Assunta Ciccarelli[7].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1978 - Concerto d'amore (Nuova New York, PALP 3349)
  • 1981 - 'O bene mio si' tu (Gulp, KAL 1193)
  • 1982 - Avemaria (Gulp, JAL 1212)
  • 1983 - Con tanti auguri (Stanford, BL 75908)
  • 1984 - Zappatore (Sirio, LP 00214 (Compilation con brani cantati da Pamela Paris, Mario Merola, Gloria Christian, Ernesto Mahieux, Luca Nasti, Tilde De Spirito))
  • 1989 - Io e Peppino Russo (City Record, C 1139)
  • 1991 - Canzoni classiche di mezzo secolo (Phonotype, AZQ 40144)
  • 1992 - Giochi d'amore (Phonotype, AZQ 40147)

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pamela Paris Movieplayer.it - Biografia
  2. ^ Pamela Paris Movieplayer.it - Biografia
  3. ^ Pamela Paris Movieplayer.it - Biografia
  4. ^ Pamela Paris Movieplayer.it - Biografia
  5. ^ Pamela Paris Movieplayer.it - Biografia
  6. ^ Pamela Paris Movieplayer.it - Biografia
  7. ^ Pamela Paris Movieplayer.it - Biografia